user preferences

New Events

Nordafrica

no event posted in the last week

Algeria: Mentre avanza la mascherata elettorale, continua la repressione dei movimenti sociali

category nordafrica | lotte sul territorio | opinione / analisi author Wednesday February 29, 2012 17:46author by Equipo de Trabajo para el Norte de África - Confederación General del Trabajo Report this post to the editors

In Algeria, il regime militare mafioso, con la sua facciata civile, va avanti con la preparazione delle elezioni legislative, indette per il prossimo 10 maggio. [Castellano]
buteflika.jpg


Algeria: Mentre avanza la mascherata elettorale, continua la repressione dei movimenti sociali


Con le recenti misure, la riforma della legge sui partiti politici, la Legge Elettorale, la legge sulle associazioni civili e sulla partecipazione politica delle donne, si pretende di "vendere la moto" di una democratizzazione del paese, alla stregua di quello che ha fatto il re Mohammed VI in Marocco con la sua riforma costituzionale, allo scopo di mantenere il controllo del potere e di preservare i privilegi della minoranza dominante, in particolare dei "grandi generali", della DRS (Dipartimento per l'Informazione e la Sicurezzza, il servizio segreto) e di tutto l'apparato di corruzione legato al governo, ai suoi partiti ed all'UGTA [Union Générale des Travailleurs Algériens, ndt].

Ignorando le lezioni delle rivoluzioni che hanno attraversato la regione e che hanno portato alla caduta di regimi dispotici e corrotti come quello di Ben Ali, di Mubarak e, con altre connotazioni, di Gheddafi, questo regime algerino - del tutto somigliante a quelli caduti - cerca di ingannare l'opinione pubblica nazionale ed internazionale mettendo mano a pseudo-riforme politiche attraverso un falso dialogo, un pacchetto di leggi ingiuste ed un processo elettorale intriso di corruzione.

Repressione dei movimenti sociali e sindacali

Lo scorso 22 febbraio, una manifestazione del Comitato dei Lavoratori del pre-impiego e del lavoro sociale, affiliato allo SNAPAP [Syndicat Nationnal Autonome des Personnels de l'Administration Publique, ndt], e del Coordinamento per la difesa dei diritti dei disoccupati (CDDC), davanti al palazzo delle esposizioni ad Algeri, è stata repressa con arresti.

Quando Malika Fallil, la presidente del comitato dei lavoratori del pre-impiego e del lavoro sociale, e Tahar Belabes, presidente del CDDC, hanno cercato di dialogare con il ministro del lavoro Tayeb Louh e con Belkadem Abdelaziz, rappresentante del presidente Bouteflika, sono stati immediatamente fermati e condotti in commissariato.

Questo è l'unico dialogo concesso dal governo: la sottomissione e la collaborazione oppure la repressione.

Mentre la mascherata delle "sue" riforme democratiche prosegue, non si ferma la repressione contro i sindacati autonomi, sia con arresti arbitrari che non autorizzando la loro legalizzazione, come nel caso del CLA [Conseil des Lycées d'Algérie, ndt] e di altri sindacadi autonomi. Da parte del potere si intende mantenere il monopolio dell'UGTA come apparato istituzionale, corrotto e sottomesso, per il controllo dei lavoratori.

Boicottare le elezioni

Da parte delle forze di opposizione non collaborazioniste, si sta preparando il boicottaggio delle elezioni, denunciando la mascherata delle riforme e del falso processo elettorale per non accettare il ruolo di falso testimone.

Ricordiamo che le elezioni del 2007 segnarono un indice di astensionismo del 64%, dato che andò a votare solo il 36% degli elettori.

Da parte del sindacalismo autonomo, dei movimenti sociali dei disoccupati, del movimento Amazigh [berbero, ndt], questa volta emerge una maggiore coscienza del fatto che solamente la lotta può portare a cambiamenti reali della società algerina. L'unità di tutte queste lotte è sempre più necessaria, per superare tutte le intromissioni del potere, vero specialista della divisione e dell'uso di mezzi che minano dall'interno ogni resistenza (come la "clonazione" dei sindacati autononomi, creando così dei falsi doppi).

Mouatamid
Gruppo di lavoro per il Nord Africa della Segreteria delle Relazioni Internazionali della CGT-Spagna

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Rojava: Mensaje urgente de un compañero anarquista en Afrin

Front page

[Colombia] Perspectivas sobre la primera vuelta de las elecciones presidenciales de Colombia 2018

Call for Solidarity with our Russian Comrades!

8 reasons anarchists are voting Yes to Repeal the hated 8th

Comunicado de CGT sobre la Nakba, 70 años de dolores para el Pueblo Palestino

[ZAD] Les expulsions ont commencé, la zad appelle à se mobiliser

Assassinato Político, Terrorismo de Estado: Marielle Franco, Presente!

La Huelga General del 8 de Marzo, un hito histórico

A intervenção federal no Rio de Janeiro e o xadrez da classe dominante

Halklarla Savaşan Devletler Kaybedecek

Σχετικά με τον εμπρησμό

Ciao, Donato!

[Uruguay] Ante el homicidio de un militante sindical: Marcelo Silvera

[Argentina] Terrorista es el Estado: Comunicado ante el Informe Titulado "RAM"

[Catalunya] Continuisme o ruptura. Sobre les eleccions del 21D

Reconnaissance par Trump de Jérusalem comme capitale d'Israël : de l'huile sur le feu qui brûle la Palestine

Noi comunisti anarchici/libertari nella lotta di classe, nell'Europa del capitale

Luttons contre le harcèlement et toutes les violences patriarcales !

The Old Man and the Coup

Hands off the anarchist movement ! Solidarity with the FAG and the anarchists in Brazil !

URGENTE! Contra A Criminalização, Rodear De Solidariedade Aos Que Lutam!

¡Santiago Maldonado Vive!

Catalunya como oportunidad (para el resto del estado)

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 D’octubre Totes I Tots A La Vaga General

© 2005-2018 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]