user preferences

Per una teoria libertaria del potere - parte 1

category internazionale | movimento anarchico | opinione / analisi author Monday June 06, 2011 18:14author by Felipe Corrêa Report this post to the editors

Ibáñez ed il potere politico libertario

"Per una teoria libertaria del potere" raccoglie una serie di recensioni su libri ed articoli scritti da autori di area libertaria che vertono sulla questione del potere. Il suo obiettivo è quello di presentare la letteratura contemporanea sul tema in questione per offrire elementi utili alla elaborazione di una teoria libertaria del potere, che possa quindi contribuire alla elaborazione di un metodo di analisi della realtà e di una strategia su basi libertarie, affinché possa essere utilizzato da individualità ed organizzazioni. E' stato pubblicato in origine in portoghese su Estratégia e Análise. [Português] [English]

tharcus_levanta_favelaii.jpeg


Per una teoria libertaria del potere - parte 1

Ibáñez ed il potere politico libertario

di Felipe Corrêa

"Per una teoria libertaria del potere" raccoglie una serie di recensioni su libri ed articoli scritti da autori di area libertaria che vertono sulla questione del potere. Il suo obiettivo è quello di presentare la letteratura contemporanea sul tema in questione per offrire elementi utili alla elaborazione di una teoria libertaria del potere, che possa quindi contribuire alla elaborazione di un metodo di analisi della realtà e di una strategia su basi libertarie, affinché possa essere utilizzato da individualità ed organizzazioni. E' stato pubblicato in origine in portoghese su Estratégia e Análise.

In questo primo articolo della serie propongo alla discussione l'articolo "Per un potere politico libertario" ("Por um Poder Político Libertário"), di Tomás Ibáñez [*]. In questo breve articolo, l'autore si pone criticamente in relazione all'approccio libertario sul tema. L'articolo di Ibáñez è stato scritto inzialmente per un seminario su "Il Potere e la sua negazione", promosso dal CIRA (Centre International de Recherches sur l'Anarchisme, ndt) e dal Centro Studi Libertari Pinelli, nel luglio 1983. In quell'occasione, l'autore propose una lettura dell'anarchismo come "ancorato ad una rigidità concettuale e propositiva maturata per la maggior parte nei secoli XVIII e XIX". Per lui, poter discutere in profondità della questione del potere avrebbe avuto il significato di un rilevante rinnovamento della teoria dell'anarchismo.


Il problema semantico nel dibattito sul potere

All'epoca Ibáñez sottolineava come "la polisemia del termine 'potere' e l'ampio spettro di significati possibili portasse ad un dialogo tra sordi". Per lui, nel dibattito sul potere, i discorsi tendevano a sovrapporsi senza articolarsi l'un l'altro. E questo succedeva perché "venivano affrontati in profondità oggetti differenti, all'interno della confusione indotta dal ricorso ad un altro termine comune: "forza".

E quindi occorreva "una nostra definizione del termine "potere", prima di dare inizio a qualsiasi discussione". Nonostante tali sforzi, l'autore non riteneva possibile giungere ad una definizione "asettica" della parola "potere", dal momento che essa è pregna di significati, analizzabili da un preciso punto di vista, e quindi irriducibile ad una definizione "neutra".

Il potere in tripla definizione

Il primo elemento per iniziare un dibattito sulla definizione di "potere" è quello, all'interno di una prospettiva libertaria, per cui esso non può essere considerato solo in una accezione negativa: "in termini di negazione/diniego, esclusione, rifiuto, opposizione, contraddizione". Per Ibáñez, il potere può essere definito a partire da 3 interpretazioni: 1) in quanto capacità, 2) in quanto asimmetria nelle relazioni personali, e 3) in quanto strutture e meccanismi di regolazione e controllo. Seguiamo lo stesso Ibáñez nella definizione di potere in base a questi 3 significati.

1. Potere in quanto capacità

"In uno dei suoi sensi e probabilmente quello più generale e diacronicamente primo, il termine "potere" agisce come equivalente dell'espressione 'capacità di', vale a dire come sinonimo di tutti gli effetti di cui è causa diretta o indiretta un agente dato, animato o inanimato. E' interessante che, fin dall'inizio, il potere viene definito in termini relazionali, fino al punto che perchè un elemento possa produrre od inibire un effetto, è necessario stabilire una interazione."

