user preferences

New Events

Mashrek / Arabia / Irak

no event posted in the last week

Palestina-Israele, l'espandersi della lotta unitaria non piace alle forze di stato israeliane

category mashrek / arabia / irak | lotte sul territorio | cronaca author Wednesday March 28, 2012 17:10author by Ilan S. - Anarchists Against the Wall, Matzpen, A-Infosauthor address Tel Aviv Report this post to the editors

Report del 21.03.12

E' il secondo venerdì che un attivista di Anarchici Contro il Muro rimane seriamente ferito. Nel corso della manifestazione a Nabi Salih della scorsa settimana, fu un proiettile di gomma a colpire alla base del collo uno dei nostri. Il venerdì precedente fu una bomboletta di gas lacrimogeno a spezzare la gamba di un altro nostro attivista. Sembra che lo forze di stato non facciamo più differenza tra noi ed i palestinesi nel corso delle manifestazioni. Probabilmente vanno in cerca di un altro scandalo mediatico dopo il video con cui abbiamo documentato una loro aggressione contro un attivista israeliano. Sebbene non sia affatto facile, stiamo iniziando a partecipare anche alle nuove lotte persistenti iniziate in altri villaggi. Bil'in e Ni'lin che sono stati in prima fila nella lotta e nella repressione ora sono sullo sfondo. La maggiore pressione è oggi su Nabi Salih, e stiamo a vedere quello che potrebbe accadere a Qaddum ed ad-Dik. [English]


L'espandersi della lotta unitaria non piace alle forze di stato israeliane


E' il secondo venerdì che un attivista di Anarchici Contro il Muro rimane seriamente ferito. Nel corso della manifestazione a Nabi Salih della scorsa settimana, fu un proiettile di gomma a colpire alla base del collo uno dei nostri. Il venerdì precedente fu una bomboletta di gas lacrimogeno a spezzare la gamba di un altro nostro attivista. Sembra che lo forze di stato non facciamo più differenza tra noi ed i palestinesi nel corso delle manifestazioni. Probabilmente vanno in cerca di un altro scandalo mediatico dopo il video con cui abbiamo documentato una loro aggressione contro un attivista israeliano. Sebbene non sia affatto facile, stiamo iniziando a partecipare anche alle nuove lotte persistenti iniziate in altri villaggi. Bil'in e Ni'lin che sono stati in prima fila nella lotta e nella repressione ora sono sullo sfondo. La maggiore pressione è oggi su Nabi Salih, e stiamo a vedere quello che potrebbe accadere a Qaddum ed ad-Dik.

Beit Ummar

Sabato 17 marzo 2012 - manifestazione settimanale di protesta

"Il Comitato Popolare di Beit Ummar ha organizzato una manifestazione pacifica nei pressi dell'insediamento di Karmei Tzur, costruito sulla terra rubata ai contadini di Beit Ummar. Quando siamo arrivati vicino al cosiddetto recinto di sicurezza che circonda l'insediamento, più di 60 soldati israeliani armati di tutto punto ci hanno intercettato ed hanno cercato di respingerci con la forza, ma noi abbiamo resistito alla loro violenza ed abbiamo proseguito. Questa manifestazione era in solidarietà con Hana Shalabi che sta facendo lo sciopero della fame da 31 giorni nel carcere israeliano dove è detenuta, e in memoria del nono anniversario del martirio di RACHEL CORRIE che venne travolta 9 anni fa da una ruspa dell'esercito israeliano mentre lei stava cercando di impedire che il mezzo meccanico demolisse una casa palestinese a Rafah nella Striscia di Gaza. E' importante notare che il comitato popolare di Beit Ummar sta facendo lo sciopero della fame da 2 settimane in solidarietà con Hana Shalabi. Giustizia e libertà per Hana Shalabi, Lunga vita alla memoria di Rachel Corrie. LUNGA VITA ALLA PALESTINA."

