user preferences

New Events

Mashrek / Arabia / Irak

no event posted in the last week

Iran-Israele: no alle minacce di guerra dello Stato israeliano

category mashrek / arabia / irak | imperialismo / guerra | documento politico author Saturday November 19, 2011 15:24author by Alternative Libertaire - AL Report this post to the editors

I tamburi di guerra suonano di nuovo in Medio oriente. Si assiste ad un'offensiva concertata da Israele, dagli Stati Uniti, dalla Francia e dal Regno Unito contro l'Iran. Cominciata qualche settimana fa in Israele da un dibattito pubblico sulla necessità di attaccare l'Iran prima che si doti di un'arma nucleare, la campagna è stata inoltrata al G20 di Nizza da Obama e Sarkozy, che hanno fatto appello perché si esercitasse una pressione senza precedenti sull'Iran, mentre la stampa britannica parla di preparativi di guerra da parte degli USA e del Regno Unito. [Français] [Castellano] [English]

iranisraelwar.jpg


Iran-Israele: no alle minacce di guerra dello Stato israeliano


I tamburi di guerra suonano di nuovo in Medio oriente. Si assiste ad un'offensiva concertata da Israele, dagli Stati Uniti, dalla Francia e dal Regno Unito contro l'Iran. Cominciata qualche settimana fa in Israele da un dibattito pubblico sulla necessità di attaccare l'Iran prima che si doti di un'arma nucleare, la campagna è stata inoltrata al G20 di Nizza da Obama e Sarkozy, che hanno fatto appello perché si esercitasse una pressione senza precedenti sull'Iran, mentre la stampa britannica parla di preparativi di guerra da parte degli USA e del Regno Unito. Questo fracasso aveva il solo scopo di creare un clima di tensione in attesa dell'uscita l'8 novembre del rapporto dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) sul programma nucleare iraniano.

Questo rapporto, come quelli precedenti, non aggiunge alcun elemento che possa provare che il programma nucleare civile nasconda un programma militare segreto. Ma a differenza dei suoi predecessori, il nuovo direttore dell'AIEA, l'ex ambasciatore giapponese presso Washington Yukiya Amano, è totalmente allineato sulle posizioni occidentali. Il rapporto fa eco di "informazioni" fornite dai servizi segreti dei paesi membri dell'AIEA ostili all'Iran che parlano di "gravi preoccupazioni riguardanti una possibile dimensione militare del programma nucleare". Nell'assenza di prove concrete, i falchi fanno ricorso ad insinuazioni e manipolazioni per preparare l'opinione pubblica ad un'avventura militare contro la teocrazia iraniana.

È così da anni: le minacce di attacchi imminenti contro l'Iran sono regolarmente al primo piano nei notiziari. Oggi, sono più seri del solito? Si tratta principalmente di far sì che la Cina e la Russia non usino il loro diritto di veto nel Consiglio di Sicurezza dell'ONU per bloccare una nuova serie di sanzioni economiche contro l'Iran. Finora, la strategia occidentale è stato quella di isolare e asfissiare il paese per rendere più docile la sua classe dirigente. Il fiasco iracheno invita alla prudenza... Tant'è che il capo del Pentagono Leon Panetta ha messo in guardia contro le "conseguenze imprevedibili" che potrebbe avere un'azione militare contro l'Iran.

Ma il pericolo di una guerra è ben lungi dall'essere scartato. Non siamo immuni da una fuga in avanti dei più estremisti di Tel Aviv e Washington, che potrebbero essere tentati di montare una provocazione per raggiungere i loro scopi. Perché la situazione strategica di Israele si è deteriorata notevolmente negli ultimi anni creando grande febbrilità in mezzo alla nomenclatura militare che dirige il paese. A livello regionale, l'alleanza militare con la Turchia si è rotta, in Egitto il sempre conciliatorio regime del dittatore Mubarak è stato sostituito da un regime instabile meno allineato con la politica di Tel Aviv e Washington. Anche le difficoltà del vecchio nemico baathista in Siria, alleato di Teheran, sono fonti di ansia; possono creare una situazione all'irachena dove potrebbero approfittarne dei combattenti islamisti per portare avanti operazioni in Israele. A livello internazionale la mobilitazione attorno alla campagna BDS (Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni) ha avuto un effetto, soprattutto tra i tradizionali alleati di Israele, mentre a livello nazionale il potere deve vedersela con i movimenti sociali di massa. C'è chi sogna di porre fine a questa serie di battute d'arresto per mezzo di una "vittoria" contro l'Iran.