Pensato in questo senso, il potere potrebbe essere concepito come 'avere il potere di' oppure 'avere il potere per', la capacità di realizzazione di una forza potenziale che potrebbe applicarsi in una relazione sociale. In questo modo le relazioni sociali vengono poste come premessa alla definizione di potere. Cioè, interazione tra agenti sociali.

2. Potere come asimmetria nella relazioni di potere

"In un secondo senso il termine 'potere' si riferisce ad un certo tipo di relazione tra agenti sociali, ed è quello che ora viene usato per caratterizzarsi quale capacità asimmetrica o disuguale attribuita agli agenti nel loro causare effetti nella polarità di una relazione data."

Benché ancora legato al significato di potere in quanto capacità, questo ulteriore significato ci permette di pensare alle asimmetrie delle differenti forze sociali che si incontrano in una particolare relazione sociale. Queste forze, sempre asimmetriche e disuguali, una volta poste in condizione di interazione/relazione, forgiano gli effetti su uno o molteplici poli, dal momento che ognuna di esse possiede una forza distinta e, perciò, una distinta capacità. Di nuovo, si afferma il potere come relazione sociale tra agenti sociali, ognuno dei quali ha una capacità distinta di causare effetti sugli altri.

3. Potere come strutture e meccanismi di regolazione e controllo

"In un terzo significato, il termine 'potere' si riferisce alle macro-strutture sociali ed ai macro-meccanismi di regolazione e di controllo sociale. In questo senso, si parla di "strumenti" o di "dispositivi' del potere, di 'centri' o di 'strutture' del potere, ecc."

Concepito in questo modo il potere andrebbe a costituire il "sistema" di una società data, per quanto concerne le sue strutture ed i suoi meccanismi di regolazione e controllo. Sarebbe il corpo delle regole di una società data, che comprende tanto il processo decisionale per il suo assetto e per definirne il controllo, quanto l'applicazione fattuale di tale controllo. Una strutturazione della società che rende necessarie le funzioni deliberative ed esecutive.

Quali sono le possibilità per una società senza potere?

A partire da queste tre interpretazioni, si può affermare che "parlare di una società 'senza potere' costituisce un'aberrazione, se ci si pone dal punto di vista del potere/capacità (chi vorrebbe una società che non potrebbe fare niente?), o se ci si pone al livello delle relazioni asimettriche (come pensare ad interazioni sociali senza effetti asimmetrici?), o ancora ponendoci dal punto di vista del potere in quanto meccanismi e strutture di regolazione macro-sociale (che sistema sarebbe quello i cui elementi non siano 'forzati" dal corpo delle relazioni che definiscono esattamente il sistema stesso?)".

Non c'è nessuna società senza agenti sociali con capacità, e non c'è nessuna società in cui tutte le relazioni sociali siano simmetriche - cioè una società in cui tutti gli agenti sociali abbiano la stessa capacità di causare effetti sugli altri, in tutte le relazioni sociali - oppure una società senza strutture e meccanismi di controllo e regolazione. Tutto questo ci trova d'accordo con Ibáñez in relazione all'assurdo che ne deriva, tenendo conto delle definizioni presentate dall'autore, da espressioni quali società senza potere, lottare contro il potere, oppure mettere fine o distruggere il potere.

Ibáñez crede che "le relazioni di potere siano intimamente collegate al fatto sociale in sé, ne sono inerenti, lo impregnano, lo contengono, nello stesso istante in cui provengono da esso". Quando ci occupiamo di qualsiasi aspetto del cosiddetto contesto sociale, si può affermare che in esso esistono interazioni tra diversi elementi che costituiscono un sistema dato. Per l'autore, oltre a ciò, "ci sono inevitabilmente certi effetti del potere del sistema sui suoi elementi, esattamente come ci sono anche effetti del potere tra gli elementi del sistema". Cioè, il potere permea tanto le relazioni tra gli elementi quanto le relazioni tra il sistema ed i suoi elementi.

