user preferences

Modello Camusso

category italia / svizzera | lotte sindacali | opinione / analisi author Monday April 11, 2011 10:56author by Viap - FdCA Report this post to the editors

Per un nuovo modello contrattuale

Dopo solo due settimane dalla riunione del Consiglio Direttivo Nazionale (CDN) che ha deciso lo sciopero generale del 6 maggio, viene fatto circolare in CGIL un documento dal titolo PER UN NUOVO MODELLO CONTRATTUALE, senza alcuna discussione preventiva interna e lanciato - come si suol dire - dalla Segreteria.

cgil.jpg


MODELLO CAMUSSO


Dopo solo due settimane dalla riunione del Consiglio Direttivo Nazionale (CDN) che ha deciso lo sciopero generale del 6 maggio, viene fatto circolare in CGIL un documento dal titolo PER UN NUOVO MODELLO CONTRATTUALE, senza alcuna discussione preventiva interna e lanciato - come si suol dire - dalla Segreteria.

Esiste quindi all’interno della Confederazione una questione di metodo radicato nel gruppo dirigente (Segreteria), che risulta ormai estraneo alla volontà della discussione e al confronto. Tanto che pare, al di là del contenuto, calato apposta per rinsaldare (richiamare) la maggioranza dopo il CDN che aveva deciso lo sciopero. E tanto più, in particolare, che all’interno di quel CDN aveva prevalso una discussione vera partendo dalla realtà, dopo l’accordo separato del commercio, la prima vera discussione dai tempi del congresso, con uno scontro sullo sciopero che aveva visto schierarsi territori e categorie a favore, mentre altri - Segreteria compresa - subivano la decisione di indirlo. Inoltre va sottolineato che le categorie in maggioranza hanno dato l’indicazione delle 8 ore di sciopero oltre a regioni e province.

Occorre aggiungere e registrare, dopo il pesante scontro congressuale, l’entrata della "CGIL che vogliamo” nella segreteria regionale dell’Emilia Romagna, oltre che nelle segreterie delle Camere del Lavoro di Genova e Savona e dello SPI del Piemonte. Pare quindi farsi strada, dato il fallimento della linea strategica e la drammaticità dello scontro in atto, una apertura alla gestione e alla discussione in alcuni territori che tiene conto del pluralismo esistente.

Nel merito, il documento che ha per titolo ” Per un nuovo modello contrattuale” si pone l’obiettivo di far “rientrare” la CGIL, riproponendo la concertazione, adattandosi all’esistente prodotto dai padroni, in stretto rapporto con governo e CISL (tralasciamo la UIL per ovvie ragioni).

Il documento “Per un nuovo modello contrattuale” è composto di 8 capitoli suddivisi in punti: il tutto non propone l’avvio della discussione sulla contrattazione, ma fissa i punti che permetterebbero alla Confederazione di "rientrare", avendo come interlocutore dell’operazione la Confindustria, mai attaccata negli ultimi tempi, anzi ponendola alla base del piano per lo sviluppo del paese, versione corrente del patto fra produttori (lavoratori e padroni).

Al primo punto del documento sta un bilancio dell’attività contrattuale a larga maggioranza unitaria (83 CCNL firmati su 89), ma anche la contrattazione aziendale (esclusa FIAT) in larga misura unitaria, apoteosi unitaria quella sociale (con regioni e comuni). Quindi i rapporti con Confindustria ci sono, anzi occorre partire da qui per mettere a regime un definito e condiviso modello contrattuale.

Peccato che i contratti non unitari (e separati voluti da Confindustria, padroni vari e blocco nel settore del Pubblico Impiego) rappresentino la maggioranza delle/i lavoratrici che nei fatti si trovano senza CCNL.

Sul piano salariale si è andati andati oltre l’IPCA, ma poco importa se non c’è il recupero dell’inflazione e se nel paese esiste un regime di bassi salari non eludibile.

I contratti unitari hanno rafforzato la bilateralità non sostitutiva delle funzioni del pubblico ed anche qui è esattamente l’opposto, visto che è lo Stato stesso che definisce le funzioni che delega agli enti bilaterali.

Ma la vera operazione sta nel punto che analizza il contesto socio-economico (non entriamo nella confusa e dilettantesca analisi per altro funzionale), la crescita e l’aumento della produttività, ottenendo la quale in sede aziendale, si avrebbe un’equa distribuzione salariale.