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.39186167082414...80298

Bil'in

Venerdì 16 marzo 2012. Circa 50 attivisti: 10 Israeliani, 10 internazionali e circa 30 Palestinesi - la maggior parte di cui si è spostata in auto in un mezzogiorno piovoso dal centro del villaggio verso il parco di Abu Lamun che confina con il nuovo muro della separazione. Erano in pochi quelli che volevano fare il non breve percorso a piedi.
Giunti nell'area di Abu Lemon, i partecipanti hanno issato bandiere palestinesi e poster di Hana Shalabi; abbiamo scandito slogan per l'unità nazionale, per la fine dell'occupazione, per la distruzione del muro dell'apartheid e per la libertà dei prigionieri palestinesi... ma anche i soliti slogan. Pochi manifestanti hanno osato sfidare i soldati introducendosi tra i due recinti di filo spinato che "proteggono" il muro. Alcuni sono riusciti a rimuovere pezzi di filo spinato. Alcuni giovani hanno lanciato uova marce sui soldati. Allora i soldati posizionati dietro il muro di cemento hanno lanciato una bomba assordante, hanno sparato proiettili di gomma e lacrimogeni sulla manifestazione C'era anche un cannone che sparava acqua puzzolente sui manifestanti.

Dall'altra parte del muro, protetti dai soldati, c'erano dei coloni che urlavano delle oscenità contro i manifestanti, ricevendo risposta in... natura.

A causa del forte vento da nord e della scarsa voglia delle forze di Stato, mi sono perso per la seconda volta in un solo colpo l'odore del gas.

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.39112777756419...80298

Gerusalemme/Al-Quds

Manifestazione di venerdì a Sheikh Jarrah
"Sono ormai 3 anni che si fanno manifestazioni contro gli sgomberi a Sheikh Jarrah, ma sono mesi che non se ne sente più parlare. Sono andato a rendermi conto di persona venerdì 16 marzo - ed ho trovato solo il guscio di quello che c'era una volta. [Agli inizi, la sinistra radicale sionista si era unita alle centinaia di attivisti più radicali, agli Anarchici Contro il Muro e della sinistra non sionista. Ora, ciò che rimane della sinistra radicale sionista, più alcuni veri attivisti radicali, ha concentrato la sua attività nel quartiere di Silwan che deve far fronte ad una massiccia operazione di confisca di terre e di sgomberi. I.S.]

Un pugno di persone davanti al Parco di Sheikh Jarrah (foto: Mya Guarnieri http://972mag.com/wp-content/uploads/2012/03/DSC07981.jpg)

Circa 30 manifestanti si sono radunati venerdì a Gerusalemme Est nel quartiere di Sheikh Jarrah per manifestare contro l'appropriazione delle case dei palestinesi da parte dei coloni israeliani. La gran parte dei manifestanti era israeliana; sei i palestinesi presenti. Era stato un urlo di protesta che veniva da lontano a spingere sulla mappa delle lotte il quartiere di Sheikh Jarrah ed il Movimento di Solidarietà Israeliano. Quei raduni settimanali così entusiasti avevano attratto centinaia di persone che cantavano, alzavano cartelli e facevano musica nel nome della fine dell'occupazione israeliana e della fine dell'espansione degli insediamenti. Nella manifestazione di venerdì 16 marzo non c'erano cartelli, né slogan e nemmeno musica. Poche persone sventolavano bandiere palestinesi. La maggior parte faceva capannelli e chiacchierava. E' passata una jeep della polizia di confine, nel disinteresse dei presenti. Parlando della natura della lotta unitaria, un anziano palestinese del quartiere sgomberato a favore dei coloni israeliani ha sottolineato come a lui non gli importi molto se i manifestanti sono ebrei oppure arabi. "Chiunque sostenga [la lotta] contro l'occupazione, può manifestare." Ha aggiunto che la sua casa è come quella degli altri abitanti del suo quartiere e che unirsi alla protesta è un fatto collettivo e non "qualcosa di individuale."

Amira Salamon Abdl Aziz ha espresso un sentimento simile. Lei vive ad A-Ram, un villaggio palestinese tra Ramallah e Gerusalemme. Se la barriera della separazione viene costruita secondo i progetti israeliani, il villaggio sarà circondato da tre lati.

Parlando di Sheikh Jarrah, Abdl Aziz dice: "Oggi tocca alle loro case. Non so se domani toccherà alle nostre case. Solo Dio lo sa." Ha partecipato alla manifestazione settimanale a Sheikh Jarrah dopo essere andata alla preghiera del venerdì nella moschea di Al Aqsa. L'ha colpita la natura pacifica della protesta ed il fatto che vi erano sia palestinesi che israeliani.

