user preferences

Note sulla riforma del lavoro

category italia / svizzera | lotte sindacali | opinione / analisi author Saturday April 07, 2012 22:59author by mm - FdCA Report this post to the editors

Dentro il licenziamento individuale per cause economiche c'è la mediazione alla Direzione Provinciale del Lavoro dove, se licenziamento economico è dubbio, si può ottenere risarcimento monetario che si riduce al massimo di 2 anni, a cui segue un percorso di rinserimento con agenzie del lavoro; in caso si vada dal giudice si rischia di perdere la monetizzazione della fuoriuscita, in ogni caso si modifica la causale del provvedimento.


Note sulla riforma del lavoro


Dentro il licenziamento individuale per cause economiche c'è la mediazione alla Direzione Provinciale del Lavoro dove, se licenziamento economico è dubbio, si può ottenere risarcimento monetario che si riduce al massimo di 2 anni, a cui segue un percorso di rinserimento con agenzie del lavoro; in caso si vada dal giudice si rischia di perdere la monetizzazione della fuoriuscita, in ogni caso si modifica la causale del provvedimento.

Infatti stante le ristrutturazioni e le riduzioni di fatturato, quella economica è motivazione facile da usare per liberarsi degli indesiderabili; si salvano forse i delegati ufficiali, non gli indisciplinati comuni. Da considerare che nei licenziamenti economici veri la prassi vuole che si faccia ricorso a scelte, le meno indolori, tipo single, giovani, ultimi assunti, che vengono superate poi; per evitare scelte le aziende usavano incentivi per "volontari alla fuoriuscita" che dava l'opportunità della mobilità di anni che dipendeva dalla età (1, 2, 3 o uno in più sud e isole), nelle aziende metalmeccaniche arrivavano a 30mila netti. Il licenziamento era solo nelle aziende con 15 dipendenti nell'industria. L'articolo 18 imponeva la clausola della "giusta causa" che adesso è anche economica, prima solo per motivi disciplinari, cioè sanzionatori di comportamenti "inopportuni" (malattie non giustificate, ritardi continui, furti, picchiare un collega...)presenti nei contratti nazionali.

2... Si riducono notevolmente i costi per le aziende e per la spesa sociale per i licenziamenti, dove gli amortizzatori si limitano alla disoccupazione che cambia nome, ma non caratteristiche, che dipendono da aver due anni di lavoro precedentemente ed essere stato licenziato, mentre spariscono altre formule, incluso che le aziende doveva pagare almento 9 mesi di INPS (minima) per mettere in mobilità. Il paragrafo 7 dell'articolo 29 sembra prevedere che per i nuovi assunti, fino al 2017 la spesa per le aziende si riduca alla metà dell'Aspi per 12 mesi in 3 anni, circa €1.500 che a regime triplica per tutti. L'Aspi è 1.120 al massimo, calcolato al 75% per il minimo + 25% per eccedenze ovvero come adesso la disoccupazione e mobilità circa, ma si riduce del 15% ogni sei mesi, massimo 12, integrata di altri 6 per dopo i 55 anni.

Essendo una forma assicurativa, cioè dipende dai fondi accumulati dai contributi di imprese e dei lavoratori, l'integrazione dello Stato è minima (circa €1,7 miliardi per il 2013); quindi se mancano i fondi sussiste un problema di assegno. In questi anni (2009, 2010, 2011) i fondi accumulati sono risultati insufficenti e si è ricorso alle precedenti gestioni di circa €9 miliardi all'anno, che per altro solo nel 2003 sono state in attivo per €1,3 miliardi, abitualmente solo di €700 milioni. La gestione della disoccupazione è attiva solo nel 2003, quella di mobilità mai. Nel 2011 la spesa complessiva è quasi €17,8 miliardi (dati UIL), 2,1 milioni di disoccupati, 189 in mobilità e 1,5 milioni in cassa integrazione. Questi sono contabilizzati come spesa dell'INPS che si tende a ridurre limitando le pensioni e gli ammortizzatori sociali. Ci sarà un periodo di trasizione dal 2013 al 2017 per la mobilità che verrà ridotta progressivanmente per i 40 e i 50 anni. La mobilità è anche nel pubblico impiego per 2 anni all'80% dello stipendio dal 2011 per mancanza di ruoli, dopo esiste il licenziamento.

3... I contratti "precari" continuano: viene valorizzato l'apprendistato riducendo assunzione al 30% per 3 anni fino al 50% a regime, dove si risparmiano i contributi (solo il 10%) e inserimento a due livelli inferiori al dovuto. I contratti determinati saranno anche senza causale, la motivazione dell'attivizzazione.

mm

Related Link: http://www.fdca.it

This page has not been translated into Dansk yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Revista "Socialismo Libertário" num. 2

Latest News

Italia / Svizzera | Lotte sindacali | it

Thu 17 Apr, 03:07

browse text browse image

bo.jpg imageDa Genova a Bologna 22/23 Novembre 2013 12:11 Mon 25 Nov by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

gen.jpg imageGenova: lotte nei trasporti 04:01 Sun 24 Nov by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

genova.jpg imageI sacrifici dei lavoratori non bastano mai 21:57 Thu 21 Nov by FdCA Genova 0 comments

textLa montagna ed il topolino 15:53 Sun 17 Nov by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

scioperosociale.jpg imagePesaro 18 ottobre: sciopero sociale 11:49 Mon 14 Oct by FdCA Fano/Pesaro 0 comments

ilva.jpg imageILVA, un anno dopo 18:47 Sun 15 Sep by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

bo1.jpg image1 giugno - Manifestazione a Bologna 15:40 Tue 04 Jun by elledì 0 comments

fiom.jpg imageNon è la madre di tutte le battaglie 15:16 Tue 14 May by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

rnsl.jpg imageLa Rete nazionale per la sicurezza a Napoli e a Roma 17:52 Mon 11 Feb by Rete nazionale salute e sicurezza sui posti di lavoro 0 comments

textIl capitalismo si prende le nostre vite riducendoci in merce 15:55 Fri 25 Jan by FdCA-Puglia 0 comments

more >>

Opinion and Analysis

imageAncora note sul Testo Unico sulla rappresentanza Confindustria CGIL-CISL-UIL 10/01/2014 Jan 29 by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

imageOttobre, si sta come tre foglie sugli alberi? Oct 13 by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

textILVA: la nazionalizzazione come soluzione? Sep 22 by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

textReport su FIAT Jun 17 by Viap 0 comments

imageIl padronato detta le regole della rappresentanza sindacale in Italia Jun 06 by Donato Romito 0 comments

more >>

Press Releases

imageDa Genova a Bologna 22/23 Novembre 2013 Nov 25 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

imageGenova: lotte nei trasporti Nov 24 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

imageI sacrifici dei lavoratori non bastano mai Nov 21 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

textLa montagna ed il topolino Nov 17 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

imagePesaro 18 ottobre: sciopero sociale Oct 14 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]