user preferences

New Events

Africa meridionale

no event posted in the last week

L'ANC si toglie la maschera! Lavoratori uccisi!

category africa meridionale | repressione / prigionieri | comunicato stampa author Monday September 03, 2012 16:59author by ZACF/ TAC/ IWACauthor email zacf at riseup dot net Report this post to the editors

Comunicato degli anarchici sudafricani sul massacro di 45 minatori a Marikana

La Costituzione del paese garantisce diritti politici ed uguaglianza. E' abbastanza evidente che i padroni ed i politici fanno invece esattamente quello che vogliono. Ci calpestano. Come è stato dimostrato dalle uccisioni da parte della polizia di minatori in sciopero alla miniera di Marikana della Lonmin. [English] [Français] [Ελληνικά]

530967_334034813354596_302201915_n.jpg


L'ANC si toglie la maschera! Lavoratori uccisi!

Comunicato unitario sul massacro di Marikana emesso dal Tokologo Anarchist Collective, dal Zabalaza Anarchist Communist Front e da Inkululeko Wits Anarchist Collective.


Capitalisti e politici sono i colpevoli! Basta con la brutalità della polizia.

Senza giustizia, nessuna pace. Né Zuma, né Malema, né LONMIN!

La Costituzione del paese garantisce diritti politici ed uguaglianza. E' abbastanza evidente che i padroni ed i politici invece fanno esattamente quello che vogliono. Ci calpestano. Come è stato dimostrato dalle uccisioni da parte della polizia di minatori in sciopero alla miniera di Marikana della Lonmin.

I diritti di chi?

Gente! Dobbiamo fare i conti con i fatti. Il governo dell'ANC (African National Congress, il partito di Mandela, ndt) ed i grandi capitalisti gestiscono lo show. Il sistema rende i ricchi ed i potenti ancora più ricchi e più potenti.

I lavoratori ed i poveri soffrono. Noi non abbiamo nessuna protezione. Si lavora, ma non si sopravvive. I prezzi degli alimentari aumentano. L'ESKOM (l'ENEL sudafricana, ndt) aumenta. Dobbiamo pagare? Con cosa? Ma quando lottiamo, ci sparano addosso.

ANC/Stato + Padroni/Imprese = Alleati

Lo Stato usa la forza bruta contro la maggioranza. Noi ci stiamo mobilitando per esprimere le nostre rivendicazioni. Questo è un nostro diritto. Dobbiamo lottare per vivere. Perciò noi lottiamo contro le tutte le elites: quelle che controllano il governo e quelle che controllano le imprese (come la Lonmin).

Ma la nostra voce viene messa a tacere con i proiettili.

Sebbene noi non condividiamo acriticamente tutte le azioni dei minatori di Marikana, noi siamo sempre con la classe lavoratrice e con i poveri contro lo Stato e contro i capitalisti.

ANCYL = ANC = Massacro di Marikana

L'ANC aveva promesso di cambiare il sistema. Invece, ne è divenuto parte. Ha preso il posto del National Party (NP) di cui un tempo ne denunciava l'oppressione. Il NP uccideva i lavoratori. Ma ora è l'ANC che uccide i lavoratori.

E' inutile che l'ANCYL (Lega della gioventù dell'ANC, ndt) faccia finta di condannare gli omicidi della polizia (vedi il suo comunicato del 17 agosto 2012). L'ANCYL è parte integrante del sistema di potere dell'ANC.

Malema ed altri dirigenti ANCYL espulsi vogliono usare questi fatti per essere reintegrati nell' ANC - per arricchirsi o mentire provandoci. Ma l'ANC ha le mani che grondano sangue.

I dirigenti di ieri e di oggi dell'ANCYL (al pari di tutti i dirigenti dell'ANC) vogliono più soldi e non più libertà per il popolo.

Capitalismo, no grazie!

