user preferences

New Events

Nordafrica

no event posted in the last week

Marocco: un gennaio di rivolta e di repressione da parte del nuovo governo

category nordafrica | lotte sul territorio | cronaca author Thursday February 16, 2012 16:38author by Equipo de Trabajo para el Norte de África - Confederación General del Trabajo - CGT Report this post to the editors

Le lotte del popolo marocchino sono proseguite con forza per tutto il mese di gennaio. Lotte sindacali, lotte contadine, lotte dei disoccupati, lotte del movimento berbero Amazigh, la lotta a sostegno dei prigionieri politici e contro l'impunità della dittatura, in tutto il paese il popolo sta esprimendo la sua insoddisfazione per la situazione ed il bisogno di un cambiamento, vero e profondo. Il Movimento 20 Febbraio sta manifestando nelle strade e sta preparando il suo primo anniversario. [Castellano]

Un anno di lotta popolare in Marocco
Un anno di lotta popolare in Marocco


Marocco: un gennaio di rivolta e di repressione da parte del nuovo governo


Le lotte del popolo marocchino sono proseguite con forza per tutto il mese di gennaio. Lotte sindacali, lotte contadine, lotte dei disoccupati, lotte del movimento berbero Amazigh, la lotta a sostegno dei prigionieri politici e contro l'impunità della dittatura, in tutto il paese il popolo sta esprimendo la sua insoddisfazione per la situazione ed il bisogno di un cambiamento, vero e profondo. Il Movimento 20 Febbraio sta manifestando nelle strade e sta preparando il suo primo anniversario.

Segue una breve panoramica su alcune delle lotte.

Taza

Il 4 gennaio, in seguito ad una protesta della Associazione Nazionale dei Diplomati Disoccupati del Marocco (ANDCM), che era l'obiettivo della violenza della polizia, c'è stata una rivolta a Taza in cui più di 20 persone sono rimaste seriamente ferite, tra cui 5 poliziotti.

Da allora, Taza è stata sottoposta ad una impressionante occupazione poliziesca, la quale però non ha impedito le continue manifestazioni che chiedono la liberazione degli arrestati.

Lo scorso 3 febbraio ci sono stati seri scontri con più di 150 feriti e molti arrestati. La situazione è estremamente tesa.

Per ulteriori informazioni:
http://www.youtube.com/watch?v=nogSZcRn05M

Lotte dei lavoratori: i minatori di Ben Guérir, lavoratori agricoli, lavoratori del pubblico impiego...

Le lotte dei lavoratori continuano a scuotere il Marocco, dall'esplosione delle proteste dei minatori delle miniere di fosfati a Ben Guérir agli scioperi in vari settori del settore pubblico alle lotte dei lavoratori agricoli.

Per oltre 1 anno, i lavoratori delle miniere di fosfati di Ben Guérir, di proprietà della SMESI, una sussidiaria dell'Office Chérifien des Phosphates, compagnia leader del Marocco, hanno chiesto soddisfazione alle loro rivendicazioni.

Stanchi di essere ignorati, hanno occupato il reparto esplosivi minacciando di farsi saltare in aria tutti quanti.

Video ed informazioni sulla lotta:

http://www.youtube.com/watch?v=bIMTl8epJ3E&feature=share
http://www.lakome.com/جهات/69-&....html

Sono in corso scioperi dei lavoratori statali, della sanità, dell'istruzione, ecc. Contemporaneamente i lavoratori agricoli hanno aperto la loro stagione di rivendicazioni globali, mentre altre lotte proseguono, come quella dei lavoratori agricoli dipendenti della Nufribel, una multinazionale spagnola, ad Agadir oppure nelle aziende agricole a Tiniguir-Dakhla, che sono della Domaines Agricoles, compagnia di proprietà del re, che sono aziende agricole di stato [1]

La lotta dei disoccupati, fino alla morte

Abdelouahab Zaidoune, di 27 anni, un post-laureato in legge dell'Università di Fez è morto il 24 gennaio dopo essersi dato fuoco, insieme ad altri 2 compagni, fuori del Dipartimento dell'Istruzione a Rabat.

