user preferences

Con i lavoratori, contro la cancellazione dei diritti, per rilanciare la lotta sindacale

category italia / svizzera | lotte sindacali | opinione / analisi author Monday December 19, 2011 23:34author by Commissione Sindacale FdCA - Federazione dei Comunisti Anarchiciauthor email sindacale at fdca dot it Report this post to the editors

Documento finale della Commissione Sindacale FdCA del 17.12.11

Come attivisti/e sindacali anarchici e libertari e come lavoratori/trici iscritti/e sia a CGIL che ai sindacati di base denunciamo da tempo il fenomeno strisciante e silenzioso della desindacalizzazione nei luoghi di lavoro, dell'abbandono e della disaffezione dei lavoratori verso l'impegno sindacale e verso l'assunzione di responsabilità di rappresentanza, della delega automatica; tante sono le pressioni (e la repressione aziendale) ed a volte i ricatti; invece poche sono spesso le pur piccole vittorie o l'appoggio delle strutture di vertice.


Commissione Sindacale FdCA

Cremona, 17 dicembre 2011
presso il CSA Kavarna, via Maffi, Cremona

Con i lavoratori, contro la cancellazione dei diritti, per rilanciare la lotta sindacale


Una ventina di attivisti sindacali della FdCA e non, provenienti da Lombardia, Emilia e Marche hanno preso parte alla riunione della Commissione Sindacale della FdCA, dibattendo sulla situazione sindacale attuale e le sue prospettive.

FIAT

L'accordo siglato tra la FIAT e le organizzazioni sindacali aziendali, tranne la FIOM, cancella il contratto nazionale e 40 anni di contrattazione aziendale. Come era facilmente prevedibile, nonostante negato da più parti, dal 1 gennaio l'accordo applicato a Pomigliano verrà esteso a tutti gli stabilimenti del gruppo FIAT.

Il decalogo imposto dalla FIAT senza alcuna contrattazione obbliga i lavoratori del gruppo al rispetto di norme di comportamento e di regole nell'organizzazione del lavoro e dell'attività sindacale, che l'azienda ritiene esigibili pena provvedimenti disciplinari che possono giungere fino al licenziamento. La limitazione dell'attività sindacale per i lavoratori, l'abolizione delle elezioni delle rsu a favore di rsa elette dalle segreterie dei sindacati firmatari, l'estromissione dagli stabilimenti FIAT della FIOM, in quanto non firmataria dell'accordo e quindi l'impossibilità ad agire sindacalmente e pubblicamente per gli operai iscritti alla FIOM, costituisce un colpo inferto in profondità ai diritti di organizzazione sindacale nel gruppo, ma al tempo stesso un colpo profondo anche alla stessa credibilità del sindacato quale soggetto di contrattazione: infatti i sindacati firmatari ammessi in azienda hanno abdicato alla loro funzione di soggetto contrattuale ed alla FIOM le viene negata del tutto. Se la contropartita è misera ed incerta (gli assorbimenti salariali non modificano la retribuzione lorda, aumentando solo la paga dello straordinario obbligatorio a 120 ore e notturno, il premio per il lavoro pari a €600 per il 2012, ammesso che il lavoratore non si assenti mai; il piano aziendale a tutt'oggi non esiste) a fronte della Waterloo dei sindacati firmatari, il prezzo da pagare diviene ancora più pesante nel momento in cui nel gruppo FIAT cala il silenzio sui diritti sindacali e vengono messe a tacere le voci di denuncia, di controinformazione, di iniziativa sindacale nei reparti, di assemblea (le 10 ore individuali vengono ripartite tra le organizzazioni sindacali aziendali) di rivendicazione di appartenenza sindacale, di sciopero.

E' importante che la FIOM ed i sindacati di base che hanno una presenza nel gruppo FIAT trovino modi di mantenere un rapporto di vicinanza e contatti stretti con gli operai rinchiusi nel silenzio aziendale e promuovano nel territorio la controinformazione e la denuncia delle condizioni di lavoro e di negazione dei diritti sindacali; è importante promuovere un'azione di recupero e di radicalizzazione degli operai iscritti - loro malgrado - ai sindacati firmatari, perché svolgano un'azione di pressione e di critica all'interno dei loro sindacati.