Il peggio non è inevitabile in Medio Oriente, siamo in grado di fermare la spirale di violenza. Ma per questo dobbiamo affrontare i problemi alle radici:

Non ci sarà pace finché le rivendicazioni legittime del popolo palestinese non saranno soddisfatte.

Alternative Libertaire si oppone al nucleare civile così come al nucleare militare e sostiene la denuclearizzazione a livello mondiale, compresi tutti i grandi poteri dotati di armi nucleari (Francia, USA, Regno Unito, India, Pakistan, Cina e Russia) nonché i paesi come l'Israele e l'Iran, che devono tutti distruggere i propri arsenali e non acquisirne altri.

Tutte le truppe straniere devono ritirarsi dalla regione, e in particolare bisogna smantellare le basi americane.

Alternative Libertaire

16 novembre 2011

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio relazioni internazionali

Related Link: http://www.alternativelibertaire.org

This page has not been translated into Other yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
E

Front page

The experiment of West Kurdistan (Syrian Kurdistan) has proved that people can make changes

[Chile] EL FTEM promueve una serie de “jornadas de debate sindical”

Ukraine: Interview with a Donetsk anarchist

The present confrontation between the Zionist settler colonialist project in Palestine and the indigenous working people

Prisões e mais criminalização marcam o final da Copa do Mundo no Brasil

An Anarchist Response to a Trotskyist Attack: Review of “An Introduction to Marxism and Anarchism” by Alan Woods (2011)

هەڵوێستی سەربەخۆی جەماوەر لە نێوان داعش و &

Contra a Copa e a Repressão: Somente a Luta e Organização!

Nota Pública de soldariedade e denúncia

Üzüntümüz Öfkemizin Tohumudur

Uruguay, ante la represión y el abuso policial

To vote or not to vote: Should it be a question?

Mayday: Building A New Workers Movement

Anarchist and international solidarity against Russian State repression

Argentina: Atentado y Amenazas contra militantes sociales de la FOB en Rosario, Santa Fe

Réponses anarchistes à la crise écologique

50 оттенков коричневого

A verdadeira face da violência!

The Battle for Burgos

Face à l’antisémitisme, pour l’autodéfense

Reflexiones en torno a los libertarios en Chile y la participación electoral

Mandela, the ANC and the 1994 Breakthrough: Anarchist / syndicalist reflections

Melissa Sepúlveda "Uno de los desafíos más importantes es mostrarnos como una alternativa real"

On Sectarianism

Mashrek / Arabia / Irak | Imperialismo / Guerra | it

Wed 03 Sep, 05:28

browse text browse image

gaza.jpg imagePalestina, l'ostaggio perenne 00:06 Wed 23 Jul by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Continua la guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas, anche se in tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Dalla scomparsa dei tre coloni da Gush Etzion, (colonia per soli ebrei sotto il controllo totale dello stato di Israele in Cisgiordania), Israele ha posto sotto assedio quattro milioni di palestinesi, bombardando ospedali, scuole, ogni sorta di obiettivi civili, distruggendo e saccheggiando case, rubando, effettuando sequestri, ferendo e uccidendo sia in modo mirato che indiscriminato al di fuori di ogni legislazione internazionale.

pal.jpg imagePalestina: nessuna giustizia, nessuna pace! 14:47 Thu 17 Jul by Alternative Libertaire 0 comments

Da molti giorni l'esercito israeliano bombarda la striscia di Gaza, in seguito al lancio di razzi sul territorio israeliano. Col pretesto di prendersela con i "terroristi", o con "quelli che rifiutano la pace", i bombardamenti colpiscono in realtà la popolazione civile, bambini compresi, e servono a scoraggiare con il terrore ogni volontà di resistenza. [Français]

oabubakralbaghdadi570.jpg imageSulla crisi in Iraq 16:22 Sun 29 Jun by Kurdish Anarchists Forum 0 comments

