user preferences

Palestina-Israele, 10 anni di lotta unitaria a partire dall'inizio del muro della separazione

category mashrek / arabia / irak | lotte sul territorio | cronaca author Friday February 24, 2012 19:00author by Ilan S. - Anarchists Against the Wall; Matzpen; A-Infosauthor email ilan at shalif dot comauthor address Tel Aviv Report this post to the editors

Report del 23.02.12

All'inizio ci fu il campeggio unitario a Mas'ha di anarchici israeliani con attivisti palestinesi locali. Ci sono voluti 2 anni di sporadiche lotte prima che prendesse vita la lotta persistente del villaggio di Bil'in. Dopo 3 anni di lotte alterne in parallelo con Bil'in è stata la volta di Ni'lin ad unirsi come secondo villaggio di lotta persistente... [English]


10 anni di lotta unitaria a partire dall'inizio del muro della separazione


All'inizio ci fu il campeggio unitario a Mas'ha di anarchici israeliani con attivisti palestinesi locali. Ci sono voluti 2 anni di sporadiche lotte prima che prendesse vita la lotta persistente del villaggio di Bil'in. Dopo 3 anni di lotte alterne in parallelo con Bil'in è stata la volta di Ni'lin ad unirsi come secondo villaggio di lotta persistente. Ancora 2 anni con l'aggiungersi di Ma'sara prima che le situazioni di lotta persistente si espandessero oltre il tema del muro della separazione; poi la stabilizzazione della lotta a Beit Ummar e gli eroici scontri a Nabi Salih contro gli invasori coloni degli insediamenti hanno portato ad un allargamento degli obiettivi della lotta unitaria. La maturità dei locali comitati popolari di lotta e il recente aggiungersi di nuovi villaggi possono essere la soglia di una rivolta di qualità nella lotta delle comunità popolari di base.

Beit Ummar

Manifestazione settimanale sabato 18 febbraio.

Bil'in

A centinaia hanno preso parte alla settima giornata annuale di lotta contro il Muro. La polizia e l'esercito israeliani hanno messo in atto una massiccia operazione di contenimento degli attivisti israeliani per impedirne l'accesso a questa speciale protesta di venerdì 17 febbraio, che segnava il settimo anniversario della lotta unitaria e popolare a Bil'in. L'azione di contenimento ha avuto un successo solo parziale.
Settima manifestazione annuale, a cura di Haggai Matar


All'inizio c'erano ingegneri, soldati e ruspe. Poi c'è stata la sentenza del Tribunale Internazionale dell'Aia a sbarrare il passo alla costruzione del muro della separazione in Cisgiordania; poi è arrivata la sentenza dell'Alta Corte di Giustizia israeliana a sancire l'illegalità del percorso del Muro a Bil'in. Al'inizio qualcuno aveva deciso in qualche posto che più di 200 ettari di terreni agricoli del villaggio dovevano essere annessi ad Israele con la forza, con conseguente arresto e ferimento di tantissime persone e la morte di 2. Gli ingegneri hanno marcato gli alberi da sradicare ed i residenti hanno cancellato i segni. I soldati sono venuti a disperdere le manifestazioni ed i manifestanti si sono legati agli ulivi. Le ruspe hanno iniziato a lacerare la terra e gli attivisti ci si sono messi davanti. Giorno dopo giorno. Una battaglia per ogni albero e per ogni chilometro.

Sette anni sono trascorsi da quando i primi ingegneri, i soldati e le ruspe hanno fatto la loro apparizione a Bil'in. Sette anni sono passati dalla fondazione dei locali Comitati Popolari contro il Muro e contro gli Insediamenti, attingendo dall'esperienza di villaggi come Mas'ha, Biddu e Budrus. Sette anni sono passati da quando gli attivisti israeliani ed internazionali sono stati per la prima volta invitati ad unirsi alla lotta popolare. In questi anni il muro è stato tirato su, causando danni incalcolabili; ma recentemente è stato tirato giù per fare un nuovo muro lungo un percorso che restituisce al villaggio le sue terre - anche se non tutte. Il villaggio ha acquisito una notorietà internazionale ed è diventato un esempio di lotta popolare disarmata per la libertà - una lotta che prosegue tutt'oggi.

