user preferences

Search author name words: T

Cade il muro israeliano a Bil'in in Palestina

category mashrek / arabia / irak | lotte sul territorio | comunicato stampa author Friday July 08, 2011 19:22author by Segreteria Nazionale FdCA - Federazione dei Comunisti Anarchiciauthor email fdca at fdca dot it Report this post to the editors

Una lotta durata 6 anni e 4 mesi ha costretto lo Stato di Israele a restituire quasi metÓ delle terre sottratte al villaggio di Bil'in e che erano destinate alla costruzione dell'insediamento coloniale di Modi'in Illit. La rimozione del vecchio muro della separazione Ŕ la vittoria della lotta unitaria che, a Bil'in come in tanti altri villaggi della Cisgiordania, vede insieme ogni settimana Palestinesi ed attivisti israeliani ed internazionali sfidare le forze di occupazione, per restituire la libertÓ e la terra ai palestinesi.

bilinfesta.jpg


Cade il muro israeliano a Bil'in in Palestina


Una lotta durata 6 anni e 4 mesi ha costretto lo Stato di Israele a restituire quasi metÓ delle terre sottratte al villaggio di Bil'in e che erano destinate alla costruzione dell'insediamento coloniale di Modi'in Illit. La rimozione del vecchio muro della separazione Ŕ la vittoria della lotta unitaria che, a Bil'in come in tanti altri villaggi della Cisgiordania, vede insieme ogni settimana Palestinesi ed attivisti israeliani ed internazionali sfidare le forze di occupazione, per restituire la libertÓ e la terra ai palestinesi. E' una lotta che al villaggio di Bil'in Ŕ costata moltissimo in morti, in feriti ed in abitanti arrestati e rinchiusi nei campi di concentramento israeliani per mesi e mesi. Un costo condiviso con i tanti attivisti internazionali e gli attivisti israeliani di Anarchici Contro il Muro, che fin dall'inizio hanno sostenuto la lotta del popolo di Bil'in e degli altri villaggi della Cisgiordania occupata.

Bil'in era diventata anche a livello internazionale il grande simbolo della lotta contro il muro. Un simbolo di determinazione, di impegno alla lotta popolare, giusta e non violenta, di un totale rifiuto dell'occupazione militare e giuridica israeliana. Un simbolo di cooperazione con gli internazionali e con gli israeliani impegnati in una lotta comune.

Il 1 luglio Bil'in ha festeggiato; i suoi abitanti hanno cantato, ballato, pianto, si sono abbracciati, hanno calpestato i resti del muro, hanno giÓ pensato di costruire case sulle terre liberate.

Ma la lotta non Ŕ certamente finita: oltre il muro che c'era e non c'Ŕ pi¨ ne sorge ancora un altro minaccioso a proteggere i coloni dell'insediamento di Modi'in Illit.

Ci sono ancora vaste porzioni di terre che devono essere restituite agli altri villaggi palestinesi oppressi dal muro; e l'occupazione militare di Israele Ŕ ancora lungi dall'allentare la sua morsa alla gola del popolo palestinese e degli attivisti israeliani. Un milione e mezzo di palestinesi vive in un carcere a cielo aperto a Gaza sotto assedio. Non bisogna dimenticarselo nemmeno per un momento: lo Stato di Israele riesce a fermare la solidarietÓ internazionale persino fuori dai suoi confini, impedendo la partenza della Freedom Flotilla verso Gaza dalla Grecia grazie alla collaborazione del governo greco.

Il muro a Bil'in Ŕ caduto, ma alla gioia del villaggio non pu˛ unirsi Abdallah Abu Rahma che Ŕ stato imprigionato e tolto alla sua famiglia per un lungo tempo, non possono unirsi Basam e sua sorella G'wahar Abu Rahma, uccisi nel corso delle manifestazioni che ogni venerdý andavano verso il muro maledetto a sfidare le sue guardie crudeli, i gas lacrimogeni sparati ad altezza d'uomo, i proiettili di acciaio ricoperti di gomma, le bombe assordanti, l'acqua chimica puzzolente, i proiettili veri. Si avvicina settembre col suo latente potenziale di rivolta e di rivoluzione, forse non Ŕ solo un sogno pensare ad uno spazio condiviso di libertÓ per due popoli e nessuno stato. Una strada che i nostri compagni di Anarchici Contro il Muro vedono al di lÓ di ogni muro e che sanno bene vale la pena trovare.

La FdCA, che ogni settimana traduce e pubblica i reports inviati da componenti di Anarchists Against The Wall per far conoscere e sostenere la lotta unitaria, popolare e non violenta, in Palestina/Israele, ribadisce il suo impegno solidale a fianco del popolo palestinese, dei comitati popolari dei villaggi in Cisgiordania e dei compagni israeliani di Anarchici Contro il Muro che con l'azione diretta condivisa e collettiva, con la lotta unitaria popolare pacifica e non violenta, portano il decisivo contributo dell'anarchismo e dei suoi metodi di lotta all'interno delle lotte popolari.