La crisi in Iraq risale al regime di Saddam Hussein ed è proseguita con "l'attuale regime democratico" dopo l'invasione del 2003. Non c'era libertà, né giustizia sociale; nessuna uguaglianza e pochissime opportunità per coloro che erano indipendenti dai partiti al potere. Oltre alle violenze ed alle discriminazioni contro le donne e la gente comune si è creata una forbice enorme tra i ricchi ed i poveri, con i ricchi sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri. [English]

lcc.jpg imageStati e forze reazionarie: giù le mani dalla rivoluzione siriana 20:30 Wed 11 Sep by Relations Internationales de la CGA 0 comments

Documento politico della Coordination des Groupes Anarchistes (Francia) sulla situazione in Siria. [Français]

gaza_2.jpg imageQuanto vale ogni bomba su Gaza? 18:50 Tue 20 Nov by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

Lo Stato di Israele non ha mai smesso la sua strategia di controllo militare e vitale su Gaza e continua ad occupare militarmente territori, proteggendo e favorendo l'espansione delle colonie israeliane che si allargano giorno per giorno sulla terra dei palestinesi. Innalza muri che rinchiudono villaggi interi, che sradica uliveti e uccide gli animali dei pastori imponendo miseria e umiliazione...

cr160110.jpg imageGaza: noi non vogliamo dimenticare 18:11 Tue 19 Jan by Nestor 0 comments

Sabato 16 gennaio 2010, una sessantina di persone ha partecipato ad un presidio nel centro della città di Cremona per ricordare l'anniversario dell'operazione militare "Piombo Fuso" e il lento genocidio nella striscia di Gaza iniziato nel dicembre del 2008, che ha prodotto un disastro umanitario di fronte all'immobilità silenziosa e complice della comunità internazionale. Il presidio è stato organizzato dal Gruppo Antifascista Partigiano di Cremona, con la partecipazione della sezione cremonese della FdCA ed altre organizzazioni politiche, sociali e sindacali.

300_0___20_0_0_0_0_0_27_12_jaffa_4.jpg imageCi sono anche le mani insanguinate dell'Europa sulla strage di Gaza 21:29 Sat 03 Jan by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Continueremo ad appoggiare le lotte e gli atti di solidarietà nei confronti del popolo palestinese, sostenendo tutte quelle manifestazioni in embrione di auto-determinazione che hanno e che stanno caratterizzando la lotta di interi villaggi della Palestina... [English][Français] [Ελληνικά][Castellano] [Nederlands] [العربية]

textIsraele: "40° dell'Occupazione" - prime azioni a Tel Aviv 20:01 Thu 07 Jun by Ilan Shalif 1 comments

I 6 giorni di azioni per commemorare le atrocità dei 40 anni dell'occupazione israeliana dalla guerra del 1967 hanno avuto inizio a Tel Aviv martedì pomeriggio, dopo un'anteprima di affissione notturna durante le ultime settimane.

text"Resistenza, disobbedienza, solidarietà" - incontro con un refusnik israeliano 16:33 Tue 21 Nov by FdCA Fano 2 comments

Lunedi 20 novembre 2006, nella aula magna dell'Istituto Tecnico-Commerciale Battisti di Fano si è svolta l'iniziativa con Lyor Volinytz, 19enne israeliano, "refusnik" e attivista del movimento Anarchici Contro Il Muro.

textLibano, una finta pace tra una guerra interrotta e una guerra che verrà 16:18 Wed 06 Sep by Federazione dei Comunisti Anarchici 1 comments

Eserciti europei stanno per schierarsi nel sud del Libano -con le bandiere dell'ONU, in nome della UE e della NATO- fiduciosi che Tsahal ritiri le truppe e le navi e metta gli aerei negli hangar. Italia, Francia e Spagna mandano 7000 uomini a garantire una “pace” nel segno della potenza israeliana.

more >>

imageLa possibilità di una divisione dell'Iraq Aug 28 by KAF 0 comments

Alcune settimane fa, in uno dei nostri comunicati noi del Kurdistan Anarchists Forum esprimemmo le nostre opinioni ed il nostro atteggiamento sullo Stato Islamico di Iraq e Siria (Isis), sui suoi attacchi in Iraq e sullo scontro politico-religioso per il potere tra Sciiti e Sunniti. In questo nostro comunicato presentiamo le nostre posizioni sulla situazione politica, sulla possibilità di una divisione dell'Iraq e sulla guerra in corso. [English]

textIsraele ha dato fuoco al paiolo Aug 02 by Ilan S. 0 comments

Gia prima dell'attuale attacco, la guerra era stata iniziata dal blocco egiziano sulla Striscia di Gaza, con l'intento di far cadere il governo di Hamas in quanto organizzazione facente parte del movimento dei Fratelli Musulmani. [English] [Türkçe]

imageSoluzione finale per la Palestina Aug 02 by José Antonio Gutiérrez D. 0 comments

