user preferences

Recent articles by FdCA - Genova
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about Italia / Svizzera Lotte sul territorio

Nuova emigrazione e vecchio fatalismo Aug 31 15 by Lucio Garofalo

Italia: No allo smantellamento della sanità pubblica! Aug 11 15 by Alternativa Libertaria/FdCA

EXPO 2015: nutrire il capitalismo, energie per lo sfruttamento Apr 26 15 by Alternativa LIbertaria/FdCA

Siamo tutti saldatori

category italia / svizzera | lotte sul territorio | cronaca author Sunday August 12, 2012 18:49author by FdCA - Genova Report this post to the editors

Restituire la Casa dei Giustiniani a chi l'aveva resa viva ed utile per il quartiere

Alcuni giorni fa è stata chiusa dalle forze dell'ordine la Casa dei Giustiniani, nel centro storico genovese. Con tanto di spettacolarizzazione dell'evento ad uso dei media e saldatori all'opera per chiudere ogni accesso al palazzo.

puos.jpg

La Casa, occupata da pochi mesi, era diventata subito un punto di riferimento per gli abitanti del quartiere. Molte e tutte apprezzate le iniziative sociali: palestra, cineforum, spazi per i bambini, corsi di italiano per stranieri e molto altro ancora. Era anche allo studio la realizzazione di una mensa popolare.

Il pretesto per lo sgombero, ordinato dalla Procura della Repubblica di Genova, sarebbe stata l'inagibiltà dello stabile ma sopralluoghi effettuati da tecnici professionisti indipendenti, su mandato degli occupanti, hanno più volte escluso pericoli di crollo.Quindi perché questa azione repressiva agostana, visto che non si è trattato di tutelare la pubblica incolumità? si è trattato forse di difendere inconfessabili interessi immobiliari? o magari di mettere fine ad una “pericolosa” esperienza di autogestione – approvata e condivisa, è bene sottolinearlo, dalla stragrande maggioranza degli abitanti del quartiere -, non legata al carrozzone istituzionale? o si è trattato del tentativo di impedire semplicemente che un luogo di aggregazione potesse anche diventare – come in effetti era già diventato – un punto di riferimento concreto per le lotte sociali, politiche e sindacali sul nostro territorio?

Noi crediamo che chi ha messo mano alle saldatrici per tentare di chiudere - anche simbolicamente - quell'esperienza, abbia avuto in testa tutto ciò.

Però non ha fatto i conti con altri saldatori. Noi non usiamo la fiamma ossidrica ma il nostro lavoro è quello di saldare le lotte di lavoratori “garantiti” e precari, disoccupati, immigrati, giovani e pensionati; di chi si batte per difendere il proprio territorio e la propria casa dalla speculazione. Il nostro lavoro è quello di fare politica e la Casa dei Giustiniani era un luogo della politica, quella vera.

In una città in cui all'emergenza lavoro – ricordiamo solo le difficili situazioni di Fincantieri, Ilva, Centrale del latte, Elsag, TPL - si associa da sempre quella abitativa, con un numero impressionante di case sfitte soprattutto nel centro storico; in cui intere porzioni di territorio sono minacciate da grandi opere tanto devastanti quanto inutili; in cui i servizi sociali diventano sempre più una chimera ed i meno abbienti vengono abbandonati sempre più spesso al proprio destino, il problema della Procura di Genova è la Casa dei Giustiniani...

Colpisce, in tutto questo, il silenzio assordante del sindaco Doria e della sua giunta. Per il marchese, il problema vero di Genova sembra essere quello del decoro del centro cittadino e per far fronte a ciò non esita ad impiegare pattuglioni di cantuné in funzione antiaccattonaggio. Sarebbe forse il caso che qualcuno di quelli che l'hanno sostenuto alle ultime amministrative, gli chieda conto di questa e di qualche altra cosetta...

