user preferences

New Events

Irlanda / Gran Bretagna

no event posted in the last week

Solidarietà con gli elettricisti nell'edilizia

category irlanda / gran bretagna | lotte sindacali | appello / petizione author Saturday January 21, 2012 13:57author by Liberty & Solidarity - L&Sauthor email enquiries at libertyandsolidarity dot org Report this post to the editors

Campagna di solidarietà nazionale ed internazionale

Da alcuni mesi, i lavoratori della Costruzione elettrica britannica organizzano la risposta agli 8 principali padroni di questa industria. Queste 8 imprese hanno annunciato la scorsa estate la loro intenzione di uscire dall'accordo (JIB) che regola il mestiere. [English]
clip_image002.jpg


Campagna di solidarietà nazionale ed internazionale

Solidarietà con gli elettricisti nell'edilizia


Da alcuni mesi, i lavoratori della Costruzione elettrica britannica organizzano la risposta agli 8 principali padroni di questa industria.

Queste 8 imprese hanno annunciato la scorsa estate la loro intenzione di uscire dall'accordo (JIB) che regola il mestiere.

I lavoratori si aspettano tagli agli stipendi fino al 35% e il deterioramento delle loro condizioni di lavoro. Questi lavoratori sono già obbligati, con gli attuali salari bassi, ad effettuare molte ore supplementari per potere sostenere le loro famiglie.

Non si tratta di un attacco isolato ad una sola professione ed in un solo paese. Si sa bene che queste ditte hanno il sostegno di tutte le ditte nell'edilizia, di cui diverse sono multinazionali.

E' difficile per il momento indire uno sciopero generalizzato e riconducibile, ma si sono organizzate assemblee regolari davanti ai cantieri. Questi picchetti di 200 o 300 operai permettono di costruire la lotta e di coinvolgere i lavoratori di altre categorie. Inoltre, come in tutto il mondo, l'attività sindacale nei cantieri è in ribasso e la divisione dei lavoratori rappresenta un vero freno.

Ma la lotta cresce e una vittoria è possibile se gli elettricisti non restano isolati a livello locale e nazionale. Nell'autunno del 2011, una ditta ha già rinunciato al progetto sotto pressione da parte dei lavoratori e dei media.

Gli elettricisti britannici hanno bisogno dei loro compagni nel movimento sindacale brittanico e del mondo intero per affrontare questo attacco. Ricordiamoci tutti che gli attacchi contro il movimento sindacale britannico negli anni '80 sono serviti come test per la borghese internazionale.

La rimessa in causa del contratto degli elettricisti inglesi può essere esportata in altre industrie in tutto il mondo. Di fronte alla crisi dei loro profitti, i capitalisti aspettano solo il segnale per agire.

Per i lavoratori dell'edilizia è il momento di mostrare la loro unità, al di là dei mestieri e delle frontiere nazionali.

Per costruire questa solidarità di classe, proponiamo:

  • di informare e di mobilitare i lavoratori delle filiali di queste 8 ditte, nei cantieri dei nostri rispettivi paesi;
  • di adottare e far circolare delle mozioni di sostegno nei nostri sindacati e nei cantieri al fine di diffondere l'informazione tra i lavoratori dell'edilizia;
  • di chiedere e ottenere che dalle nostre federazioni sindacali si organizzi la solidarietà economica con i nostri compagni britannici.
Potete inviare le vostre mozioni di protesta presso le sedi centrali delle ditte o cercare delle filiali nei vostri paesi (vedi sotto).

Inviate le vostre mozioni di sostegno al sindacato generale UNITE - settore edilizia: exray at talktalk dot net

Scarica il volantone multilingue (include indirizzi)

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio relazioni internazionali.

Related Link: http://www.libertyandsolidarity.org/sparkssolidarity

clip_image003.jpg

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
George Floyd: one death too many in the “land of the free”
© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]