user preferences

La notte nera di Fano

category italia / svizzera | genero | comunicato stampa author Tuesday June 28, 2011 15:13author by femminismi Report this post to the editors

Quando accade una violenza così grave come lo stupro di una minorenne compiuto da altri minorenni, durante una manifestazione culturale fortemente voluta e sponsorizzata da una amministrazione comunale, e pensata proprio per i giovani, le parole sembrano sfuggire e il senso di: sconfitta, disgusto, depressione, ci invade.


La notte nera di Fano


Quando accade una violenza così grave come lo stupro di una minorenne compiuto da altri minorenni, durante una manifestazione culturale fortemente voluta e sponsorizzata da una amministrazione comunale, e pensata proprio per i giovani, le parole sembrano sfuggire e il senso di: sconfitta, disgusto, depressione, ci invade. Ma come femministe dobbiamo alzare la testa, prendere in mano la situazione, analizzare e denunciare l’accaduto e in particolare puntare l’attenzione sul clima culturale cittadino creato da questa Amministrazione. La città manca completamente di attività culturale rivolta ai giovani, si stanno smantellando i centri di aggregazione giovanili con la solita motivazione della mancanza di fondi. Questi fondi però si decide di spenderli, anche se saltuariamente, per iniziative populiste come le notti bianche – chiamate tragicamente in questo caso – Social night, dove di sociale non c’è niente, e che sono percepite come zone franche in cui tutto sembra permesso, almeno per una notte. Questo con l’alibi di un “imponente spiegamento di forze dell’ordine” in realtà specchio di una militarizzazione del territorio inefficace rispetto ai problemi che sono innanzitutto sociali e culturali.

Tale scelta culturale di Fano non rispecchia affatto le energie di una città ricca di associazionismo, di volontariato. A Fano adesso l’attività di sensibilizzazione sulla relazione tra i generi, contro la violenza alle donne, sull’attività dei consultori e sull’accesso ai servizi, è appannaggio di piccole realtà associative che si muovono a partire dal basso. L’attività della giunta – anche in relazione alle scelte per l’8 marzo – non è rivolta al territorio e ai giovani, ma quest’anno ha presentato una mostra sulle vittime di violenza, completamente scollegata dal contesto, una mostra che mostrava volti di personaggi famosi che dicevano no alla violenza, una iniziativa la cui pochezza culturale e politica è auto-evidente, e già denunciata.

Un clima di totale mancanza di rispetto dell’altra, in cui una coetanea è vista solo come un corpo da usare, non è frutto della cattiveria dei giovani o dell’alcool, ma è di certo alimentato dall’atteggiamento “viriloide” e “populista” di certe manifestazioni culturali, che spesso sono anche spazi dove si incentiva alla spettacolarizzazione del corpo delle donne (le vallette della Fano dei Cesari o quelle del Carnevale, meglio se giovani e poco vestite), senza investimento culturale su modalità corrette e rispettose delle relazioni umane e sociali tra i generi.

Ai nostri amministratori che hanno più volte desiderato di portare Fano sulle pagine nazionali, per l’eccellenza della proposta turistica e culturale, chiediamo proprio ora, che gli occhi sono tutti puntati su Fano, e per un fatto di gravità inaudita, la coerenza e il senso di responsabilità di dimettersi in quanto: 1- responsabili del contenuto culturale di certe iniziative; 2- responsabili della organizzazione di questa notte bianca: chiediamo pertanto le dimissioni immediate dell’Assessore Mancinelli e quelle dell’Assessore Santorelli.

Riteniamo giusto inoltre che le associazioni femministe si costituiscano parte civile nel procedimento a carico dei tre stupratori.

Femminismi

donne di Fano, Pesaro, Urbino

Related Link: http://femminismi.wordpress.com/
author by femminismipublication date Tue Jun 28, 2011 15:17Report this post to the editors

29 June · 18:30 - 20:00

Fano - Sede dell'Associazione Argonauta,
Via Pandolfo Malatesta n.2 in centro vicino al Comune

Dopo quello che è successo alla notte bianca abbiamo deciso di proporre un’assemblea femminista aperta a tutte/i per mercoledì prossimo 29 giugno alle ore 18.30 presso la sede dell’Argonauta. E' urgente che su questa situazione di degrado culturale della Giunta e come risposta della città ci sia mobilitazione, a partire dalle donne e noi non ci tiriamo indietro.

L’obiettivo dell’assemblea è quello di trovare una piattaforma comun...e per agire in relazione al clima culturale, alla responsabilità simbolica e gestionale dei fatti, alle iniziative personali del Sindaco sul “virilismo” a tutti i costi, alla mancata gestione della sicurezza in termini sostenibili e in accordo con le associazioni del territorio, allo smantellamento delle attività giovanili attuato dal comune per poi finanziare questo tipo di feste ….. Se puoi venire e diffondere è quello di cui ora abbiamo tutti bisogno, dobbiamo muoverci ora, non dobbiamo lasciare sola Fano in questo momento e dobbiamo farlo insieme!

