user preferences

New Events

Internazionale

no event posted in the last week

Che cos'era l'Internazionale Comunista Libertaria (giugno 1954 -luglio 1958)?

category internazionale | storia dell'anarchismo | dibattito author Friday November 04, 2011 16:41author by Georges Fontenis Report this post to the editors

Georges Fontenis, militante comunista anarchico francese, abbozza un bilancio di quello che fu la breve esperienza della Internazionale Comunista Libertaria, soffocata dalla repressione scatenata contro il suo più importante elemento, la Fédération Communiste Libertaire, da parte dello Stato francese, che ha costretto l'organizzazione alla clandestinità. [Castellano]

fontenis2.jpg


Che cos'era l'Internazionale Comunista Libertaria (giugno 1954 -luglio 1958)?


Dovendo il nostro congresso dibattere [1] le prospettive per la nostra attività di solidarietà internazionale, sarà interessante considerare che cosa è stata l'esperienza dell'Internazionale Comunista Libertaria (ICL) negli anni '50.

La creazione di un'Internazionale Comunista Libertaria nel giugno del 1954 avviene nel periodo degli ultimi sussulti di guerra in Indocina e dei primi segni dell'insurrezione algerina.

Da moltissimo tempo, la corrente antiautoritaria del movimento socialista aveva sognato di costituire un'internazionale sulle rovine della prima AIT (Associazione Internazionale dei Lavoratori, detta "Prima Internazionale"), fondata a Londra nel 1864. I libertari, o meglio i socialisti anti-statalisti del periodo successivo alla caduta della Comune di Parigi e successiva alla degenerazione della Prima Internazionale, cercarono di unirsi al Congresso di Saint-Imier, il 15 settembre 1872. Ci furono anche altri tentativi, tra cui il Congresso di Amsterdam del 1907. Ma in entrambi i casi non vi furono esiti concreti, salvo la costituzione di legami effimeri...

Passa mezzo secolo, non senza episodici rapporti tra i libertari dei vari paesi, ma senza che vi siano tentativi di creare un coordinamento realmente organizzato.

Bisogna attendere il 1950, anno in cui si sviluppa all'interno del movimento "anarchico" la tendenza comunista libertaria – in particolare in Francia e in Italia – perché si stabiliscano relazioni più strette: la tendenza comunista libertaria della Fédération anarchiste in Francia entra in stretto contatto con i compagni dell'Italia che sono già in rottura con la Federazione Anarchica Italiana. In Italia si costituiscono i Gruppi Anarchici di Azione Proletaria (GAAP) che pubblicano un bollettino periodico, "L'impulso". Militanti francesi e italiani si incontrano spesso. Più o meno nello stesso periodo (gli anni 1950-53), i contatti si estendono ai compagni bulgari perseguitati dal loro governo stalinista, ma che hanno ancora una delle organizzazioni più forti nella tradizione "piattaformista", la Federazione Comunista Anarchica della Bulgaria (FAKB - Federatsia na Anarkho Komunistite ot Balgaria), i cui attivisti hanno in gran numero combattuto in Spagna durante la guerra civile. Anche diversi compagni spagnoli appartenenti a varie correnti della CNT (divisa allora in due organizzazioni rivali, in esilio), si interessano ai contatti che legano i compagni francesi e italiani. In Gran Bretagna, entra in gioco pure l'organizzazione che pubblica il periodico "Direct Action". La Anarchist Federation of Britain (AFB) è naturalmente ben lontana dai concetti, diciamo, molto individualisti e umanistici rappresentati dal giornale "Freedom".

Il congresso internazionale di Parigi

Si decise, di comune accordo, di tenere a Parigi il 5, 6 e 7 giugno del 1954 il congresso costituente di un'internazionale comunista libertaria. Il luogo della conferenza sarà la nuova sede della Fédération communiste libertaire (FCL) al numero 79 di rue Saint-Denis a Parigi. È il caso di ricordare che, un anno prima, la maggioranza della FA aveva creato la FCL. Quindi, partecipano alla conferenza come fondatori, la FCL francese, i GAAP italiani, alcune individualità dal Belgio e dalla Svizzera (un compagno italiano di Zurigo), i britannici di "Direct Action" e, in qualità di invitati, dei compagni bulgari e spagnoli, nonché dei militanti algerini e marocchini che hanno dato vita al Mouvement libertaire nord africain (MLNA), i cui animatori sono "di origine FCL".