Colpire la solidarietà israeliana

Per celebrare l'anniversario di lotta, il comitato popolare ha lanciato un appello speciale che invita Palestinesi, Israeliani ed internazionali ad unirsi per innalzare ancora una volta la bandiera - per chiedere in particolare la liberazione di Khader Adnan al suo 62° giorno di sciopero della fame, come pure ad invitare tutti i palestinesi ad unirsi alla lotta popolare contro l'occupazione.

In passato, un evento come questo avrebbe provocato una dura reazione repressiva dell'esercito contro il villaggio - incursioni notturne, arresti, coprifuoco, ecc. Eppure, in questi anni sembra che l'impegno dello Stato di'Israele nel colpire queste speciali manifestazioni annuali si sia diretto soprattutto verso gli attivisti israeliani. E' quello che è successo anche quest'anno, dato che numerose forze di polizia e dell'esercito sono state dispiegate al posto di blocco di Ni'lin allo scopo di intercettare gli autobus e le auto provenienti da Tel Aviv. Dopo il riconoscimento in quanto attivisti (deducibile dal fatto di essere in 5 in un'auto, nessuno di loro religioso, per cui molto probabilmente non diretti agli insediamenti coloniali vicini), sono state prese le carte d'identità per la schedatura e ingiunto l'avvertimento di non dirigersi a Bil'in tramite strade alternative, dato che l'intera zona era stata dichiarata area militare chiusa.

Tutta l'operazione era molto ben coordinata: tutte le strade che uscivano dalla superstrada 443 per i villaggi palestinesi erano bloccate e presidiate da poliziotti antisommossa. Un autobus proveniente da Gerusalemme è stato intercettato lungo la strada, 10 attivisti arrestati e l'autobus costretto a tornare indietro. Le auto private sono state respinte in altri posti di blocco, e sebbene sono stati in parecchi a riuscire a passare, alcuni hanno dovuto rinunciare alla manifestazione. L'autobus da Tel Aviv si è svuotato a metà della superstrada 443, e gli attivisti hanno proseguito a piedi scalando una collina e marciando attraverso gli uliveti in direzione dei villaggi vicini, dove hanno preso dei taxi per Bil'in, schivando le ronde dell'esercito. L'autista dell'autobus è stato arrestato poco dopo, senza alcuna ragione, per essere poi rilasciato in tarda serata.

A causa dell'azione della polizia, solo il 60-70% dei 200 israeliani partiti per unirsi alla manifestazione è riuscito a raggiungere il villaggio ed a realizzare il loro proprio diritto fondamentale alla protesta. Dal momento che tutto questo non ha inciso più di tanto sulla natura della manifestazione, che è stata molto simile a quelle normali che si tengono ogni settimana, ci si chiede perché mai Israele avrebbe preso tali misure eccezionali per impedire agli attivisti israeliani di partecipare proprio a questa manifestazione.

Una possibile risposta a questo interrogativo ci viene offerta da Noam Sheizaf, il quale alla fine della manifestazione ha espresso la sua valutazione sul fatto che l'intera azione di polizia era finalizzata ad evitare che gli israeliani "normali" - contrapposti a quegli attivisti duri che vanno in Cisgiordania ogni settimana - si incontrassero con i palestinesi. "Questa politica è tutta finalizzata a costringere gli Israeliani a visitare i territori occupati e ad incontrare i palestinesi solo in quanto nemici", dice Sheizad. "Il comitato popolare ha fatto molto per invitare persone come me alla manifestazione - inviando emails, segnalando l'evento su Facebook, ecc. - e la polizia ha fatto di tutto per impedire che persone come me prendessero parte ad un momento fondamentale per dimostrare solidarietà al villaggio.