Il capitalismo è un sistema di brutale sfruttamento e di sofferenza. La classe lavoratrice nera, coloured ed indiana soffre a causa dell'eredità dell'oppressione nazionale dell'apartheid e della quotidiana repressione ad opera del capitalismo e della polizia. (Ma anche la classe lavoratrice bianca viene sfruttata ed oppressa).

Collettivizzare, non nazionalizzare

L'ANCYL usa gli omicidi dell' ANC per tornare a battere il tamburo della "nazionalizzazione delle miniere e degli altri settori strategici dell'economia." Ma i fatti di Marikana mettono a nudo la vera natura dello Stato e del governo, indipentemente dal partito al potere: una macchina omicida assetata di sangue al servizio della classe dominante tanto dei neri ricchi quanto dei bianchi ricchi.

Il vero controllo dei lavoratori sull'economia non significa darne il controllo alle imprese (privatizzazioni) o alle aziende di Stato (nazionalizzazione). Significa invece il reale controllo popolare democratico sull'economia tramite i consigli operai e di quartiere, al servizio dei bisogni popolari.

La polizia non si può cambiare

Il ruolo della polizia è quello di reprimere e far tacere la classe lavoratrice ed i poveri. Questo problema non può essere risolto con commissioni d'inchiesta - come qualcuno pensa. Chiedetelo alla famiglia di Andries Tatane (attivista ucciso dalla polizia durante una manifestazione a Ficksburg, ndt). E non si può risolvere nemmeno con le elezioni. Ricordiamoci di Sharpeville 1960 (69 manifestanti uccisi dalla polizia, ndt), Soweto 1976 (700 manifestanti uccisi e 4.000 feriti dalla polizia, ndt), Uitenhague 1985 (20 manifestanti uccisi dalla polizia, ndt), Michael Makhabane (ucciso dalla polizia a Durban, ndt) nel 2000, dei lavoratori iscritti al sindacato SAMWU (South African Municipal Workers Union, ndt) nel 2009 (la polizia sparò contro gli scioperanti, ndt), di Andries Tatane nel 2011 - Marikana 2012. Almeno 25 manifestanti e scioperanti sono stati uccisi dal 2000, prima di Marikana.

Potere popolare, né elezioni né partiti

Guardate a Marikana. Le elezioni non hanno cambiato il sistema. Andare al governo per fare politica non è la soluzione. Sostituire Jacob Zuma con un altro dirigente dell'ANC non è una soluzione. Un nuovo partito politico - anche se di "sinistra" oppure "dei lavoratori" - non è una soluzione. Nessun partito politico è una soluzione.

Sindacati: sveglia!

I sindacati dei minatori di Marikana, il NUM (National Union of Mineworkers, ndt) e l'AMCU (Association of Mineworkers and Construction Union, nedt) sono caduti nella trappola preparata dai politici al potere e dai padroni. Si sono combattuti l'un l'altro, invece di combattere il vero nemico. L'unità è forza: per non essere divisi e dominati. Lavoratori del mondo unitevi! Classi lavoratrici di tutti i paesi e di tutte le razze unitevi! Mettere fine alla allenza! Il sindacato del COSATU (Congress of South African Trade Unions, ndt) non dovrebbe avere nessun legame con quei sanguinari dell'ANC.

Anarchismo = Contropotere

E' tempo di sostiture il sistema statal/capitalistico con il contropotere del popolo. Questo vuol dire che noi vogliamo che siano i consigli operai e di quartiere a controllare l'economia, dal basso. Noi vogliamo l'autogestione diretta e democratica dell'industria nelle mani dei lavoratori nei luoghi di lavoro, noi vogliamo l'autogoverno dei quartieri da parte di coloro che ci vivono. Vogliamo decidere collettivamente su come gestire le nostre vite. Ci rifutiamo di vivere secondo regole determinate dai padroni e dai politici, i quali usano la polizia per sparararci addosso come si fa con i cani che non obbediscono.

UNA SOLA SOLUZIONE: DEMOCRAZIA DELLA CLASSE LAVORATRICE!

ABBIAMO BISOGNO DI TUTTI VOI! NON VOTATE, MOBILITATEVI!