Femminismi – donne di Pesaro, Fano e Urbino

 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
E

Front page

The experiment of West Kurdistan (Syrian Kurdistan) has proved that people can make changes

[Chile] EL FTEM promueve una serie de “jornadas de debate sindical”

Ukraine: Interview with a Donetsk anarchist

The present confrontation between the Zionist settler colonialist project in Palestine and the indigenous working people

Prisões e mais criminalização marcam o final da Copa do Mundo no Brasil

An Anarchist Response to a Trotskyist Attack: Review of “An Introduction to Marxism and Anarchism” by Alan Woods (2011)

هەڵوێستی سەربەخۆی جەماوەر لە نێوان داعش و &

Contra a Copa e a Repressão: Somente a Luta e Organização!

Nota Pública de soldariedade e denúncia

Üzüntümüz Öfkemizin Tohumudur

Uruguay, ante la represión y el abuso policial

To vote or not to vote: Should it be a question?

Mayday: Building A New Workers Movement

Anarchist and international solidarity against Russian State repression

Argentina: Atentado y Amenazas contra militantes sociales de la FOB en Rosario, Santa Fe

Réponses anarchistes à la crise écologique

50 оттенков коричневого

A verdadeira face da violência!

The Battle for Burgos

Face à l’antisémitisme, pour l’autodéfense

Reflexiones en torno a los libertarios en Chile y la participación electoral

Mandela, the ANC and the 1994 Breakthrough: Anarchist / syndicalist reflections

Melissa Sepúlveda "Uno de los desafíos más importantes es mostrarnos como una alternativa real"

On Sectarianism

Italia / Svizzera | Genero | Comunicato stampa | it

Tue 02 Sep, 07:34

browse text browse image

textIn tempo di crisi la violenza contro le donne è prima di tutto economica 00:17 Sat 26 Nov by Commissione di genere FdCA 0 comments

Alla violenza dei singoli, del sistema economico, dello Stato si può e si deve reagire con la solidarietà, con la partecipazione attiva, con il rilancio dell'attività e dell'impegno femminista e il contrasto alle scelte di governo economico, con la valorizzazione reciproca delle competenze e con una sana, reale e costruttiva esplosione di rabbia collettiva e individuale, per riprenderci questa metà del cielo (e della terra) e il diritto per tutte a una vita degna, libera e consapevole.

mife_1.jpg imageMorale in pillola 15:43 Tue 13 Apr by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Già da tempo però molte Regioni finanziano con bandi pubblici i consultori privati cattolici antiabortisti in aperta violazione della legge 194. Ora, con la crociata contro la RU486 gli antiabortisti arrivano a sostenere l'evidente assurdità che l'aborto chirurgico, abortire quando c'è l'embrione, è meglio che... abortire quando ancora l'embrione non c'è. [English] [Ελληνικά]

textIl meglio è nemico del bene. E il peggio? 17:15 Sun 09 Aug by Commissione di Etiche e Politiche di Genere FdCA 0 comments

Estate calda. Cosa di meglio di un bel tormentone clericale, per distrarre gli animi da problemi più seri e infiammare le coscienze? Dopo anni di ingerenze clericali, tra gli ultimi paesi in Europa, l'AIFA finalmente ha dato il via libera in Italia alla RU 486 (l'OMS lo ha fatto nel 2003). [English]

textCome tu mi vuoi? 19:10 Mon 26 Nov by FdCA Palermo / FAS 0 comments

La battaglia contro la violenza sulle donne e, più in generale, per un miglioramento della condizione femminile non può essere lasciata allo sforzo delle sole donne. È necessario che tutti, al di là di ogni differenza di genere, si impegnino in un fronte comune per distruggere l'autoritarismo, l'intrinseca violenza della cultura patriarcale e le differenze di classe.

textRoma, 24 novembre: Manifestazione nazionale contro la violenza sulle donne 19:14 Thu 22 Nov by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

La violenza contro le donne non può essere sconfitta da nuove leggi, sempre più inefficaci, né da ronde notturne né da più pattuglie per le strade. Può essere sconfitta solo dalla libertà, da una sempre maggiore autonomia personale, che passa per le battaglie per il reddito, per la parità salariale e per i servizi sociali, dalla solidarietà tra donne e dal percorso di crescita, individuale e collettivo, di donne e uomini capaci di andare oltre i modelli culturali imposti dalla sacra triade chiesa (che propone) mercato (che dispone), stato (che impone). [ English ]

textLe colpe delle donne 16:51 Mon 18 Sep by Commissione di etiche e politiche di genere FdCA 1 comments

Ormai da troppo tempo l'Italia è il teatro osceno di una serie ripetuta di fatti di violenza, dallo stupro all'omicidio ai danni delle donne. Quasi non ci si fa più caso al marito che ha ammazzato di botte la moglie e soprattutto la ex-moglie, o la mette nel cassetto dell'immondizia mezza morta, oppure trucida direttamente tutta la famiglia per fare tabula rasa.

text8 marzo - autodeterminiamo la libertà 16:55 Mon 06 Mar by FdCA Commissione di genere 1 comments