Concepire una società senza potere significa, per l'autore, credere alla possibilità dell'esistenza di una "società senza relazioni sociali, senza regole sociali e senza processi decisionali sociali". Cioè, sarebbe come concepire "l'impensabile".

Una concezione libertaria del potere

Tali argomentazioni consentono di poter affermare che "può esistere una concezione libertaria del potere ed è falso che tale concezione debba fondarsi sulla negazione/diniego del potere". Negare questo fatto implicherebbe necessariamente una difficoltà sia in termini di analisi della realtà, sia in termini di elaborazione di una strategia. "Finché questo non sarà pienamente assunto dal pensiero libertario,", sottolinea Ibáñez, "questo non avrà la capacità di dare inizio all'analisi ed alle azioni che gli consentono di avere forza nella realtà sociale".

Ciò che egli sostiene ha senso se noi guardiamo alla storia dell'anarchismo o anche a quella che è stata chiamata "area libertaria". Andando oltre le asserzioni semantiche - che molto spesso hanno dato e ancora danno alla parola 'potere' il significato di Stato - appare chiaro che il "pensiero libertario" non ha mai negato né la capacità degli agenti sociali, né le asimmetrie nelle relazioni di potere e nemmeno le strutture ed i meccanismi di regolazione e controllo.

Ecco un esempio che è significativamente comune nella tradizione libertaria. Considerando le relazioni asimmetriche di classe nella società capitalista e, basandosi sull'idea delle capacità della classe lavoratrice, i libertari cercano di promuovere una rivoluzione sociale in cui si abbatte la forza della classe dominante e si costituisce un sistema di regolazione e controllo fondato sull'autogestione e sul federalismo. Anche in questo generico esempio, si può affermare che la classe dominante viene rimossa dalla sua condizione di dominio per aprire la strada ad una struttura libertaria, anche nella futura società. questa relazione di potere tra la classe dominante separata dal dominio e la classe lavoratrice va a costituire una relazione asimmetrica.

In questo senso è possibile assumere che nei fatti, storicamente, c'è una concezione libertaria del potere la quale -benchè non sia stata dibattuta con sufficiente profondità e sia stata complicata da una serie di fattori- contiene elementi rilevanti per questo dibattito che ora si va ad aprire.

Dominazione come tipo di potere

Quando i libertari affrontano il discorso contro il potere, dice Ibáñez, essi usano il "termine 'potere' per riferirsi nei fatti ad un 'certo tipo di relazione di potere', cioè, molto concretamente, a quel tipo di potere che si rileva nelle 'relazioni di dominazione', nelle 'strutture del dominio', nei 'dispositivi del dominio', o negli 'strumenti della dominazione' ecc. (siano queste relazioni di natura coercitiva, manipolativa o di altra natura)." Perciò, per lui, la dominazione è un tipo di relazioni di potere, ma non si può definire la dominazione come potere, dal momento che si tratta di categoria distinte. Per l'autore, non si possono comprendere all'interno delle relazioni di dominio "le relazioni che collegano la libertà dell'individuo a quella dei gruppi". Cioè, non si possono incorporare le relazioni libertarie nella categoria di dominio. Ma questo appare alquanto ovvio. Ciò che invece non è ovvio, infatti, è che quando si fanno equivalere potere e dominio, si assume il potere come termine opposto alla libertà. Un'affermazione che l'autore non condivide. "La libertà ed il potere non si trovano realmente in una situazione di relazione tra semplici opposti." E: "il potere e la libertà si ritrovano così in una inestricabile e complessa relazione di antagonismo/possibilità". Così concepito, il potere potrebbe essere in contraddizione con la libertà, ma potrebbe anche potenziarne la sua realizzazione. Sarebbe, infatti, il tipo di potere che determinerebbe questa relazione con la libertà.

Così, Ibáñez ritiene che "i libertari si collochino, in realtà, contro i sistemi sociali basati sulle relazioni di dominio (nel senso stretto).' Abbasso il potere!' è uno slogan che dovrebbe scomparire dal lessico libertario per essere sostituita con 'Abbasso le relazioni di dominazione'. Ma su questo punto è necessario cercare di definire le condizioni che rendono possibile una società siffatta".

