user preferences

New Events

Nordafrica

no event posted in the last week

Rif (Marocco): il coprifuoco imposto in tutta l'area di Ait Bouayach

category nordafrica | lotte sul territorio | cronaca author Thursday March 15, 2012 17:54author by Equipo de Trabajo para el Norte de África - Confederación General del Trabajo Report this post to the editors

Aumenta la rivolta nei villaggi intorno ad Ait Bouatach e si allargano gli scontri. Pur essendo stato dichiarato dalle forze repressive il coprifuoco in tutta l'area di Ait Buayash, col divieto per tutti di uscire di casa e stare in strada, molti giovani si sono rifugiati sulle montagne intorno e da lì attaccano la polizia. Gli scontri continuano. [Castellano]

imzn50.jpg


Rif: il coprifuoco imposto in tutta l'area di Ait Bouayach


La rabbia della gente

Aumenta la rivolta nei villaggi intorno ad Ait Bouatach e si allargano gli scontri. Pur essendo stato dichiarato dalle forze repressive il coprifuoco in tutta l'area di Ait Buayash, col divieto per tutti di uscire di casa e stare in strada, molti giovani si sono rifugiati sulle montagne intorno e da lì attaccano la polizia. Gli scontri continuano.

La polizia ha effettuato numerosi arresti, tra cui il compagno Mohamed Jellul, maestro, esponente dello Spazio Sindacale Democratico e del Foro per i diritti umani del nord del Marocco, membro importante del 20F [Movimento del 20 febbraio 2011 che chiede riforma costituzionale, fine della corruzione politica ed accesso al mercato del lavoro, ndt], e non smette di minacciare ed aggredire indiscriminatamente la popolazione. Ci sono contadini che hanno affrontato la polizia con le falci ed i forconi.

La rivolta si allarga

Il giorno 11 marzo ci sono stati gravi scontri a Imzuren e Bukidan dopo la richiesta di svolgere una manifestazione di solidarietà da Imzuren ad Ait Buayash per cercare di rompere l'accerchiamento da parte della polizia. I manifestanti hanno espresso chiaramente alla polizia la loro volontà di voler andare ad Ait Buayash pacificamente, ma il divieto della polizia ha provocato della conseguenze.

La risposta della polizia è stata brutale con l'utilizzo di tutti i mezzi repressivi: gas lacrimogeni (nel quartiere di Al Kods di Imzouren hanno creato una nuvola immensa di gas che ha ricoperto tutta la zona), proiettili di gomma, manganelli. Ma la risposta popolare non è stata da meno: secondi alcune fonti sono state bruciate 20 camionette della polizia, ci sono molti poliziotti feriti e 3 di loro sono stati trattenuti dai manifestanti.

Gli elicotteri sorvolano zona, cercando di controllare specialmente le aree montagnose. Nella notte dell'11 marzo sono proseguiti gli arrivi di mezzi militari ad Ait Buayash.

Si allarga anche la solidarietà

Ci sono manifestazioni di appoggio in tutto il Marocco, a partire da Alhoceima.

Manifestaziioni a Tangeri, Tetuán, Nador, Fez, Marrakech, Casablanca... in solidarietà con Ait Buayash. A Tangeri si sta valutando l'interruzione della strada che porta a Rabat mentre Ait Buayash è stata occupata dalla polizia e dall'esercito.

Tanta rabbia

E' tanta la rabbia che sentono gli abitanti del Rif. Isolati, obbligati ad emigrare, sempre sospettati, durante il regno di Hassan II. Sono state fatte promesse di sviluppo, ci sono state visite del re, operazioni di immagine, durante il regno di Mohammed VI, ma le cose non sono cambiate: 5 morti ad Alhucemas il 20 febbraio 2011 con gravi responsabilità riconducibili alla polizia, 1 giovane assassinato da un criminale del Makhzen ad Ait Buayash, repressione, dittatura, corruzione, impunità, assenza di diritti.

La popolazione del Rif sta male. I giovani reclamano libertà e dignità ad un Makhzen [antico termine per esprimere la elite del potere statale, ndr] che li disprezza. Si preparano bottiglie molotov, si fanno girare istruzioni pe evitare gli effetti delle inalazioni da gas, si organizzano agguati alla polizia... Non si vuole cedere, né capitolare. Gira voglia di lottare.

Quando il popolo insorge, il potere marocchino getta via la maschera ed usa il suo vero linguaggio: occupazione militare, arresti, feriti, saccheggio di negozi e case, il regno del terrore. Si dice che il Ministro degli Interni stia per autorizzare il ricorso ad armi da fuoco. E naturalmente, il silenzio. Mentre se ne parla sui media internazionali, c'è silenzio totale sui media marocchini. Nessuna dichiarazione del ministro degli interni.