L'MLNA aderisce all'ICL nel mese di ottobre, appena prima dell'insurrezione algerina. I compagni esiliati spagnoli, appoggiati da contatti presi all'interno della Spagna, in particolare tra gli studenti, pubblicano un bollettino, "Ruta"(titolo del vecchio organo delle Juventudes Libertarias), di cui si pubblicheranno due numeri nel 1956 [2], bollettino della "sezione spagnola" dell'ICL.

Nel n° 392 di "Le Libertaire" del 24 giugno 1954 compare un resoconto del congresso internazionale e il testo delle risoluzioni principali, non solo riguardanti i principi di base, ma anche la strategia e i metodi di lotta, in particolare a livello sindacale e nella lotta anticolonialista [3].

Dopo il congresso

L'FCL e l'MLNA si immergono nella lotta di indipendenza dell'Algeria dove i loro militanti difenderanno la politica di "sostegno critico" agli indipendentisti.

Seguono accuse, imprigionamenti, condanne e, naturalmente, la clandestinità. Tuttavia, i rapporti internazionali saranno mantenuti, in particolare con i compagni italiani. Con loro ci sarà una riunione, clandestina ovviamente, a Nizza alla fine di dicembre nel 1956.

Nella lotta clandestina, l'FCL pubblica un bollettino, "La Volonté du peuple", indirizzato particolarmente alle fabbriche, e alcuni appelli alla resistenza. La collaborazione con l'opposizione ex-PCF de "La Voie communiste" spinge i militanti dell'FCL a trasformarsi, a partire dalla fine del 1957, nella tendenza Action communiste, che raggruppa i militanti che si sono entrati ad esempio in Voie communiste o nel Parti socialiste unifié (PSU) o addirittura nell'opposizione interna del PCF. È in queste condizioni che ci incontriamo con Denis Berger, Félix Guattari, e che ritroviamo i militanti della rete dei porteurs de valis, che a volte sono ex compagni dell'FCL come Guy Bourgeois. Il nome di Action communiste venne scelto sul modello dei compagni italiani che, affiancati da ex militanti del PC italiano, avevano trasformato i GAAP in Azione Comunista.

Gli incontri con i compagni proseguono, in particolare con gli italiani e spagnoli, al punto che si terrà a Parigi, il 27 luglio 1958, un "incontro internazionale"[4].

Nonostante questi sforzi continui, la fatica si farà sentire e sarà la fine, ma agli inizi del 1968 i vecchi si ritroveranno sotto nuove forme, in particolare nel Mouvement communiste libertaire (MCL). Bisogna riconoscere onestamente che tra il 1958 e il 1968, c'erano stati solo incontri occasionali, limitati e discontinui, soprattutto grazie ai compagni dell'Organisation révolutionnaire anarchiste (ORA) [5] che si erano impegnati alquanto nel lavoro della CRIFA [6] fino alla rottura con la FA e sempre nel quadro incoerente che era la CRIFA (più una cassetta postale che l'embrione di un'internazionale), se si esclude il congresso internazionale di Carrara, dopo il 1968, evento segnato dalla confusione dove si scontrarono Daniel Cohn-Bendit e i suoi amici con i fedeli di Maurice Joyeux.

Più tardi, nel 1969-1970, all'epoca dei rapporti abbastanza stretti tra l'ORA (che diventa indipendente dalla FA nel marzo 1970) e il MCL grazie principalmente a Daniel Guérin, diventa possibile stringere nuovi rapporti al punto di poter ospitare durante riunioni nazionali del MCL dei compagni svizzeri e un compagno cubano. Si rinnovano anche le relazioni con i militanti della Spagna e dell'Italia. Ma tutto ciò rimarrà di breve durata ed estremamente limitato.

È possibile fare un bilancio?

Non è facile parlare dell'usura, o anche dello scoraggiamento, nel corso degli anni "grigi" (la clandestinità degli anni 1956-57 e poi gli anni '60 quando venne messa in naftalina la corrente comunista libertaria). Ma forse lo si sarebbe potuto evitare se uno o due militanti fossero stati nominati per tutelare i rapporti internazionali... All'epoca avevamo molti timori nel chiedere a qualcuno di occuparsi di tutto. Si potrebbe riflettere su questo... perché questo lavoro di relazioni internazionali, tanto più necessario nel mondo di oggi, richiede molto tempo.