La lotta continua

Coloro che sono riusciti a raggiungere Bil'in si sono uniti agli internazionali ed a centinaia di palestinesi del villaggio e della regione, marciando dal centro del villaggio verso la strada del vecchio muro, ora smantellato, dove sono stati tenuti dei comizi. Da lì i manifestanti hanno proseguito verso il nuovo muro, con in testa attivisti che portavano maschere raffiguranti il volto di Khader Adnan ed uniformi da carcerato. Un dirigente del comitato popolare ha ricordato che nessuno nel comitato fa parte del gruppo Jihad Islamiza, ma che sono tutti solidali con Adnan, il quale aveva partecipato ad una manifestazione del villaggio nel 2005.

Una volta giunti al muro, parecchi manifestanti sono riusciti a superare il filo spinato a protezione del muro e ad issarvi foto di Adnan con la bandiera palestinese. Non c'è voluto molto perché l'esercito iniziasse a lanciare lacrimogeni ed a spruzzare sui manifestanti l'acqua-puzzola, con conseguente graduale ritiro della maggioranza dei manifestanti ed inizio della sassaiola da parte dei giovani del villaggio. La manifestazione è terminata dopo 2 ore sotto un atipico vento gelido con pioggerella, senza arresti né feriti seri. Come al solito, ci sono state manifestazioni anche a Ni'lin, Ma'sara, Qaddum, Nabi Salih ed in altri villaggi."
Il corteo ha visto la partecipazione di un ampio spettro dei partiti nazionali palestinesi, come pure delle popolazioni dei villaggi vicini e dei membri dei Comitati Popolari del governatorato di Ramallah e Al Bireh.

Lia Tarachansky: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10100199779588...05103
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.37256443275386...80298
Shosh Rappaport: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.31522689851692...97910
http://yfrog.com/oel2jmij
http://t.co/M4kRye3T
Rani Abdel Ftah: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.3384118124882....58013
Israel Putterman: http://www.youtube.com/watch?v=M6iJGzz7oTk
David Reeb: http://www.youtube.com/watch?v=KDwvD9wYUh4

Campo di concentramento di Ofer

‎Martedì 14 febbraio, manifestazione unitaria di solidarietà con Khader Adnan. Un attivista colpito da proiettili di gomma, arrestato e picchiato, altri 10 feriti nel corso della manifestazione.

yisraelputerman: http://www.youtube.com/watch?v=ZMoV4pvWJ6o

Gerusalemme/Al-Quds

Venerdì 17 febbraio:

1. Manifestazione a Issawiya per fermare il Parco Nazionale dei Monti Scopus Slopes

Lo scorso venerdì, sotto un tempo tempestoso, dozzine di residenti di di Issawiya e di at-Tur hanno tenuto una preghiera nell'osservatorio che dà sul parco designato, e noi ci siamo uniti a loro in un corteo di protesta contro il progetto di istituire un parco nazionale su terreni privati. Oltre un centinaio di persone hanno camminato attraverso at-Tur per portare ancora una volta la questione alla pubblica attenzione.

Questa settimana, attivisti israeliani e residenti di Issawiya e di at-Tur hanno proseguito lo sforzo unitario per impedire l'istituzione del parco nazionale, ed hanno esposto quale sia il programma che ispira alcuni membri di Nature e dell'Autorità del Parco.

2. 15:00 - Manifestazione a Sheikh Jarrah

Ma'sara

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.37262114941486...80298

Nabi Salih

Un report degli attivisti segnala che jeep delle forze israeliane di occupazione erano nel centro di Nabi Salih, vicino alla moschea del villaggio. Hanno sparato una grande quantità di gas lacrimogeni.

Il report parla di cattive condizioni meteorologiche a Nabi Salih. I giovani del villaggio hanno bloccato la strada con grandi massi per cercare di impedire all'esercito di entrare nel villaggio. I soldati hanno cercato di spruzzare sui manifestanti disarmati l'acqua-puzzola, ma il vento era tale da impedire che i getti d'acqua raggiungessero i manifestanti.