Il resto vien da sé: CCNL leggero, non prescrittivo e massima espansione della contrattazione aziendale, una sorta di supermarket dove tutte le esigenze possono essere soddisfatte e il ruolo centralizzato a livello confederale di stabilire la cornice di settore condivisa tra le parti

Si afferma la esigibilità del ruolo confederale, quindi scomparsa totale della democrazia diretta e del ruolo delle/i lavoratrici nel validare - attraverso lo strumento referendum - le piattaforme e gli accordi; nessuna riforma delle RSU, ma si caldeggia l’entrata di loro rappresentanti nelle amministrazioni; ora sicuramente non dove si compilano le distinte base, per cui spetta alla CISL scrivere questa parte (la famosa partecipazione).

L’inquadramento professionale si sposta in sede aziendale, ma senza linee guida si apre in questo modo ai salari di linea, di reparto, di posto singolo di lavoro.

E la chicca finale, vero marchio di fabbrica, è il ritorno alla concertazione in modo autoritario: “I partecipanti tutti sono vincolati nei comportamenti una volta firmati gli accordi”. Vien da domandarsi ma quali sono gli obiettivi socio-economici per un sindacato in sì fatta minestra? Esercizio retorico chiederselo per i lavoratori.
E’ sicuramente peggiorativo rispetto all’accordo del luglio ’93. IL prossimo CDN è fissato per il 12/13 maggio: risulta evidente che diventa centrale lo sciopero del 6 maggio, la sua riuscita e in termini di ampia mobilitazione .

Viap


Related Link: http://www.fdca.it

This page has not been translated into Ελληνικά yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

Recordando a César Roa, luchador de la caña

Prison Sentence to Managing Editor of Anarchist Meydan Newspaper in Turkey

Liberación de la Uma Kiwe, autonomía y territorio: una mirada libertaria para la comprensión de la lucha nasa

Misunderstanding syndicalism

American Anarchist and Wobbly killed by Turkey while fighting ISIS in Rojava

Devlet Tecavüzdür

Attaque fasciste sur la Croix Rousse et contre la librairie libertaire la Plume Noire

Red November, Black November – An Anarchist Response to the Election

Resistance at Standing Rock

1986-2016: 30° anniversario di Alternativa Libertaria/fdca

Italia / Svizzera | Lotte sindacali | it

Tue 28 Mar, 16:16

browse text browse image

textcordoglio per la perdita del compagno Piergiorgio Tiboni 18:44 Mon 20 Mar by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

funerali il 22 marzo, per luogo ed orario vedi https://www.cub.it/

textItalia - 17 MARZO sciopero generale della Scuola 18:23 Fri 17 Mar by Alternativa Libertaria/fdca 0 comments

Alternativa Libertaria appoggia lo sciopero del 17 marzo, quale momento decisivo nel tentativo di ricostruire un movimento di lotta nella scuola in una situazione di grave clima di normalizzazione; sostiene i tanti tentativi di mobilitazione unitaria tra studenti e lavoratori/trici della scuola previsti in diverse città italiane per il 17 marzo.

textItalia - No al licenziamento del ferroviere Riccardo Antonini 19:32 Mon 16 Jan by Cassa di solidarietà tra ferrovieri 0 comments

Riccardo Vittorini, da quel 29 giugno 2009 della strage alla stazione di Viareggio non ha mai mollato, nonostante la perdita del posto di lavoro.
È un dovere e una necessità, per quanti non vogliono più accettare che questo sia il paese delle stragi impunite e dei licenziamenti politici!

textItalia, Piacenza: omicidio di un operaio della logistica 23:22 Fri 16 Sep by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

La morte di Abdesselem El Danaf lavoratore della logistica travolto da un tir che ha forzato il presidio, a Montale (PC), davanti ad un magazzino della ditta GLS è una tragedia umana ed un fatto inaudito dal punto di vista sindacale.
Siamo in presenza dell'omicidio di un lavoratore che lottava e esercitava il diritto di sciopero.

textFrancia, Europa: bloccare tutto! 06:36 Mon 27 Jun by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments


Dopo tre mesi di mobilitazione e quindici scioperi, a cui partecipano anche i nostri militanti di Alternative Libertaire e della CGA, il movimento contro la Loi Travail non si indebolisce e le azioni continuano.

textTutto passa dalla lotta 20:02 Mon 13 Jun by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Alternativa Libertaria/FdCA partecipa al presidio genovese del 13 giugno, organizzato dal “Collettivo Noi saremo tutto” in solidarietà con i lavoratori francesi in lotta contro la loi travail.

ilvagenova.jpg imageGenova: lavoratori ILVA in lotta 03:09 Wed 27 Jan by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

A Genova, sono già scesi in piazza e scenderanno anche oggi, i lavoratori dell’ILVA.

textIl Jobs Act figlio delle linee di ristrutturazione dell'industria in Europa 22:01 Thu 05 Mar by Alternativa Libertaria / FdCA 0 comments