Si sta mettendo a punto un attacco chiaro e determinato alla libertà e all'autodeterminazione delle donne che vivono in questo paese, un attacco mirato su più fronti ma volto ad un unico obiettivo quello di togliere spazio e voce pubblica alle donne.

textLibertà senza se e senza ma... 18:22 Fri 13 Jan by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Dobbiamo riprenderci spazi di libertà e di condivisione, spazi di dibattito per elaborare le nostre strategie per avere tutta la libertà che ci spetta. Dobbiamo lavorare per la cancellazione di leggi liberticide come la Legge 40. Dobbiamo lavorare per mettere in discussione la sorveglianza sanitaria come espressione del potere dello STATO sulla salute dei cittadini che in particolare si esplica in maniera discriminatoria sulla salute riproduttiva delle donne con una mancanza di stanziamenti alla Sanità pubblica e con un difficile accesso a farmaci contraccettivi, come la pillola del giorno dopo, e al farmaco per l’interruzione di gravidanza RU 486.

textLa botte piena e la moglie ubriaca: la lunga campagna elettorale dei vescovi 22:16 Mon 21 Nov by Commissione genere - FdCA 0 comments

Di fronte al solito balletto di politici e di preti, occorre capire che sul corpo delle donne e sulla procreazione passa non solo il volere dei maschi patriarchi, che siano preti o politici o medici o mariti, ma passano milioni di euro, fiumi di soldi che l’amministrazione pubblica getta nelle tasche dei preti che ne fanno una gestione privatistica e confessionale.

textIl cuore non batte a destra, signor ministro 16:00 Tue 15 Nov by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Dopo aver ascoltato le dichiarazioni rilasciate lunedì 14 ad Ancona durante la sua visita dal ministro Storace, ci chiediamo quale senso della logica lo porti a definire l'uso della pillola abortiva RU486 con quella che lui definisce "incentivazione dell'aborto"...

more >>

textInclusione, conciliazione e condivisione. Il pasticcio al femminile di Fornero Mar 27 by Diversamente Occupate 0 comments

Circola in queste ore la relazione di Fornero sulla riforma del mercato del lavoro. E’ solo una relazione, non il testo di legge, ma già smaschera il trucco di quella che doveva essere la rivoluzione che parlava ai giovani e alle donne. A loro, le donne, Fornero dedica un intero paragrafo: Interventi per una maggiore inclusione delle donne nella vita economica. Ergo, la vita economica di questo paese passa per il lavoro, e le donne, ancora una volta, vanno “tutelate”, “incluse”. Vediamo come, secondo Fornero & co.

textIn tempo di crisi la violenza contro le donne è prima di tutto economica Nov 26 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Alla violenza dei singoli, del sistema economico, dello Stato si può e si deve reagire con la solidarietà, con la partecipazione attiva, con il rilancio dell'attività e dell'impegno femminista e il contrasto alle scelte di governo economico, con la valorizzazione reciproca delle competenze e con una sana, reale e costruttiva esplosione di rabbia collettiva e individuale, per riprenderci questa metà del cielo (e della terra) e il diritto per tutte a una vita degna, libera e consapevole.

imageMorale in pillola Apr 13 FdCA 0 comments

Già da tempo però molte Regioni finanziano con bandi pubblici i consultori privati cattolici antiabortisti in aperta violazione della legge 194. Ora, con la crociata contro la RU486 gli antiabortisti arrivano a sostenere l'evidente assurdità che l'aborto chirurgico, abortire quando c'è l'embrione, è meglio che... abortire quando ancora l'embrione non c'è. [English] [Ελληνικά]

textIl meglio è nemico del bene. E il peggio? Aug 09 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Estate calda. Cosa di meglio di un bel tormentone clericale, per distrarre gli animi da problemi più seri e infiammare le coscienze? Dopo anni di ingerenze clericali, tra gli ultimi paesi in Europa, l'AIFA finalmente ha dato il via libera in Italia alla RU 486 (l'OMS lo ha fatto nel 2003). [English]

textCome tu mi vuoi? Nov 26 0 comments

La battaglia contro la violenza sulle donne e, più in generale, per un miglioramento della condizione femminile non può essere lasciata allo sforzo delle sole donne. È necessario che tutti, al di là di ogni differenza di genere, si impegnino in un fronte comune per distruggere l'autoritarismo, l'intrinseca violenza della cultura patriarcale e le differenze di classe.

textRoma, 24 novembre: Manifestazione nazionale contro la violenza sulle donne Nov 22 FdCA 0 comments

La violenza contro le donne non può essere sconfitta da nuove leggi, sempre più inefficaci, né da ronde notturne né da più pattuglie per le strade. Può essere sconfitta solo dalla libertà, da una sempre maggiore autonomia personale, che passa per le battaglie per il reddito, per la parità salariale e per i servizi sociali, dalla solidarietà tra donne e dal percorso di crescita, individuale e collettivo, di donne e uomini capaci di andare oltre i modelli culturali imposti dalla sacra triade chiesa (che propone) mercato (che dispone), stato (che impone). [ English ]

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]