Segreteria Nazionale

Federazione dei Comunisti Anarchici

8 luglio 2011

http://www.fdca.it

Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:

Related Link: http://www.fdca.it/wall

bilinfesta2.jpg

This page has not been translated into Kurdţ / کوردی yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Maĺan workers union)

Front page

Italia - terremoto

Inside the Zimbabwean Uprising

La experiencia de Mujeres Libres: 80 a˝os del surgimiento del feminismo anarquista organizado

Con Lucha Y Organizaciˇn Fortalecemos La Resistencia

Algunas reflexiones en torno al poder y la institucionalidad a 80 a˝os de la Revoluciˇn Espa˝ola

80 aniversari de la insurrecciˇ obrera i popular i de la revoluciˇ social

80 anni fa la rivoluzione comunista libertaria in Spagna

De los comitÚs de defensa al anßlisis de los ˇrganos de poder

The Coup in Turkey: Tyranny against tyranny does not make freedom

Greve, Piquete, Marcha e OcupašŃo! Educadores e Estudantes unidos pela EducašŃo!

Making sense of the Brexit tide of reaction and the reality of the racist vote

[Colombia] Ante el acuerdo de cese al fuego bilateral y definitivo entre el gobierno colombiano y las FARC-EP

Coyuntura PolÝtica en Venezuela: Crisis, Tendencias y el DesafÝo de la Independencia de Clase

Orlando means fightback

Palestinian workers in Israel: between scylla and charybdis

A Socialist On City Council: A Look At The Career Of Kshama Sawant

╔largir la lutte et gÚnÚraliser la grŔve pour gagner

Carta de FundašŃo OAZ

[Colombia] Documento de Formaciˇn: Anßlisis de Coyuntura 2015-2016

La NATO contro i Curdi: la Battaglia per A'zaz

Feminists in Ireland Say No To Pegida

Posiciˇ de Embat sobre el nou govern de la Generalitat i el procÚs constituent

A 120 a˝os de su natalicio: la pluma rebelde de Manuel Rojas

Anarkismo.net wishes you all a 2016 of solidarity and resistance

Mashrek / Arabia / Irak | Lotte sul territorio | Comunicato stampa | it

Tue 30 Aug, 12:58

browse text browse image

textIsraele-Palestina: L'assassinio di Ahmad Husam Yousef Mousa 17:49 Wed 30 Jul by Anarchici Contro il Muro 0 comments

Ahmad Husam Yousef Mousa, di 10 anni, Ŕ stato assassinato ieri mentre manifestava insieme agli amici contro il muro della separazione che attualmente si sta costruendo sui terreni del suo villaggio, Ni'ilin. Arrivati al cantiere del muro, i militari hanno sparato proiettili di gomma verso i ragazzi, che hanno poi cominciato a ritirarsi. A quel punto, uno dei militari ha sparato un proiettile carico alla testa di Ahmad da una distanza di circa 10 metri.

textBil'in, prosegue la lotta unitaria non-violenta nonostante le provocazioni e la crisi militare 16:41 Mon 17 Jul by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

In un momento di escalation drammatico come questo sostenere, diffondere e rendere merito a questi piccoli/grandi momenti di lotta di base non violenta, che con continuitÓ resistono ad opporsi alle logiche di stato, di dominio e di violenza, Ŕ forse la sola risposta che possiamo dare come comunisti anarchici per la costruzione di una societÓ senza muri, senza stati e senza frontiere, senza pi¨ guerre.

textSulle attuali proteste in Libano: Ŕ meglio se la primavera arriva in ritardo? Sep 27 by Mazen Kamalmaz 0 comments

Le grandi mobilitazioni che hanno attraversato il Medio Oriente alla fine del 2010 sono state riassorbite se non addirittura trasformate in devastanti conflitti tra forze autoritarie in competizione. Quell'ondata risparmi˛ il Libano, che dopo il ritiro delle truppe siriane (di Assad) nel 2005 era governato da una classe dirigente che aveva da una parte i filo-iraniani, cioŔ la coalizione 8 marzo, guidata dagli "sciiti" di Hezbollah e dall'altro i filo-sauditi della coalizione 14 marzo, guidata dall'oligarca "sunnita" Hariri.

imageBil'in - 10 anni di lotta unitaria e persistente Mar 05 by Ilan Shalif 0 comments