I tanti anni di lotta ed il silenzio alle loro richieste hanno portato questo gruppo di laureati alla più profonda disperazione.

Allo stesso tempo, la ANDCM ha dato inizio ad una campagna delle sue sezioni regionali, provinciali e locali con manifestazioni, raduni, sit-in, ecc, in ogni angolo del Marocco, sempre in collegamento con le rivendicazioni popolari, non solo dei disoccupati, ed in molti casi con il coinvolgimento e la partecipazione della popolazione, come nel caso della città di Taza.

Ci sono state lotte imponenti nella provincia di Al Hoceima, in particolare il boicottaggio ad Aït Bouayach, dove l'intera popolazione si è riìutata di pagare l'elettricità a Tinghir, Azilal, Tata, Rabat...

Video dell'auto-immolazione:

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=...QpsQE
http://www.youtube.com/watch?v=Bg9nIa0Xz8U
http://www.youtube.com/watch?v=LS1xDAXJQic

Al Hoceima:

http://www.youtube.com/watch?v=c_AcmfxWRY0&feature=share
http://www.youtube.com/watch?v=hsM5UQD7JFQ&feature=share
http://www.youtube.com/watch?v=dYjvQMt5wVQ&feature=share

Azilal:

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=...ZZ0CA

La lotta per la terra: Imider, Assoul...

Gli abitanti di sette douars [villaggi] che formano il municipio di Imider (Anou N'Izem, Aït Brahim Ait Mhand, Aït Ighir, Izoumgan, Taboulkhirt ed Ikiss) sono entrati in lotta in difesa della loro terra Amazigh.

Vivono in grande povertà in una terra in cui le ricche miniere di argento della SMI (Société Métallaurgique d'Imider) del Groupe Managem (una holding company) hanno dato alla SMI un incremento dei profitti del 35.6% nella prima metà del 2011, inquinando senza controlli la terra ed abusando del suo potere totale su tutta l'area.

L'intera popolazione dei 7 douars, eccetto i disabili fisici, si è presentata a Mount Aleaban, bloccando i serbatoi che forniscono d'acqua le miniere. Le loro rivendicazioni sono chiare: infrastrutture stradali, acqua potabile ed elettricità per tutti, una buona scuola ed assistenza sanitaria, e un posto per coloro che vogliono lavorare nella miniera che si trova sui loro terreni collettivi.

La contaminazione delle falde acquifere sta colpendo l'intera popolazione dell'area, compresa Tinghir. Gli scarti contaminati delle miniere vengono lasciati all'aperto, per cui cianuro e mercurio, sostanze chimiche usate per il trattamento dell'argento, avvelenano l'intera popolazione.

Dal 4 ottobre, Moustapha Ouchtoubane è in galera per aver bloccato il serbatoio della miniera.

Poi c'è la lotta esemplare delle donne Amazigh di Assoul, nella provincia di Tinghir, che hanno camminato per 200 km allo scopo di raggiungere Midelt dove hanno preso un autobus per Rabat, 400 km più avanti. Giunte a Rabat hanno tenuto una manifestazione davanti al parlamento per denunciare il saccheggio della terra comune da parte dei capi locali, con la connivenza dello Stato.

Video della lotta a Imider:

http://www.youtube.com/watch?v=-MZ9xvYOE9s&feature=play...edded
http://www.youtube.com/watch?v=-5bwDBm92p0

Un gennaio di lotte

Il Movimento Amazigh ha festeggiato il Capodanno amazigh con una manifestazione a Rabat il 15 gennaio, facendo vedere che nonostante il riconoscimento dell'identità amazigh nella nuova Costituzione, la lotta per i diritti economici, sociali e culturali del popolo Amazigh continua.

Il Movimento 20 Febbraio continua inoltre a sfidare il Makhzen [2] con manifestazioni settimanali in molte città del paese e preparandosi al primo anniversario del movimento con nuove manifestazioni.

