Benutzereinstellungen

Neue Veranstaltungshinweise

Iberia

Es wurden keine neuen Veranstaltungshinweise in der letzten Woche veröffentlicht

Kommende Veranstaltungen

Iberia | Economia

Keine kommenden Veranstaltungen veröffentlicht

Report: Portogallo sull’orlo del disastro sociale, economico e politico

category iberia | economia | opinione / analisi author Freitag Mai 13, 2011 23:08author by Manuel Baptista Report this post to the editors

In Portogallo, la situazione è tale che la grande finanza non ha oppositori ed ha dunque facile gioco ad imporre al governo le sue scelte. [English]


Report: Portogallo sull’orlo del disastro sociale, economico e politico


In Portogallo, la situazione è tale che la grande finanza non ha oppositori ed ha dunque facile gioco ad imporre al governo le sue scelte.

Nel 2008 – nel bel mezzo della crisi finanziaria internazionale – abbiamo appreso del gigantesco deficit di una banca portoghese , la BNP, una banca in cui erano coinvolti alcuni consiglieri del presidente portoghese (del Partito Social Democratico). La banca è giunta ad un passo dal fallimento per colpa di questi truffatori. Lo Stato (nelle mani di un’altra mafia, il Partito Socialista) si è comprato la BNP e si è fatto carico dei suoi debiti, col pretesto che un fallimento poteva aprire una crisi più seria, con un “effetto domino”, una caduta di fiducia verso il sistema bancario del paese, e così via....

Ora abbiamo un deficit pubblico altissimo a causa di questa disastrosa operazione di salvataggio e non solo.

Per un decennio il Portogallo non ha avuto crescita. Il suo endemico tasso di crescita era collegato solo al mercato della domanda europea. Ma siccome l’Europa è caduta in depressione da un triennio, il Portogallo soffre ora di una grave crisi, con un grave balzo del tasso di disoccupazione.

Tutto ciò che il governo ha fatto è stato un lavoro di pubbliche relazioni internazionali, senza mai affrontare i problemi reali dell’economia e della società portoghese, soprattutto perché ha cercato di barcamenarsi tra le richieste dell’alta borghesia e del capitale multinazionale da un lato, ma senza perdere popolarità presso i suoi elettori, dall’altro, i ceti medi, la piccola borghesia, gli alti funzionari dello Stato, ecc..

Dal settembre 2010, Il paese è stato sistematicamente retrocesso dalle agenzie di rating, in parallelo con gli attacchi speculativi contro la Grecia e l’Irlanda. Il primo ministro portoghese ha sempre detto che la situazione del paese era molto diversa da quella della Grecia, che il Portogallo era in una buona situazione finanziaria e che non c’era bisogno di aiuti internazionali, ecc. Ma tutto questo configgeva con l’aumento del tasso di sconto e delle valutazioni delle agenzie di rating (Goldman Sachs, Standard & Poors, ed altre), a vantaggio dei profitti delle banche (nazionali ed internazionali).

Le banche sono gli evidenti vincitori: il loro salvataggio era chiaramente finalizzato a salvare il sistema bancario portoghese. Dal settembre 2010 ad oggi, esse hanno ottenuto denaro fresco dalle BCE ad un tasso tra l’1,0 e l’1,25% e stanno prestando denaro allo Stato portoghese ad un tasso del 6,5-10%. Lo Stato portoghese – preso in questo meccanismo – si sta così avvicinando alla bancarotta. Le banche hanno potuto così spingere il governo ad accettare le condizioni di “aiuto” del FMI.

Le condizioni del FMI sono le seguenti: prestito pari a 78 milioni di euro, restituzione del debito in 13 anni, con i primi 3 anni solo di interessi (il tasso di interesse però non è noto). Come sempre l’intervento del FMI si accompagna alla richiesta di un “programma di aggiustamento strutturale”, che impone tagli severi (dei stipendi dei dipendenti pubblici e delle pensioni, del sistema sanitario, delle scuole e delle università) e privatizzazioni. La “terapia” è così drastica, che il paziente potrebbe sicuramente morire per la “cura”...

