user preferences

Upcoming Events

Iberia | Economia

No upcoming events.

Spagna: un salvataggio per affogare non per stare a galla

category iberia | economia | opinione / analisi author Monday June 11, 2012 23:28author by Paul B. - Workers Solidarity Movement Report this post to the editors

Nella prossima settimana la Spagna entra in zona salvataggio. Nonostante i segnali sempre più forti di catastrofe imminente che giungono da Madrid, la battaglia tra le istanze del capitalismo spagnolo da una parte e Bruxelles, Berlino e Francoforte dall'altra, è riuscita per ora a scongiurare l'ora del giudizio. Ma riusciranno a raggiungere lo scopo di impedire la caduta della Spagna prima delle seconde elezioni in Grecia? [English]

eurozonecrisis.jpg


Spagna: un salvataggio per affogare non per stare a galla


Nella prossima settimana la Spagna entra in zona salvataggio. Nonostante i segnali sempre più forti di catastrofe imminente che giungono da Madrid, la battaglia tra le istanze del capitalismo spagnolo da una parte e Bruxelles, Berlino e Francoforte dall'altra, è riuscita per ora a scongiurare l'ora del giudizio. Ma riusciranno a raggiungere lo scopo di impedire la caduta della Spagna prima delle seconde elezioni in Grecia?

Due giorni fa l'asta dei titoli del debito spagnolo era stata vista come il probabile punto di crisi. La Spagna partiva dalla posizione di essere oltre il limite tecnico dei 450 punti base fissato dalla principale casa di compensazione europea quale massimo spread tra i suoi titoli a 10 anni e quelli di un paniere di rating AAA a 10 anni dell'Eurozona. Essendo rimasta oltre questa soglia per più di 5 giorni, è scattato il meccanismo tecnico che aveva portato al salvataggio di Irlanda e Portogallo degli ultimi due anni. La spiegazione più semplice è che le banche che possiedono titoli nazionali devono pagare una tassa alla casa di compensazione, la quale agisce da garante, per poter temporaneamente scambiare i titoli in contante equivalente. Questa tassa è chiamata "margin call" e deve essere coperta con una compensazione più alta. Se la compensazione di margin call richiesta supera la base del 5% e va al 15%, allora le banche in possesso di questi titoli in prestito per contanti, si trovano a dover improvvisamente reperire ulteriore contante per pagare un più alto margine. Se tutto il loro denaro è in titoli nazionali, allora esse devono vendere un po' di titoli a qualsiasi prezzo per poter pagare il margin call. I prezzi dei titoli vanno giù, le agenzie di rating abbassano la loro valutazione, la casa di compensazione aumenta di nuovo il margine, creando così la "spirale della morte" che ha costretto Irlanda e Portogallo al salvataggio della Troika - non perché lo Stato fosse in quel momento fallito, ma perché le loro banche si trovavano a pochi giorni da un crollo dei flussi di contante.

Eppure, sebbene lo scorso lunedì fossero 6 giorni lavorativi che la Spagna avesse superato il limite tecnico per la "zona della morte", i mercati londinesi erano chiusi per l'ignomignoso giubileo della monarchia. Sia lunedì che martedì. Ma mercoledì quando i mercati di Londra hanno riaperto, lo spread era sceso a 447 punti base, e dopo 9 giorni di calendario in rosso, la Spagna era nuovamente e temporanemante salva. Tuttavia, quando martedì Cristóbal Montoro, il ministro delle finanze spagnolo ha dichiarato in un'intervista radiofonica che la Spagna era stata tenuta fuori dai mercati dei capitali, stava dicendo in quel momento nient'altro che la verità. Anche se ha dovuto sbattere i pugni, pare che le sue parole abbiano avuto l'effetto desiderato, quando i mercati hanno aperto il mattino seguente, i praticanti delle oscure arti nella BCE avevano fatto la loro magia, anche se solo temporaneamente.

Certamente in questa fase, non è un segreto che gli unici acquirenti che mercoledì 6 giugno hanno comprato i titoli del debito spagnolo siano state proprio le banche spagnole, le quali sono in balia dello Stato nazionale per poter continuare ad esistere. Sembra anche probabile (ma le cifre sono difficili da avere) che la maggior parte delle banche spagnole che detengono debito sovrano stiano ora vendendo direttamente alla BCE piuttosto che sul mercato dei pronti contto termine. Fatto sta che questa settimana è stata segnata da una gran quantità di telefonate ad alto livello, non solo tra gli attori europei, ma anche una telefonata al livello del G7 di mercoledì 6 giugno. I media hanno riportato con una certa sorpresa la telefonata del rappresentante giapponese sul fatto che un exit della Grecia (o Grexit, quale recente, pessimo, neologismo finanziario) non era stata discusso. Presumibilmente perché era la Spagna l'argomento principale di conversazione.