Nabi Salih: l'esercito ha sparato massicce quantità di gas e proiettili di gomma
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.37265943941103...80298
http://t.co/WZwTegO1

Ni'lin

Venerdì 17.02.12

Rivive la resistenza popolare a Ni'lin: a dozzine protestano contro il Muro e contro gli insediamenti

Proteste sul lato ovest del Muro, i residenti di Ni'lin devono ancora una volta affrontare la violenza e la repressione dell'esercito.

Circa 50 residenti di Ni'lin, insieme ad un pugno di israeliani e di internazionali, hanno dato vita alla manifestazione settimanale contro il Muro e contro gli insediamenti. La manifestazione si è svolta nella zona ovest del villaggio, dove il muro diventa un recinto e dove manifestanti e soldati possono guardarsi negli occhi. I manifestanti hanno scandito slogans per la restituzione delle terre di Ni'lin, come pure per protestare contro l'illegalità dell'occupazione israeliana, ed hanno bruciato dei copertoni vicino al recinto. L'esercito ha risposto con un implacabile nuvola di gas.

I residenti di Ni'lin hanno iniziato ad organizzarsi quando è iniziata la costruzione del muro nel 2004. Dopo una sentenza che rimandava temporaneamente il sequestro dei terreni del villaggio, le proteste sono riprese nel 2008, in seguito al materializzarsi della costruzione del muro. Cinque manifestanti disarmati sono stati uccisi finora dall'esercito israeliano con l'uso di mezzi di controllo delle folle. Dei 5 uccisi, uno era un bambino e 2 avevano solo 18 anni. Nel 2008, l'attivista americano Tristan Anderson venne colpito alla testa da una granata di lacrimogeno ad alta velocità ed è rimasto paralizzato a vita. Nel tentativo di farla finita con le manifestazioni, Israele ha costruito una sezione di muro di cemento alto 8 metri nel villaggio di Ni'lin. Cosa mai fatta in nessun altro villaggio che resiste attivamente al muro.

daboosphotogaraphy: http://www.youtube.com/watch?v=nTnUQ8xFolU
Nilinvillage: http://www.youtube.com/watch?v=zTVb0bUygFQ

Qaddum

Circa 300 palestinesi, israeliani ed internazionali hanno preso parte alla manifestazione con canti gioiosi. Giunti a 40 metri dal filo spinato, i soldati hanno iniziato a sparare nuvole di gas. Un palestinese è stato ferito da una bomboletta di gas che gli ha probabilmente spezzato la gamba. I meravigliosi giovani di Qaddum hanno risposto come sanno fare. Dopo una pausa, l'esercito ha ripreso il lancio si gas su tutto il villaggio.

Il gas entra nelle case. Subito dopo ecco gli spari di proiettili di gomma. Andrej è stato ferito leggermente alla gamba, ma è fuori pericolo. Due palestinesi sono stati pure feriti alle gambe da proiettili di gomma e ricoverati nell'ospedale di Qalqilya. Auguriamoci che guariscano presto. Quando è iniziato a piovere, la manifestazione è finita.

‎1 manifestante ferito a Kufr Qaddum mentre i soldati invadono il villaggio per reprimere la manifestazione.

Haim Schwarczenberg: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.3384475289979....14101
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.37273536940344...80298

Non dite che non lo sapevamo, n°299

Da qualche tempo, i palestinesi di Kafr ad-Dik, situata ad ovest di Salfit, manifestano contro il furto delle loro terre da parte di Israele .

Un nuovo insediamento chiamato Leshem è stato inaugurato sulla loro terra - con la pretesa che non era altro che l'ampliamento di un insediamento preesistente, noto col nome di Aley Zahav. I camion che stanno costruendo il nuovo abitato passano su terreni di proprietà privata - un uliveto - di un residente di Kafr ad-Dik, invece di passare per l'insediamento. Il proprietario si è appellato alla Corte Suprema, perché fermasse il passaggio dei camion sulla sua terra. La risposta dello Stato è stata che si riconosceva la proprietà, ma anche la richiesta di passaggio dei mezzi sulla sua terra.

Da quando sono iniziate le manifestazioni, l'esercito ha bloccato l'accesso ovest al villaggio...