Ora i partiti di destra – compreso il cosiddetto partito “socialista” (che in realtà non ha niente dell’ideologia socialista o socialdemocratica, ma è solo una formazione del tutto neoliberista) – stanno discutendo se sia meglio dimostrarsi acquiescenti verso il diktat imposto al Portogallo dal FMI, dalla BCE e dalla Commissione della UE....

A sinistra non si muove nulla, perché il Partito Comunista (PCP) ed il Blocco di Sinistra (BE) continuano ad ignorare la necessità di unire le forze e comunque non sembrano capire che il campo di battaglia decisivo di questo conflitto di classe NON sono le elezioni, ma la lotta nei posti di lavoro dando forza ed organizzazione ai lavoratori. Ma neppure questi ultimi hanno capito chiaramente che è questa la strada. La mancanza di una cultura della lotta di classe deriva in parte dalla prassi del sindacato cosiddetto “di sinistra” (la CGTP). Essendo controllato dal PCP e dal BE (minoritario), i suoi dirigenti non hanno nessuna reale visione di classe e questo lo si avverte sia nei loro discorsi che nella loro prassi sindacale.

Da una parte, abbiamo i partiti riformisti (PC e BE) e dall’altra abbiamo una gioventù disorganizzata che aspira a poter dire la sua sul proprio futuro. Ci hanno provato recentemente con una gigantesca manifestazione il 12 marzo scorso, ma non sono ancora stati capaci di costruire un movimento sociale autonomo e vengono già usati come “argomento” elettorale dai partiti di sinistra...

Gli anarchici portoghesi non sono collettivamente presenti nelle lotte di classe. Le loro attività più visibili non hanno rilevanza alcuna. Disdegnano la militanza di base nei sindacati ed il loro “attivismo” si limita agli stili-di-vita o ad un avanguardismo elitario (spesso con enfasi anarcosindacalista). Sono isolati ed irrilevanti, limitandosi a “rappresentare” il dissenso.

Manuel Baptista

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Intenazionali

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
George Floyd: one death too many in the “land of the free”

Iberia | Economia | it

Mi 27 Jan, 17:32

browse text browse image

cgt.png imageLa concertazione sociale punta solo alla smobilitazione 16:19 Do 30 Mai by Confederación General del Trabajo 0 comments

Nel bel mezzo di questa crisi, in tutto il mondo definita come emergenza sociale, stiamo assistendo in Spagna ad una nuova messa in scena, ad una nuova rappresentazione teatrale, che ha come titolo il “grande patto sociale”. [Castellano]

bankia.jpeg imageLa CGT si costituisce parte civile nel processo Bankia 23:14 Mi 11 Jul by Confederación General Del Trabajo 0 comments

La Confederación General del Trabajo (CGT), sindacato con presenza e radicamento all'interno di Bankia e della sua azionista-madre BFA, si è costituita parte civile contro Bankia. [Castellano]

unidadsindical.jpg image2º incontro dei sindacati di classe per la mobilitazione unitaria contro il Patto Sociale 01:07 Fr 12 Aug by Organizzazioni sindacali di classe 1 comments

Le organizzazioni sindacali Confederación General del Trabajo (CGT), Confederación Nacional del Trabajo (CNT), CO.BAS, Coordinadora Sindical de Clase (CSC) e Solidaridad Obrera (SO) si sono riunite per la seconda volta il 29 luglio per decidere su nuove iniziative e per definire un calendario di proteste, sulla base dell'unità di classe, verso uno sciopero generale contro le politiche di tagli e perdita dei diritti imposte dal governo e dalle istituzioni europee per volere dei datori di lavoro e dei mercati. [Castellano]

sol5.jpg imageRivolte della periferia: il movimento di occupazione delle piazze in Spagna sfida l'austerity e le i 07:00 So 22 Mai by Paul 0 comments