Ancora più significativo è silenzio totale dei partiti politici marocchini, che partecipano alla farsa parlamentare, appendici del potere. Salvo Annahj Addimocrati ["Via Democratica", partito marxista, ndt], la AMDH [Associazione Marocchina per i Diritti Umani, ndt], il Foro dei diritti umani del nord del Marocco e il movimento amazigh [berbero, ndt], gli altri partiti voltano sempre le spalle al popolo.

La tragedia potrebbe verificarsi in qualsiasi momento e dobbiamo evitarla con la denuncia, con la solidarietà, con la richiesta del ritiro immediato delle forze repressive dall'area e con la liberazione degli arrestati

Il 13 marzo, manifestazione davanti l'ambasciata marocchina a Madrid.

Mouatamid
Gruppo di lavoro per il nord-Africa della Segreteria Internazionale della CGT

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali.


Video sugli scontri a Imzouren:
http://www.youtube.com/watch?v=agFXyoILcsk
http://www.youtube.com/watch?v=bFqBOGU8RQo&feature=share

Manifestazioni di solidarietà

Casablanca:
http://www.youtube.com/watch?v=qvb1L-NaBsQ

Alhoceima:
http://www.youtube.com/watch?v=d6PjHf50EYk

Ulteriori informazioni (in spagnolo):
http://www.cgtandalucia.org/Ait-Bouayach-en-la-provincia-de

Related Link: http://www.cgtandalucia.org
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Issue #3 of the Newsletter of the Tokologo African Anarchist Collective

Front page

Elementos da Conjuntura Eleitoral 2014

The experiment of West Kurdistan (Syrian Kurdistan) has proved that people can make changes

[Chile] EL FTEM promueve una serie de “jornadas de debate sindical”

Ukraine: Interview with a Donetsk anarchist

The present confrontation between the Zionist settler colonialist project in Palestine and the indigenous working people

Prisões e mais criminalização marcam o final da Copa do Mundo no Brasil

An Anarchist Response to a Trotskyist Attack: Review of “An Introduction to Marxism and Anarchism” by Alan Woods (2011)

هەڵوێستی سەربەخۆی جەماوەر لە نێوان داعش و &

Contra a Copa e a Repressão: Somente a Luta e Organização!

Nota Pública de soldariedade e denúncia

Üzüntümüz Öfkemizin Tohumudur

Uruguay, ante la represión y el abuso policial

To vote or not to vote: Should it be a question?

Mayday: Building A New Workers Movement

Anarchist and international solidarity against Russian State repression

Argentina: Atentado y Amenazas contra militantes sociales de la FOB en Rosario, Santa Fe

Réponses anarchistes à la crise écologique

50 оттенков коричневого

A verdadeira face da violência!

The Battle for Burgos

Face à l’antisémitisme, pour l’autodéfense

Reflexiones en torno a los libertarios en Chile y la participación electoral

Mandela, the ANC and the 1994 Breakthrough: Anarchist / syndicalist reflections

Melissa Sepúlveda "Uno de los desafíos más importantes es mostrarnos como una alternativa real"

Nordafrica | Lotte sul territorio | Cronaca | it

Tue 23 Sep, 10:20

browse text browse image

Un anno di lotta popolare in Marocco imageMarocco: un gennaio di rivolta e di repressione da parte del nuovo governo 16:38 Thu 16 Feb by Equipo de Trabajo para el Norte de África 0 comments

Le lotte del popolo marocchino sono proseguite con forza per tutto il mese di gennaio. Lotte sindacali, lotte contadine, lotte dei disoccupati, lotte del movimento berbero Amazigh, la lotta a sostegno dei prigionieri politici e contro l'impunità della dittatura, in tutto il paese il popolo sta esprimendo la sua insoddisfazione per la situazione ed il bisogno di un cambiamento, vero e profondo. Il Movimento 20 Febbraio sta manifestando nelle strade e sta preparando il suo primo anniversario. [Castellano]

tunisia_protest_che_guevara_.jpg image[Tunisia] I comitati di difesa della rivoluzione - l'esempio di Biserta 17:04 Mon 16 May by Mouatamid 0 comments

A partire dal 14 gennaio numerosi comitati di salvaguardia della rivoluzione si sono costituiti in molte località del paese, con una varietà di forme, statuti e funzioni. Questo è il resoconto di un incontro con il comitato di Biserta che ci dà un'eccellente idea del lavoro che stanno facendo. [Castellano] [English]

tuezmarzo2011_095.jpg imageNel cuore della Tunisia. Thala: occupata la stazione di polizia 15:40 Sun 01 May by M.H. 0 comments