Abdl Aziz, che ha vissuto per 11 anni a New York, aggiunge: "Lì [a New York], ci sono ebrei ed arabi. E' un'opportunità che possiamo cogliere insieme - perché lì, con i nostri vicini c'è reciprocità." Anche se "le cose sono cambiate," dice Abdl Aziz a proposito dei piccoli numeri della protesta, continua a venire perché c'è uno spirito comune.

Parlando degli sgomberi, in generale, lei aggiunge. "Tu te ne stai seduto lì e certe [persone] - non chiamateli israeliani - chiamateli alieni, vengono dal loro spazio esterno e ti dicono che devi andartene, quella casa non è tua ma nostra. Come ti sentiresti? "Questa è una domanda che vorrei porre a tutto il mondo."
Al-Ma'sara

Violenza estrema da parte dell'esercito di occupazione e 4 arresti ad al Ma'sara:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.39112830756414...80298
Ahmad Mezher: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.39172429418915...67951

Manifestazione settimanale ad Al-Ma'sara sotto una pioggia battente con decine di palestinesi ed israeliani contro il muro ed in solidarietà con Hana Shalabi. Per primo l'esercito ha aggredito Mahmoud Zawahre, coordinatore del comitato popolare di Al-Ma'sara, strappandogli i vestiti prima che riuscisse a sottrarsi. Dopo hanno iniziato ad attaccare la gente con manganelli, hanno arrestato 4 attivisti israeliani poi rilasciati, hanno anche rotto la macchina fotografica del giornalista Musa Alshaer, dopo che hanno mandato in frantumi il parabrezza di un'auto palestinese.

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.3521788448012....12368

Video:
shaheenhodhod: http://www.youtube.com/watch?v=mVzh-OGZejo
mariosavio: http://www.youtube.com/watch?v=I1qbBs2vDlA

Nabi Salih

16 marzo 2012 Nabi Salih a fianco di Hana Al-Shalabi in sciopero della fame; manifestante israeliano colpito alla testa

Hana Al-Shalabi, una donna palestinese reclusa in stato di detenzione amministrativa dopo che era stata rilasciata da Israele nell'ultimo scambio di prigionieri, è in sciopero della fame da un mese per protestare contro il trattamento a lei riservato e per la sua liberazione. I residenti di Nabi Salih ed altri palestinesi si sono radunati ad Al-Shalabi questo venerdì, portando posters, mentre il corteo settimanale lasciava il centro del villaggio. La manifestazione è stata subito attaccata dalle forze di occupazione israeliane col cannone "puzzola" che spara getti di acqua puzzolente. Sono seguiti lanci di lacrimogeni sparati da una jeep militare con un cannone automatico. I soldati israeliani si sono avvicinati alla periferia del villaggio a piedi, hanno invaso il villaggio e lo hanno circondato completamente, prendendo di mira i manifestanti con lacrimogeni e proiettili. In uno di questi attacchi una manifestante israeliana è stata colpita alla nuca da un lacrimogeno o da un qualche altro tipo di proiettile "meno letale". E' stata ricoverata in ospedale a Ramallah e dimessa dopo cure iniziali. Almeno altri due manifestanti sono stati feriti dal fuoco israeliano. La manifestazione di oggi seguiva una settimana di pesante repressione da parte delle forze israeliane, che hanno fatto raid nel villaggio per 4 notti, entrando nelle case per perquisirle ed arrestando giovani puntandogli contro il fucile.

PNN: Le forze Israeliane fanno incursioni nel villaggio di Nabi Salih, irrompono nella case
Venerdì, 16 March 2012 13:20

Venerdì 16 marzo, le forze israeliane hanno continuato i loro attacchi al villaggio di Nabi Salih, a nord di Ramallah per il quarto giorno consecutivo. Le forze Israeliane hanno fatto incursione nel villaggio irrompendo nelle case, perquisendo e sequestrando. Testimoni oculari hanno detto che le forze israeliane avevano fotografie delle persone che partecipano alle manifestazioni settimanali contro il muro e contro gli insediamenti, per cui hanno potuto fare degli arresti.

