user preferences

Appello FIOM: Contro vecchie e nuove precarietà

category italia / svizzera | lotte sindacali | stampa non anarchica author Thursday April 12, 2012 15:27author by FIOM Report this post to the editors

Per un futuro di diritti e lavoro

Appello per un Assemblea della FIOM, di delegate e delegati, giovani metalmeccanici/che, aperta agli studenti, ai precari, ai disoccupati e inoccupati. Sabato 14 aprile a Bologna, piazza Maggiore, Palazzo Re Enzo, salone del Podestà, dalle 10 alle 14.

fiom.jpg


Contro vecchie e nuove precarietà
Per un futuro di diritti e lavoro


In nome delle politiche di austerity in tutta Europa si sta procedendo con la destrutturazione dei diritti, dei salari e del welfare, offrendo al mercato la possibilità di fare profitto su tutto, dal lavoro all’istruzione, dalla sanità ai beni comuni. Mentre il mercato finanziario divora tutte le regole, nelle costituzioni europee viene introdotta la parità di bilancio. La democrazia è sempre più limitata, insieme alle libertà, perché il ricatto occupazionale e salariale rende le persone sempre più ricattabili e sempre meno autonome.

Scioperi e manifestazioni in tutta Italia e in molte parti d’Europa parlano di un dissenso diffuso. Nonostante il bavaglio alle lotte in corso, cresce la convinzione che gli interventi del Governo, prima sulle pensioni, poi sulla fiscalità e oggi sul lavoro, peggiorano le condizioni di vita per oggi e per il futuro. Mentre nel paese crescono disoccupazione e inoccupazione, si moltiplicano i licenziamenti, i salari continuano una verticale discesa verso il basso e la ricchezza si polarizza sempre più nelle mani di pochi, viene imposta una “riforma” del mercato del lavoro e degli ammortizzatori sociali che rende ancora più precario il lavoro e le sue condizioni. La scelta del Governo di smantellare l’articolo 18 dello Statuto delle lavoratrici e dei lavoratori, spacchettandone le motivazioni e trasformando il reintegro in un miraggio e non più un diritto in capo ai lavoratori, è il ritorno della sudditanza nei luoghi di lavoro.

Così la precarietà, e quindi il ricatto e la concorrenza al ribasso tra lavoratrici e lavoratori, vengono estesi a tutto il lavoro dipendente affermando il pieno comando dell’impresa e rendendo l’incertezza la condizione permanente delle persone. C’è bisogno di riunificare i diritti anche a partire dalla differenza di rapporti di lavoro per opporsi a un progetto che lascia tutti più soli. Questo è il significato anche della difesa del Contratto nazionale, che va riconquistato e reso più inclusivo, combattendone lo smantellamento in corso anche per via legislativa attraverso l’articolo 8 di Sacconi.

Agli occhi dell’opinione pubblica, per giustificare la dura e rigorosa applicazione della lettera della Banca centrale europea, si è dato seguito a una campagna di divisione e contrapposizione tra giovani e anziani da cui è scaturita la peggior “riforma” delle pensioni nella comunità europea, e ora con la “riforma” del mercato del lavoro si assiste alla definitiva precarizzazione: sia per chi ha un lavoro a tempo indeterminato, sia per chi è atipico. Si può dire che le condizioni per i lavoratori atipici peggiorano rispetto alla legislazione precedente. L’eliminazione delle causali per i contratti a tempo determinato per i primi sei mesi, la possibilità di inquadrare i lavoratori in somministrazione con un salario inferiore, l’aumento della contribuzione per gli autonomi senza vincoli per il datore di lavoro, sono solo alcuni degli esempi di peggioramento delle condizioni. Inoltre, con questo intervento legislativo, che dovrà attraversare l’iter parlamentare e quindi suscettibile di ulteriore peggioramento, si apre la strada allo scardinamento delle regole che riguardano i licenziamenti collettivi.