Informazioni: amosg@shefayim.org.il
 

Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:

Related Link: http://www.fdca.it/wall

This page has not been translated into Castellano yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Double Issue 5/6 of Tokologo, the Newsletter of the TAAC, now available

Mashrek / Arabia / Irak | Lotte sul territorio | Cronaca | it

Sat 30 Apr, 09:32

browse text browse image

textPalestina-Israele: E' ormai un solo Stato anche se nessuno lo riconosce come tale tranne gli intrans... 18:22 Sat 16 Jan by Ilan S. 0 comments

Le brutte notizie sono che la stragrande maggioranza degli Israeliani è a favore di un unico Stato - inclusi i centristi e persino la sinistra sionista (che dice di volere la soluzione dei "due Stati" ma con precondizioni impossibili). Le buone notizie sono che le potenze imperialiste le quali sostengono lo status quo stanno gradualmente cedendo alla pressione dell'opinione pubblica dei loro Stati che non vuole il regime di apartheid e di sgomberi imposto da Israele. La lotta unitaria non armata aveva suscitato ampia attenzione e spinto attivisti di ogni parte dei mondo ad impegnarsi nel movimento per mettere fine all'occupazione israeliana. [English]

textPalestina-Israele: la terza intifada è ufficialmente in corso... la lotta unitaria non cede alla pre... 15:25 Mon 04 Jan by Ilan S. 0 comments

Le autorità israeliane ammettono di non avere nessuna soluzione e nessuna strategia per fermare o anche contenere la intifada "non-organizzata" fatta per lo più a livello individuale e da giovani. Gli arresti di massa di centinaia di minorenni non sembra aver raggiunto nessun risultato. I tentativi di sgombero non si fermano, anzi sono in crescita nella Valle del Giordano, nell'Area C, a Gerusalemme e persino nei confini del 1948. Sui media israeliani la controversia riguarda il riconoscimento che c'è già un solo Stato e che bisogna organizzare un migliore ordine del Bantustan prima che la pressione internazionale costringa ad un ritiro sostanziale dai territori occupati con l'espansione del 1967. Le notizie dei media sulla campagna B.D.S. sono di solito ristrette solo ad un incremento del boicottaggio. [English]

textPalestina-Israele, l'unico stato che la lotta unitaria cerca di cambiare 16:39 Mon 07 Dec by Ilan S. 0 comments

Si lotta quando si ha la speranza di un cambiamento in corso. Si lotta quando ci si rifiuta di accettare lo stato di cose presente come l'unico possibile futuro. Si lotta anche quando la minima speranza tiene viva la tua dignità. E ci sono persone la cui collera è così forte che non c'è nessun ragionamento che possa trattenerle. Ora, quando sembra evaporata la speranza di un futuro migliore in comune e quando si è ridotta al minimo anche la speranza di un migliore futuro personale, la collera di tanti giovani è più forte della preservazione dell'istinto di vita... si aspetta solo quel grilletto rischioso che spinge un altro ragazzo o un'altra ragazza ad andare in una missione suicida. [English]

textE' il momento della Terza Intifada - la lotta unitaria continua 19:08 Sun 25 Oct by Ilan S. 0 comments

Il fallimento da parte dell'imperialismo USA nel prendere il controllo di paesi relativamente indipendenti come l'Iraq e la Siria ha portato al compromesso con l'indipendente Iran. Il ruolo minaccioso di Israele durante la trattativa ha permesso ad Israele di poter agire più liberamente nella repressione contro i Palestinesi. Il ritorno della Russia sullo scenario siriano ridà fiato ad Israele che può intensificare i suoi tentativi di assumere il controllo dell'area C in Cisgiordania. La terza intifada è una risposta disperata dei Palestinesi che vedono la fine dell'occupazione israeliana allontanarsi fino a scomparire all'orizzonte. La lotta unitaria continua non come speranza che cresce ma come tenace Tsumud (persistenza, ndt) di non arrendersi. [English]

textPalestina-Israele, cresce la lotta sociale non armata in risposta all'aumentare delle aggressioni di... 17:04 Fri 25 Sep by Ilan S. 0 comments