Gli scontri tra le forze israeliane e gli abitanti del villaggio hanno visto dozzine di giovani affrontare le jeep israeliane all'ingresso del villaggio.

Foto: soldati israeliani intorno a Naomi Laet, 22 anni, un'attivista israeliana degli Anarchici Contro il Muro, dopo che è stata colpita alla testa da un proiettile d'acciaio ricoperto di gomma durante una manifestazione in Cisgiordania a Nabi Salih, vicino Ramallah, il 16 marzo 2012 contro la confisca delle terre per costruirvi l'insediamento ebraico di Halamish. E' stata ricoverata nell'ospedale di Ramalla e poi dimessa.

http://a1.sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-ash4/s320x320...n.jpg

Media: In un altro caso di oggi, la manifestazione a Nabi Salih, 3 manifestanti sono stati feriti; una donna israeliana è stata colpita alla testa da un proiettile di gomma, anche residenti palestinesi sono stati feriti da proiettili di gomma ed un altro residente è stato colpito da un lacrimogeno. Inoltre i soldati hanno usato il liquido puzzolente sparato da un cannone ad acqua.

foto di Tamimi Press, Elyakim Nitzany: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.39112170423147...80298
yisraelpnm: http://www.youtube.com/watch?v=eB2-89hsy88
David Reeb: http://www.youtube.com/watch?v=Yi8Hlw8ZN1o

Ni'lin

Manifestazione settimanale:

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.39112931756404...80298

Qaddum

Scrive un compagno israeliano "4 Israeliani, 10 internazionali e 200 palestinesi hanno manifestato questa settimana a Qaddum. La manifestazione è iniziata come al solito con il corteo, accompagnato da musica, sulla strada che era stata interdetta ai palestinesi. Questo blocco ha interferito in modo significativo col diritto alla mobilità, con le consuetudini di vita, aumentando i costi degli spostamenti da e verso il distretto di Nablus. Pochi minuti dopo il nostro arrivo, l'esercito ha iniziato a sparare lacrimogeni e poi è successa una cosa - secondo me - alquanto rara:

L'esercito ha sguinzagliato un cane pastore tedesco, aizzandolo contro i manifestanti. Il cane ha addentato uno dei manifestanti, Ahmed, mettendolo in ginocchio senza mollare la presa per lunghissimi minuti. Lo zio del ragazzo ed un attivista israeliano hanno cercato di avvicinarsi senza riuscirci e beccandosi pure una spruzzata in faccia di spray al peperoncino.

Durante la manifestazione, 3 persone sono state ferite dai lacrimogeni, 2 ai piedi ed un altro ferito alla spalla. Dopo la manifestazione ci siamo intrattenuti con gli abitanti del villaggio per sapere delle condizioni di Ahmed e per incontrare e confortare i familiari di Ahmed che erano molto preoccupati. E per fornire assistenza legale agli arrestati. E' la prima volta che a Qaddum ci sono persone arrestate durante la manifestazione.

Penso che se fossimo stati di più, avremmo potuto fare di più. Inoltre mi pare che ci sia una consapevolezza dell'importanza di fornire aiuto e di influenzare la risposta dell'esercito israeliano. Naturalmente ringrazio chi ci ha aiutato. Più saremo a Qaddum più saremo visibili e notati."

Media:

Durante una protesta di routine di manifestanti palestinesi in un antico villaggio, è successa una cosa insolita: i soldati lì presenti hanno aizzato un cane a mordere un manifestante, Ahmed, al braccio per parecchi minuti, causandogli una ferita leggera. Secondo i manifestanti ed in base alle foto dell'evento, il cane non avrebbe permesso al suo istruttore di mollare la presa. Un altro manifestante ha chiesto ad un ufficiale di fare liberare Ahmed dalla morsa del cane, ma è stato a sua volta arrestato dopo che i soldati lo hanno spruzzato con spray al peperoncino.