Il fatto che la Spagna, la quarta economia europea, fosse sempre "troppo grossa da salvare" negli stessi termini dei "3 piccoli porcellini" Portogallo, Irlanda e Grecia, con gli esistenti fondi di salvataggio (EFSF ed EFSM) [1], è stato a lungo un fatto acquisito nel panorama politico della crisi europea. Ora che la Spagna si trova davvero in zona salvataggio, la zuffa su quello che accadrà si è fatta abbastanza accesa. La Germania vuole evitare a tutti i costi un pieno salvataggio dello stato spagnolo nel suo complesso, per il quale al momento non ci sono fondi sufficienti, imponendo alla Spagna le stesse restrizioni che la Troika ha voluto imporre tramite i "Memorandum di Intesa", ai 3 porcellini, in cambio solo del denaro sufficiente a salvare le banche spagnole. Il governo spagnolo non è comprensibilmente un fan di questo piano. Vuole invece che sia la Troika a fornire il denaro direttamente al fondo di salvataggio delle banche (con lo sfortunato acronimo FROB - Fund for Orderly Bank Restructuring- che in inglese vuol dire gingillo, ndt), senza imporre una regola di intervento economico diretto dallo stato - o facendo assumere allo stato i costi del salvataggio all'interno del bilancio del debito sovrano, come si è già fatto in Irlanda ed altrove..

Naturalmente, se il piano di "salvataggio leggero" si farà prima delle seconde elezioni in Grecia di domenica 17 giugno, allora i 3 piccoli porcellini si renderanno conti che la rovina dei loro paesi per il pagamento del salvataggio delle loro banche nazionali è dovuta alla applicazione di 2 pesi e due misure, una per loro piccoli ragazzini ed un'altra per i grandi decadenti come la Spagna. Questa manifesta ingiustizia non potrebbe che rafforzare gli argomenti dei partiti greci contrari alla austerità per i quali l'accordo fatto per la Grecia è ingiusto e dovrebbe essere rinegoziato senza uscire dalla Eurozona. "Vogliamo quello che vuole la Spagna", sarebbe uno slogan potente. Da qui i tentativi della diplomazia del megafono sui media di questa settimana per far sapere che una decisione su un piano del genere deve attendere le indagini in corso sulla reale solvibilità del sistema bancario spagnolo. La prima di queste indagini, a cura del FMI, darà i suoi esiti lunedì 11 giugno. La seconda, di analisti esterni dell' Eurostat incaricati dallo stato spagnolo al momento del salvataggio di Bankia, darà i suoi esiti non prima del 20 giugno - una data convenientemente successiva alle elezioni greche ed abbastanza in tempo per l'inizio del G20 in Messico, dove la Spagna, presumibilmente, potrebbe trovarsi alla mercé del consiglio di amministrazione dell'attuale crisi mondiale.

Ma le notizie di venerdì 8 giugno sembrano far affievolire le speranze di una dilazione del salvataggio a fine giugno. La Reuters ha fatto sapere che è prevista una conferenza dei ministri europei delle finanze per il 9 giugno, dopo di che la Spagna annuncerebbe il suo salvataggio. La notizia sembra corroborata da altre fonti, anche se viene veementemente negata da fonti governative spagnole. Gli osservatori irlandesi e portoghesi riconosceranno in questo rincorrersi di annunci e smentite che il salvataggio sta per essere annunciato e che sia imminente. Il gioco, a quanto pare, è servito.

Se il 10 giugno il salvataggio sarà la piena resa incondizionata alla mercè dei voleri della Troika, come fin dall'inizio voleva la Germania, oppure se sarà come vuole la Spagna, l'opzione del "salvataggio leggero" del fondo EFSF che finanzia direttamemte il FROB, senza alcun vincolo, o se sarà qualche combinazione tra le 2, lo sapremo al più presto. Qualunque sia la forma finale dell'accordo, è destinata sollevare domande sugli attuali regimi punitivi imposti ad Irlanda, Portogallo e Grecia. Staremo a vedere...

Paul B.
(Workers Solidarity Movement)

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali.


Nota:
1. ESFS = European Financial Stability Facility; EFSM= European Financial Stability Mechanism.