Dopo il fallimento dell'offensiva dell'anno scorso contro Hamas a Gaza, lo Stato di Israele vede diminuire il suo potere di contrattazione a livello internazionale, per cui manipola il malcontento interno aumentando l'invasione degli spazi palestinesi, sia quelli del 1967 nella Cisgiordania occupata sia all'interno dei confini del 1948. Il minore sostegno da parte delle classi dirigenti israeliane al primo ministro Netanyahu ed ai suoi accoliti lo inducono a spingere sull'azzardo politico che può trascinarlo nella sua prima grande sconfitta. Il suo fallimento nel far passare lo schema Gas e la causa civile in cui è coinvolta sua moglie, possono essere i primi segni del suo declino imminente. [English]

textPalestina-Israele, la lotta unitaria ha davvero cambiato il mondo 14:25 Mon 07 Sep by Ilan S. 0 comments

Il video del mancato arresto del ragazzino di 12 anni a Nabi Saleh è stato visto da milioni di persone in tutto il mondo. Quel fatto e la manifestazione unitaria del venerdì successivo hanno dimostrato ancora una volta quanto la presenza degli ebrei Israeliani Anarchici Contro il Muro abbia impedito in passato ed impedisca ora l'esaurirsi della lotta palestinese non-armata in fiumi di sangue. Furono gli spari contro Gil Naamati nel 2003 in una azione unitaria con gli Anarchici Contro il Muro che causarono uno vero e proprio scandalo mediatico in Israele (tanto da costringere il capo di stato maggiore dell'esercito a recarsi in ospedale per le scuse ufficiali) e che portarono ad un cambiamento nell'ordine di fare fuoco allo scopo di disperdere manifestazioni non autorizzate nei territori occupati, se in quelle manifestazioni vi erano presenti degli israeliani. [English]

textPalestina-Israele, la lotta unitaria non armata ha perso il suo carattere entusiastico di novità ma ... 15:42 Wed 02 Sep by Ilan S. 0 comments

Nessuno poteva prevedere che un campeggio unitario di attivisti palestinesi ed israeliani a Masha 12 anni fa sarebbe stato la scintilla di un ampio movimento di lotta unitaria non armata che il sistema di occupazione israeliana non è riuscito a distruggere. Nessuno si aspettava la partecipazione di migliaia di attivisti e di decine di migliaia di manifestanti. Molte piccole vittorie e la campagna internazionale B.D.S. riscaldano i cuori dei non più tanti che persistono nella lotta unitaria nonostante il lutto per coloro che sono caduti, l'empatia con i feriti e la solidarietà con gli arrestati. Il forte legame di partnership tra gli attivisti palestinesi e gli Anarchici Contro il Muro è stato sorprendente. Deludente ma non sorprendente è il modo con cui gli ambienti anarchici israeliani si sono tenuti alla larga dagli Anarchici Contro il Muro quale prioritario obiettivo di mobilitazione. Bil'in, Ni'lin, Ma'sara, Nabi Saleh e Qaddum tengono ancora alta la bandiera. [English]

Bil'in, 10.07.15. Foto: Mohammed Yasin Photography imagePalestina-Israele, gli attivisti della lotta unitaria invecchiano... ma la lotta è sempre giovane e ... 15:49 Thu 06 Aug by Ilan S. 0 comments

E' dura per molti attivisti, quando il significato reale della lotta non si concretizza in conquiste tangibili, ma in una lotta globale a livello mondiale. Questa settimana, il livello globale e quello della concretezza si sono combinati nella lotta contro la distruzione del villaggio di Susiya che ha avuto eco e sostegno a livello internazionale, costringendo Israele a rinviare se non a cancellare la demolizione del villaggio. Alle pressioni delle potenze imperiali su Israele si è aggiunto l'avvertimento della UE sull'approssimarsi di sanzioni contro il sistema bancario israeliano per il suo sostegno ai progetti dei coloni nella Cisgiordania occupata. [English]

textPalestina-Israele, il mondo in subbuglio; il vecchio ordine mondiale non sarà più lo stesso; e la lo... 15:42 Fri 24 Jul by Ilan S. 0 comments