Dalla scorsa domenica, le piazza delle città di tutta la Spagna sono state occupate da tende di manifestanti, infuriati contro le misure di austerità, contro l'inutilità dei politici e contro la mancanza di significato delle imminenti elezioni amministrative. [English]

cgtanimada.gif imageConseguenze della riforma lavorativa: più disoccupazione, più contrattazione temporanea 16:39 So 07 Nov by Segretariato Permanente del Comitato Confederale della CGT 0 comments

Dopo quattro mesi di applicazione della Riforma Lavorativa contro la quale abbiamo fatto lo Sciopero Generale del 29 settembre, la disoccupazione nel mese di ottobre è aumentata di 70 mila nuove unità (persone, in carne e ossa!), cosa che porta a più di 4,5 milioni totali il numero di persone in stato di disoccupazione. E' aumentato anche il numero di contratti temporanei, esattamente il contrario di quanto previsto dal governo.

460_0___30_0_0_0_0_0_cgtanimada_1.jpg imageNuove mobilitazioni della CGT dopo lo sciopero generale dei 29 Settembre 19:58 Do 28 Okt by Confederación General del Trabajo 0 comments

Per la CGT, la lotta sindacale e sociale deve continuare dopo lo Sciopero Generale del 29 settembre.

460_0___30_0_0_0_0_0_cgtanimada_1_1.jpg imageSpagna: Successo dello Sciopero Generale 00:38 Do 30 Sep by Confederación General del Trabaja 0 comments

La CGT fa una prima valutazione molto positiva delle prime ore di Sciopero Generale. L'adesione allo sciopero in settori chiave è massiccio praticamente nella totalità del paese. A mo' di esempio: i mercati alimentari di Madrid, Barcellona, Valencia, Valladolid, Siviglia, Saragozza; l'industria automobilistica (Seat) Ford, Renault, Opel, Volkswagen; i complessi petrolchimici e siderometallurgici, i settori minerari, della distribuzione di gas, i servizi pubblici come quelli di nettezza urbana, poste, il settore della costruzione di grandi infrastrutture; i porti di Barcellona, Valencia, Algeciras... [Castellano]

hg29.09.jpg imageLa CGT convoca lo Sciopero Generale il 29 settembre contro il sistema capitalista 16:37 Mo 13 Sep by Confederación General del Trabajo 0 comments

Pensiamo che sia arrivato il momento di dire BASTA, non solo ai mercati, ma anche ai diversi governi che seguono le loro istruzioni. È inammissibile che le stesse istituzioni che hanno provocato la crisi siano quelle stesse che stanno imponendo le loro proposte per uscirne, determinando una riduzione di diritti per la classe lavoratrice ed un aumento di benefici per il sistema capitalista in generale.

cgtanimada_1.gif imageComunicato della CGT sulla riforma lavorativa del governo 19:12 Mo 21 Jun by Confederación General del Trabajo 0 comments

Oggi, mercoledì 16 Giugno, il governo ha approvato il Regio Decreto Legge in tema di Misure Urgenti per la Riforma del Mercato del Lavoro. Questa Riforma non è assolutamente una risposta alle necessità dei lavoratori e delle lavoratrici, né una proposta per restituirci i diritti lavorativi e sociali che ci hanno strappato progressivamente negli ultimi anni, né tanto meno è una proposta di giustizia sociale in difesa dei lavoratori come parte più debole nel rapporto di lavoro, né una riforma per far cessare quello che è ormai un fatto generalizzato nel mercato di lavoro (licenziamento libero e a buon mercato), né una riforma per creare impiego.

cgtanimada_2.gif imageLa CGT indice uno Sciopero per l'8 Giugno 19:20 Mo 24 Mai by Confederación General del Trabajo 0 comments