Il fatto si è verificato poco dopo la manifestazione nel villaggio, quando i giovani hanno iniziato a lanciare sassi sulla polizia di confine, questa ha sguinzagliato il cane verso un gruppo d manifestanti. Questi si sono messi a correre ma il cane ne ha preso uno, mettendolo in ginocchio e mordendogli un braccio. Jonatan Pollak, portavoce dei comitati popolari dei villaggi della Cisgiordania, ha dichiarato che i soldati hanno usato i cani anche in passato, ma non si era mai vista una aggressione a morsi.

Vedi le immagini dell'attacco del cane http://www.youtube.com/watch?v=WCyWyIEtr70

Un portavoce dell'esercito ha risposto che "durante una manifestazione illegale di circa 100 palestinesi, ad ovest di Nablus, sono stati fatti rotolare copertoni in fiamme e sono state lanciate pietre contro le forze di sicurezza, che hanno risposto con l'uso di mezzi di dispersione di massa. Un palestinese è stato arrestato per aggressione fisica alle forze in campo. Un altro palestinese arrestato è stato morso durante l'arresto da un cane appartenente all'esercito. E' stato medicato dal servizio medico militare e non c'è stato bisogno di ricovero. I 2 sono a disposizione delle forze di sicurezza."

Le manifestazioni settimanali di un antico villaggio, vicino l'insediamento di Kedumim, si tengono regolarmente da 10 mesi per protestare contro l'occupazione della terra del villaggio. La manifestazione di oggi era dedicata alla memoria di una attivista americana, Rachel Corrie, che è morta 9 anni fa travolta da una ruspa dell'esercito a Rafah."

Dalla manifestazione settimanale contro l'apartheid israeliana. Terrificante, spaventoso, incomprensibile:

Video delle forze israeliane che aggrediscono manifestanti palestinesi disarmati nel villaggio di Kufr Qaddum in Cisgiordania, usando un cane d'assalto che morde e ferisce seriamente un manifestante. Video di Odai Qaddomi/B'Tselem http://www.youtube.com/watch?v=WCyWyIEtr70
http://t.co/MnwEAfcN
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.38601434142766...18321
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.39113272089703...80298

Tel Aviv

Video della manifestazione contro il recente attacco su Gaza e della contro-manifestazione nazionista di fronte al ministero della guerra.
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded
Israel Putermam: http://www.youtube.com/watch?v=7kzQkb_nnfU

Lotta sociale

Prima serata in Jaffa Street a Gerusalemme. Il clima è caldo e ci sono 150 manifestanti nella strada chiusa che con spirito battagliero stanno marciando con megafoni, grandi cartelli, ma soprattutto a squarciagola. "Il popolo" vuole edilizia pubblica, si urla con voce roca. Questa manifestazione ha fatto più rumore del solito grazie al passeggio serale ed all'acustica della strada che aiuta i manifestanti.

No, non è l'estate del 2011. Questa è la manifestazione di marzo 2012. I passanti, un po' sorpresi, potevano pensare che si trattasse di una coda delle proteste della scorsa estate, ma le verità è che questa è una manifestazione che guarda al futuro.
 

Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:

Related Link: http://www.fdca.it/wall

This page has not been translated into Català yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Mashrek / Arabia / Irak | Lotte sul territorio | Cronaca | it

Mon 24 Nov, 19:15

browse text browse image

textPalestina-Israele - la lotta unitaria in tempi turbolenti 15:41 Fri 14 Nov by Ilan S. 0 comments

La lotta popolare non-armata delle comunità palestinesi, a cui aderiscono gli Anarchici Contro il Muro ed altri, non è una lotta di "liberazione nazionale" o di "autodeterminazione" della nazione palestinese. E' invece la lotta del popolo palestinese, la cui stragrande maggioranza è composta di lavoratori, contro la minaccia di sgomberi e contro lo sfruttamento imposto dal progetto coloniale sionista di Israele. Nessuno di coloro i quali partecipano alle lotte e che non stanno dentro l'elite palestinese nutre illusioni sull'elite palestinese e sullo Stato che governeranno e gestiranno dopo la fine dell'occupazione. [English]

textPalestina-Israele, la lotta unitaria mette a nudo la vera natura di Israele 17:22 Fri 07 Nov by Ilan S. 0 comments