Prosegue anche la lotta per la liberazione dei prigionieri politici. Il rilascio del rapper di Casablanca El Haqed (l'Indignato), dopo 4 mesi di prigione e dei sindacalisti Bouarfa Saddik Kabbouri, Mohamed Chennou e di altri loro compagni, è il risultato della solidarietà popolare. Dai prigionieri Sahrawi, al sindacalista Driss Sedraoui e compagni, agli studenti di Tata e Fez in sciopero della fame, la lotta per la liberazione di tutti i prigionieri politici e dei marocchini Sahrawi è ancora viva.

Video delle manifestazioni del Movimento 20 Febbraio:

Rabat:

http://www.youtube.com/watch?v=RfMPxhX7HS8&feature=youtu.be
http://www.youtube.com/watch?v=hf5DXcGc1l0&feature=youtu.be
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=...SFeqw
http://www.youtube.com/watch?v=2XW8kvh8L-4

Khenifra:

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=...jtIjA
http://www.youtube.com/watch?v=LH-7DuUZGv4&feature=share

Tangeri: http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=...eLerk
Casablanca: http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=...TS1uI
Marrakech: http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=...BSZGA
Meknes: http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=...bdytM
Fès: http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=...s2K5g
Khemisset: http://www.youtube.com/watch?v=OQvOzir4EuY&feature=share
Kenitra: http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=...D3-xc
Video della gioia popolare per la liberazione di El haqed: http://www.youtube.com/watch?v=sdPuMl2UtlQ
Video della carovana di solidarietà con i sindacalisti di Bouarfa: http://youtu.be/uDmYyUXIHTo

Mouatamid

Gruppo di lavoro del Nord Africa della Segreteria Internazionale della CGT

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali.

Note:

1. Nel Sahara Occidentale occupato.
2. L'elite governativa, composta dal re e da alti esponenti del potere.

Related Link: http://www.cgt.es

hoceima2.jpg

This page has not been translated into Polski yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Nordafrica | Lotte sul territorio | Cronaca | it

Mon 24 Nov, 00:14

browse text browse image

imzn50.jpg imageRif (Marocco): il coprifuoco imposto in tutta l'area di Ait Bouayach 17:54 Thu 15 Mar by Equipo de Trabajo para el Norte de África 0 comments

Aumenta la rivolta nei villaggi intorno ad Ait Bouatach e si allargano gli scontri. Pur essendo stato dichiarato dalle forze repressive il coprifuoco in tutta l'area di Ait Buayash, col divieto per tutti di uscire di casa e stare in strada, molti giovani si sono rifugiati sulle montagne intorno e da lì attaccano la polizia. Gli scontri continuano. [Castellano]

tunisia_protest_che_guevara_.jpg image[Tunisia] I comitati di difesa della rivoluzione - l'esempio di Biserta 16:04 Mon 16 May by Mouatamid 0 comments

A partire dal 14 gennaio numerosi comitati di salvaguardia della rivoluzione si sono costituiti in molte località del paese, con una varietà di forme, statuti e funzioni. Questo è il resoconto di un incontro con il comitato di Biserta che ci dà un'eccellente idea del lavoro che stanno facendo. [Castellano] [English]

tuezmarzo2011_095.jpg imageNel cuore della Tunisia. Thala: occupata la stazione di polizia 14:40 Sun 01 May by M.H. 0 comments

Seconda parte di una serie di reports di un paio di iscritti alla CGT spagnola in visita in Tunisia. Qui siamo nella città di Thala, nel nord-ovest del paese, una città dove le proteste popolari hanno messo in fuga la polizia locale. [Castellano]

Monumento a Mohamed Bouazizi a Sidi Bouzid imageIl movimento dei disoccupati in Tunisia: un processo inarrestabile 20:23 Wed 27 Apr by Mouatamid 0 comments

I giovani sono stati alla testa della rivoluzione. Mohamed Bouazizi, la cui morte diede innesco la rivolta, era uno di quei tanti giovani istruiti senza una prospettiva futura. Ma questi giovani oggi si stanno auto-organizzando. Da febbraio, sono state costituite più di 100 sezioni sindacali, da quando il Sindacato è stato legalizzato, con più di 45.000 iscritti tra uomini e donne. [Castellano] [English]

imageAlgeria: Mentre avanza la mascherata elettorale, continua la repressione dei movimenti sociali Feb 29 by Equipo de Trabajo para el Norte de África 0 comments