Gli abitanti del villaggio palestinese di Bil'in lottano da 10 anni contro la costruzione del muro della separazione ed il conseguente esproprio delle loro terre. E' stata da subito una lotta non-violenta, portata avanti insieme ad attivisti ebreo-israeliani ed internazionali, che ha influenzato dozzine di altre lotte similari in tutta la Cisgiordania. In questo contributo, l'anarchico israeliano Ilan Shalif spiega qual Ŕ il significato della resistenza di Bil'in e vi ripercorre la sua esperienza personale. [English]

textRojava: Fantasie e realtÓ Nov 08 by Zafer Onat 0 comments

La resistenza a Kobane che dura da oltre 45 giorni ha spostato l'attenzione dei rivoluzionari di tutto il mondo sulla Rojava. Grazie al lavoro svolto da Azione Rivoluzionaria Anarchica (DAF, Turchia, ndt), i compagni anarchici di varie parti del mondo hanno inviato messaggi di solidarietÓ alla resistenza di Kobane (1). Questa posizione internazionalista Ŕ di grande importanza per il popolo che resiste a Kobane. Tuttavia, se non analizziamo cosa sta accadendo veramente e se invece facciamo del romanticismo, i nostri sogni potrebbero essere delusi in un breve lasso di tempo. [English]

imageLa sperimentazione del Kurdistan Occidentale (Kurdistan siriano) ha dimostrato che il popolo pu˛ cam... Sep 03 by Zaher Baher 0 comments

Ci˛ che leggerete di seguito Ŕ l'esperienza della mia visita di un paio di settimane nel maggio di quest'anno, 2014, nel Nord Est della Siria o Kurdistan siriano (Ovest del Kurdistan) con un mio caro amico. Durante la visita abbiamo avuto piena libertÓ e l'opportunitÓ di vedere e di parlare con chiunque. Incluse donne, uomini, giovani e partiti politici. Ci sono pi¨ di 20 partiti dai curdi ai cristiani, alcuni sono nell'Auto Amministrazione Democratica (DSA) o Autogestione Democratica (DSM) della regione di Al-Jazera. Al-Jazera Ŕ una delle tre regioni (cantoni) del Kurdistan dell'Ovest. Abbiamo incontrato anche i partiti politici curdi e cristiani che non fanno parte della DSA o della DSM. Inoltre abbiamo incontrato i vertici della DSM, membri di diversi comitati, gruppi locali e comuni cosý come uomini d'affari, negozianti, lavoratori, persone al mercato e gente che semplicemente camminava per strada.
[English]
[Franšais]

imageVita e opera dell'anarchico Omar Aziz... Sep 11 by Leila Shrooms 0 comments

Omar Aziz nacque a Damasco. Rientr˛ in Siria dal suo esilio in Arabia Saudita e negli Stati Uniti nei primi giorni della rivoluzione siriana. Intellettuale, economista, anarchico, marito e padre, all'etÓ di 63 anni si Ŕ impegnato nella lotta rivoluzionaria. Lavor˛ con attivisti locali per raccogliere e distribuire aiuti umanitari nei sobborghi di Damasco, posti sotto assedio dal regime. Attraverso scritti ed attivitÓ ha promosso l'autogoverno locale, l'organizzazione orizzontale, la cooperazione, la solidarietÓ e il mutuo sostegno, quali mezzi attraverso i quali le persone possono liberarsi dalla tirannia dello Stato. Insieme con i suoi compagni, Aziz fond˛ il primo Consiglio Locale a Barzeh, Damasco. L'esempio si Ŕ poi diffuso attraverso la Siria e con esso sono nati alcuni dei pi¨ promettenti e duraturi esempi di autorganizzazione non gerarchica nei paesi della Primavera araba. [Ελληνικά]

more >>

textIsraele-Palestina: L'assassinio di Ahmad Husam Yousef Mousa Jul 30 Anarchists Against the Wall 0 comments

Ahmad Husam Yousef Mousa, di 10 anni, Ŕ stato assassinato ieri mentre manifestava insieme agli amici contro il muro della separazione che attualmente si sta costruendo sui terreni del suo villaggio, Ni'ilin. Arrivati al cantiere del muro, i militari hanno sparato proiettili di gomma verso i ragazzi, che hanno poi cominciato a ritirarsi. A quel punto, uno dei militari ha sparato un proiettile carico alla testa di Ahmad da una distanza di circa 10 metri.

textBil'in, prosegue la lotta unitaria non-violenta nonostante le provocazioni e la crisi militare Jul 17 FdCA 0 comments

In un momento di escalation drammatico come questo sostenere, diffondere e rendere merito a questi piccoli/grandi momenti di lotta di base non violenta, che con continuitÓ resistono ad opporsi alle logiche di stato, di dominio e di violenza, Ŕ forse la sola risposta che possiamo dare come comunisti anarchici per la costruzione di una societÓ senza muri, senza stati e senza frontiere, senza pi¨ guerre.

ę 2005-2016 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]