Per anni Israele ha cercato di neutralizzare la pressione delle persone più illuminate nascondendo il suo brutale razzismo e le sue attività omicide ricorrendo alla memoria dell'Olocausto quale giustificazione per tutti i suoi atti efferati man mano che venivano rivelati. Tuttavia, questa mascherata durata anni ha portato ad una crescente disillusione verso il "sogno sionista" e ad un veloce allentamento dei vincoli precedenti. La destra predica apertamente la sua ideologia razzista estremista. I coloni "paramilitari" sono a ruota libera. [English]

textPalestina Israele, la lotta unitaria compie 11 anni e non si ferma 16:28 Thu 16 Oct by Ilan S. 0 comments

Gli scontri tra le forze armate israeliane (insieme ai coloni) ed una folla unita composta da attivisti ebrei israeliani e palestinesi all'interno dei territori occupati nel 1967 è una cosa talmente frequente che la gente non riesce a coglierne l'unicità. Il disastro mediatico del progetto sionista di sgomberi ha costretto Israele a dover escludere che si potessero usare munizioni vere per uccidere manifestanti palestinesi disarmati soprattutto in caso di presenza di cittadini israeliani. [English]

textPalestina-Israele, la lotta unitaria e la crudele politica israeliana degli sgomberi 14:10 Fri 03 Oct by Ilan S. 0 comments

Araqeeb (villaggio dei Beduini dal 1948), Bil'in, Dahams (Ramla nel 1948), Gerusalemme est (occupata nel 1967, in particolare i quartieri di Sheikh Jarrah e Shuafat, ed i Beduini nella regione) Ma'sarah, Nabi Saleh, Ni'ilin, Qaddum, le colline a sud di Hebron, ecco le principali località delle lotte unitarie a cui hanno partecipato gli Anarchici Contro il Muro. Mentre Israele finge di darsi da fare per una pace qualsiasi, non smette però di intensificare gli sgomberi con un azzardo crescente. Il governo israeliano conta sull'appoggio della lobby filo-israeliana della destra statunitense e sull'importanza strategica di Israele in tempi turbolenti nonostante la montante pressione internazionale... sebbene le autorità israeliane e l'opinione pubblica si mostrino preoccupate delle pressioni economiche e politiche. [English]

textPalestina-Israele: la lotta unitaria contro il progetto colonialista israeliano per lo sgombero dei ... 14:51 Tue 23 Sep by Ilan S. 0 comments

Nonostante il fallimento dell'ultimo attacco israeliano alla striscia di Gaza, non si fermano gli sforzi di Israele per sgomberare i palestinesi. L'affondamento di una nave di rifugiati con 450 persone a bordo principalmente di Gaza dimostra il parziale successo di Israele in questa politica di sgomberi che non si è mai fermata fin dal 1948. L'assedio di Gaza è tutt'uno con la pressione sui palestinesi, sia quelli dentro i confini del 1948 che del 1967. Pur avendo costretto ad andarsene grandi masse di palestinesi durante le guerre del 1948 e del 1967, Israele ha proseguito questa sua politica con tutti i mezzi possibili. [English]

textPalestina-Israele, la lotta unitaria prosegue ma a bassa intensità: lo scorso venerdì solo 3 israeli... 15:43 Sun 14 Sep by Ilan S. 0 comments

I 50 giorni di guerra su Gaza sono finiti dopo che Israele ha implorato un cessate-il-fuoco ed aperto ad ulteriori richieste da parte di Hamas (di cui alcune tenute segrete persino agli stessi ministri israeliani). Una maggioranza di israeliani è disposta ad ammettere che Israele non ha vinto la guerra ma riconoscono con difficoltà che Hamas ha avuto la mano migliore. I ministri hanno approvato due settimane fa un documento del governo contenente una proposta di dispiegamento di una forza internazionale a Gaza, che può significare la fine dell'occupazione israeliana della Striscia di Gaza e l'apertura del ghetto... e può essere un precedente che potrebbe essere la fine dell'occupazione della Cisgiordania. [English]

textPalestina-Israele, l'attacco militare a Gaza è stato un fallimento rispetto alle aspettative ma anch... 17:11 Mon 25 Aug by Ilan S. 0 comments