L'1 gennaio del 1994 in Chiapas le masse innalzarono la bandiera della ribellione giusto dopo che il mondo capitalista aveva celebrato il suo trionfo sulle rivoluzioni del 20° secolo e si accingeva a lanciare la globalizzazione neoliberista a livello mondiale. Ma la lotta è proseguita con nuove modalità. I sorprendenti sviluppi nella Rojava, in cui le principali potenze imperialiste si trovano a dare sostegno aereo ai Curdi antiautoritari ed anticapitalisti di Siria, sono come uno stormo di passeri che segnano l'arrivo della primavera. In questo imminente cambiamento, si sviluppa il panico delle classi dirigenti sioniste israeliane di fronte alla veloce avanzata della campagna B.D.S.... Non possiamo misurare il contributo di ciascuna lotta al cambiamento, ma sembra che una quota importante spetti alle migliaia di attivisti internazionali che hanno condiviso con noi la lotta unitaria non-armata contro il muro della separazione, contro gli insediamenti e contro l'occupazione. [English]

textPalestina/Israele: La campagna B.D.S. ha successo e la classe dirigente israeliana ne teme gli svilu... 16:03 Wed 17 Jun by Ilan S. 0 comments

I danni della campagna BDS sull'economia israeliana sembrano essere ancora marginali... ma questi margini si stanno allargando velocemente. Già alcune imprese sottoposte a pressione perché operanti nelle aree degli insediamenti dell'occupazione del 1967, si stanno ritirando nei territori israeliani del 1948, pur rinunciando così agli aiuti governativi e ad una manodopera a minor costo. I media israeliani si riempiono di avvertimenti e dei timori dei commercianti. Ormai è evidente la connessione tra la lotta unitaria nelle manifestazioni e la campagna BDS con lo sviluppo dei boicottaggio. [English]

more >>

textSulle attuali proteste in Libano: è meglio se la primavera arriva in ritardo? Sep 27 by Mazen Kamalmaz 0 comments

Le grandi mobilitazioni che hanno attraversato il Medio Oriente alla fine del 2010 sono state riassorbite se non addirittura trasformate in devastanti conflitti tra forze autoritarie in competizione. Quell'ondata risparmiò il Libano, che dopo il ritiro delle truppe siriane (di Assad) nel 2005 era governato da una classe dirigente che aveva da una parte i filo-iraniani, cioè la coalizione 8 marzo, guidata dagli "sciiti" di Hezbollah e dall'altro i filo-sauditi della coalizione 14 marzo, guidata dall'oligarca "sunnita" Hariri.

imageBil'in - 10 anni di lotta unitaria e persistente Mar 05 by Ilan Shalif 0 comments

Gli abitanti del villaggio palestinese di Bil'in lottano da 10 anni contro la costruzione del muro della separazione ed il conseguente esproprio delle loro terre. E' stata da subito una lotta non-violenta, portata avanti insieme ad attivisti ebreo-israeliani ed internazionali, che ha influenzato dozzine di altre lotte similari in tutta la Cisgiordania. In questo contributo, l'anarchico israeliano Ilan Shalif spiega qual è il significato della resistenza di Bil'in e vi ripercorre la sua esperienza personale. [English]

textRojava: Fantasie e realtà Nov 08 by Zafer Onat 0 comments

La resistenza a Kobane che dura da oltre 45 giorni ha spostato l'attenzione dei rivoluzionari di tutto il mondo sulla Rojava. Grazie al lavoro svolto da Azione Rivoluzionaria Anarchica (DAF, Turchia, ndt), i compagni anarchici di varie parti del mondo hanno inviato messaggi di solidarietà alla resistenza di Kobane (1). Questa posizione internazionalista è di grande importanza per il popolo che resiste a Kobane. Tuttavia, se non analizziamo cosa sta accadendo veramente e se invece facciamo del romanticismo, i nostri sogni potrebbero essere delusi in un breve lasso di tempo. [English]

imageLa sperimentazione del Kurdistan Occidentale (Kurdistan siriano) ha dimostrato che il popolo può cam... Sep 03 by Zaher Baher 0 comments