In Algeria, il regime militare mafioso, con la sua facciata civile, va avanti con la preparazione delle elezioni legislative, indette per il prossimo 10 maggio. [Castellano]

imageI Comitati Popolari in Egitto Jun 01 by José Antonio Gutiérrez D. 0 comments

I comitati popolari in Egitto, come in molte altre rivoluzioni nel corso della storia (e senza andare oltre, come in altri paesi scossi dalla "primavera araba"), sono nati per svolgere un ruolo di protezione in una situazione di incertezza e di vuoto di potere, in cui le istituzioni del vecchio ordine sono crollate momentaneamente, ed in cui i comitati giungono rapidamente al punto di diventare espressione di un nuovo potere, il potere delle persone per svolgere compiti e politiche costruttive autogestite come organizzazione alternativa sociale nel processo decisionale. [Castellano]

imageQuale democrazia per il mondo arabo? Mar 18 by José Antonio Gutiérrez D. 0 comments

Riflessioni sul significato delle rivolte in corso nel mondo arabo e sulle loro implicazioni per una teoria rivoluzionaria, con particolare riguardo al dibattito su democrazia e potere popolare. [English] [Castellano] [Català] [Ελληνικά] [العربية]

imageLe proteste in Nord Africa: cosa sta succedendo? Jan 17 by Manu García 0 comments

Le proteste contro l'alto costo della vita, contro la disoccupazione e la corruzione si sono intensificate a partire dalla fine del 2010 in tutto in Nord Africa, tra Tunisia ed Algeria, in tante città, toccando tutti i settori sociali, fino a produrre una situazione di instabilità in entrambi i paesi - cosa che deve preoccupare tanto gli Stati Uniti quanto l'Unione Europea.. [Castellano]

imageLa piazza in Egitto è più forte delle urne elettorali Jul 08 AL 0 comments

Due anni e mezzo dopo l'estromissione di Hosni Mubarak, le piazze d'Egitto sono tornate a farsi sentire. Mohamed Morsi è stato estromesso dopo un anno di regno e dopo 4 giorni di manifestazioni mai viste nella storia del paese. Gli Egiziani hanno rammentato al mondo che le elezioni non sono un assegno in bianco che esonera gli eletti da qualsiasi vincolo. [Français] [English] [Castellano] [Ελληνικά ]

imageDichiarazione finale dell'incontro internazionale Oct 14 Incontro internazionale delle lotte in Tunisia 0 comments

Noi studenti, lavoratori precari, disoccupati, attivisti e militanti d'Europa e di Nord Africa ci siamo incontrati in Tunisia per un meeting transnazionale "Rete delle lotte" dal 29 settembre al 2 ottobre 2011. [Français]

imageTunisia, Egitto, Algeria, Giordania, Yemen... Feb 03 Alternative Libertaire 0 comments

L'ondata di proteste che è iniziata a Sidi Bouzid il 17 dicembre continua a crescere. Innescata da un gesto di disperazione di Mohamed Bouazizi, questa ondata sta dando speranza per un mondo migliore a milioni di persone in un numero crescente di paesi arabi. Dopo le rivolte in Algeria ed in Libia, ora è la volta dell'Egitto, della Giordania e dello Yemen essere teatro di estesi movimenti sociali. [Français]

imageTunisia: la rivoluzione non è finita Jan 20 Anarkismo 0 comments

Le organizzazioni firmatarie ribadiscono la loro piena solidarietà con la lotta del popolo tunisno per la libertà e la giustizia sociale e sono solidali con i militanti anti-capitalisti tunisini; condannano altresì l'atteggiamento delle potenze occidentali e delle loro classi politiche - quelle socialdemocratiche come quelle di destra - che hanno sempre sostenuto il potere autoritario di Ben Ali. [Français]

© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]