user preferences

Nestor Machno secondo Alexander V. Shubin

category italia / svizzera | storia dell'anarchismo | recensione author Tuesday May 22, 2012 19:24author by Gino - FdCA Report this post to the editors

Recensione di "Nestor Machno: Bandiera nera sull'Ucraina"

Il libro edito da Eleuthera ha il pregio di riportare alla luce quella che fu, ormai cento ani fa la rivoluzione russa, attraverso l'esperienza e le lotte che caratterizzarono il sud dell'Ucraina, dove il tentativo makhnovista di costruire una società liberata dallo sfruttamento dell'uomo sull'uomo si tradusse in un grande tentativo anarchico di formare istituzioni democratiche sotto controllo dei lavoratori, i soviet, che tanta speranza stavano dando ai popoli in lotta, sottraendoli con le armi al controllo del partito bolscevico.

machno.jpg


Nestor Machno secondo Alexander V. Shubin


Nestor Machno. Bandiera nera sull'Ucraina. Guerriglia libertaria e rivoluzione contadina (1917-1921)
Alexander V. Shubin
traduzione di Sara Baglivi

ISBN: 978-8896904077
232 pp. - € 15,00


Il libro edito da Eleuthera ha il pregio di riportare alla luce quella che fu, ormai cento ani fa la rivoluzione russa, attraverso l'esperienza e le lotte che caratterizzarono il sud dell'Ucraina, dove il tentativo makhnovista di costruire una società liberata dallo sfruttamento dell'uomo sull'uomo si tradusse in un grande tentativo anarchico di formare istituzioni democratiche sotto controllo dei lavoratori, i soviet, che tanta speranza stavano dando ai popoli in lotta, sottraendoli con le armi al controllo del partito bolscevico.

La durezza della guerra civile, prima contro le armate della reazione internazionale, in fine contro l'armata rossa decisa a conquistare alla causa statalista anche quest'angolo di Ucraina ribelle sono ben narrate dall'autore, per altro con una fonte bibliografica imponente, e questo toglie giustamente ogni aspetto agiografico alla pubblicazione.

Emerge nel testo il ruolo del comandante, di un Makhno osannato dalla folla e dai contadini, della creazione nei fatti del culto della personalità di questo capo guerrigliero che sembra uscire dal romanzo di Scholokov, Il placido Don, che seppur opera colossale quando tratta di Makhno lo definisce un autentico uomo di Stato, interno alla vulgata bolscevica del "banditismo" makhnovista.

Se il bravo storico riesce nella propria narrazione a porre in risalto la dinamica militare dello scontro, il tentativo politico di costruire attraverso dei soviet autonomi l'autogestione sociale viene ad essere rinchiuso nel falso antagonismo autorità/libertà, così caro a certi anarchici.

La narrazione si conclude con l'esilio di Makhno e di coloro che con lui riuscirono a raggiungere Parigi dopo la vittoria del fronte bolscevico, non poteva mancare nel testo la disputa sulla "Piattaforma" ed il "tradimento" di Aršinov .

A cento anni di distanza sembra ancora non compreso quel tentativo di rinnovamento dell'anarchismo, l'autore, ripercorre le critiche che dall'inizio hanno caratterizzato il dibattito, finendo per decretare la fine della Machnovščina con il conseguente fallimento della "Piattaforma".

Esclude quindi la possibilità degli anarchici ad essere dei rivoluzionari, la piattaforma è infatti il tentativo del gruppo degli anarchici russi di darsi una struttura libertaria in grado di sostenere uno sforzo rivoluzionario ed armato che non consegnasse in mano ai bolscevichi ed al partito leninista le aspirazioni libertarie dei lavoratori organizzati nei Soviet.

Reduci da una disfatta, incapaci di gestire la fase rivoluzionaria, senza via di uscita che non fosse quella della sottomissione al bolscevismo oppure di prendere la via dell'esilio, questi anarchici posero il problema, storico, dell'organizzazione rivoluzionaria come mai nessuno nel campo libertario aveva fatto.