Intanto in questi giorni altri problemi veri sembrano affliggere l'establishment genovese: il cioccolato e la tutela del patrimonio artistico. Non sapevano i ragazzi della Casa che il palazzo delle Vigne, da loro occupato subito dopo lo sgombero, è in realtà destinato ad ospitare il Museo della Cioccolata? e che fa parte del sistema dei Rolli, quindi è protetto dall'Unesco? Nulla contro il cioccolato e nemmeno contro il recupero – ci mancherebbe altro! - del patrimonio artistico del centro storico genovese; ma a parte il fatto che il cioccolato in estate non fa proprio bene e che il modo migliore per tutelare i palazzi antichi è il loro riutilizzo dalla e per la comunità, ci permettiamo di suggerire a questi benpensanti una soluzione ai loro problemi: restituire la Casa dei Giustiniani a chi l'aveva resa viva ed utile per il quartiere.

Solidarietà con la Casa dei Giustiniani!

Federazione dei Comunisti Anarchici – Sez. N. Malara, Genova


11 agosto 2012

author by Antonella - FdCA Genovapublication date Mon Aug 13, 2012 04:55Report this post to the editors

Oggi i ragazzi di Giustiniani hanno occupato un altro stabile in vico Untoria
3, sempre nel centro storico genovese. Il palazzo delle Vigne, occupato dopo il
vergognoso sgombero di Giustiniani, fa parte dei Rolli ed è destinato, a breve,
ad un altro alquanto improbabile scopo.
Continuiamo a chiamarli i ragazzi di Giustiniani perchè speriamo che possano
rientrare presto in quei locali dove erano state avviate con successo
molteplici attività gratuite a beneficio di tutto il quartiere. Forse è proprio
questo che ha spaventato i grandi burattinai: il vedere che 'quel luogo' stava
diventando importante punto di incontro per giovani, adulti e anziani, un luogo
dov'era possibile confrontarsi 'non virtualmente' mettendo in campo idee e
scambiandosi opinioni e riflessioni troppo pericolose per chi vorrebbe una
massa di persone completamente assoggettate ad un potere sempre più corrotto e
tutelante interessi economici e politici di una classe privilegiata .
Consiglio un giro sul blog dei ragazzi, davvero ben costruito ed esaustivo http://giustiniani19.noblogs.org/post/2012/08/10/solida...ilio/.

 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Zabalaza no.14 Out Now

Front page

Building autonomy in Turkey and Kurdistan: an interview with Revolutionary Anarchist Action

Socialist Faces In High Places: Syriza’s Fall From Grace And The Elusive Electoral Road

Aportes para un análisis de la Etapa Histórica Actual

From Living Wage to Working Class Counter-power

On the Recent Massacre in Suruç, Turkish Kurdistan

Grèce: Quelles suites à la victoire du «non»?

The Meaning of World War II—An Anarchist View

Bakunin, Malatesta e o Debate da Plataforma

Setting Fire to the Noose

International call for solidarity with the case of Nicolás Neira

1º Congreso de la Federación Anarquista de Rosario (FAR)

María Esther Biscayard de Tello, nuestro homenaje

The party is haunting us again

[Colombia] Declaración Constitutiva de Acción Libertaria Estudiantil

Flora Tristán: precursora del feminismo y de la emancipación proletaria

Bil'in - 10 years of persistent joint struggle

In solidarity with the NO TAV struggle

Wave of arrests in Ireland as state tries to break water charges movement

Não se intimidar, não desmobilizar! Toda nossa solidariedade ao companheiro Vicente!

After the election of Syriza in Greece - Power is not in Parliament

[Chile] Movimiento Estudiantil: ¿En dónde debemos enfocar nuestros esfuerzos?

Je ne suis pas Charlie

México en llamas: raíces y perspectivas de una lucha que avanza y la crisis de un sistema político

Sobre la liberación de prisioneros y el restablecimiento de relaciones diplomáticas, por los gobiernos de Cuba y EE.UU.

