user preferences

New Events

Nordafrica

no event posted in the last week

Rif (Marocco): il coprifuoco imposto in tutta l'area di Ait Bouayach

category nordafrica | lotte sul territorio | cronaca author Thursday March 15, 2012 17:54author by Equipo de Trabajo para el Norte de África - Confederación General del Trabajo Report this post to the editors

Aumenta la rivolta nei villaggi intorno ad Ait Bouatach e si allargano gli scontri. Pur essendo stato dichiarato dalle forze repressive il coprifuoco in tutta l'area di Ait Buayash, col divieto per tutti di uscire di casa e stare in strada, molti giovani si sono rifugiati sulle montagne intorno e da lì attaccano la polizia. Gli scontri continuano. [Castellano]

imzn50.jpg


Rif: il coprifuoco imposto in tutta l'area di Ait Bouayach


La rabbia della gente

Aumenta la rivolta nei villaggi intorno ad Ait Bouatach e si allargano gli scontri. Pur essendo stato dichiarato dalle forze repressive il coprifuoco in tutta l'area di Ait Buayash, col divieto per tutti di uscire di casa e stare in strada, molti giovani si sono rifugiati sulle montagne intorno e da lì attaccano la polizia. Gli scontri continuano.

La polizia ha effettuato numerosi arresti, tra cui il compagno Mohamed Jellul, maestro, esponente dello Spazio Sindacale Democratico e del Foro per i diritti umani del nord del Marocco, membro importante del 20F [Movimento del 20 febbraio 2011 che chiede riforma costituzionale, fine della corruzione politica ed accesso al mercato del lavoro, ndt], e non smette di minacciare ed aggredire indiscriminatamente la popolazione. Ci sono contadini che hanno affrontato la polizia con le falci ed i forconi.

La rivolta si allarga

Il giorno 11 marzo ci sono stati gravi scontri a Imzuren e Bukidan dopo la richiesta di svolgere una manifestazione di solidarietà da Imzuren ad Ait Buayash per cercare di rompere l'accerchiamento da parte della polizia. I manifestanti hanno espresso chiaramente alla polizia la loro volontà di voler andare ad Ait Buayash pacificamente, ma il divieto della polizia ha provocato della conseguenze.

La risposta della polizia è stata brutale con l'utilizzo di tutti i mezzi repressivi: gas lacrimogeni (nel quartiere di Al Kods di Imzouren hanno creato una nuvola immensa di gas che ha ricoperto tutta la zona), proiettili di gomma, manganelli. Ma la risposta popolare non è stata da meno: secondi alcune fonti sono state bruciate 20 camionette della polizia, ci sono molti poliziotti feriti e 3 di loro sono stati trattenuti dai manifestanti.

Gli elicotteri sorvolano zona, cercando di controllare specialmente le aree montagnose. Nella notte dell'11 marzo sono proseguiti gli arrivi di mezzi militari ad Ait Buayash.

Si allarga anche la solidarietà

Ci sono manifestazioni di appoggio in tutto il Marocco, a partire da Alhoceima.

Manifestaziioni a Tangeri, Tetuán, Nador, Fez, Marrakech, Casablanca... in solidarietà con Ait Buayash. A Tangeri si sta valutando l'interruzione della strada che porta a Rabat mentre Ait Buayash è stata occupata dalla polizia e dall'esercito.

Tanta rabbia

E' tanta la rabbia che sentono gli abitanti del Rif. Isolati, obbligati ad emigrare, sempre sospettati, durante il regno di Hassan II. Sono state fatte promesse di sviluppo, ci sono state visite del re, operazioni di immagine, durante il regno di Mohammed VI, ma le cose non sono cambiate: 5 morti ad Alhucemas il 20 febbraio 2011 con gravi responsabilità riconducibili alla polizia, 1 giovane assassinato da un criminale del Makhzen ad Ait Buayash, repressione, dittatura, corruzione, impunità, assenza di diritti.