I critici del makhnovismo, ai quali si può aggiungere il lavoro di A. V. Shubin nelle proprie conclusioni , non sfuggono a questa grande contraddizione, chi e come si fa la rivoluzione, dilemma che qualche anno dopo investì gli anarchici spagnoli, anch'essi non sopravvissero al fallimento rivoluzionario, e solo un Durruti e pochi altri capirono quello che stava accadendo cercando nella risposta organizzativa il bandolo di una matassa intrigata. Denunciando l'impotenza di certo anarchismo di fronte al fatto rivoluzionario ed all'impossibilità di dotarsi di strumenti idonei all'atto armato di massa.

Critiche ovvie per altro quelle di certo anarchismo, l'esercito degli insorti makhnovisti era un esercito a tutti gli effetti, ed esercitava un controllo militare e politico sull'area di azione, il comunismo applicato tendeva ad una centralizzazione dell'economia, e qui l'autore ci ricorda che con il libero mercato questo non avviene.

Peccato, questo pregevole lavoro avrebbe potuto dare risposte che ancora a cento anni dei fatti non si vuole dare, ricollocare l'anarchismo rivoluzionario nel campo di classe, ma ancor più tagliente è il giudizio sul "tradimento" di Aršinov, fucilato da Stalin perché accusato di voler ricostruire l'organizzazione anarchica nella URSS della dittatura del partito bolscevico.

Occasione persa perché ancora una volta non si è affrontata la questione della rivoluzione, e la mancanza di risposte forse serve a sottolineare che gli anarchici, che sono rivoluzionari per antonomasia non sono il soggetto più adatto a fare la rivoluzione, tragica sorte.

Gino

Related Link: http://www.fdca.it
author by Red and Black Actionpublication date Tue May 22, 2012 22:35Report this post to the editors

Hi

Any chance of an English translation?

 

This page has not been translated into Other yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
E

Front page

The experiment of West Kurdistan (Syrian Kurdistan) has proved that people can make changes

[Chile] EL FTEM promueve una serie de “jornadas de debate sindical”

Ukraine: Interview with a Donetsk anarchist

The present confrontation between the Zionist settler colonialist project in Palestine and the indigenous working people

Prisões e mais criminalização marcam o final da Copa do Mundo no Brasil

An Anarchist Response to a Trotskyist Attack: Review of “An Introduction to Marxism and Anarchism” by Alan Woods (2011)

هەڵوێستی سەربەخۆی جەماوەر لە نێوان داعش و &

Contra a Copa e a Repressão: Somente a Luta e Organização!

Nota Pública de soldariedade e denúncia

Üzüntümüz Öfkemizin Tohumudur

Uruguay, ante la represión y el abuso policial

To vote or not to vote: Should it be a question?

Mayday: Building A New Workers Movement

Anarchist and international solidarity against Russian State repression

Argentina: Atentado y Amenazas contra militantes sociales de la FOB en Rosario, Santa Fe

Réponses anarchistes à la crise écologique

50 оттенков коричневого

A verdadeira face da violência!

The Battle for Burgos

Face à l’antisémitisme, pour l’autodéfense

Reflexiones en torno a los libertarios en Chile y la participación electoral

Mandela, the ANC and the 1994 Breakthrough: Anarchist / syndicalist reflections

Melissa Sepúlveda "Uno de los desafíos más importantes es mostrarnos como una alternativa real"

On Sectarianism

Italia / Svizzera | Storia dell'anarchismo | it

Mon 01 Sep, 15:32

browse text browse image

gaap.jpg imageNovità editoriale: I Figli dell'Officina 17:28 Mon 07 Oct by Centro Documentazione Franco Salomone 0 comments

