user preferences

New Events

Internazionale

no event posted in the last week

Recensione: The International Anarchist Congress, Amsterdam 1907

category internazionale | storia dell'anarchismo | recensione author Monday September 03, 2012 18:59author by Dimitris Troaditis - (MACG - a titolo personale)author email ngnm55 at gmail dot com Report this post to the editors

Maurizio Antonioli (ed.), The International Anarchist Congress, Amsterdam 1907 (Black Cat Press). Questa recensione è stata pubblicata nel n°214 del giornale anarcosindacalista "Rebel Worker" di agosto-settembre che si stampa a Sydney. [English]

anarchist_congress_1907_1.jpg


The International Anarchist Congress, Amsterdam 1907


Questo libro di 280 pagine nasce sulla base di un opuscolo della italiana Federazione dei Comunisti Anarchici (FdCA), già pubblicato alcuni anni fa in inglese nella serie "Studies for a Libertarian Alternative" e tuttora disponbile online. Il libro è in gran parte opera dello storico Maurizio Antonioli, che insegna Storia Contemporanea presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Milano. E' il caso di sottolineare che Maurizio Antonioli ha pubblicato diversi studi sulla storia del movimento operaio in Italia, con particolare riguardo alle vicende ed alle lotte della Federazione dei Lavoratori Metalmeccanici e delle Camere del Lavoro di Milano e della Lombardia.

La traduzione in inglese ed il lavoro editoriale globale per il libro sono a cura di Nestor McNab, tra l'altro militante della FdCA e del collettivo editoriale di www.anarkismo.net

"The International Anarchist Congress, Amsterdam 1907" è composto da capitoli distinti sui 6 giorni di durata del congresso, sulle posizioni dei partecipanti più noti e sui punti di dialogo che si erano sviluppati sui singoli temi all'ordine del giorno del congresso. Tanti i punti in agenda e molto diversificati gli argomenti: come nel caso della partecipazione alla Conferenza antimilitarista che si teneva negli stessi giorni sempre ad Amsterdam, le relazioni sullo stato del movimento anarchico nei paesi di provenienza dei delegati (Belgio, Boemia, Olanda, Romania, USA, Austria, Germania, Russia, Serbia, Italia, Inghilterra), su anarchismo ed organizzazione (dibattito che occupò l'intera seconda giornata del congresso e parte della terza), sull'Internazionale Anarchica, su anarchismo e sindacalismo, sulla stampa anarchica, sulla Rivoluzione Russa del 1905, sul sindacalismo trade-unionista e sullo sciopero generale, su anarchismo e movimenti sindacali in Argentina, su anarchismo ed antimilitarismo, sulla pedagogia, sull'alcolismo, sulle cooperative di produzione, sull'esperanto e altri ancora. (Si noti che per la maggior parte di questi argomenti il Congresso adottò ed approvò specifiche risoluzioni).

Presenti anche nel libro, relazioni sulle attività degli anarchici ed altri documenti relativi soprattutto alla Russia ed alla Rivoluzione del 1905, che vennero sottoposti all'attenzione del Congresso.

Il Congresso si tenne dal 26 al 31 Agosto nel 1907, nella Plancius Hall di Amsterdam. Quest'anno ricorrono i 105 anni di questo evento, che aveva un solo precedente, la Conferenza Anarchica che si era tenuta a Londra nel 1881, un tentativo di ricostituire la Prima Internazionale, ma a cui fece seguito il periodo noto come "terrorismo anarchico" (propaganda col fatto), in cui il movimento anarchico si pose fuori dal faticoso lavoro di massa.

Nel periodo che va dal 1881 al 1907 avvennero diversi drammatici cambiamenti nel movimento operaio. Fu un periodo in cui gli anarchici si erano collocati interamente al di fuori della dimensione della classe operaia, sebbene alcuni compagni fossero rimasti a fianco degli operai. Quando il movimento anarchico ad un certo punto si accorse che bisognana mettere fine al suo isolamento, il risultato fu la convocazione del Congresso di Amsterdam che doveva dibattere sui temi più importanti sul tappeto: l'atteggiamento degli anarchici verso l'allora nuovo fenomeno del sindacalismo rivoluzionario e la questione dell'organizzazione anarchica.