Contro la dominazione e per un potere politico libertario

Si può dire, sulla base di queste argomentazioni strutturale, che "i libertari non sono contro il potere, ma contro un certo tipo di potere", e nella loro strategia cercano di porsi come "costruttori di una varietà del potere, che sia utile (ed appropriato) per noi definire ora come 'potere libertario', o, più precisamente come: 'potere politico libertario'". Questo comporterebbe che i libertari difendano un modello (libertario) di lavoro fatto di strumenti, dispositivi e relazioni di potere.


* Tomás Ibáñez. "Per un potere politico libertario: considerazioni epistemologiche e strategiche". Articolo originariamente pubblicato nel 1983 nella rivista italiana Volontà. Per le citazioni ho usato una traduzioni dal portoghese di Miguel Serras Pereira, per una pubblicazione portoghese degli anni '80. L'articolo si trova anche nella raccolta nota come Actualidad del Anarquismo, pubblicata da Aarres Books, Buenos Aires nel 2007. [note del traduttore inglese: le citazioni sono di conseguenza tradotte dal portoghese all'inglese e non dall'italiano, cosa che potrebbe dare luogo a qualche leggera discrepanza].

Traduzione in inglese: Jonathan Payn (ZACF)
Traduzione in italiano a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali.

Nota dei redattori del sito Estratégia e Análise

Felipe Corrêa è un lavoratore intellettuale nel vero senso del termine. Egli infatti lavora come redattore ed è un militante, studia a livello professionale e dedica la sua vita alla diffusione ed al radicamento di idee che conducano la maggioranza ad ampliare ed a garantire i propri diritti nella pienezza della loro realizzazione. Questo sito ha ricevuto il testo di Felipe con grande piacere ed incommensurabile soddisfazione, perché capiamo la rilevanza di queste parole che incontrano la nostra vocazione alla diffusione scientifica e contribuiscono alla scienze umane prodotte allo scopo di liberarci dai mali oscuri della dominazione mondiale che usurpano e inibiscono il potenziale della nostra liberazione. In questo modo ritorniamo ad uno dei nostri scopi permanenti, quello della diffusione popolare di dibattiti di alto livello politico nati dalla matrice del pensiero libertario.

Related Link: http://www.estrategiaeanalise.com.br
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

Recordando a César Roa, luchador de la caña

Prison Sentence to Managing Editor of Anarchist Meydan Newspaper in Turkey

Liberación de la Uma Kiwe, autonomía y territorio: una mirada libertaria para la comprensión de la lucha nasa

Misunderstanding syndicalism

American Anarchist and Wobbly killed by Turkey while fighting ISIS in Rojava

Devlet Tecavüzdür

Attaque fasciste sur la Croix Rousse et contre la librairie libertaire la Plume Noire

Red November, Black November – An Anarchist Response to the Election

Resistance at Standing Rock

Internazionale | Movimento anarchico | it

Fri 31 Mar, 04:21

browse text browse image

crane_vampire.jpg imageAnarkismo.net augura a tutti un 2016 di solidarietà e resistenza 14:58 Mon 04 Jan by Anarkismo Editorial Group 0 comments

Quest'anno -il 2015- si è concluso con una serie di sfide che hanno impegnato coloro che si battono per un mondo senza privilegi, un mondo di uguaglianza e libertà. Austerity, guerre imperialiste, razzismo, fascismo, fondamentalismo e sfruttamento quotidiano della classe lavoratrice da parte del capitalismo continuano a imporsi quotidianamente in ogni parte del mondo. [English] [Castellano] [ελληνικά] [العَرَبِية] [Português] [中文] [Kurdî] [Türkçe]

anarkismo_banner.jpg imageComunicato di Anarkismo sulle accuse di AK Press contro Michael Schmidt 17:13 Sun 11 Oct by Anarkismo Network 0 comments

La Rete Internazionale Anarkismo, di cui fanno parte organizzazioni anarchiche per la lotta di classe di oltre una dozzina di paesi a livello mondiale sia al sud che al nord, e che ha relazioni molto più ampie a livello mondiale, ha preso visione con grande sorpresa e preoccupazione delle recenti accuse espresse da AK Press nei confronti di Michael Schmidt in cui quest'ultimo viene definito come un fascista attivo sotto copertura allo scopo di infiltrarsi nel movimento anarchico. [English]

anarkismotent.jpg imageSul raduno anarchico internazionale di St.Imier 19:09 Tue 04 Sep by Andrew Flood 0 comments