Italia / Svizzera | Lotte sul territorio | Cronaca | it

Wed 02 Sep, 20:50

browse text browse image

pesaro.jpg imagePesaro 18 ottobre: sciopero sociale 08:47 Sat 19 Oct by FdCA - Fano/Pesaro 0 comments

La Rete Precar*, Disoccupat*, Lavoratori e Lavoratrici che ha organizzato lo sciopero sociale intende ora proseguire nella costruzione di un tessuto di solidarietà e di mutuo appoggio, di lotta e di denuncia, che avrà il suo momento fondativo nell'assemblea che si terrà sabato 19 ottobre alle ore 17.00 presso il CSA Oltrefrontiera di Pesaro in Via Leoncavallo.

textPalestina-Israele, dieci anni di lotta unitaria persistente 15:53 Wed 19 Jun by Ilan S. 0 comments

Nel febbraio 1968 il gruppo antiautoritario ed anticapitalista Matzpen diede inizio a Gerusalemme al primo presidio (di 18 persone) contro l'occupazione del 1967. Due anni dopo, gli attivisti israeliani delle Pantere Nere che erano in stretto contatto con i militanti di Matzpen (soprattutto a Gerusalemme) iniziavano la prima lotta sociale degli immigrati dai paesi dell'est. Molti degli attivisti delle attuali lotte sociali si ritengono i successori delle Pantere - molti altri si sono uniti o hanno partecipato alla lotta degli Anarchici Contro il Muro. [English]

textPresidio NO TAV a Pesaro 10:34 Sun 04 Mar by Donato Romito 0 comments

Sabato 3 marzo, una cinquantina di attivisti solidali con la lotta NO TAV in Val di Susa hanno dato vita a Pesaro ad un combattivo presidio in Piazzale Collenuccio.

nulladanascondere.jpg imageSolidarietà a chi lotta per la casa 14:55 Thu 17 Sep by Francesco 1 comments

Solidarietà ai compagni e alla compagna dell'occupazione 8 Marzo di Roma, arrestati con accuse false e infamanti, per screditare i movimenti di lotta per la casa.

textIsraele-Palestina: Quattro settimane di lotta contro il muro e l'occupazione 07:38 Sun 31 Aug by Ilan Shalif 0 comments

La lotta contro il muro della separazione e l'occupazione a Ni'ilin, Tel Aviv, Bil'in, Umm Salamuna, con il coinvolgimento di Anarchici Contro il Muro.

textIl vento delle Alpi Nov 14 by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Un vento di rivolta soffia. Soffia dall’Esagono e passa le Alpi. Molto divide la rivolta delle banlieu parigine dalla rivolta in Val di Susa...

textItalia: No allo smantellamento della sanità pubblica! Aug 11 0 comments

Costituire comitati e coordinamenti misti di cittadini ed operatori per monitorare, denunciare e contrastare disservizi, incuria, riduzioni del servizio e sprechi causati dai tagli e da atti e delibere lesivi del diritto alla salute.

imageEXPO 2015: nutrire il capitalismo, energie per lo sfruttamento Apr 26 0 comments

1 Maggio manifestazione internazionale a Milano

contro un'altra grande opera inutile,

contro 6 mesi di menzogne e annichilimento dei diritti,

per liberare l'agricoltura dal profitto e dallo spreco

textAlla conquista dell'organizzazione, verso il Social Strike europeo Feb 16 Roma 13-14-15 febbraio 2015 0 comments

Obiettivi principali del II atto dello Strike Meeting sono stati: il consolidamento e l'articolazione della coalizione sociale e l'estensione europea del processo dello Sciopero sociale.

imageUna sola grande opera: casa e reddito per tutti Feb 21 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

A Pesaro la Rete Precari Disoccupati Studenti chiama tutta la provincia a un presidio (piazza Lazzarini, ore 16) nel quale si esprimeranno le tante anime di questa protesta.

textAzione di Forza Feb 10 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Ai rifugiati e senza casa deportati a San Marcello, ai denunciati e a tutti coloro che si sono impegnati in questi giorni di lotta va la nostra solidarietà.

more >>
© 2005-2015 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]