ESIGIAMO CHE LE CCOO E LA UGT CONVOCHINO UNO SCIOPERO GENERALE E NON FIRMINO NESSUNA NUOVA RIFORMA DEL LAVORO. [Castellano]

more >>

imageSpagna: fabbriche recuperate ed autogestite Jan 09 by José Luis Carretero 0 comments

Con il panorama della crisi finanziaria ed economica, lo Stato spagnolo comincia a fare tagli sempre più sottili e mirati. Quindi, le chiusure di imprese e i licenziamenti sono all'ordine del giorno, lasciando una scia di disoccupati. Nel calore delle proteste e della resistenza, il cambiamento sociale (con l'autogestione come elemento centrale) si fa sempre più vivo sull'orizzonte della Spagna. [Castellano] [Français]

imageSpagna: un salvataggio per affogare non per stare a galla Jun 12 by Paul B. 1 comments

Nella prossima settimana la Spagna entra in zona salvataggio. Nonostante i segnali sempre più forti di catastrofe imminente che giungono da Madrid, la battaglia tra le istanze del capitalismo spagnolo da una parte e Bruxelles, Berlino e Francoforte dall'altra, è riuscita per ora a scongiurare l'ora del giudizio. Ma riusciranno a raggiungere lo scopo di impedire la caduta della Spagna prima delle seconde elezioni in Grecia? [English]

imageLa concertazione sociale punta solo alla smobilitazione Mai 30 CGT 0 comments

Nel bel mezzo di questa crisi, in tutto il mondo definita come emergenza sociale, stiamo assistendo in Spagna ad una nuova messa in scena, ad una nuova rappresentazione teatrale, che ha come titolo il “grande patto sociale”. [Castellano]

image2º incontro dei sindacati di classe per la mobilitazione unitaria contro il Patto Sociale Aug 12 1 comments

Le organizzazioni sindacali Confederación General del Trabajo (CGT), Confederación Nacional del Trabajo (CNT), CO.BAS, Coordinadora Sindical de Clase (CSC) e Solidaridad Obrera (SO) si sono riunite per la seconda volta il 29 luglio per decidere su nuove iniziative e per definire un calendario di proteste, sulla base dell'unità di classe, verso uno sciopero generale contro le politiche di tagli e perdita dei diritti imposte dal governo e dalle istituzioni europee per volere dei datori di lavoro e dei mercati. [Castellano]

imageConseguenze della riforma lavorativa: più disoccupazione, più contrattazione temporanea Nov 07 Confederación General del Trabajo 0 comments

Dopo quattro mesi di applicazione della Riforma Lavorativa contro la quale abbiamo fatto lo Sciopero Generale del 29 settembre, la disoccupazione nel mese di ottobre è aumentata di 70 mila nuove unità (persone, in carne e ossa!), cosa che porta a più di 4,5 milioni totali il numero di persone in stato di disoccupazione. E' aumentato anche il numero di contratti temporanei, esattamente il contrario di quanto previsto dal governo.

imageNuove mobilitazioni della CGT dopo lo sciopero generale dei 29 Settembre Okt 28 CGT 0 comments

Per la CGT, la lotta sindacale e sociale deve continuare dopo lo Sciopero Generale del 29 settembre.

imageSpagna: Successo dello Sciopero Generale Sep 30 CGT 0 comments

La CGT fa una prima valutazione molto positiva delle prime ore di Sciopero Generale. L'adesione allo sciopero in settori chiave è massiccio praticamente nella totalità del paese. A mo' di esempio: i mercati alimentari di Madrid, Barcellona, Valencia, Valladolid, Siviglia, Saragozza; l'industria automobilistica (Seat) Ford, Renault, Opel, Volkswagen; i complessi petrolchimici e siderometallurgici, i settori minerari, della distribuzione di gas, i servizi pubblici come quelli di nettezza urbana, poste, il settore della costruzione di grandi infrastrutture; i porti di Barcellona, Valencia, Algeciras... [Castellano]

more >>
© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]