user preferences

Modello Camusso

category italia / svizzera | lotte sindacali | opinione / analisi author Monday April 11, 2011 10:56author by Viap - FdCA Report this post to the editors

Per un nuovo modello contrattuale

Dopo solo due settimane dalla riunione del Consiglio Direttivo Nazionale (CDN) che ha deciso lo sciopero generale del 6 maggio, viene fatto circolare in CGIL un documento dal titolo PER UN NUOVO MODELLO CONTRATTUALE, senza alcuna discussione preventiva interna e lanciato - come si suol dire - dalla Segreteria.

cgil.jpg


MODELLO CAMUSSO


Dopo solo due settimane dalla riunione del Consiglio Direttivo Nazionale (CDN) che ha deciso lo sciopero generale del 6 maggio, viene fatto circolare in CGIL un documento dal titolo PER UN NUOVO MODELLO CONTRATTUALE, senza alcuna discussione preventiva interna e lanciato - come si suol dire - dalla Segreteria.

Esiste quindi all’interno della Confederazione una questione di metodo radicato nel gruppo dirigente (Segreteria), che risulta ormai estraneo alla volontà della discussione e al confronto. Tanto che pare, al di là del contenuto, calato apposta per rinsaldare (richiamare) la maggioranza dopo il CDN che aveva deciso lo sciopero. E tanto più, in particolare, che all’interno di quel CDN aveva prevalso una discussione vera partendo dalla realtà, dopo l’accordo separato del commercio, la prima vera discussione dai tempi del congresso, con uno scontro sullo sciopero che aveva visto schierarsi territori e categorie a favore, mentre altri - Segreteria compresa - subivano la decisione di indirlo. Inoltre va sottolineato che le categorie in maggioranza hanno dato l’indicazione delle 8 ore di sciopero oltre a regioni e province.

Occorre aggiungere e registrare, dopo il pesante scontro congressuale, l’entrata della "CGIL che vogliamo” nella segreteria regionale dell’Emilia Romagna, oltre che nelle segreterie delle Camere del Lavoro di Genova e Savona e dello SPI del Piemonte. Pare quindi farsi strada, dato il fallimento della linea strategica e la drammaticità dello scontro in atto, una apertura alla gestione e alla discussione in alcuni territori che tiene conto del pluralismo esistente.

Nel merito, il documento che ha per titolo ” Per un nuovo modello contrattuale” si pone l’obiettivo di far “rientrare” la CGIL, riproponendo la concertazione, adattandosi all’esistente prodotto dai padroni, in stretto rapporto con governo e CISL (tralasciamo la UIL per ovvie ragioni).

Il documento “Per un nuovo modello contrattuale” è composto di 8 capitoli suddivisi in punti: il tutto non propone l’avvio della discussione sulla contrattazione, ma fissa i punti che permetterebbero alla Confederazione di "rientrare", avendo come interlocutore dell’operazione la Confindustria, mai attaccata negli ultimi tempi, anzi ponendola alla base del piano per lo sviluppo del paese, versione corrente del patto fra produttori (lavoratori e padroni).

Al primo punto del documento sta un bilancio dell’attività contrattuale a larga maggioranza unitaria (83 CCNL firmati su 89), ma anche la contrattazione aziendale (esclusa FIAT) in larga misura unitaria, apoteosi unitaria quella sociale (con regioni e comuni). Quindi i rapporti con Confindustria ci sono, anzi occorre partire da qui per mettere a regime un definito e condiviso modello contrattuale.

Peccato che i contratti non unitari (e separati voluti da Confindustria, padroni vari e blocco nel settore del Pubblico Impiego) rappresentino la maggioranza delle/i lavoratrici che nei fatti si trovano senza CCNL.

Sul piano salariale si è andati andati oltre l’IPCA, ma poco importa se non c’è il recupero dell’inflazione e se nel paese esiste un regime di bassi salari non eludibile.