Benyamin Netanyahu ha dichiarato che l'esercito è giunto alla fase finale di questa operazione. Ufficialmente, fase "finale" significa chiudere i tunnel attraverso cui ai progionieri del ghetto di Gaza possono giungere cibo, medicine e tutte quelle cose che si sono rese inaccessibili a causa dell'assedio medioevale imposto loro da Israele, con l'appoggio europeo, nordamericano ed egiziano. Significa tagliare le vene che ancora fanno vivere Gaza, rendere irreversibile tale grave situazione ed accelerare la morte lenta di questa comunità di circa 2 milioni di esseri umani per fame, malattie e mancanza di acqua. Sembra che Israele stia proprio cercando la "soluzione finale" alla "questione palestinese". [Castellano]

imageIsraele/Palestine: dietro l'attuale conflitto Jul 28 by Ilan S. 0 comments

L'Egitto insiste nel voler annientare il governo di Hamas, propaggine dei Fratelli Musulmani, sulla Striscia di Gaza. Israele vuole "solo" sabotare il cedimento/compromesso di Hamas verso l'Autorità Palestinese sulla Cisgiordania. Per capire l'importanza del contesto politico degli eventi in corso bisogna rifarsi al novembre 2012, con l'accordo tra Israele ed Hamas sponsorizzato dall'Egitto. [English]

imageI Curdi, tra accerchiamento islamista e progressi politici Jul 26 by Elisenda Panadés 0 comments

Il Kurdistan della Siria, solo di fronte agli attacchi jihaidisti, lancia un appello alla solidarietà internazionale. [Castellano]

more >>

imagePalestina, l'ostaggio perenne Jul 23 FdCA 0 comments

Continua la guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas, anche se in tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Dalla scomparsa dei tre coloni da Gush Etzion, (colonia per soli ebrei sotto il controllo totale dello stato di Israele in Cisgiordania), Israele ha posto sotto assedio quattro milioni di palestinesi, bombardando ospedali, scuole, ogni sorta di obiettivi civili, distruggendo e saccheggiando case, rubando, effettuando sequestri, ferendo e uccidendo sia in modo mirato che indiscriminato al di fuori di ogni legislazione internazionale.

imagePalestina: nessuna giustizia, nessuna pace! Jul 17 AL 0 comments

Da molti giorni l'esercito israeliano bombarda la striscia di Gaza, in seguito al lancio di razzi sul territorio israeliano. Col pretesto di prendersela con i "terroristi", o con "quelli che rifiutano la pace", i bombardamenti colpiscono in realtà la popolazione civile, bambini compresi, e servono a scoraggiare con il terrore ogni volontà di resistenza. [Français]

imageSulla crisi in Iraq Jun 29 KAF 0 comments

La crisi in Iraq risale al regime di Saddam Hussein ed è proseguita con "l'attuale regime democratico" dopo l'invasione del 2003. Non c'era libertà, né giustizia sociale; nessuna uguaglianza e pochissime opportunità per coloro che erano indipendenti dai partiti al potere. Oltre alle violenze ed alle discriminazioni contro le donne e la gente comune si è creata una forbice enorme tra i ricchi ed i poveri, con i ricchi sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri. [English]

imageStati e forze reazionarie: giù le mani dalla rivoluzione siriana Sep 11 Coordination des Groupes Anarchistes 0 comments

Documento politico della Coordination des Groupes Anarchistes (Francia) sulla situazione in Siria. [Français]

imageQuanto vale ogni bomba su Gaza? Nov 20 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Lo Stato di Israele non ha mai smesso la sua strategia di controllo militare e vitale su Gaza e continua ad occupare militarmente territori, proteggendo e favorendo l'espansione delle colonie israeliane che si allargano giorno per giorno sulla terra dei palestinesi. Innalza muri che rinchiudono villaggi interi, che sradica uliveti e uccide gli animali dei pastori imponendo miseria e umiliazione...

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]