I provvedimenti del Governo indicano nei diritti dei giovani, dei lavoratori e dei precari il problema della “mancata crescita” del paese. L’aggressività con cui vengono liquidate idee alternative di futuro impongono una seria riflessione anche sulla democrazia. Noi siamo per il cambiamento perché non si possono conservare condizioni inaccettabili di vita e di lavoro e non si può assistere come se nulla fosse alla crescita della povertà, all’imbarbarimento della società fino al moltiplicarsi dei suicidi per la disperazione.

La crisi deve essere affrontata in modo completamente diverso. Innanzitutto dobbiamo impedire che la riforma, così come è oggi, raggiunga la fine dell’iter legislativo. Scioperi, manifestazioni, assemblee pubbliche devono essere un’occasione di costruire un diverso modo di attraversare la crisi partendo dall’estensione dei diritti, l’art. 18 anche nelle imprese sotto i 15 dipendenti, l’introduzione di un reddito minimo che impedisca il ricatto del lavoro legale e illegale che garantisca il diritto alla formazione, per promuovere solidarietà tra le persone, per ricercare un modo di produzione che parta dalla valorizzazione del lavoro e dei beni comuni.

Assemblea Fiom

di delegate e delegati, giovani metalmeccanici/che,
aperta agli studenti, ai precari, ai disoccupati e inoccupati
sabato 14 aprile a Bologna, piazza Maggiore
Palazzo Re Enzo, salone del Podestà, dalle 10 alle 14


Related Link: http://www.fiom.cgil.it
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Italia / Svizzera | Lotte sindacali | it

Mon 22 Dec, 00:20

browse text browse image

sciop.jpg image12 dicembre: lavoratori, non schiavi 14:12 Mon 08 Dec by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Oggi è in gioco la sopravvivenza della difesa collettiva dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e non solo, di fronte a scelte politiche che tentano di disarmarci per segregarci in un futuro di schiavi, impotenti a reagire alla violenza delle politiche dei padroni. Oggi in piazza dobbiamo esserci in tanti se vogliamo cambiare di segno le politiche autoritarie di una Europa che cerca il suo spazio imperialista attraverso la compressione sociale.

alfdca.jpg image14 novembre 2014 - scioperare e manifestare 14:12 Tue 11 Nov by Alternativa Libertaria/FdCA 2 comments

Non è la prima volta che succede. Non è la prima volta che il mondo del lavoro sindacalizzato intreccia la sua lotta con le realtà sociali di base che nei territori, da anni, fanno da argine e da rete solidale di conflitto contro la devastazione capitalistica dei luoghi di vita e dell'ambiente. Ma questo 14 novembre cade nel sesto anno di una crisi che non è più solo finanziaria,solo economica ed occupazionale.

versosciopero.jpg imageVerso lo sciopero generale e sociale nel mondo del lavoro, nei territori, nelle piazze 04:09 Thu 23 Oct by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Come era facilmente prevedibile le rassicurazioni diffuse e propagandate a piene mani da politici, affaristi, finanzieri e confindustriali sulla possibilità di riprendersi da quella che veniva chiamata crisi si sono dimostrate una colossale bugia. Con una ingombrante operazione di depistaggio mediatico all'insegna di "dobbiamo abbattere il debito pubblico" o "dobbiamo abbattere le Tasse", "l'Europa ce lo chiede", "dobbiamo rispettare i vincoli del deficit imposto", si è proceduto alla cancellazione quasi totale dei diritti dei lavoratori.

bo.jpg imageDa Genova a Bologna 22/23 Novembre 2013 12:11 Mon 25 Nov by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

I tranvieri di Genoa hanno segnato un passaggio importante e guadagnato una posizione fondamentale: hanno bloccato la privatizzazione e non hanno accettato peggioramenti alla loro prestazione lavorativa e questo serve come riferimento al resto del paese.
Se non sono i lavoratori dei servizi che si oppongono al disegno del capitale in merito allo stato sociale, non si va da nessuna parte.

gen.jpg imageGenova: lotte nei trasporti 04:01 Sun 24 Nov by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