I recentissimi decreti applicativi del Jobs Act emanati dal governo italiano si aggiungono ad altre legislazioni anti-operaie approvate all'interno dell'Unione Europea (UE). I contratti individuali a tutele crescenti, la ridefinizione del lavoro subordinato, la flessibilità svincolata dalla contrattazione, la monetizzazione dei licenziamenti e dell'espulsione dal ciclo produttivo hanno lo scopo immediato di portare all'irrilevanza il diritto di coalizione dei lavoratori ed il ruolo dell'organizzazione sindacale dentro le fabbriche.

textGenova: Multinazionali a delinquere. Il caso Ericsson Jabil 19:15 Thu 05 Mar by Coordinamento lavoratori e lavoratrici Genova 0 comments

Le lotte e l'unità dei lavoratori sono rimaste l'unico strumento per difendere i nostri diritti.

textTrento. Solidarietà ai lavoratori della Sapes. No alle intimidazioni contro gli operai. 02:32 Wed 04 Mar by Alternativa Libertaria/FdCA 1 comments

Negli anni recenti, la gestione padronale si è contraddistinta per intimidazioni ai danni di lavoratori, lavoratrici ed esponenti sindacali, svolgendo una vera e propria azione antisindacale sia nei confronti del diritto di assemblea in fabbrica che del diritto di sciopero.

more >>

textItalia - La Trasformazione Dei Contratti Nazionali Di Lavoro In Simulacri Jan 10 by Alternativa Libertaria/fdca 0 comments


Il rinnovo dei CCNL comporta una radicale trasformazione di questi in simulacri, dove tutti i contenuti vengono indirizzati e inviati verso le sedi aziendali o territoriali.

textFermare il caporalato, costruire l'alternativa libertaria nelle campagne Jun 27 by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

I braccianti. Lavoratori e lavoratrice invisibili per la legge e per la società, ma che si sono resi visibili attraverso uno sciopero generale nazionale di 8 ore, occupando le vie di Bari, lo scorso 25 giugno.

textItalia: ammortizzatori sociali e "patto di servizio" Sep 10 by Donato Romito & Maurizio Galici 0 comments

Entrerà in vigore nel 2016 il decreto sugli ammortizzatori sociali che si porta dentro 2 gravi novità: niente Cassa integrazione se l'azienda chiude e introduzione del "patto di servizio", che obbliga il lavoratore ad accettare un lavoro, un piano di formazione o di reinserimento lavorativo se non vuole perdere l'integrazione salariale.

textItalia: la lotta contro la riforma della scuola Jun 17 by Donato Romito 0 comments

Quella dei lavoratori della scuola è una dimostrazione di unità, di coesione e di combattività della categoria che si sta auto-organizzando in ogni scuola per cercare di fermare il progetto autocratico in corso.

imagePer Chi Suona La Crisi Apr 21 by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Il governo Renzi risponde a quella che è una richiesta della classe padronale: ridurre i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici in nome di una sempre maggiore flessibilità del lavoro che vada di pari passo alla flessibilità del mercato.

more >>

textcordoglio per la perdita del compagno Piergiorgio Tiboni Mar 20 0 comments

funerali il 22 marzo, per luogo ed orario vedi https://www.cub.it/

textItalia - 17 MARZO sciopero generale della Scuola Mar 17 0 comments

Alternativa Libertaria appoggia lo sciopero del 17 marzo, quale momento decisivo nel tentativo di ricostruire un movimento di lotta nella scuola in una situazione di grave clima di normalizzazione; sostiene i tanti tentativi di mobilitazione unitaria tra studenti e lavoratori/trici della scuola previsti in diverse città italiane per il 17 marzo.

textItalia - No al licenziamento del ferroviere Riccardo Antonini Jan 16 0 comments

Riccardo Vittorini, da quel 29 giugno 2009 della strage alla stazione di Viareggio non ha mai mollato, nonostante la perdita del posto di lavoro.
È un dovere e una necessità, per quanti non vogliono più accettare che questo sia il paese delle stragi impunite e dei licenziamenti politici!

textItalia, Piacenza: omicidio di un operaio della logistica Sep 16 0 comments

La morte di Abdesselem El Danaf lavoratore della logistica travolto da un tir che ha forzato il presidio, a Montale (PC), davanti ad un magazzino della ditta GLS è una tragedia umana ed un fatto inaudito dal punto di vista sindacale.
Siamo in presenza dell'omicidio di un lavoratore che lottava e esercitava il diritto di sciopero.

textFrancia, Europa: bloccare tutto! Jun 27 0 comments


Dopo tre mesi di mobilitazione e quindici scioperi, a cui partecipano anche i nostri militanti di Alternative Libertaire e della CGA, il movimento contro la Loi Travail non si indebolisce e le azioni continuano.

more >>
© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]