In quella settimana, i delegati che partecipavano al Congresso si occuparono seriamente di questioni chiave per il movimento anarchico internazionale dell'epoca, come il tormentone della questione dell'organizzazione e del lavoro nel movimento sindacale, la questione dello sciopero generale come metodo di lotta e vari altri, compresa la possibilità di costituire una nuova Internazionale Anarchica.

Come già detto, erano gli anni in cui si stava aprendo quella nuova stagione in cui gli anarchici si resero conto finalmente che la propaganda col fatto non portava da nessuna parte e decisero di ritornare alle radici da cui il movimento anarchico era nato, agli anni di Bakunin e della Prima Internazionale. Per cui, fu del tutto naturale che fra tutti quegli argomenti discussi nel corso del Congresso, i più dibattuti ed i più importanti riguardassero lo sviluppo futuro del movimento anarchico e quindi la questione dell'organizzazione insieme ai nuovi movimenti operai e sindacali che stavano emergendo per confrontarli con quelli degli anarchici, nonché il rapporto tra organizzazione specifica anarchica e le organizzazioni di massa del movimento operaio. Come potevano interagire? Dovevano gli anarchici partecipare alle lotte operaie come militanti delle organizzazioni politiche?

Si noti che parteciparono a questo Congresso alcuni dei più importanti esponenti del movimento anarchico internazionale dell'epoca, come Christiaan Cornelissen, Errico Malatesta, Luigi Fabbri, Emma Goldman, Aristide Ceccarelli, Thomas Keel, Karl Walters, Nikolai Rogdaev, S. Velev, Pierre Monatte, Amedée Dunois e parecchi altri da paesi come l'Olanda, Italia, Germania, USA, Argentina, Inghilterra, Polonia, Bulgaria, Romania, Russia, Belgio, Francia e Boemia.

Nella realizzazione di questa pubblicazione e nell'introduzione della versione italiana del libro, "Dibattito sul sindacalismo: Atti del Congresso Internazionale anarchico di Amsterdam (1907)" (publicato in Italia nel 1978), lo storico del movimento operaio Maurizio Antonioli esamina il processo che portò al Congresso di Amsterdam e la sua importanza per i movimenti operai e per i movimenti anarchici del tempo. Inoltre, Antonioli fornisce i riferimenti alla varia letteratura anarchica del suo tempo concernente il Congresso, creando così il lavoro più completo su questo importante evento, ed infine cita l'intero dibattito durato sei giorni.

Oltre alla cronaca dei sei giorni della conferenza, alle risoluzioni ed agli allegati, c'è anche nel libro un breve prologo del traduttore in inglese e curatore Nestor McNab, a cui segue una pregevole introduzione sempre di Antonioli intitolata "Anarchism and Trade Unionism " con un documento molto utile dal punto di vista informativo delle note editoriali sui resoconti più rilevanti, nonché sullo spazio che il congresso ebbe sulle pagine e sulle colonne dei giornali anarchici, delle riviste e di altre pubblicazioni dell'epoca.

Oggi, a poco più di un secolo di distanza, le differenti posizioni e punti di vista degli anarchici dibattuti al congresso di Amsterdam non hanno perso nulla del loro valore per gli anarchici e per le organizzazioni anarchiche del presente nella loro capacità di lottare e di continuare ad essere punti di riferimento per tutti coloro che nel presente si trovino ad affrontare situazioni similari e problematiche altalenanti. Questo libro contiene uno dei report storici più inestimabili ed indistruttibili della nostra storia.

Infine segnaliamo che il libro è stato pubblicato dalla casa editrice Black Cat Press di Edmonton, Alberta in Canada e che chiunque lo voglia acquistare può visitare il loro sito http://www.blackcatpress.ca.

Dimitris Troaditis


Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali.

Questa recensione è stata pubblicata nel n°214 del giornale anarcosindacalista "Rebel Worker" (Sydney) di agosto-settembre.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Mourn the Dead, Fight Like Hell for the Living

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]