Un paio di migliaia di anarchici da tutto il globo si sono radunati a St-Imier, la piccola città che ospitò nel 1872 la fondazione dell'Internazionale Anarchica, per commemorare questo evento con dozzine di eventi politici, organizzativi e culturali. Quale componente di questo raduno, la rete internazionale Anarkismo, di cui il WSM è la sezione irlandese, ha tenuto sia una conferenza europea che un raduno mondiale. [English]

Freedom Bookshop, sede della conferenza imageConferenza delle organizzazioni europee di Anarkismo a Londra 20:56 Wed 23 Mar by Comitato di coordinamento europeo 0 comments

Il fine settimana del 26/27 febbraio 2011, si sono riuniti/e delegati/e di organizzazioni provvenenti dal Regno Unito, Francia, Svizzera, Norvegia, Danimarca, Irlanda e Italia, per parlare di come possono collaborare in modo più stretto e più proficuo. [English] [Dansk] [Deutsch] [Ελληνικά]

anarkismobannersmall_1.jpg imageIncontro delle organizzazioni europee in Anarkismo a Parigi 16:48 Thu 11 Feb by Conferenza Europea 0 comments

Lo scorso fine settimana i/le delegati/e di sei organizzazioni anarchiche europee si sono incontrati a Parigi per una Conferenza europea delle organizzazioni che partecipano a Anarkismo.net. [English] [Castellano] [Norsk] [Ελληνικά] [Français] [Português]

ainfos2.gif imageA-Infos - nuovo servizio in lingua cinese 20:40 Thu 19 Feb by Ilan S. 0 comments

Il Collettivo A-Infos è lieto di annunciare la nascita del notiziario in lingua cinese, parte del nostro progetto multilingue di informazione telematica. Questo nuovo servizio porta a 9 le lingue trattate da A-Infos, le altre essendo spagnolo, tedesco, olandese, inglese, francese, italiano, portoghese e turco.

textSu Anarkismo.net 11:46 Thu 21 Feb by Anarkismo Editorial Group 0 comments

Anarkismo.net è il prodotto di collaborazione internazionale tra gruppi anarchici e individualità anarchiche che sono d'accordo con la nostra Dichiarazione Editoriale (vedi sotto). L'intenzione è di sviluppare la comunicazione e il dibattito all'interno del movimento anarchico internazionale.

textL'aggiunto di Arabo e olandese alle categorie linguistiche di Anarkismo.net 18:14 Mon 12 Feb by Anarkismo Editorial Group 0 comments

Come parte dello sviluppo di Anarkismo.net, abbiamo aggiunto categorie distinte per le lingue arabo ed olandese.

imagePonti tra l'anarchismo ed il Confederalismo Democratico Mar 07 by BrunoL 0 comments

Fin dall'inizio dell'assedio di Kobane da parte dei Daesh (ISIS), si sono moltiplicati gli studi sulla sinistra curda e specialmente sul modello di organizzazione sociale della Rojava da parte di parecchie organizzazioni, attivisti, networks e di studiosi impegnati. Ho deciso di collaborare con KurdishQuestion.com per scrivere una serie di brevi articoli in cui esporre (e dimostrare) le similitudini tra il confederalismo democratico e la tradizione anarchica occidentale (ma anche qualle non occidentale). Dal momento che per ragioni di studio mi occupo di teoria politica (e di teoria politica radicale), ho deciso di dare una mano nel tracciare dei parallelismi tra le due concezioni per trova. [English]

imageSt-Imier: Senza fughe in avanti, né indietro Feb 05 by Donato Romito 0 comments

Uno straordinario momento di incontro del multiforme movimento anarchico internazionale, una prova del suo pluralismo interno. Ma c'è la necessità di non restare fermi ai blocchi di partenza. Soprattutto servono strategia rivoluzionaria e programma politico, organizzazione e alternativa sociale.
L'analisi dell'Incontro svizzero da parte di un militante della Federazione dei Comunisti Anarchici (FdCA).

