user preferences

New Events

Nordafrica

no event posted in the last week

La CGT a favore di una soluzione antimilitarista nel conflitto in Libia

category nordafrica | imperialismo / guerra | comunicato stampa author Monday March 21, 2011 19:51author by Confederación General del Trabajo - CGT Report this post to the editors

La Confederación General del Trabajo condanna la aggressione militare contro la Libia. [Castellano]
arton20766b7b2.jpg


CONFEDERACIÓN GENERAL DEL TRABAJO
UFFICIO STAMPA CONFEDERALE
COMUNICATO


La CGT a favore di una soluzione antimilitarista in Libia
e contro la partecipazione spagnola all'intervento militare


Dopo molti giorni di inoperosità dei governi e delle istituzioni con responsabilità diretta negli eventi che stanno portando al massacro del popolo della Libia da parte del dittatore Gheddafi e dei suoi miserabili mercenari, la "soluzione" trovata e "legittimata" da ONU, Unione Europea, Stati Uniti, NATO, Lega Araba e altri paesi ricchi... è stata quella dell'intervento militare. I bombardamenti sono iniziati in un clima di precipitazione, improvvisazione e di obiettivi confusi.

Le istituzioni mondiali ed i governi dei principali paesi del mondo non sono stati capaci di adottare nessun tipo di mezzo per evitare la brutale repressione ed i genocidio del popolo libico che chiede libertà, chiede rispetto dei diritti umani e giustizia sociale. Ancora una volta si è visto che per i dirigenti politici non è prioritario evitare sofferenze ai popoli ed ai lavoratori, preferendo invece giocare con la politica, mettere in mostra il loro protagonismo ed i loro personalismi, così hanno scelto di mettere al primo posto gli interessi economici delle grandi multinazionali ed il futuro del petrolio della Libia.

Non sono stati capaci di congelare e di bloccare i conti del tiranno Gheddafi, della sua famiglia e dei suoi generali, non sono stati capaci di bloccare la vendita di armi, di bloccare i porti libici, di stabilire zone di interdizione aerea, si sono dimostrati incapaci di rompere le relazioni commerciali, di identificare e di perseguire i responsabili della repressione per consegnarli alla giustizia universale, incapaci di iniziare un processo di mediazione o un negoziato per trovare una soluzione pacifica al conflitto.

Invece, l'unico mezzo trovato è stato l'intervento militare. Per la CGT , questa decisione non porterà nessuna soluzione al conflitto salvo causare ancora più morti, incentivare un clima di guerra civile ed il prolungarsi del conflitto a tempo indeterminato, con conseguenze incalcolabili, così come è accaduto in quei paesi in cui si intervenuti militarmente di recente, come l'Irak o l'Afghanistan.

La CGT denuncia che nuovamente i governi dei paesi più ricchi scelgono l'uso della forza come unica forma di "aiuto" ai popoli ed in particolare ai popoli che considerano come terzo mondo.

La CGT condanna l'impiego della forza militare come forma per risolvere i conflitti sociali e di popoli che si stanno verificando nei paesi arabi, ed in concreto in Libia, la cui origine va ritrovata nella mancanza assoluta di libertà e di giustizia sociale.

Per la CGT , il presidente Zapatero punta a sorprenderci con questa sua decisione entusiasta per l'intervento militare, dimenticando la propensione chiaramente pacifista del nostro popolo. Il governo spagnolo non deve prestarsi alla militarizzazione del conflitto, non deve autorizzare l'uso di basi militari né inviare truppe, deve invece mantenere una ferma difesa per una soluzione pacifica dei conflitti.


SECRETARIADO PERMANENTE DEL COMITÉ CONFEDERAL DE CGT

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali

Related Link: http://www.cgt.org.es
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
George Floyd: one death too many in the “land of the free”
© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]