Siglato l’accordo. Spetterà ai lavoratori dell’azienda trasporti trarre le conclusioni da un accordo con luci e ombre. Per quel che ci riguarda abbiamo sostenuto la loro battaglia, ci interessa qui fare una riflessione e fissare alcuni punti. La lotta è stata contro i licenziamenti, contro il peggioramento delle condizioni di lavoro, contro la riduzione del salario attraverso l’eliminazione dei contratti sia aziendali che nazionali, contro la perdita delle parti normative,delle tutele e dei diritti. Questo significa per la classe l’azione del capitale di privatizzare, esternalizzare le aziende in capo al “pubblico”, poi le ovvie ricadute sul servizio e i cittadini.

genova.jpg imageI sacrifici dei lavoratori non bastano mai 21:57 Thu 21 Nov by FdCA Genova 0 comments

Sosteniamo incondizionatamente la lotta dei lavoratori AMT di Genova. Siamo stati e saremo sempre al loro fianco in piazza per la difesa dei loro salari, dei loro diritti e per la salvaguardia ed il rilancio della mobilità pubblica.

textLa montagna ed il topolino 15:53 Sun 17 Nov by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

Blocco dei licenziamenti, il finanziamento degli ammortizzatori sociali, la battaglia contro la precarietà, la riduzione del prelievo fiscale a carico dei lavoratori, i diritti fondamentali (casa, salute, trasporti), i punti essenziali per impostare immediatamente una battaglia condivisa e credibile.

scioperosociale.jpg imagePesaro 18 ottobre: sciopero sociale 10:49 Mon 14 Oct by FdCA Fano/Pesaro 0 comments

Scendiamo in strada, scioperiamo, produciamo conflitto; organizziamo l’opposizione sociale. Questo è quello che dobbiamo fare senza esitazione alcuna.

ilva.jpg imageILVA, un anno dopo 17:47 Sun 15 Sep by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

1.500 lavoratori degli stabilimenti della Riva Acciaio, e non sappiamo quanti sono i lavoratori dell'indotto, sono stati secondo la dicitura cara alla FIAT "messi in libertà". In sostanza gli stabilimenti della Riva Acciaio situati nel nord Italia sono stati chiusi: la più classica delle SERRATE.

bo1.jpg image1 giugno - Manifestazione a Bologna 14:40 Tue 04 Jun by elledì 0 comments

Dignità, diritti, lavoro, le richieste urlate con tutti gli accenti dello sfruttamento da un corteo condotto e guidato da lavoratori autorganizzati, a cui non è mancata la solidarietà di qualche centro sociale, degli studenti di Bologna, di attivisti di varie sigle sindacali e politiche.

more >>

imageAncora note sul Testo Unico sulla rappresentanza Confindustria CGIL-CISL-UIL 10/01/2014 Jan 29 by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

L'accordo è finalmente il punto di arrivo del percorso intrapreso dai padroni, che ha subito un'accellerazione dal 2009, si è servito come testa di sfondamento dell'accordo separato in FIAT con le successive fasi, fino al sostegno legislativo dello stesso accordo attraverso l'art. 8 sulle deroghe ai contratti e alle leggi in sede aziendale, attualmente in vigore.

imageOttobre, si sta come tre foglie sugli alberi? Oct 13 by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

Abbiamo passato mesi di soporifera assuefazione agli psicodrammi di una politica istituzionale sempre più avvitata sull'autoconservazione. Una politica paga della riuscita trasformazione autoritaria impressa dalle politiche neoliberali della oligarchia finanziaria. Una elite che ormai comanda ed impera in tutto il mondo, totalmente sorda alle necessità e alle urgenze di una crisi causata dall'esproprio delle ricchezze a danni delle forze più deboli della società. Ma ora le realtà di lotta e di opposizione ricominciano a muovere qualche passo.

textILVA: la nazionalizzazione come soluzione? Sep 22 by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