La guerra di Israele su Gaza intendeva indebolire Hamas ma renderlo indipendente dall'Autorità in Cisgiordania. Un mese e mezzo è passato ed Israele non riesce a fermare il lancio di razzi di Hamas su Israele. Hamas ha chiesto ad alta voce la rimozione dell'assedio ed il primo ministro israeliano non ha avuto l'appoggio necessario dalla sua coalizione per il necessario compromesso. Per diminuire le perdite e per salvare la faccia Israele con il sostegno degli USA stanno ora delegando la questione a quel Consiglio di Sicurezza dell'ONU di cui Israele non si è curato per molti anni. [English]

textPalestina-Israele, l'attacco israeliano a Gaza finisce con la sconfitta della sua arrogante dimostra... 16:03 Fri 15 Aug by Ilan S. 0 comments

Israele aveva iniziato il suo attacco a Gaza per sabotare il compromesso tra Hamas e l'Autorità Palestinese e per restaurare un governo indipendente di un indebolito Hamas sulla Striscia di Gaza. Il compromesso di Hamas doveva essere una risposta al blocco egiziano finalizzato a smantellare Hamas stesso. Il fallito attacco israeliano porterà ad una significativa apertura del confine tra Israele e la Striscia di Gaza laddove prima dell'attacco passa lo stretto necessario in una situazione sull'orlo di una catastrofe umanitaria. [English]

textPalestina-Israele, la lotta unitaria in tempi di guerra 16:07 Wed 06 Aug by Ilan S. 0 comments

Le lotte unitarie nelle solite località di Bil'in, Ni'lin, Ma'sara, Sheikh Jarrah, Nabi Saleh, Qaddum, le colline a ovest di Hebron, svoltesi nel weekend ed in settimana, si sono focalizzate sulla guerra a Gaza e sugli aspetti più evidenti dell'occupazione. Ad oggi, sembra che Israele abbia fallito l'obiettivo di insediare a Gaza un governo di Hamas indipendente ma indebolito, dato che le atrocità commesse su Gaza non sono riuscite a suscitare una pressione internazionale sufficiente a spingere l'Egitto ad allentare l'assedio su Gaza. Pare che tra Hamas e l'Autorità Palestinese in Cisgiordania verrà rinnovato quel patto che Israele ha così strenuamente cercato di sabotare. [English]

textPalestina-Israele - conflitto senza fine tra il colonialismo sionista ed i palestinesi 16:56 Tue 22 Jul by Ilan S. 0 comments

Siamo al 13° giorno di guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas. In tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Tutto quello che Israele vuole da questa guerra è rompere l'unità di governo palestinese ed evitare l'accelerazione degli accordi di pace. Il problema causato dalla resa di Hamas, messa in ginocchio dalla crisi economica, alla Autorità Palestinese, deriva dalle scelte del governo egiziano, il quale minaccia molto seriamente quel progetto di divisione permanente dei Palestinesi a cui Israele ha dedicato tanti sforzi. Il solo totale collasso del governo di Hamas nella Striscia di Gaza spaventa Israele più di ogni altra cosa. [English]

more >>

textRojava: Fantasie e realtà Nov 08 by Zafer Onat 0 comments

La resistenza a Kobane che dura da oltre 45 giorni ha spostato l'attenzione dei rivoluzionari di tutto il mondo sulla Rojava. Grazie al lavoro svolto da Azione Rivoluzionaria Anarchica (DAF, Turchia, ndt), i compagni anarchici di varie parti del mondo hanno inviato messaggi di solidarietà alla resistenza di Kobane (1). Questa posizione internazionalista è di grande importanza per il popolo che resiste a Kobane. Tuttavia, se non analizziamo cosa sta accadendo veramente e se invece facciamo del romanticismo, i nostri sogni potrebbero essere delusi in un breve lasso di tempo. [English]

imageLa sperimentazione del Kurdistan Occidentale (Kurdistan siriano) ha dimostrato che il popolo può cam... Sep 03 by Zaher Baher 0 comments