Georges Fontenis
14 marzo 1995

Questo articolo è apparso su "Alternative libertaire", n°33, aprile-maggio 1995.

Traduzione dal francese a cura dell''Ufficio Relazioni Internazionali della Federazione dei Comunisti Anarchici. L'articolo è ora in "Manifesto del Comunismo Libertario. Georges Fontenis e il movimento anarchico francese", Nestor McNab (a cura di), Fano 2011.


Note:
1. Il riferimento è al III congresso di Alternative libertaire, nel giugno 1995 a Hérouville-Saint-Clair, nei pressi di Caen.
2. "Ruta" può essere consultato presso il CIRA di Marsiglia o di Losanna, oppure all'Internationaal Instituut voor Sociale Geschiedenis di Amsterdam.
3. Anche in Georges Fontenis, L'Autre communisme, histoire subversive du mouvement libertaire, Éditions Acratie, annexe XVIII, p. 337.
4. Georges Fontenis, op. cit., annexe XXIV, pp. 351-354.
5. Georges Fontenis, op. cit., p. 253 e seguenti.
6. Commissione delle Relazioni Internazionali delle Federazioni Anarchiche.

This page has not been translated into Română yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
E

Front page

[Chile] EL FTEM promueve una serie de “jornadas de debate sindical”

Ukraine: Interview with a Donetsk anarchist

The present confrontation between the Zionist settler colonialist project in Palestine and the indigenous working people

Prisões e mais criminalização marcam o final da Copa do Mundo no Brasil

An Anarchist Response to a Trotskyist Attack: Review of “An Introduction to Marxism and Anarchism” by Alan Woods (2011)

هەڵوێستی سەربەخۆی جەماوەر لە نێوان داعش و &

Contra a Copa e a Repressão: Somente a Luta e Organização!

Nota Pública de soldariedade e denúncia

Üzüntümüz Öfkemizin Tohumudur

Uruguay, ante la represión y el abuso policial

To vote or not to vote: Should it be a question?

Mayday: Building A New Workers Movement

Anarchist and international solidarity against Russian State repression

Argentina: Atentado y Amenazas contra militantes sociales de la FOB en Rosario, Santa Fe

Réponses anarchistes à la crise écologique

50 оттенков коричневого

A verdadeira face da violência!

The Battle for Burgos

Face à l’antisémitisme, pour l’autodéfense

Reflexiones en torno a los libertarios en Chile y la participación electoral

Mandela, the ANC and the 1994 Breakthrough: Anarchist / syndicalist reflections

Melissa Sepúlveda "Uno de los desafíos más importantes es mostrarnos como una alternativa real"

On Sectarianism

Declaración del FAO ante la coyuntura electoral chilena y el quiebre en el movimiento libertario

Internazionale | Storia dell'anarchismo | it

Fri 29 Aug, 20:02

browse text browse image

caferiocoverweb.jpg image"Revolution", di Carlo Cafiero 13:35 Sat 04 Aug by Black Cat Press 0 comments

Black Cat Press è lieta di annunciare l'uscita di "Revolution" di Carlo Cafiero per la prima volta assoluta in lingua inglese (ma va detto che ancora non esiste una pubblicazione completa dell'opera di Cafiero in italiano!). Il libro propone al pubblico anglofono per la prima volta il pensiero di Cafiero nella sua forma più completa ed originale. Si tratta anche di un lavoro di estrema importanza perché viene proposto uno dei primi tentativi di definire una completa visione dell'ideale rivoluzionario del comunismo anarchico. [English]

mcl.jpg imageNovità editoriale: Manifesto del Comunismo Libertario 21:26 Thu 01 Dec by Centro di Documentazione "Franco Salomone" 0 comments

Il Centro di Documentazione "Franco Salomone" di Fano (PU) è lieto di annunciare la pubblicazione del libro "Manifesto del Comunismo Libertario", a cura di Nestor McNab.

cornelissen.jpg imageNovità editoriale: "Il Comunismo Libertario e il regime di transizione" di Christiaan Cornelissen 21:06 Tue 11 Oct by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

E' uscito nella collana "I Quaderni di Alternativa Libertaria" l'opuscolo Il Comunismo Libertario e il regime di transizione di Christiaan Cornelissen. Questo testo fu scritto originariamente in francese nella primavera del 1931 ma fu pubblicato solamente in traduzione spagnola (ad opera di Eloy Muñiz) con il titolo El comunismo libertario y el régimen de transición (Bibiloteca Orto - Valencia, 1933). Appare qui per la prima volta in italiano, nella traduzione di Pier Francesco Zarcone. L’edizione è a cura di Nestor McNab.