Se siete d'accordo con queste idee o volete saperne di più sull'anarchismo: 072 399-0912 OR 079 281-2560 oppure zacf@riseup.net

Sottoscritto da:

Tokologo Anarchist Collective
Zabalaza Anarchist Communist Front
Inkululeko Wits Anarchist Collective

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali.

Related Link: http://zabalaza.net
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Verso lo sciopero generale e sociale nel mondo del lavoro, nei territori, nelle piazze

Africa meridionale | Repressione / prigionieri | Comunicato stampa | it

Fri 24 Oct, 06:01

browse text browse image

free46.jpg imageComunicato internazionale anarchico di solidarietà con gli accusati di tradimento nello Zimbabwe 20:22 Mon 28 Feb by Organizzazioni anarchiche 0 comments

Quando in Tunisia Mohammed Bouazizi si è dato fuoco ha inconsapevolmente innescato un'ondata di rivolte popolari e di ribellioni che si sono propagate come un incendio in tutto il Nord Africa ed in Medio Oriente, sprigionando un'energia che si è sentita fino allo Zimbabwe dove, sabato 19 febbraio, 46 attivisti democratici, tra cui studenti, lavoratori ed attivisti sindacali sono stati arrestati ad Harare, durante un meeting per discutere della caduta di Hosni Mubarak e dei fatti in Nord Africa ed in Medio Oriente... [English] [Castellano] [Dansk]

zacfront_symbol.jpg imageSolidarietà con i 52 di Harare: un altro triste giorno per Zimbabwe! 20:11 Tue 22 Feb by Zabalaza Anarchist Communist Front 0 comments

Un gruppo di attivisti, che si era riunito in privato per dibattere le recenti insurrezioni in Nord Africa e il Medio Oriente, è stato arrestato durante un'operazione della polizia. Sono attualmente in stato di fermo, senza accuse, e ci sono giunti voci che alcuni membri del gruppo sono sottoposti a gravi aggressioni fisiche da parte dei loro aguzzini. [English]

textZimbabwe: Quando un dittatore è peggio di uno tsunami Jul 05 by Bukharin 1 comments

Non passa giorno che il popolo dello Zimbabwe non preghi che qualche miracolo possa salvare il paese dalla maledizione che ha colpito il Malawi di Kamuzu Banda: la maledizione di essere sottoposti al governo violento, insensibile ed inossidabile di un dittatore che si arricchisce e che non ha nemmeno la decenza di morire al tempo giusto. Allo tsunami si è aggiunta l'operazione governativa chiamata "Eliminare la spazzatura" che si è abbattuta come un attacco insensato e crudele sulla vita di migliaia di persone delle "townships".

imageComunicato internazionale anarchico di solidarietà con gli accusati di tradimento nello Zimbabwe Feb 28 0 comments

Quando in Tunisia Mohammed Bouazizi si è dato fuoco ha inconsapevolmente innescato un'ondata di rivolte popolari e di ribellioni che si sono propagate come un incendio in tutto il Nord Africa ed in Medio Oriente, sprigionando un'energia che si è sentita fino allo Zimbabwe dove, sabato 19 febbraio, 46 attivisti democratici, tra cui studenti, lavoratori ed attivisti sindacali sono stati arrestati ad Harare, durante un meeting per discutere della caduta di Hosni Mubarak e dei fatti in Nord Africa ed in Medio Oriente... [English] [Castellano] [Dansk]

imageSolidarietà con i 52 di Harare: un altro triste giorno per Zimbabwe! Feb 22 ZACF 0 comments

Un gruppo di attivisti, che si era riunito in privato per dibattere le recenti insurrezioni in Nord Africa e il Medio Oriente, è stato arrestato durante un'operazione della polizia. Sono attualmente in stato di fermo, senza accuse, e ci sono giunti voci che alcuni membri del gruppo sono sottoposti a gravi aggressioni fisiche da parte dei loro aguzzini. [English]

© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]