Ciò che leggerete di seguito è l'esperienza della mia visita di un paio di settimane nel maggio di quest'anno, 2014, nel Nord Est della Siria o Kurdistan siriano (Ovest del Kurdistan) con un mio caro amico. Durante la visita abbiamo avuto piena libertà e l'opportunità di vedere e di parlare con chiunque. Incluse donne, uomini, giovani e partiti politici. Ci sono più di 20 partiti dai curdi ai cristiani, alcuni sono nell'Auto Amministrazione Democratica (DSA) o Autogestione Democratica (DSM) della regione di Al-Jazera. Al-Jazera è una delle tre regioni (cantoni) del Kurdistan dell'Ovest. Abbiamo incontrato anche i partiti politici curdi e cristiani che non fanno parte della DSA o della DSM. Inoltre abbiamo incontrato i vertici della DSM, membri di diversi comitati, gruppi locali e comuni così come uomini d'affari, negozianti, lavoratori, persone al mercato e gente che semplicemente camminava per strada.
[English]
[Français]

imageVita e opera dell'anarchico Omar Aziz... Sep 11 by Leila Shrooms 0 comments

Omar Aziz nacque a Damasco. Rientrò in Siria dal suo esilio in Arabia Saudita e negli Stati Uniti nei primi giorni della rivoluzione siriana. Intellettuale, economista, anarchico, marito e padre, all'età di 63 anni si è impegnato nella lotta rivoluzionaria. Lavorò con attivisti locali per raccogliere e distribuire aiuti umanitari nei sobborghi di Damasco, posti sotto assedio dal regime. Attraverso scritti ed attività ha promosso l'autogoverno locale, l'organizzazione orizzontale, la cooperazione, la solidarietà e il mutuo sostegno, quali mezzi attraverso i quali le persone possono liberarsi dalla tirannia dello Stato. Insieme con i suoi compagni, Aziz fondò il primo Consiglio Locale a Barzeh, Damasco. L'esempio si è poi diffuso attraverso la Siria e con esso sono nati alcuni dei più promettenti e duraturi esempi di autorganizzazione non gerarchica nei paesi della Primavera araba. [Ελληνικά]

more >>

imageCade il muro israeliano a Bil'in in Palestina Jul 08 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Una lotta durata 6 anni e 4 mesi ha costretto lo Stato di Israele a restituire quasi metà delle terre sottratte al villaggio di Bil'in e che erano destinate alla costruzione dell'insediamento coloniale di Modi'in Illit. La rimozione del vecchio muro della separazione è la vittoria della lotta unitaria che, a Bil'in come in tanti altri villaggi della Cisgiordania, vede insieme ogni settimana Palestinesi ed attivisti israeliani ed internazionali sfidare le forze di occupazione, per restituire la libertà e la terra ai palestinesi.

textIsraele-Palestina: L'assassinio di Ahmad Husam Yousef Mousa Jul 30 Anarchists Against the Wall 0 comments

Ahmad Husam Yousef Mousa, di 10 anni, è stato assassinato ieri mentre manifestava insieme agli amici contro il muro della separazione che attualmente si sta costruendo sui terreni del suo villaggio, Ni'ilin. Arrivati al cantiere del muro, i militari hanno sparato proiettili di gomma verso i ragazzi, che hanno poi cominciato a ritirarsi. A quel punto, uno dei militari ha sparato un proiettile carico alla testa di Ahmad da una distanza di circa 10 metri.

textBil'in, prosegue la lotta unitaria non-violenta nonostante le provocazioni e la crisi militare Jul 17 FdCA 0 comments

In un momento di escalation drammatico come questo sostenere, diffondere e rendere merito a questi piccoli/grandi momenti di lotta di base non violenta, che con continuità resistono ad opporsi alle logiche di stato, di dominio e di violenza, è forse la sola risposta che possiamo dare come comunisti anarchici per la costruzione di una società senza muri, senza stati e senza frontiere, senza più guerre.

© 2005-2016 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]