I contratti unitari hanno rafforzato la bilateralità non sostitutiva delle funzioni del pubblico ed anche qui è esattamente l’opposto, visto che è lo Stato stesso che definisce le funzioni che delega agli enti bilaterali.

Ma la vera operazione sta nel punto che analizza il contesto socio-economico (non entriamo nella confusa e dilettantesca analisi per altro funzionale), la crescita e l’aumento della produttività, ottenendo la quale in sede aziendale, si avrebbe un’equa distribuzione salariale.

Il resto vien da sé: CCNL leggero, non prescrittivo e massima espansione della contrattazione aziendale, una sorta di supermarket dove tutte le esigenze possono essere soddisfatte e il ruolo centralizzato a livello confederale di stabilire la cornice di settore condivisa tra le parti

Si afferma la esigibilità del ruolo confederale, quindi scomparsa totale della democrazia diretta e del ruolo delle/i lavoratrici nel validare - attraverso lo strumento referendum - le piattaforme e gli accordi; nessuna riforma delle RSU, ma si caldeggia l’entrata di loro rappresentanti nelle amministrazioni; ora sicuramente non dove si compilano le distinte base, per cui spetta alla CISL scrivere questa parte (la famosa partecipazione).

L’inquadramento professionale si sposta in sede aziendale, ma senza linee guida si apre in questo modo ai salari di linea, di reparto, di posto singolo di lavoro.

E la chicca finale, vero marchio di fabbrica, è il ritorno alla concertazione in modo autoritario: “I partecipanti tutti sono vincolati nei comportamenti una volta firmati gli accordi”. Vien da domandarsi ma quali sono gli obiettivi socio-economici per un sindacato in sì fatta minestra? Esercizio retorico chiederselo per i lavoratori.
E’ sicuramente peggiorativo rispetto all’accordo del luglio ’93. IL prossimo CDN è fissato per il 12/13 maggio: risulta evidente che diventa centrale lo sciopero del 6 maggio, la sua riuscita e in termini di ampia mobilitazione .

Viap


Related Link: http://www.fdca.it

This page has not been translated into Ελληνικά yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Zabalaza no.14 Out Now

Italia / Svizzera | Lotte sindacali | it

Fri 04 Sep, 15:50

browse text browse image

textIl Jobs Act figlio delle linee di ristrutturazione dell'industria in Europa 22:01 Thu 05 Mar by Alternativa Libertaria / FdCA 0 comments

I recentissimi decreti applicativi del Jobs Act emanati dal governo italiano si aggiungono ad altre legislazioni anti-operaie approvate all'interno dell'Unione Europea (UE). I contratti individuali a tutele crescenti, la ridefinizione del lavoro subordinato, la flessibilità svincolata dalla contrattazione, la monetizzazione dei licenziamenti e dell'espulsione dal ciclo produttivo hanno lo scopo immediato di portare all'irrilevanza il diritto di coalizione dei lavoratori ed il ruolo dell'organizzazione sindacale dentro le fabbriche.

textGenova: Multinazionali a delinquere. Il caso Ericsson Jabil 19:15 Thu 05 Mar by Coordinamento lavoratori e lavoratrici Genova 0 comments

Le lotte e l'unità dei lavoratori sono rimaste l'unico strumento per difendere i nostri diritti.

textTrento. Solidarietà ai lavoratori della Sapes. No alle intimidazioni contro gli operai. 02:32 Wed 04 Mar by Alternativa Libertaria/FdCA 1 comments

Negli anni recenti, la gestione padronale si è contraddistinta per intimidazioni ai danni di lavoratori, lavoratrici ed esponenti sindacali, svolgendo una vera e propria azione antisindacale sia nei confronti del diritto di assemblea in fabbrica che del diritto di sciopero.

textPer l'unione della classe lavoratrice 17:47 Tue 24 Feb by Coordinamento lavoratori e lavoratrici Genova 0 comments

Un coordinamento per stringere e rafforzare i legami di fratellanza tra i lavoratori, nel quale potranno confluire i tanti lavoratori, la maggioranza, delle piccole aziende, oggi isolati da quelli delle medie e grandi imprese, e i sempre più numerosi disoccupati.