Related Link: http://www.wsm.ie

 #   Title   Author   Date 
   una corona da 100 miliardi     donato romito    Tue Jun 12, 2012 00:08 


 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Issue #3 of the Newsletter of the Tokologo African Anarchist Collective

Iberia | Economia | it

Tue 21 Oct, 06:50

browse text browse image

cgt.png imageLa concertazione sociale punta solo alla smobilitazione 15:19 Thu 30 May by Confederación General del Trabajo 0 comments

Nel bel mezzo di questa crisi, in tutto il mondo definita come emergenza sociale, stiamo assistendo in Spagna ad una nuova messa in scena, ad una nuova rappresentazione teatrale, che ha come titolo il “grande patto sociale”. [Castellano]

bankia.jpeg imageLa CGT si costituisce parte civile nel processo Bankia 22:14 Wed 11 Jul by Confederación General Del Trabajo 0 comments

La Confederación General del Trabajo (CGT), sindacato con presenza e radicamento all'interno di Bankia e della sua azionista-madre BFA, si è costituita parte civile contro Bankia. [Castellano]

unidadsindical.jpg image2º incontro dei sindacati di classe per la mobilitazione unitaria contro il Patto Sociale 00:07 Fri 12 Aug by Organizzazioni sindacali di classe 1 comments

Le organizzazioni sindacali Confederación General del Trabajo (CGT), Confederación Nacional del Trabajo (CNT), CO.BAS, Coordinadora Sindical de Clase (CSC) e Solidaridad Obrera (SO) si sono riunite per la seconda volta il 29 luglio per decidere su nuove iniziative e per definire un calendario di proteste, sulla base dell'unità di classe, verso uno sciopero generale contro le politiche di tagli e perdita dei diritti imposte dal governo e dalle istituzioni europee per volere dei datori di lavoro e dei mercati. [Castellano]

sol5.jpg imageRivolte della periferia: il movimento di occupazione delle piazze in Spagna sfida l'austerity e le i 06:00 Sun 22 May by Paul 0 comments

Dalla scorsa domenica, le piazza delle città di tutta la Spagna sono state occupate da tende di manifestanti, infuriati contro le misure di austerità, contro l'inutilità dei politici e contro la mancanza di significato delle imminenti elezioni amministrative. [English]

cgtanimada.gif imageConseguenze della riforma lavorativa: più disoccupazione, più contrattazione temporanea 15:39 Sun 07 Nov by Segretariato Permanente del Comitato Confederale della CGT 0 comments

Dopo quattro mesi di applicazione della Riforma Lavorativa contro la quale abbiamo fatto lo Sciopero Generale del 29 settembre, la disoccupazione nel mese di ottobre è aumentata di 70 mila nuove unità (persone, in carne e ossa!), cosa che porta a più di 4,5 milioni totali il numero di persone in stato di disoccupazione. E' aumentato anche il numero di contratti temporanei, esattamente il contrario di quanto previsto dal governo.

460_0___30_0_0_0_0_0_cgtanimada_1.jpg imageNuove mobilitazioni della CGT dopo lo sciopero generale dei 29 Settembre 18:58 Thu 28 Oct by Confederación General del Trabajo 0 comments

Per la CGT, la lotta sindacale e sociale deve continuare dopo lo Sciopero Generale del 29 settembre.

460_0___30_0_0_0_0_0_cgtanimada_1_1.jpg imageSpagna: Successo dello Sciopero Generale 23:38 Wed 29 Sep by Confederación General del Trabaja 0 comments

La CGT fa una prima valutazione molto positiva delle prime ore di Sciopero Generale. L'adesione allo sciopero in settori chiave è massiccio praticamente nella totalità del paese. A mo' di esempio: i mercati alimentari di Madrid, Barcellona, Valencia, Valladolid, Siviglia, Saragozza; l'industria automobilistica (Seat) Ford, Renault, Opel, Volkswagen; i complessi petrolchimici e siderometallurgici, i settori minerari, della distribuzione di gas, i servizi pubblici come quelli di nettezza urbana, poste, il settore della costruzione di grandi infrastrutture; i porti di Barcellona, Valencia, Algeciras... [Castellano]

hg29.09.jpg imageLa CGT convoca lo Sciopero Generale il 29 settembre contro il sistema capitalista 15:37 Mon 13 Sep by Confederación General del Trabajo 0 comments

Pensiamo che sia arrivato il momento di dire BASTA, non solo ai mercati, ma anche ai diversi governi che seguono le loro istruzioni. È inammissibile che le stesse istituzioni che hanno provocato la crisi siano quelle stesse che stanno imponendo le loro proposte per uscirne, determinando una riduzione di diritti per la classe lavoratrice ed un aumento di benefici per il sistema capitalista in generale.

