user preferences

New Events

Nordafrica

no event posted in the last week

I segni della sconfitta della rivoluzione in Libia

category nordafrica | imperialismo / guerra | opinione / analisi author Thursday March 24, 2011 21:43author by Saoud Salem - (anarchico libico) Report this post to the editors

"Faccio appello a tutti i popoli perché ci sostengano: faccio appello agli Egiziani, ai Tunisini, ai Francesi, persino ai Cinesi, a tutti i popoli del mondo, perché siano benvenuti il loro appoggio e la loro solidarietà." [العربية ] [English] [Français] [Castellano] [Català] [中文] [Português]

warships.jpg


I segni della sconfitta della rivoluzione in Libia


Tra poche ore, il Consiglio di Sicurezza dell'ONU deciderà di dare inizio agli attacchi aerei contro la Libia. La Francia è già pronta stanotte.

Condanniamo questa risoluzione internazionale. E respingiamo totalmente ogni intervento straniero in Libia, da qualsiasi parte, e specialmente quello francese. Quella Francia, che ha venduto a Gheddafi armi per un valore di miliardi, armi che ora vengono usate per colpire i libici, quella stessa Francia che ha continuato a fare affari con Gheddafi fino a 3 settimane fa.

Noi condanniamo questo intervento che trasformerà la Libia in un inferno peggiore. Si tratta di un intervento che ruberà la rivoluzione agli stessi libici, una rivoluzione che sta costando loro migliaia di morti fra uomini e donne.

E' un intervento che dividerà la stessa resistenza libica.

Ed anche se queste operazioni riuscissero a far cadere Gheddafi (o ad ucciderlo) come fu per Saddam Hussein, vorrà dire che dovremo agli Americani ed ai Francesi la nostra libertà e possiamo stare sicuri che ce lo ricorderebbero ogni istante.

Come possiamo accettare questa situazione? Come spiegheremo tutte queste vittime alle generazioni future e tutti quei cadaveri ovunque?

Essere liberati da Gheddafi solo per diventare schiavi di coloro che lo hanno armato e lo hanno sostenuto in tutti questi anni di violenza e di repressione autoritaria?

Dopo il primo errore - aver militarizzato la rivoluzione popolare - stiamo commettendo il secondo errore: l'istituzione di una nuova dirigenza o di figuri che provengono dai resti del regime libico della Jamahiriya. Ed il nostro terzo errore si sta realizzando inevitabilmente: chiedere aiuto ai nostri nemici. Spero solo che non commetteremo anche un quarto errore, e cioè l'occupazione e lo sbarco dei marines.

Sarkozy e la Francia sono nostri nemici; e lo sono anche di tutto il Terzo Mondo. Non nascondono il loro disprezzo nei nostri confronti. A Sarkozy importa solo di essere ri-eletto l'anno prossimo.

L'uomo che ha organizzato l'incontro tra Sarkozy ed i rappresentanti del consiglio nazionale ad interim non è altri che Bernard-Henri Lévy, un filosofo ciarlatano, e per coloro che non lo conoscono, si tratta di un attivista sionista francese che si impegna strenuamente a difesa di Israele e dei suoi interessi. Costui è stato visto recentemente in Piazza Tahrir per vigilare che i giovani rivoluzionari non se la prendessero con Israele.

Cosa possiamo dire delle bombe che arrivano?

Che esse non sanno distinguere tra chi è pro-Gheddafi e chi è contro.

Le bombe colonialiste, come ben si sa, hanno il solo scopo di difendere gli interessi dei commercianti di armi. Costoro hanno venduto armi per miliardi ed ora ne chiedono la distruzione... Poi noi compreremo altre armi col nuovo governo ed è una vecchia storia che si ripete. Ma ci sono persone che non sanno imparare senza commettere gli stessi vecchi errori di sempre.

Credo sia tutto molto chiaro: si tratta di un vero errore strategico, un errore che il popolo libico pagherà forse per anni. Forse per un tempo persino più lungo del governo di Gheddafi e della sua famiglia.

Mi appello oggi, in queste ore prima che la Libia comincia a bruciare come una nuova Baghdad, a tutti i libici, a tutti gli intellettuali agli artisti, ai laureati, a chi sa scrivere ed a chi è analfabeta, alle donne ed agli uomini, affinché rifiutino questo intervento militare di USA, Francia, Gran Bretagna e dei regimi arabi che sostengono. Al tempo stesso faccio appello a tutti i popoli perché ci sostengano: faccio appello agli Egiziani, ai Tunisini, ai Francesi, persino ai Cinesi, a tutti i popoli del mondo, perché siano benvenuti il loro appoggio e la loro solidarietà.

