user preferences

New Events

Nord America / Messico

no event posted in the last week

[USA] Difendiamo CeCe McDonald! L’autodifesa non è un crimine!

category nord america / messico | repressione / prigionieri | comunicato stampa author Wednesday December 28, 2011 23:49author by First of May Anarchist Alliance - M1AA Report this post to the editors

Un importante caso ha bisogno di tutto il nostro sostegno. Crishaun "CeCe" McDonald, una giovane transgender nera, deve rispondere di due accuse di omicidio di secondo grado per aver difeso i suoi amici, nonché se stessa, dagli attacchi fisici di un gruppo che urlava insulti schifosamente razzisti e omofobi.
cece4lo_1.jpg

Un importante caso ha bisogno di tutto il nostro sostegno. Crishaun "CeCe" McDonald, una giovane transgender nera, deve rispondere di due accuse di omicidio di secondo grado per aver difeso i suoi amici, nonché se stessa, dagli attacchi fisici di un gruppo che urlava insulti schifosamente razzisti e omofobi.

Contattate Michael Freeman, procuratore della contea di Hennepin, per chiedere che cadano le accuse contro CeCe:

tel: 612-348-5540
fax: 612-348-2042
email: citizeninfo@co.hennepin.mn.us

Vi chiediamo di discutere del caso di CeCe anche coi gruppi GLBTQ locali, con le organizzazioni della comunità nera, sindacati e collettivi, nelle assemblee del movimento Occupy e con chiunque lotti per libertà e giustizia. Un'ingiustizia per un@ è un'ingiustizia per tutt@!

Secondo il sito Support CeCe, http://supportcece.wordpress.com/ :

    "Il 5 giugno, verso le 12:30 am, CeCe e quattro amici (tutti neri) sono diretti al Cub Foods per prendere qualcosa da mangiare. Passata la Schooner Tavern (South Minneapolis), un uomo e due donne (bianch@) cominciano ad urlargli contro offese. Chiamano CeCe e i suoi amici 'froci', 'negri' e 'signorine col cazzo', e sostengono che CeCe è 'vestita come una donna' per 'violentare' Dean Schmitz, uno degli aggressori".

    "Mentre urlano, una delle donne spacca una bottiglia (1) sul lato del volto di CeCe, lacerandole la ghiandola salivaria, e accecandole gli occhi con il liquore. Scoppia una rissa che coinvolge altre persone. Non è ancora chiaro cosa sia successo durante lo scontro, ma dpo pochi minuti Dean Schmitz viene accoltellato a morte. CeCe viene in seguito arrestata, ed è ora ingiustamente accusata di omicidio."


Il rapporto dei coroner dimostra che Schmitz aveva una grossa svastica tatuata.

CeCe deve ora fronteggiare un sistema di giustizia che è tutto fuorchè un sistema di giustizia. C'è una tremenda sproporzione tra gli afro-americani incarcerat@ nel Minnesota e negli U.S.A. e il resto della popolazione. Gli imputati neri incorrono in condanne maggiori e pene più severe di quelli bianchi, specialmente quando la presunta vittima è bianca. Di fatto il Comitato di Supporto a CeCe ha documentato quattro diversi casi recenti, mentre il procuratore di Hennepin Country ha rifiutato di presentare accusa quando un bianco ha ucciso un presunto aggressore.

Allo stesso modo, il sistema di giustizia criminale è enormemente discriminatorio nei confronti degli imputati transgender. I trans sono regolarmente messi in isolamento e/o sono soggetti a violenze sessuali, molestie e abusi per mano dei prigionieri e del personale carcerario. La stessa CeCe "è stata posta in cella d'isolamento per la sua protezione"; lei non ha avuto voce in capitolo. Alla fine, è stata trasferita in un'unità psichiatrica nel Public Safety Facility [Struttura di Sicurezza Pubblica, ndt]. Questo quasi due mesi prima che fosse riportata da un dottore per un controllo alla ferita sul viso, che ormai era diventata una "dolorosa protuberanza dalle dimensioni di una pallina da golf", secondo il sito del Gruppo di Sostegno a CeCe.

Il procuratore di Hennepin County, Mike Freeman, è il politico del DFLP (Democratic Farmer-Labor Party) resposnasbile della persecuzione di CeCe. Precedentemente Freeman portò in causa un attivista dell'Azione Antirazzista perchè questi si era difeso da un neo-nazista ad una manifestazione antifascista nel 1993. L'ufficio di Freedman ha portato anche al railroading razzista dei giovani afro-americani noti come i "Minnesota 8" per l'assassinio di un ufficiale di polizia nel 1992.

CeCe aveva tutti i diritti di difendere se stessa e i suoi amici dall'assalto. La gente nera, queer e i/le transgender devono già avere abbastanza a che fare con le offese e gli abusi di padroni, scuola, polizia e altre istituzioni ufficiali senza che debbano anche preoccuparsi di essere attaccati fisicamente solo per essere chi sono. La violenza razzista e transfobica non può essere tollerata. Silenzio e inattività contribuiscono soltanto alla perpetuazione della "superiorità bianca", del sessimo, dell'omofobia e transofobia insite nella struttura di questo sistema oppressivo e di sfruttamento. L'unità necessaria per l'abbattimento di questo sistema richiede la solidarietà di tutti noi - non quell'unità del minimo comun denominatore che favorisce soltanto i più privilegiati, ma Con l'acuirsi della crisi sociale, il bisogno di un'autodifesa tanto dagli individui bigotti quanto da un sistema costruito sulla superiorità bianca e sul patriarcato sarà sempre più impellente.

In difesa di CeCe, si è formato un forte gruppo di sostegno, composto soprattutto da giovani attivisti transgender e includente anarchici. La First of May Anarchist Alliance [Alleanza Anarchica Primo Maggio, ndt] esprima ovviamente la sua solidarietà. Lavoreremo per far conoscere questo caso agli attivisti del movimento operaio e contribuiremo ad "alzare la posta" per il pubblico ministero e il sistema che rappresenta per aver compiuto questa ingiustizia.

First of May Anarchist Alliance

Traduzione a cura di Lazar Isotakis

Dicembre 2011

Note

(1) Nel testo inglese il termine è "drink". Ho tradotto con "bottiglia" ma CeCe potrebbe essere stata colpita anche da un bicchiere di vetro. Purtroppo non sono riuscito a reperire altre informazioni: chiunque ne sappia di più può liberamente modificare la traduzione.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Neste 8 de Março, levantamos mais uma vez a nossa voz e os nossos punhos pela vida das mulheres!
© 2005-2019 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]