sciop.jpg image12 dicembre: lavoratori, non schiavi 14:12 Mon 08 Dec by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Oggi è in gioco la sopravvivenza della difesa collettiva dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e non solo, di fronte a scelte politiche che tentano di disarmarci per segregarci in un futuro di schiavi, impotenti a reagire alla violenza delle politiche dei padroni. Oggi in piazza dobbiamo esserci in tanti se vogliamo cambiare di segno le politiche autoritarie di una Europa che cerca il suo spazio imperialista attraverso la compressione sociale. [Português]

alfdca.jpg image14 novembre 2014 - scioperare e manifestare 14:12 Tue 11 Nov by Alternativa Libertaria/FdCA 2 comments

Non è la prima volta che succede. Non è la prima volta che il mondo del lavoro sindacalizzato intreccia la sua lotta con le realtà sociali di base che nei territori, da anni, fanno da argine e da rete solidale di conflitto contro la devastazione capitalistica dei luoghi di vita e dell'ambiente. Ma questo 14 novembre cade nel sesto anno di una crisi che non è più solo finanziaria,solo economica ed occupazionale.

versosciopero.jpg imageVerso lo sciopero generale e sociale nel mondo del lavoro, nei territori, nelle piazze 05:09 Thu 23 Oct by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Come era facilmente prevedibile le rassicurazioni diffuse e propagandate a piene mani da politici, affaristi, finanzieri e confindustriali sulla possibilità di riprendersi da quella che veniva chiamata crisi si sono dimostrate una colossale bugia. Con una ingombrante operazione di depistaggio mediatico all'insegna di "dobbiamo abbattere il debito pubblico" o "dobbiamo abbattere le Tasse", "l'Europa ce lo chiede", "dobbiamo rispettare i vincoli del deficit imposto", si è proceduto alla cancellazione quasi totale dei diritti dei lavoratori.

bo.jpg imageDa Genova a Bologna 22/23 Novembre 2013 12:11 Mon 25 Nov by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

I tranvieri di Genoa hanno segnato un passaggio importante e guadagnato una posizione fondamentale: hanno bloccato la privatizzazione e non hanno accettato peggioramenti alla loro prestazione lavorativa e questo serve come riferimento al resto del paese.
Se non sono i lavoratori dei servizi che si oppongono al disegno del capitale in merito allo stato sociale, non si va da nessuna parte.

gen.jpg imageGenova: lotte nei trasporti 04:01 Sun 24 Nov by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

Siglato l’accordo. Spetterà ai lavoratori dell’azienda trasporti trarre le conclusioni da un accordo con luci e ombre. Per quel che ci riguarda abbiamo sostenuto la loro battaglia, ci interessa qui fare una riflessione e fissare alcuni punti. La lotta è stata contro i licenziamenti, contro il peggioramento delle condizioni di lavoro, contro la riduzione del salario attraverso l’eliminazione dei contratti sia aziendali che nazionali, contro la perdita delle parti normative,delle tutele e dei diritti. Questo significa per la classe l’azione del capitale di privatizzare, esternalizzare le aziende in capo al “pubblico”, poi le ovvie ricadute sul servizio e i cittadini.

genova.jpg imageI sacrifici dei lavoratori non bastano mai 21:57 Thu 21 Nov by FdCA Genova 0 comments

Sosteniamo incondizionatamente la lotta dei lavoratori AMT di Genova. Siamo stati e saremo sempre al loro fianco in piazza per la difesa dei loro salari, dei loro diritti e per la salvaguardia ed il rilancio della mobilità pubblica.

more >>

textItalia: la lotta contro la riforma della scuola Jun 17 by Donato Romito 0 comments

Quella dei lavoratori della scuola è una dimostrazione di unità, di coesione e di combattività della categoria che si sta auto-organizzando in ogni scuola per cercare di fermare il progetto autocratico in corso.