Nella prima metà degli anni '50 del XX secolo, in una dimensione internazionale caratterizzata dalla dura contrapposizione tra i due blocchi egemoni (USA vs URSS), i Gruppi Anarchici di Azione Proletaria cercarono di sottoporre a una rigorosa analisi la mutata struttura dello sfruttamento capitalistico, sforzandosi di coglierne novità e linee di tendenza, analizzarono l'azione dell'imperialismo internazionale, comunque mascherato, cercando di coglierne le caratteristiche e tentarono di formulare una proposta strategica capace di opporsi al disegno complessivo dell'imperialismo...

copromasovvpiccweb.jpg imageRoma sovversiva. Anarchismo e conflittualità sociale dall'età giolittiana al fascismo (1900-1926) 18:27 Wed 14 Mar by Odradek Edizioni 0 comments

Questo libro riempie una lacuna, ricostruendone la base sociale, l'ambito spurio e mutevole, che concerne la formazione delle forze sociali e produttive cittadine. Ma soprattutto ribalta l'immagine di comodo, restituendole il carattere di città violenta, con un conflitto di classe che sfocia facilmente in tumulti repressi con estrema brutalità dalle forze dell'ordine.

pontedecimo.jpg imageNovità editoriale: "Tesi di Pontedecimo" dei GAAP 18:22 Mon 13 Feb by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

E' uscito nella collana "I Quaderni di Alternativa Libertaria" l'opuscolo "Tesi di Pontedecimo" dei Gruppi Anarchici di Azione Proletaria (GAAP). Si tratta della Tesi Programmatica uscita dalla 1a Conferenza dei GAAP tenuta a Genova-Pontedecimo il 24-25 febbraio 1951.

bari.jpg imageNovità editoriale: Gli anarchici di piazza Umberto. La sinistra libertaria a Bari negli anni '70 23:03 Wed 12 Oct by Centro di Documentazione "Franco Salomone" 0 comments

Il Centro di Documentazione "Franco Salomone" di Fano (PU) è lieto di annunciare la pubblicazione del libro "Gli anarchici di piazza Umberto", di Luca Lapolla.

malatesta.jpg imagePresentazione del primo volume delle Opere Complete di Errico Malatesta 16:07 Thu 15 Sep by Biblioteca Borghi 0 comments

La Biblioteca libertaria "Armando Borghi", in collaborazione con la Biblioteca comunale "Luigi Dal Pane", organizza a Castel Bolognese la presentazione del primo volume delle Opere Complete di Errico Malatesta. Il primo volume ha titolo "Un lavoro lungo e paziente…". Il socialismo anarchico dell’Agitazione (1897-1898) , ed esce con saggio introduttivo di Roberto Giulianelli (Milano, Zero in condotta/ Ragusa, La Fiaccola, 2011, pp. 392, Euro 25,00).

textIn memoria di Lorenzo Parodi 18:11 Tue 16 Aug by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Il primo agosto è morto Lorenzo Parodi. Era nato nel 1926 a Genova, giovanissimo antifascista da sempre nemico dello stalinismo e delle sue degenerazioni italiane, aderì nel primo dopoguerra al movimento anarchico, alla sua tendenza classista e rivoluzionaria.

salomone_sm.jpg imageNovità editoriale: "Un rivoluzionario di ponente" 21:10 Mon 11 Apr by Centro di Documentazione Franco Salomone 0 comments

Il Centro di Documentazione Franco Salomone è lieto di annunciare la pubblicazione di un nuovo libro in omaggio alla vita militante e all'opera di Franco Salomone. I materiali che qui vengono raccolti intendono offrire una testimonianza del suo impegno individuale e collettivo, dello sforzo analitico e propositivo di un militante e dei suoi compagni, di una generazione di comunisti libertari che dal lontano ponente ligure cercarono di riaprire la strada del reinserimento degli anarchici nell'opposizione al capitalismo, nel lavoro sindacale, dando impulso tanto alle lotte sindacali ed all'unità di classe quanto all'unità dei comunisti libertari in termini organizzativi e di strategia.

