user preferences

New Events

Nordafrica

no event posted in the last week

Urgente: Massacri e Rivoluzione in Libia

category nordafrica | lotte sul territorio | appello / petizione author Wednesday February 23, 2011 01:07author by Mazen Kamalmaz - (anarchico siriano)author email mazen2190 at gmail dot com Report this post to the editors

Appello alla solidarietà

Le notizie che arrivano dalla Libia sono impressionanti. Il regime di Qaddafi sta perpetrando un orribile massacre contro le masse in rivolta. I mercenari (equivalente del baltajia del regime di Mubarak) reclutati dal regome di Gheddafi, oltre alle forze armate e di sicurezza, sparano sul popolo libico del tutto disarmato se non di armi da fuoco leggere. Le forze repressive del regime non usano solo armi da fuoco ma anche artiglieria, carri armati, aviazione ed elicotteri da guerra... [English] [Castellano] [Français]
libya.jpg


Appello alla solidarietà

Urgente: Massacri e Rivoluzione in Libia


Le notizie che arrivano dalla Libia sono impressionanti. Il regime di Gheddafi sta perpetrando un orribile massacro contro le masse in rivolta. I mercenari (equivalente dei baltajia del regime di Mubarak) reclutati dal regime di Gheddafi, oltre alle forze armate e di sicurezza, sparano sul popolo libico del tutto disarmato se non di armi da fuoco leggere. Le forze repressive del regime non usano solo armi da fuoco ma anche artiglieria, carri armati, aviazione ed elicotteri da guerra. Dal punto di vista militare non siamo in presenza di una guerra. Infatti, è solo un orribile massacro condotto dal regime di Gheddafi sotto la supervisione delle potenze imperialiste in Europa e negli USA ma, come sempre, queste potenze si preoccupano solo del petrolio, delle finanze e dei profitti, dato che diritti umani e vite umane non rientrano nelle loro preoccupazioni.

I governi europei insieme agli USA stanno mettendo in atto un silenzio vergognoso, che fa più rumore di qualsiasi documento politico. In sostanza, essi stanno sostenendo gli assassini, la dittatura contro le masse in rivolta, esattamente come hanno fatto per la Tunisia e per l’Egitto, salvo cambiare campo quando il trionfo della rivoluzione era diventato inevitabile. Non c’è nulla di segreto in tutto ciò. E’ tutto legato al petrolio ed ai suoi proventi che dovrebbero restare nelle mani del dittatori e non del popolo. Come già successo in Bahrein, Tunisia ed Egitto, la maggior parte delle armi anti-sommossa e le munizioni usate dalle forze di regime per uccidere e reprimere la gente, provengono da compagnie europee o americane. Due notti fa il figlio del dittatore libico ha minacciato le masse e ieri i suoi sicari e mercenari hanno messo in atto le minacce. La Libia del dittatore Gheddafi è un perfetto esempio di regime totalitario, come la società oppressiva descritta da George Orwell nel suo romanzo “1984”. Ora il “Grande Fratello” ha scatenato una guerra vera e propria contro il suo stesso popolo, o meglio, sta conducendo un massacro sanguinario contro i libici in rivolta. Ed ancora una volta si cerca di usare il fondamentalismo come spauracchio. Non è una lotta tra i fondamentalisti ed il regime – la lotta in corso è tra le masse e la dittatura.

Quella che viene messa in atto non è che una scandalosa manipolazione della realtà, una finzione vergognosa per giustificare non solo la repressione da parte del regime, ma anche i crimini più brutali, mentre nella realtà nulla, assolutamente nulla giustifica i crimini del regime di Gheddafi, l’uso dei carri armati dei jet da combattimento contro masse disarmate, contro donne e bambini.

Noi anarchici e libertari non possiamo sottovalutare la possibilità che qualche potere repressivo –islamista o altro- possa cercare di cavalcare la rivoluzione, ma nemmeno in questo caso noi sceglieremmo un potere repressivo non-religioso invece di uno religioso. Noi optiamo per la vera libertà delle masse, per una società autogestita organizzata liberamente e volontariamente dal basso. Di fronte a qualsiasi evenienza, noi diciamo che l’unica risposta adeguata è l’azione diretta popolare, guidata da masse libere, e non la brutale repressione messa in atto da una dittatura barbara.

Alcune notizie e commenti di un compagno anarchico libico (solo in arabo) sul blog: http://saoudsalem.maktoobblog.com

  • Centinaia di persone uccise il Libia – il macellaio Gheddafi si è nascosto in una sua fortezza.

  • Testimoni oculari parlano di un vero massacro in atto a Bengasi nella Libia orientale, dove dozzine di persone sono state uccise e centinaia ferite. Gli ospedali della città scoppiano di persone ferite. Il 20 febbraio un avvocato ed un attivista hanno dichiarato ad Al Jazeera che il numero delle persone uccide dalle forze di sicurezza a Bendasi potrebbe salire a 200 e circa 800-900 i feriti.

  • Gheddafi bombarda i libici... ed i libici avanzano verso Tripoli.

  • Bengasi, la seconda città della Libia, dove è iniziata la rivolta, è vittima di un vero e proprio genocidio.

  • La famiglia Gheddafi al potere ha perso il controllo dei nervi ed ha definito i manifestanti come teppisti delinquenti.

  • L’eccesso di forza da parte del regime ed i massacri contro i manifestanti pare si stiano dimostrando controproducenti per il regime stesso, dato che molti membri dell’esercito e della polizia si sono rifiutati di sparare sui manifestanti per giungere ad unirsi ad essi – costringendo Gheddafi a reperire mercenari dai più poveri paesi africani.

Mazen Kamalmaz

Anarchico siriano

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali

This page has not been translated into Čeština yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Neste 8 de Março, levantamos mais uma vez a nossa voz e os nossos punhos pela vida das mulheres!
© 2005-2019 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]