imagePer Chi Suona La Crisi Apr 21 by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Il governo Renzi risponde a quella che è una richiesta della classe padronale: ridurre i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici in nome di una sempre maggiore flessibilità del lavoro che vada di pari passo alla flessibilità del mercato.

imageAncora note sul Testo Unico sulla rappresentanza Confindustria CGIL-CISL-UIL 10/01/2014 Jan 29 by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

L'accordo è finalmente il punto di arrivo del percorso intrapreso dai padroni, che ha subito un'accellerazione dal 2009, si è servito come testa di sfondamento dell'accordo separato in FIAT con le successive fasi, fino al sostegno legislativo dello stesso accordo attraverso l'art. 8 sulle deroghe ai contratti e alle leggi in sede aziendale, attualmente in vigore.

imageOttobre, si sta come tre foglie sugli alberi? Oct 13 by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

Abbiamo passato mesi di soporifera assuefazione agli psicodrammi di una politica istituzionale sempre più avvitata sull'autoconservazione. Una politica paga della riuscita trasformazione autoritaria impressa dalle politiche neoliberali della oligarchia finanziaria. Una elite che ormai comanda ed impera in tutto il mondo, totalmente sorda alle necessità e alle urgenze di una crisi causata dall'esproprio delle ricchezze a danni delle forze più deboli della società. Ma ora le realtà di lotta e di opposizione ricominciano a muovere qualche passo.

textILVA: la nazionalizzazione come soluzione? Sep 22 by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

Di fronte all'evolversi della tragedia ILVA, da più parti si invoca la nazionalizzazione come risposta alla strafottenza e all'arroganza della famiglia Riva, una risposta radicale e di classe che tramite esproprio salverebbe capre e cavoli, letteralmente produzione e ambiente. Come quando a suo tempo si parlava di nazionalizzazione delle banche. Peccato che non sia così. [English]

more >>

textIl Jobs Act figlio delle linee di ristrutturazione dell'industria in Europa Mar 05 AL/FdCA 0 comments

I recentissimi decreti applicativi del Jobs Act emanati dal governo italiano si aggiungono ad altre legislazioni anti-operaie approvate all'interno dell'Unione Europea (UE). I contratti individuali a tutele crescenti, la ridefinizione del lavoro subordinato, la flessibilità svincolata dalla contrattazione, la monetizzazione dei licenziamenti e dell'espulsione dal ciclo produttivo hanno lo scopo immediato di portare all'irrilevanza il diritto di coalizione dei lavoratori ed il ruolo dell'organizzazione sindacale dentro le fabbriche.

textGenova: Multinazionali a delinquere. Il caso Ericsson Jabil Mar 05 0 comments

Le lotte e l'unità dei lavoratori sono rimaste l'unico strumento per difendere i nostri diritti.

textTrento. Solidarietà ai lavoratori della Sapes. No alle intimidazioni contro gli operai. Mar 04 Trento 1 comments

Negli anni recenti, la gestione padronale si è contraddistinta per intimidazioni ai danni di lavoratori, lavoratrici ed esponenti sindacali, svolgendo una vera e propria azione antisindacale sia nei confronti del diritto di assemblea in fabbrica che del diritto di sciopero.

textPer l'unione della classe lavoratrice Feb 24 0 comments

Un coordinamento per stringere e rafforzare i legami di fratellanza tra i lavoratori, nel quale potranno confluire i tanti lavoratori, la maggioranza, delle piccole aziende, oggi isolati da quelli delle medie e grandi imprese, e i sempre più numerosi disoccupati.

image12 dicembre: lavoratori, non schiavi Dec 08 0 comments

Oggi è in gioco la sopravvivenza della difesa collettiva dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e non solo, di fronte a scelte politiche che tentano di disarmarci per segregarci in un futuro di schiavi, impotenti a reagire alla violenza delle politiche dei padroni. Oggi in piazza dobbiamo esserci in tanti se vogliamo cambiare di segno le politiche autoritarie di una Europa che cerca il suo spazio imperialista attraverso la compressione sociale. [Português]

more >>
© 2005-2015 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]