Seconda parte di una serie di reports di un paio di iscritti alla CGT spagnola in visita in Tunisia. Qui siamo nella città di Thala, nel nord-ovest del paese, una città dove le proteste popolari hanno messo in fuga la polizia locale. [Castellano]

Monumento a Mohamed Bouazizi a Sidi Bouzid imageIl movimento dei disoccupati in Tunisia: un processo inarrestabile 21:23 Wed 27 Apr by Mouatamid 0 comments

I giovani sono stati alla testa della rivoluzione. Mohamed Bouazizi, la cui morte diede innesco la rivolta, era uno di quei tanti giovani istruiti senza una prospettiva futura. Ma questi giovani oggi si stanno auto-organizzando. Da febbraio, sono state costituite più di 100 sezioni sindacali, da quando il Sindacato è stato legalizzato, con più di 45.000 iscritti tra uomini e donne. [Castellano] [English]

imageAlgeria: Mentre avanza la mascherata elettorale, continua la repressione dei movimenti sociali Feb 29 by Equipo de Trabajo para el Norte de África 0 comments

In Algeria, il regime militare mafioso, con la sua facciata civile, va avanti con la preparazione delle elezioni legislative, indette per il prossimo 10 maggio. [Castellano]

imageI Comitati Popolari in Egitto Jun 01 by José Antonio Gutiérrez D. 0 comments

I comitati popolari in Egitto, come in molte altre rivoluzioni nel corso della storia (e senza andare oltre, come in altri paesi scossi dalla "primavera araba"), sono nati per svolgere un ruolo di protezione in una situazione di incertezza e di vuoto di potere, in cui le istituzioni del vecchio ordine sono crollate momentaneamente, ed in cui i comitati giungono rapidamente al punto di diventare espressione di un nuovo potere, il potere delle persone per svolgere compiti e politiche costruttive autogestite come organizzazione alternativa sociale nel processo decisionale. [Castellano]

imageQuale democrazia per il mondo arabo? Mar 18 by José Antonio Gutiérrez D. 0 comments

Riflessioni sul significato delle rivolte in corso nel mondo arabo e sulle loro implicazioni per una teoria rivoluzionaria, con particolare riguardo al dibattito su democrazia e potere popolare. [English] [Castellano] [Català] [Ελληνικά] [العربية]

imageLe proteste in Nord Africa: cosa sta succedendo? Jan 17 by Manu García 0 comments

Le proteste contro l'alto costo della vita, contro la disoccupazione e la corruzione si sono intensificate a partire dalla fine del 2010 in tutto in Nord Africa, tra Tunisia ed Algeria, in tante città, toccando tutti i settori sociali, fino a produrre una situazione di instabilità in entrambi i paesi - cosa che deve preoccupare tanto gli Stati Uniti quanto l'Unione Europea.. [Castellano]

imageLa piazza in Egitto è più forte delle urne elettorali Jul 08 AL 0 comments

Due anni e mezzo dopo l'estromissione di Hosni Mubarak, le piazze d'Egitto sono tornate a farsi sentire. Mohamed Morsi è stato estromesso dopo un anno di regno e dopo 4 giorni di manifestazioni mai viste nella storia del paese. Gli Egiziani hanno rammentato al mondo che le elezioni non sono un assegno in bianco che esonera gli eletti da qualsiasi vincolo. [Français] [English] [Castellano] [Ελληνικά ]

imageDichiarazione finale dell'incontro internazionale Oct 14 Incontro internazionale delle lotte in Tunisia 0 comments

Noi studenti, lavoratori precari, disoccupati, attivisti e militanti d'Europa e di Nord Africa ci siamo incontrati in Tunisia per un meeting transnazionale "Rete delle lotte" dal 29 settembre al 2 ottobre 2011. [Français]

imageTunisia, Egitto, Algeria, Giordania, Yemen... Feb 03 Alternative Libertaire 0 comments

L'ondata di proteste che è iniziata a Sidi Bouzid il 17 dicembre continua a crescere. Innescata da un gesto di disperazione di Mohamed Bouazizi, questa ondata sta dando speranza per un mondo migliore a milioni di persone in un numero crescente di paesi arabi. Dopo le rivolte in Algeria ed in Libia, ora è la volta dell'Egitto, della Giordania e dello Yemen essere teatro di estesi movimenti sociali. [Français]

imageTunisia: la rivoluzione non è finita Jan 20 Anarkismo 0 comments

Le organizzazioni firmatarie ribadiscono la loro piena solidarietà con la lotta del popolo tunisno per la libertà e la giustizia sociale e sono solidali con i militanti anti-capitalisti tunisini; condannano altresì l'atteggiamento delle potenze occidentali e delle loro classi politiche - quelle socialdemocratiche come quelle di destra - che hanno sempre sostenuto il potere autoritario di Ben Ali. [Français]

© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]