Ciò che leggerete di seguito è l'esperienza della mia visita di un paio di settimane nel maggio di quest'anno, 2014, nel Nord Est della Siria o Kurdistan siriano (Ovest del Kurdistan) con un mio caro amico. Durante la visita abbiamo avuto piena libertà e l'opportunità di vedere e di parlare con chiunque. Incluse donne, uomini, giovani e partiti politici. Ci sono più di 20 partiti dai curdi ai cristiani, alcuni sono nell'Auto Amministrazione Democratica (DSA) o Autogestione Democratica (DSM) della regione di Al-Jazera. Al-Jazera è una delle tre regioni (cantoni) del Kurdistan dell'Ovest. Abbiamo incontrato anche i partiti politici curdi e cristiani che non fanno parte della DSA o della DSM. Inoltre abbiamo incontrato i vertici della DSM, membri di diversi comitati, gruppi locali e comuni così come uomini d'affari, negozianti, lavoratori, persone al mercato e gente che semplicemente camminava per strada.
[English]
[Français]

imageVita e opera dell'anarchico Omar Aziz... Sep 11 by Leila Shrooms 0 comments

Omar Aziz nacque a Damasco. Rientrò in Siria dal suo esilio in Arabia Saudita e negli Stati Uniti nei primi giorni della rivoluzione siriana. Intellettuale, economista, anarchico, marito e padre, all'età di 63 anni si è impegnato nella lotta rivoluzionaria. Lavorò con attivisti locali per raccogliere e distribuire aiuti umanitari nei sobborghi di Damasco, posti sotto assedio dal regime. Attraverso scritti ed attività ha promosso l'autogoverno locale, l'organizzazione orizzontale, la cooperazione, la solidarietà e il mutuo sostegno, quali mezzi attraverso i quali le persone possono liberarsi dalla tirannia dello Stato. Insieme con i suoi compagni, Aziz fondò il primo Consiglio Locale a Barzeh, Damasco. L'esempio si è poi diffuso attraverso la Siria e con esso sono nati alcuni dei più promettenti e duraturi esempi di autorganizzazione non gerarchica nei paesi della Primavera araba. [Ελληνικά]

imageOrizzonti futuri della rivoluzione siriana May 23 by Mazen Kalmamaz 0 comments

La caratteristica principale della rivoluzione siriana sta nel suo aspetto giovanile e spontaneo, perché creato dalla strada e ad essa direttamente collegata. Si tratta di una rivoluzione senza controllo centralizzato, sorta dalla ribellione individuale, pertanto nessuno può pretendere di governarla o di condurla, ed il motivo è semplice: i giovani ribelli si sono levati spontaneamente e la partecipazione dei religiosi, specialmente quelli estremamente reazionari o di qualsiasi altra tendenza, non è visibile. [العربية ]

imageCade il muro israeliano a Bil'in in Palestina Jul 08 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Una lotta durata 6 anni e 4 mesi ha costretto lo Stato di Israele a restituire quasi metà delle terre sottratte al villaggio di Bil'in e che erano destinate alla costruzione dell'insediamento coloniale di Modi'in Illit. La rimozione del vecchio muro della separazione è la vittoria della lotta unitaria che, a Bil'in come in tanti altri villaggi della Cisgiordania, vede insieme ogni settimana Palestinesi ed attivisti israeliani ed internazionali sfidare le forze di occupazione, per restituire la libertà e la terra ai palestinesi.

textIsraele-Palestina: L'assassinio di Ahmad Husam Yousef Mousa Jul 30 Anarchists Against the Wall 0 comments

Ahmad Husam Yousef Mousa, di 10 anni, è stato assassinato ieri mentre manifestava insieme agli amici contro il muro della separazione che attualmente si sta costruendo sui terreni del suo villaggio, Ni'ilin. Arrivati al cantiere del muro, i militari hanno sparato proiettili di gomma verso i ragazzi, che hanno poi cominciato a ritirarsi. A quel punto, uno dei militari ha sparato un proiettile carico alla testa di Ahmad da una distanza di circa 10 metri.

textBil'in, prosegue la lotta unitaria non-violenta nonostante le provocazioni e la crisi militare Jul 17 FdCA 0 comments

In un momento di escalation drammatico come questo sostenere, diffondere e rendere merito a questi piccoli/grandi momenti di lotta di base non violenta, che con continuità resistono ad opporsi alle logiche di stato, di dominio e di violenza, è forse la sola risposta che possiamo dare come comunisti anarchici per la costruzione di una società senza muri, senza stati e senza frontiere, senza più guerre.

© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]