Dadà, Cremaschi, Massari imageResoconto presentazione libro di Daniel Guérin 22:29 Mon 28 Sep by FdCA Sezione Luigi Fabbri, Roma 0 comments

Si è svolta venerdì 25 settembre presso il Laboratorio Sociale "La Talpa", a cura dello stesso, la presentazione della prima edizione in lingua italiana del libro "Per un marxismo libertario" di Daniel Guérin a cura di Massari Editore, con interventi di Adriana Dadà (FdCA), Giorgio Cremaschi (FIOM/Rete 28 aprile) e Roberto Massari (Utopia Rossa). [English]

domaschi.jpg imageLe mie prigioni e le mie evasioni 18:45 Wed 05 Dec by Giovanni Domaschi 0 comments

Operaio, anarchico, antifascista, dopo aver partecipato alle lotte politiche e sindacali nella sua città il veronese Giovanni Domaschi (Verona, 1891-Dachau, 1945) ha trascorso quasi per intero il ventennio fascista rinchiuso in carcere o relegato al confino. Membro del secondo Comitato di liberazione nazionale di Verona, prima di essere deportato in Germania e di trovare la morte in un lager ha avuto modo di scrivere le sue memorie.

textConvegno su Camillo Berneri 22:38 Mon 07 May by Donato Romito 0 comments

Si è tenuto ad Arezzo il 5 maggio scorso un convegno di studi su Camillo Berneri, "Un libertario in Europa tra totalitarismi e democrazia".
Organizzato dall'Archivio famiglia Berneri Aurelio Chessa ed ospitato dalla Provincia di Arezzo ha visto la partecipazione di un centinaio di persone.

more >>

textComunismo anarchico e comunismo libertario Jul 10 by Gruppo Comunista Anarchico di Firenze 0 comments

Abbiamo visto come la tendenza comunista anarchica derivi direttamente dal pensiero bakuninista, organizzatore e comunista, e vada contrapponendosi costantemente alle teorie antiorganizzatrici che, a periodi, percorrono tutta la storia dell'anarchismo, come, del resto, della socialdemocrazia. Nella tendenza "organizzatrice" un'altra tendenza convive con quella comunista anarchica, la tendenza comunista libertaria.

imagePresentazione del primo volume delle Opere Complete di Errico Malatesta Sep 15 0 comments

La Biblioteca libertaria "Armando Borghi", in collaborazione con la Biblioteca comunale "Luigi Dal Pane", organizza a Castel Bolognese la presentazione del primo volume delle Opere Complete di Errico Malatesta. Il primo volume ha titolo "Un lavoro lungo e paziente…". Il socialismo anarchico dell’Agitazione (1897-1898) , ed esce con saggio introduttivo di Roberto Giulianelli (Milano, Zero in condotta/ Ragusa, La Fiaccola, 2011, pp. 392, Euro 25,00).

textIn memoria di Lorenzo Parodi Aug 16 FdCA 0 comments

Il primo agosto è morto Lorenzo Parodi. Era nato nel 1926 a Genova, giovanissimo antifascista da sempre nemico dello stalinismo e delle sue degenerazioni italiane, aderì nel primo dopoguerra al movimento anarchico, alla sua tendenza classista e rivoluzionaria.

imageLe mie prigioni e le mie evasioni Dec 05 0 comments

Operaio, anarchico, antifascista, dopo aver partecipato alle lotte politiche e sindacali nella sua città il veronese Giovanni Domaschi (Verona, 1891-Dachau, 1945) ha trascorso quasi per intero il ventennio fascista rinchiuso in carcere o relegato al confino. Membro del secondo Comitato di liberazione nazionale di Verona, prima di essere deportato in Germania e di trovare la morte in un lager ha avuto modo di scrivere le sue memorie.

imageNovità editoriale: "Il Comunismo Libertario e altri scritti" di Isaac Puente Apr 13 FdCA 0 comments

La Federazione dei Comunisti Anarchici annuncia la pubblicazione di un nuovo opuscolo nella serie dei "Quaderni di Alternativa Libertaria".

© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]