textSpiegare lo Specifismo Sep 12 by Collective Action 0 comments

Nel discutere la piattaforma di Collective Action alcune individualità hanno evidenziato una certa confusione nel nostro uso della definizione di "specifismo " per descrivere la tradizione dell'anarchismo sociale a cui facciamo riferimento. Quella che segue è una breve introduzione ai concetti base del modello specifista. Si tratta di un adattamento di una intervista che uscirà per Shift Magazine sulle reatà anticapitaliste. [English]

imageL'errore di Landauer Jul 29 by Wayne Price 0 comments

Gustav Landauer viene spesso citato per una sua famosa affermazione in base alla quale lo Stato è solo un sistema di relazioni. Tale citazione viene spesso usata per dare sostanza alle strategie anarchiche non rivoluzionarie. Io sostengo che si tratti di un errore e che sia fuorviante. [English]

imageL’organizzazione politica e l’organizzazione di massa Aug 29 by Keir Snow 1 comments

Se può apparire naturale l’istinto ad organizzarsi con compagni del medesimo orientamento politico, è allora il caso di prendere in considerazione quale ruolo dovrebbe avere l’organizzazione politica. In questo mio contributo propongo un modello di organizzazione di classe, utile a confrontare la natura e le funzioni dell’organizzazione politica e dell’organizzazione di massa. Come tutti i modelli, anche questo si pone sul piano ideale, tenendo forse conto più delle cose come dovrebbero essere, che di come sono attualmente.

more >>

imageAnarkismo.net augura a tutti un 2016 di solidarietà e resistenza Jan 04 0 comments

Quest'anno -il 2015- si è concluso con una serie di sfide che hanno impegnato coloro che si battono per un mondo senza privilegi, un mondo di uguaglianza e libertà. Austerity, guerre imperialiste, razzismo, fascismo, fondamentalismo e sfruttamento quotidiano della classe lavoratrice da parte del capitalismo continuano a imporsi quotidianamente in ogni parte del mondo. [English] [Castellano] [ελληνικά] [العَرَبِية] [Português] [中文] [Kurdî] [Türkçe]

imageComunicato di Anarkismo sulle accuse di AK Press contro Michael Schmidt Oct 11 Rete Anarkismo 0 comments

La Rete Internazionale Anarkismo, di cui fanno parte organizzazioni anarchiche per la lotta di classe di oltre una dozzina di paesi a livello mondiale sia al sud che al nord, e che ha relazioni molto più ampie a livello mondiale, ha preso visione con grande sorpresa e preoccupazione delle recenti accuse espresse da AK Press nei confronti di Michael Schmidt in cui quest'ultimo viene definito come un fascista attivo sotto copertura allo scopo di infiltrarsi nel movimento anarchico. [English]

imageConferenza delle organizzazioni europee di Anarkismo a Londra Mar 23 Coordinamento Europeo di Anarkismo 0 comments

Il fine settimana del 26/27 febbraio 2011, si sono riuniti/e delegati/e di organizzazioni provvenenti dal Regno Unito, Francia, Svizzera, Norvegia, Danimarca, Irlanda e Italia, per parlare di come possono collaborare in modo più stretto e più proficuo. [English] [Dansk] [Deutsch] [Ελληνικά]

imageIncontro delle organizzazioni europee in Anarkismo a Parigi Feb 11 Anarkismo 0 comments

Lo scorso fine settimana i/le delegati/e di sei organizzazioni anarchiche europee si sono incontrati a Parigi per una Conferenza europea delle organizzazioni che partecipano a Anarkismo.net. [English] [Castellano] [Norsk] [Ελληνικά] [Français] [Português]

textSu Anarkismo.net Feb 21 Anarkismo 0 comments

Anarkismo.net è il prodotto di collaborazione internazionale tra gruppi anarchici e individualità anarchiche che sono d'accordo con la nostra Dichiarazione Editoriale (vedi sotto). L'intenzione è di sviluppare la comunicazione e il dibattito all'interno del movimento anarchico internazionale.

more >>
© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]