cgtanimada_1.gif imageComunicato della CGT sulla riforma lavorativa del governo 18:12 Mon 21 Jun by Confederación General del Trabajo 0 comments

Oggi, mercoledì 16 Giugno, il governo ha approvato il Regio Decreto Legge in tema di Misure Urgenti per la Riforma del Mercato del Lavoro. Questa Riforma non è assolutamente una risposta alle necessità dei lavoratori e delle lavoratrici, né una proposta per restituirci i diritti lavorativi e sociali che ci hanno strappato progressivamente negli ultimi anni, né tanto meno è una proposta di giustizia sociale in difesa dei lavoratori come parte più debole nel rapporto di lavoro, né una riforma per far cessare quello che è ormai un fatto generalizzato nel mercato di lavoro (licenziamento libero e a buon mercato), né una riforma per creare impiego.

cgtanimada_2.gif imageLa CGT indice uno Sciopero per l'8 Giugno 18:20 Mon 24 May by Confederación General del Trabajo 0 comments

ESIGIAMO CHE LE CCOO E LA UGT CONVOCHINO UNO SCIOPERO GENERALE E NON FIRMINO NESSUNA NUOVA RIFORMA DEL LAVORO. [Castellano]

more >>

imageSpagna: fabbriche recuperate ed autogestite Jan 09 by José Luis Carretero 0 comments

Con il panorama della crisi finanziaria ed economica, lo Stato spagnolo comincia a fare tagli sempre più sottili e mirati. Quindi, le chiusure di imprese e i licenziamenti sono all'ordine del giorno, lasciando una scia di disoccupati. Nel calore delle proteste e della resistenza, il cambiamento sociale (con l'autogestione come elemento centrale) si fa sempre più vivo sull'orizzonte della Spagna. [Castellano] [Français]

textReport: Portogallo sull’orlo del disastro sociale, economico e politico May 13 by Manuel Baptista 0 comments

In Portogallo, la situazione è tale che la grande finanza non ha oppositori ed ha dunque facile gioco ad imporre al governo le sue scelte. [English]

imageLa concertazione sociale punta solo alla smobilitazione May 30 CGT 0 comments

Nel bel mezzo di questa crisi, in tutto il mondo definita come emergenza sociale, stiamo assistendo in Spagna ad una nuova messa in scena, ad una nuova rappresentazione teatrale, che ha come titolo il “grande patto sociale”. [Castellano]

image2º incontro dei sindacati di classe per la mobilitazione unitaria contro il Patto Sociale Aug 12 1 comments

Le organizzazioni sindacali Confederación General del Trabajo (CGT), Confederación Nacional del Trabajo (CNT), CO.BAS, Coordinadora Sindical de Clase (CSC) e Solidaridad Obrera (SO) si sono riunite per la seconda volta il 29 luglio per decidere su nuove iniziative e per definire un calendario di proteste, sulla base dell'unità di classe, verso uno sciopero generale contro le politiche di tagli e perdita dei diritti imposte dal governo e dalle istituzioni europee per volere dei datori di lavoro e dei mercati. [Castellano]

imageConseguenze della riforma lavorativa: più disoccupazione, più contrattazione temporanea Nov 07 Confederación General del Trabajo 0 comments

Dopo quattro mesi di applicazione della Riforma Lavorativa contro la quale abbiamo fatto lo Sciopero Generale del 29 settembre, la disoccupazione nel mese di ottobre è aumentata di 70 mila nuove unità (persone, in carne e ossa!), cosa che porta a più di 4,5 milioni totali il numero di persone in stato di disoccupazione. E' aumentato anche il numero di contratti temporanei, esattamente il contrario di quanto previsto dal governo.

imageNuove mobilitazioni della CGT dopo lo sciopero generale dei 29 Settembre Oct 28 CGT 0 comments

Per la CGT, la lotta sindacale e sociale deve continuare dopo lo Sciopero Generale del 29 settembre.

imageSpagna: Successo dello Sciopero Generale Sep 29 CGT 0 comments

La CGT fa una prima valutazione molto positiva delle prime ore di Sciopero Generale. L'adesione allo sciopero in settori chiave è massiccio praticamente nella totalità del paese. A mo' di esempio: i mercati alimentari di Madrid, Barcellona, Valencia, Valladolid, Siviglia, Saragozza; l'industria automobilistica (Seat) Ford, Renault, Opel, Volkswagen; i complessi petrolchimici e siderometallurgici, i settori minerari, della distribuzione di gas, i servizi pubblici come quelli di nettezza urbana, poste, il settore della costruzione di grandi infrastrutture; i porti di Barcellona, Valencia, Algeciras... [Castellano]

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]