La popolazione del Rif sta male. I giovani reclamano libertà e dignità ad un Makhzen [antico termine per esprimere la elite del potere statale, ndr] che li disprezza. Si preparano bottiglie molotov, si fanno girare istruzioni pe evitare gli effetti delle inalazioni da gas, si organizzano agguati alla polizia... Non si vuole cedere, né capitolare. Gira voglia di lottare.

Quando il popolo insorge, il potere marocchino getta via la maschera ed usa il suo vero linguaggio: occupazione militare, arresti, feriti, saccheggio di negozi e case, il regno del terrore. Si dice che il Ministro degli Interni stia per autorizzare il ricorso ad armi da fuoco. E naturalmente, il silenzio. Mentre se ne parla sui media internazionali, c'è silenzio totale sui media marocchini. Nessuna dichiarazione del ministro degli interni.

Ancora più significativo è silenzio totale dei partiti politici marocchini, che partecipano alla farsa parlamentare, appendici del potere. Salvo Annahj Addimocrati ["Via Democratica", partito marxista, ndt], la AMDH [Associazione Marocchina per i Diritti Umani, ndt], il Foro dei diritti umani del nord del Marocco e il movimento amazigh [berbero, ndt], gli altri partiti voltano sempre le spalle al popolo.

La tragedia potrebbe verificarsi in qualsiasi momento e dobbiamo evitarla con la denuncia, con la solidarietà, con la richiesta del ritiro immediato delle forze repressive dall'area e con la liberazione degli arrestati

Il 13 marzo, manifestazione davanti l'ambasciata marocchina a Madrid.

Mouatamid
Gruppo di lavoro per il nord-Africa della Segreteria Internazionale della CGT

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali.


Video sugli scontri a Imzouren:
http://www.youtube.com/watch?v=agFXyoILcsk
http://www.youtube.com/watch?v=bFqBOGU8RQo&feature=share

Manifestazioni di solidarietà

Casablanca:
http://www.youtube.com/watch?v=qvb1L-NaBsQ

Alhoceima:
http://www.youtube.com/watch?v=d6PjHf50EYk

Ulteriori informazioni (in spagnolo):
http://www.cgtandalucia.org/Ait-Bouayach-en-la-provincia-de

Related Link: http://www.cgtandalucia.org

This page has not been translated into Română yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Revolutionary Trade Unionism: The Road to Workers’ Freedom

Latest News

Nordafrica | Lotte sul territorio | Cronaca | it

Thu 24 Apr, 08:41

browse text browse image

Un anno di lotta popolare in Marocco imageMarocco: un gennaio di rivolta e di repressione da parte del nuovo governo 16:38 Thu 16 Feb by Equipo de Trabajo para el Norte de África 0 comments

tunisia_protest_che_guevara_.jpg image[Tunisia] I comitati di difesa della rivoluzione - l'esempio di Biserta 17:04 Mon 16 May by Mouatamid 0 comments

tuezmarzo2011_095.jpg imageNel cuore della Tunisia. Thala: occupata la stazione di polizia 15:40 Sun 01 May by M.H. 0 comments

Monumento a Mohamed Bouazizi a Sidi Bouzid imageIl movimento dei disoccupati in Tunisia: un processo inarrestabile 21:23 Wed 27 Apr by Mouatamid 0 comments

Opinion and Analysis

imageAlgeria: Mentre avanza la mascherata elettorale, continua la repressione dei movimenti sociali Feb 29 by Equipo de Trabajo para el Norte de África 0 comments

imageI Comitati Popolari in Egitto Jun 01 by José Antonio Gutiérrez D. 0 comments

imageQuale democrazia per il mondo arabo? Mar 18 by José Antonio Gutiérrez D. 0 comments

imageLe proteste in Nord Africa: cosa sta succedendo? Jan 17 by Manu García 0 comments

Press Releases

imageLa piazza in Egitto è più forte delle urne elettorali Jul 08 AL 0 comments

imageDichiarazione finale dell'incontro internazionale Oct 14 Incontro internazionale delle lotte in Tunisia 0 comments

imageTunisia, Egitto, Algeria, Giordania, Yemen... Feb 03 Alternative Libertaire 0 comments

imageTunisia: la rivoluzione non è finita Jan 20 Anarkismo 0 comments

© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]