Se la FIOM prova sulla sua pelle la maledizione dell'esclusione dai diritti sindacali, che il sindacalismo di base subisce e denuncia da sempre, non è certamente motivo di soddisfazione per una nemesi annunciata, quanto impulso ad un riflessione sulla mancanza di una legislazione sulla rappresentanza sindacale in tutto il mondo del lavoro che potesse arginare le azioni di forza della dirigenza FIAT ed altri soggetti padronali insofferenti alla presenza del sindacato conflittuale in fabbrica.

Manovra Techno-Monti

I provvedimenti del governo Monti sulle pensioni, presi - anche questi - senza alcuna concertazione o trattativa con i sindacati, sanciscono in maniera evidente che il debito pubblico italiano verrà pagato per qualche centinaio di miliardi di euro nel medio-lungo periodo proprio e solo sui lavoratori; l'innalzamento dell'età pensionabile aumenta il tempo di lavoro, preclude la stabilizzazione dei precarie... stabilizza la precarietà!

Anche in questo caso, le misure pesantissime per il futuro di milioni di lavoratori, allungano la loro tetra ombra sulle organizzazioni sindacali, di fatto emarginate e spodestate dal loro ruolo di intermediazione. La fine della concertazione (già in crisi) viene così sancita con un atto di forza del governo e toglie ai sindacati persino quello stesso ruolo di "istituzioni" che si erano conquistato a forza di cedimenti e svendite dei diritti e del lavoro.

Se i cedimenti sindacali, i sacrifici, i contratti al ribasso imposti dalle burocrazie sindacali venivano riequilibrati verso iscritti e lavoratori da una solenne difesa dei diritti acquisiti sul piano della contrattazione e dell'intangibilità del sistema pensionistico, ora con il blocco della contrattazione nel pubblico impiego e con la fine della pensione pubblica d'anzianità, i sindacati subiscono deliberatamente (ma se la sono anche cercata...) un colpo profondo alla loro credibilità quali parti sociali rappresentanti il mondo del lavoro.

La techno-sberla istituzionale data a CGIL-CISL-UIL e la nemesi che le ha colpite oggi dopo un ventennio di scivolamenti e snaturamenti verso un'interpretazione del ruolo del sindacato quale struttura sempre meno interessata a rappresentare la classe lavoratrice, pur in presenza di un inasprimento del conflitto di classe da parte padronale e statale, non fa però alzare le quotazioni del sindacalismo di base.

E' più probabile la diffusione di un sentimento di disaffezione e di abbandono verso CGIL-CISL-UIL, che non il travaso di iscritti e delegati da queste verso il sindacalismo di base.

Lo sciopero di 3 ore del 12 dicembre non ha dato segnali confortanti di partecipazione. Lo sciopero di 8 ore sempre il 12 dicembre della FIOM ha mostrato più capacità di reazione, ma solo in pochissime - seppur significative - realtà dove la mobilitazione non è stata puramente simbolica. Lo sciopero del 19 dicembre nel pubblico impiego e nella scuola (solo 1 ora, però) non va caricato - in questa situazione - di eccessive aspettative.

Evitare il peggio, ricostruire relazioni sindacali dal basso

Come attivisti/e sindacali anarchici e libertari e come lavoratori/trici iscritti/e sia a CGIL che ai sindacati di base denunciamo da tempo il fenomeno strisciante e silenzioso della desindacalizzazione nei luoghi di lavoro, dell'abbandono e della disaffezione dei lavoratori verso l'impegno sindacale e verso l'assuzione di responsabilità di rappresentanza, della delega automatica; tante sono le pressioni (e la repressione aziendale) ed a volte i ricatti; invece poche sono spesso le pur piccole vittorie o l'appoggio delle strutture di vertice.

Una ulteriore spinta in questa direzione viene ora data dall'accordo in FIAT e dalle manovre governative.

Tramonta un sistema di relazioni industriali. E' in corso uno smantellamento della legislazione sul lavoro conseguente alla ristrutturazione dei rapporti di forza così come vengono plasmati dalla crisi economica in corso. Statuto dei Lavoratori, accordi-quadro e intere parti dei contratti nazionali di categoria sulle relazioni sindacali sono in attesa di profonde modifiche regressive.

L'agibilità sindacale nei luoghi di lavoro si riduce sempre di più alla gestione di una bacheca.