Ma per quanto riguarda i governi, tutti i governi, noi non gli chiediamo niente, se non di lasciarci in pace, di lasciarci risolvere il problema con Gheddafi per conto nostro.

Saoud Salem
anarchico libico

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali

17 marzo 2011

Related Link: http://saoudsalem.maktoobblog.com/1619397

 #   Title   Author   Date 
   terreno di spartizioni tra i potenti occidentali     zat    Thu Apr 07, 2011 02:32 
   sulla guerra in libia     lordofamerica    Tue Mar 29, 2011 01:50 
   ritardo storico del partito     zat    Mon Mar 28, 2011 03:09 
   per i comitati popolai autogestiti     donato romito    Mon Mar 28, 2011 02:09 
   Con la rivoluzione libica, contro l'imperialismo     mt1946    Sun Mar 27, 2011 03:56 


 

This page has not been translated into Català yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Issue #3 of the Newsletter of the Tokologo African Anarchist Collective

Nordafrica | Imperialismo / Guerra | it

Wed 22 Oct, 21:50

browse text browse image

raid.jpg imageLibia: la morsa della dittatura e le bombe dell'imperialismo 18:49 Mon 28 Mar by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

I popoli arabi, il proletariato arabo sembrano essersi affacciati finalmente alla post-modernità. Dopo secoli di dominazione e di violenza esercitati dall'Impero Turco prima, dal colonialismo poi ed infine dalle dittature che si sono perpetuate dalla seconda metà del secolo scorso, questi popoli, questo proletariato escono dalla loro solitudine e sfidano il potere che li opprime e che nega loro tanto la libertà quanto la dignità nella vita di tutti i giorni. [English] [Ελληνικά] [العربية ] [Nederlands]

460_0___30_0_0_0_0_0_no_foreign_interventional_jazeera.jpg imageLibia: Per la rivoluzione, contro la guerra imperialista! 17:00 Tue 22 Mar by Relations extérieures CGA 0 comments

Comunicato della CGA concernente la situazione in Libia. [Français]

arton20766b7b2.jpg imageLa CGT a favore di una soluzione antimilitarista nel conflitto in Libia 18:51 Mon 21 Mar by Confederación General del Trabajo 0 comments

La Confederación General del Trabajo condanna la aggressione militare contro la Libia. [Castellano]

imageLa caduta di Gheddafi Sep 05 by Andrew Flood 2 comments

L'improvvisa caduta del regime di Gheddafi, circa 6 mesi fa in seguito alla rivolta libica, solleva alcune domande difficili a cui la sinistra non ha saputo rispondere. La determinazione di Gheddafi nel reprimere fisicamente la rivolta, l'ha invece trasformata in una guerra civile che ha visto un notevole intervento imperialista dalla parte dei ribelli, decisivo per una loro eventuale vittoria. Questo intervento e il ruolo storico di Gheddafi hanno portato certa sinistra a prendere le sue parti nel corso della guerra civile, mentre altre organizzazioni hanno cercato di bilanciare l'appoggio della "primavera araba", giunta anche in Libia, con l'opposizione all'imperialismo. [English]

imageLibia: la morsa della dittatura e le bombe dell'imperialismo Mar 28 FdCA 0 comments

I popoli arabi, il proletariato arabo sembrano essersi affacciati finalmente alla post-modernità. Dopo secoli di dominazione e di violenza esercitati dall'Impero Turco prima, dal colonialismo poi ed infine dalle dittature che si sono perpetuate dalla seconda metà del secolo scorso, questi popoli, questo proletariato escono dalla loro solitudine e sfidano il potere che li opprime e che nega loro tanto la libertà quanto la dignità nella vita di tutti i giorni. [English] [Ελληνικά] [العربية ] [Nederlands]

imageLibia: Per la rivoluzione, contro la guerra imperialista! Mar 22 Coordination des Groupes Anarchistes 0 comments

Comunicato della CGA concernente la situazione in Libia. [Français]

imageLa CGT a favore di una soluzione antimilitarista nel conflitto in Libia Mar 21 CGT 0 comments

La Confederación General del Trabajo condanna la aggressione militare contro la Libia. [Castellano]

© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]