1mayocop_1.jpg imageNovità editoriale: "Los orígenes libertarios del Primero de Mayo" 15:49 Thu 27 May by Centro di Documentazione Franco Salomone 0 comments

Il Centro di Documentazione Franco Salomone è lieto di annunciare la pubblicazione di un nuovo libro (in lingua spagnola), "Los orígenes libertarios del Primero de Mayo: de Chicago a América Latina 1886-1930", frutto di uno sforzo realizzato da ricercatori di diversi paesi latino-americani, per ricuperare la memoria storica sull'influenza dell'elemento anarchico sui nascenti movimenti operai e sindacali dell'America Latina e sulla lotta per la riduazione ad otto ore della giornata lavorativa.

textTorremaggiore, 23 agosto 2007, 80° anniversario della morte sulla sedia elettrica di Sacco e Vanzett 07:54 Sat 25 Aug by Segreteria nazionale FdCA 0 comments

Giovedì 23 agosto, a Torremaggiore (FG), luogo natio di Ferdinando Sacco detto Nicola, si è svolta la giornata per l'80° anniversario della morte sulla sedia elettrica di Sacco e Vanzetti indetto dal comitato promotore della associazione che porta il nome dei due anarchici italiani.

 "La Piattaforma Organizzativa dei Comunisti Anarchici - origine, dibattito e significato" imageNovità editoriale: "La Piattaforma Organizzativa dei Comunisti Anarchici" 19:01 Thu 26 Jul by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

La Federazione dei Comunisti Anarchici annuncia la pubblicazione di un nuovo libro sulla Piattaforma Organizzativa del 1926, a cura di Nestor McNab e intitolato "La Piattaforma Organizzativa dei Comunisti Anarchici - origine, dibattito e significato". Oltre ad una traduzione riveduta della Piattaforma Organizzativa, il libro contiene un'ampia introduzione e traduzioni inedite del dibattito all'epoca.

textPaul Avrich (1931-2006) è morto 16:08 Thu 23 Feb by Marianne Enckell 0 comments

Paul Avrich è morto a New York la mattina del 17 febbraio 2006 dopo una lunga malattia. Mentre studiava nell'URSS scoprì l'insurrezione di Kronstadt ed il ruolo delgi anarchici nella rivoluzione. Ne uscirono diverse opere, controverse ma pionieristiche.

textAggiornato l'Archivio Nestor Makhno 16:21 Wed 28 Sep by Nestor Makhno Archive 0 comments

L'Archivio Nestor Makhno è stato aggiornato con l'aggiunto di nuovi documenti

imageSpecifismo e Sintesi / Sintetismo Dec 22 by Felipe Corrêa 0 comments

Definizioni di "Especifismo" (Specifismo) e "Sintesi/Sintetismo", scritte per un "Dizionario dell'Anarchismo" in corso di stesura da parte di alcuni compagni [in Brasile]. [Português] [English]

textTorremaggiore, 23 agosto 2007, 80° anniversario della morte sulla sedia elettrica di Sacco e Vanzett Aug 25 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Giovedì 23 agosto, a Torremaggiore (FG), luogo natio di Ferdinando Sacco detto Nicola, si è svolta la giornata per l'80° anniversario della morte sulla sedia elettrica di Sacco e Vanzetti indetto dal comitato promotore della associazione che porta il nome dei due anarchici italiani.

imageNovità editoriale: "La Piattaforma Organizzativa dei Comunisti Anarchici" Jul 26 FdCA 0 comments

La Federazione dei Comunisti Anarchici annuncia la pubblicazione di un nuovo libro sulla Piattaforma Organizzativa del 1926, a cura di Nestor McNab e intitolato "La Piattaforma Organizzativa dei Comunisti Anarchici - origine, dibattito e significato". Oltre ad una traduzione riveduta della Piattaforma Organizzativa, il libro contiene un'ampia introduzione e traduzioni inedite del dibattito all'epoca.

textAggiornato l'Archivio Nestor Makhno Sep 28 0 comments

L'Archivio Nestor Makhno è stato aggiornato con l'aggiunto di nuovi documenti

© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]