Se i vertici di CGIL-CISL-UIL sono passati rapidamente in 20 anni dal sindacato concertativo a quello collaborativo a quello di mercato e magari già li attende un futuro da sindacato-lobby che gestisce solo pezzi di welfare, assunzioni e fondi-pensione senza contrattare più nulla, il sindacalismo conflittuale - da parte sua - pur rafforzato dagli ultimi anni di impegno della FIOM, non riesce ancora a proporsi quale referente credibile sul piano di classe.

Nei posti di lavoro è per noi importante iniziare a ricostruire un percorso di relazioni sindacali scrostate da ogni automatismo di tessera o di delega, per spingere i tanti lavoratori, delusi e demotivati dalle scelte e dalla incapacità di CGIL-CISL-UIL o dall'affastellamento dei sindacati di base, a recuperare un protagonismo di riflessione e di analisi, di iniziativa e di proposta, che esca dall'azienda e dagli uffici e si relazioni con le strutture sociali nel territorio per rimettere il lavoro al centro delle mobilitazioni.

L'appuntamento con le elezioni delle rsu nel pubblico impiego e nella scuola nei primi mesi del 2012 in 2 settori dove la contrattazione è ferma fino al 2014 e si fa pesante il clima da caserma imposto dai dirigenti, va colto come occasione per rilanciare la partecipazione dal basso e l'individuazione di rappresentanti legittimati dai lavoratori nella definizione delle liste; lo sciopero indetto da USB-Unicobas-Snater-SLAICOBAS-USI per il 27 gennaio - in un periodo in cui dovrebbe aprirsi la partita sulla revisione dello Statuto dei Lavoratori e del mercato del lavoro - va colto come una prima scadenza da costruire da ora prima nei luoghi di lavoro e nel territorio e poi come dimostrazione di una potenzialità di mobilitazione che deve caratterizzarsi con contenuti di classe, che sviluppino inclusione e senso di appartenenza, per tutti e che deve allargarsi coinvolgendo tutte le realtà sindacali di base e conflittuali...

Ma centrale sarà anche la manifestazione nazionale della FIOM dell'11 febbraio dentro la lotta per un contratto nazionale scaduto, che la Finmeccanica ha disdettato, e contro il contratto di Marchionne, affinché diventi un momento di coagulo delle opposizioni sociali e un rilancio di mobilitazioni generalizzate e radicate nelle aziende e nei territori...

Obiettivi di classe unificanti in un anno in cui si prevede recessione con aumento della disoccupazione: difesa del diritto di sciopero; aumenti salariali; ripristino dei 40 anni di contributi; riduzione progressiva dell'orario di lavoro per il riassorbimento di licenziati e precari; abolizione del precariato (Legge Biagi), difesa dell'art. 18.


Commissione Sindacale

Federazione dei Comunisti Anarchici

Cremona, 17 dicembre 2011

Related Link: http://www.fdca.it

This page has not been translated into Polski yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

La experiencia de Mujeres Libres: 80 años del surgimiento del feminismo anarquista organizado

Con Lucha Y Organización Fortalecemos La Resistencia

Algunas reflexiones en torno al poder y la institucionalidad a 80 años de la Revolución Española

80 aniversari de la insurrecció obrera i popular i de la revolució social

80 anni fa la rivoluzione comunista libertaria in Spagna

De los comités de defensa al análisis de los órganos de poder

The Coup in Turkey: Tyranny against tyranny does not make freedom

Greve, Piquete, Marcha e Ocupação! Educadores e Estudantes unidos pela Educação!

Making sense of the Brexit tide of reaction and the reality of the racist vote

[Colombia] Ante el acuerdo de cese al fuego bilateral y definitivo entre el gobierno colombiano y las FARC-EP

Coyuntura Política en Venezuela: Crisis, Tendencias y el Desafío de la Independencia de Clase

Orlando means fightback

Palestinian workers in Israel: between scylla and charybdis

A Socialist On City Council: A Look At The Career Of Kshama Sawant

Élargir la lutte et généraliser la grève pour gagner

Carta de Fundação OAZ

[Colombia] Documento de Formación: Análisis de Coyuntura 2015-2016

La NATO contro i Curdi: la Battaglia per A'zaz

Feminists in Ireland Say No To Pegida

Posició de Embat sobre el nou govern de la Generalitat i el procés constituent

A 120 años de su natalicio: la pluma rebelde de Manuel Rojas

Anarkismo.net wishes you all a 2016 of solidarity and resistance

Migranti e profughi

Luta e Organização na Ocupação das Escolas em São Paulo

Italia / Svizzera | Lotte sindacali | it

Wed 24 Aug, 09:34

browse text browse image

textFrancia, Europa: bloccare tutto! 06:36 Mon 27 Jun by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments


Dopo tre mesi di mobilitazione e quindici scioperi, a cui partecipano anche i nostri militanti di Alternative Libertaire e della CGA, il movimento contro la Loi Travail non si indebolisce e le azioni continuano.

textTutto passa dalla lotta 20:02 Mon 13 Jun by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Alternativa Libertaria/FdCA partecipa al presidio genovese del 13 giugno, organizzato dal “Collettivo Noi saremo tutto” in solidarietà con i lavoratori francesi in lotta contro la loi travail.

ilvagenova.jpg imageGenova: lavoratori ILVA in lotta 03:09 Wed 27 Jan by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

A Genova, sono già scesi in piazza e scenderanno anche oggi, i lavoratori dell’ILVA.

textIl Jobs Act figlio delle linee di ristrutturazione dell'industria in Europa 22:01 Thu 05 Mar by Alternativa Libertaria / FdCA 0 comments

I recentissimi decreti applicativi del Jobs Act emanati dal governo italiano si aggiungono ad altre legislazioni anti-operaie approvate all'interno dell'Unione Europea (UE). I contratti individuali a tutele crescenti, la ridefinizione del lavoro subordinato, la flessibilità svincolata dalla contrattazione, la monetizzazione dei licenziamenti e dell'espulsione dal ciclo produttivo hanno lo scopo immediato di portare all'irrilevanza il diritto di coalizione dei lavoratori ed il ruolo dell'organizzazione sindacale dentro le fabbriche.

textGenova: Multinazionali a delinquere. Il caso Ericsson Jabil 19:15 Thu 05 Mar by Coordinamento lavoratori e lavoratrici Genova 0 comments

Le lotte e l'unità dei lavoratori sono rimaste l'unico strumento per difendere i nostri diritti.

textTrento. Solidarietà ai lavoratori della Sapes. No alle intimidazioni contro gli operai. 02:32 Wed 04 Mar by Alternativa Libertaria/FdCA 1 comments

Negli anni recenti, la gestione padronale si è contraddistinta per intimidazioni ai danni di lavoratori, lavoratrici ed esponenti sindacali, svolgendo una vera e propria azione antisindacale sia nei confronti del diritto di assemblea in fabbrica che del diritto di sciopero.

textPer l'unione della classe lavoratrice 17:47 Tue 24 Feb by Coordinamento lavoratori e lavoratrici Genova 0 comments

Un coordinamento per stringere e rafforzare i legami di fratellanza tra i lavoratori, nel quale potranno confluire i tanti lavoratori, la maggioranza, delle piccole aziende, oggi isolati da quelli delle medie e grandi imprese, e i sempre più numerosi disoccupati.

sciop.jpg image12 dicembre: lavoratori, non schiavi 14:12 Mon 08 Dec by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Oggi è in gioco la sopravvivenza della difesa collettiva dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e non solo, di fronte a scelte politiche che tentano di disarmarci per segregarci in un futuro di schiavi, impotenti a reagire alla violenza delle politiche dei padroni. Oggi in piazza dobbiamo esserci in tanti se vogliamo cambiare di segno le politiche autoritarie di una Europa che cerca il suo spazio imperialista attraverso la compressione sociale. [Português]

alfdca.jpg image14 novembre 2014 - scioperare e manifestare 14:12 Tue 11 Nov by Alternativa Libertaria/FdCA 2 comments

Non è la prima volta che succede. Non è la prima volta che il mondo del lavoro sindacalizzato intreccia la sua lotta con le realtà sociali di base che nei territori, da anni, fanno da argine e da rete solidale di conflitto contro la devastazione capitalistica dei luoghi di vita e dell'ambiente. Ma questo 14 novembre cade nel sesto anno di una crisi che non è più solo finanziaria,solo economica ed occupazionale.