Di fronte all'evolversi della tragedia ILVA, da più parti si invoca la nazionalizzazione come risposta alla strafottenza e all'arroganza della famiglia Riva, una risposta radicale e di classe che tramite esproprio salverebbe capre e cavoli, letteralmente produzione e ambiente. Come quando a suo tempo si parlava di nazionalizzazione delle banche. Peccato che non sia così. [English]

textReport su FIAT Jun 17 by Viap 0 comments

Se lo sciopero con manifestazione del 28 giugno di tutto il gruppo FIAT riuscirà sarà un segnale forte sulla strada, lunga, della capacità di costruire la reazione della classe lavoratrice che passa per il recupero della dignità, della sua autonomia e della sua unità rispetto ai processi capitalisti in atto.

imageIl padronato detta le regole della rappresentanza sindacale in Italia Jun 06 by Donato Romito 0 comments

Un nuovo patto tra produttori che deve garantire la ripresa dell'accumulazione dei profitti a spese dei diritti e dei salari, deve prevedere la pace sociale e la rimozione di ogni forma di conflitto sindacale.

more >>

image12 dicembre: lavoratori, non schiavi Dec 08 0 comments

Oggi è in gioco la sopravvivenza della difesa collettiva dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e non solo, di fronte a scelte politiche che tentano di disarmarci per segregarci in un futuro di schiavi, impotenti a reagire alla violenza delle politiche dei padroni. Oggi in piazza dobbiamo esserci in tanti se vogliamo cambiare di segno le politiche autoritarie di una Europa che cerca il suo spazio imperialista attraverso la compressione sociale.

image14 novembre 2014 - scioperare e manifestare Nov 11 2 comments

Non è la prima volta che succede. Non è la prima volta che il mondo del lavoro sindacalizzato intreccia la sua lotta con le realtà sociali di base che nei territori, da anni, fanno da argine e da rete solidale di conflitto contro la devastazione capitalistica dei luoghi di vita e dell'ambiente. Ma questo 14 novembre cade nel sesto anno di una crisi che non è più solo finanziaria,solo economica ed occupazionale.

imageVerso lo sciopero generale e sociale nel mondo del lavoro, nei territori, nelle piazze Oct 23 FdCA 0 comments

Come era facilmente prevedibile le rassicurazioni diffuse e propagandate a piene mani da politici, affaristi, finanzieri e confindustriali sulla possibilità di riprendersi da quella che veniva chiamata crisi si sono dimostrate una colossale bugia. Con una ingombrante operazione di depistaggio mediatico all'insegna di "dobbiamo abbattere il debito pubblico" o "dobbiamo abbattere le Tasse", "l'Europa ce lo chiede", "dobbiamo rispettare i vincoli del deficit imposto", si è proceduto alla cancellazione quasi totale dei diritti dei lavoratori.

imageDa Genova a Bologna 22/23 Novembre 2013 Nov 25 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

I tranvieri di Genoa hanno segnato un passaggio importante e guadagnato una posizione fondamentale: hanno bloccato la privatizzazione e non hanno accettato peggioramenti alla loro prestazione lavorativa e questo serve come riferimento al resto del paese.
Se non sono i lavoratori dei servizi che si oppongono al disegno del capitale in merito allo stato sociale, non si va da nessuna parte.

imageGenova: lotte nei trasporti Nov 24 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Siglato l’accordo. Spetterà ai lavoratori dell’azienda trasporti trarre le conclusioni da un accordo con luci e ombre. Per quel che ci riguarda abbiamo sostenuto la loro battaglia, ci interessa qui fare una riflessione e fissare alcuni punti. La lotta è stata contro i licenziamenti, contro il peggioramento delle condizioni di lavoro, contro la riduzione del salario attraverso l’eliminazione dei contratti sia aziendali che nazionali, contro la perdita delle parti normative,delle tutele e dei diritti. Questo significa per la classe l’azione del capitale di privatizzare, esternalizzare le aziende in capo al “pubblico”, poi le ovvie ricadute sul servizio e i cittadini.

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]