versosciopero.jpg imageVerso lo sciopero generale e sociale nel mondo del lavoro, nei territori, nelle piazze 05:09 Thu 23 Oct by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Come era facilmente prevedibile le rassicurazioni diffuse e propagandate a piene mani da politici, affaristi, finanzieri e confindustriali sulla possibilità di riprendersi da quella che veniva chiamata crisi si sono dimostrate una colossale bugia. Con una ingombrante operazione di depistaggio mediatico all'insegna di "dobbiamo abbattere il debito pubblico" o "dobbiamo abbattere le Tasse", "l'Europa ce lo chiede", "dobbiamo rispettare i vincoli del deficit imposto", si è proceduto alla cancellazione quasi totale dei diritti dei lavoratori.

more >>

textFermare il caporalato, costruire l'alternativa libertaria nelle campagne Jun 27 by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

I braccianti. Lavoratori e lavoratrice invisibili per la legge e per la società, ma che si sono resi visibili attraverso uno sciopero generale nazionale di 8 ore, occupando le vie di Bari, lo scorso 25 giugno.

textItalia: ammortizzatori sociali e "patto di servizio" Sep 10 by Donato Romito & Maurizio Galici 0 comments

Entrerà in vigore nel 2016 il decreto sugli ammortizzatori sociali che si porta dentro 2 gravi novità: niente Cassa integrazione se l'azienda chiude e introduzione del "patto di servizio", che obbliga il lavoratore ad accettare un lavoro, un piano di formazione o di reinserimento lavorativo se non vuole perdere l'integrazione salariale.

textItalia: la lotta contro la riforma della scuola Jun 17 by Donato Romito 0 comments

Quella dei lavoratori della scuola è una dimostrazione di unità, di coesione e di combattività della categoria che si sta auto-organizzando in ogni scuola per cercare di fermare il progetto autocratico in corso.

imagePer Chi Suona La Crisi Apr 21 by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Il governo Renzi risponde a quella che è una richiesta della classe padronale: ridurre i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici in nome di una sempre maggiore flessibilità del lavoro che vada di pari passo alla flessibilità del mercato.

imageAncora note sul Testo Unico sulla rappresentanza Confindustria CGIL-CISL-UIL 10/01/2014 Jan 29 by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

L'accordo è finalmente il punto di arrivo del percorso intrapreso dai padroni, che ha subito un'accellerazione dal 2009, si è servito come testa di sfondamento dell'accordo separato in FIAT con le successive fasi, fino al sostegno legislativo dello stesso accordo attraverso l'art. 8 sulle deroghe ai contratti e alle leggi in sede aziendale, attualmente in vigore.

more >>

textFrancia, Europa: bloccare tutto! Jun 27 0 comments


Dopo tre mesi di mobilitazione e quindici scioperi, a cui partecipano anche i nostri militanti di Alternative Libertaire e della CGA, il movimento contro la Loi Travail non si indebolisce e le azioni continuano.

textTutto passa dalla lotta Jun 13 sezione "Nino Malara" Genova 0 comments

Alternativa Libertaria/FdCA partecipa al presidio genovese del 13 giugno, organizzato dal “Collettivo Noi saremo tutto” in solidarietà con i lavoratori francesi in lotta contro la loi travail.

textIl Jobs Act figlio delle linee di ristrutturazione dell'industria in Europa Mar 05 AL/FdCA 0 comments

I recentissimi decreti applicativi del Jobs Act emanati dal governo italiano si aggiungono ad altre legislazioni anti-operaie approvate all'interno dell'Unione Europea (UE). I contratti individuali a tutele crescenti, la ridefinizione del lavoro subordinato, la flessibilità svincolata dalla contrattazione, la monetizzazione dei licenziamenti e dell'espulsione dal ciclo produttivo hanno lo scopo immediato di portare all'irrilevanza il diritto di coalizione dei lavoratori ed il ruolo dell'organizzazione sindacale dentro le fabbriche.

textGenova: Multinazionali a delinquere. Il caso Ericsson Jabil Mar 05 0 comments

Le lotte e l'unità dei lavoratori sono rimaste l'unico strumento per difendere i nostri diritti.

textTrento. Solidarietà ai lavoratori della Sapes. No alle intimidazioni contro gli operai. Mar 04 Trento 1 comments

Negli anni recenti, la gestione padronale si è contraddistinta per intimidazioni ai danni di lavoratori, lavoratrici ed esponenti sindacali, svolgendo una vera e propria azione antisindacale sia nei confronti del diritto di assemblea in fabbrica che del diritto di sciopero.

more >>
© 2005-2016 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]