user preferences

Urbino: rete di solidarietà per il diritto allo studio dalla scuola di base all'università

category italia / svizzera | scuola e università | comunicato stampa author Sunday December 12, 2010 22:29author by donato romito - FdCA Report this post to the editors

Documento dell'assemblea del 10 dicembre 2010

Il 10 dicembre 2010 all’interno del Nuovo Magistero Occupato (Università ‘Carlo Bo’ di Urbino) si sono tenuti gli Stati Generali della Scuola e dell’Università per il diritto allo studio e per il diritto ad un lavoro ed a un esistenza dignitosa.

fist_pencil.jpg


COMUNICATO STAMPA DELLA RETE DI SOLIDARIETÀ DI STUDENTI, GENITORI E INSEGNANTI IN DIFESA DELLA FORMAZIONE PUBBLICA


Il 10 dicembre 2010 all’interno del Nuovo Magistero Occupato (Università ‘Carlo Bo’ di Urbino) si sono tenuti gli Stati Generali della Scuola e dell’Università per il diritto allo studio e per il diritto ad un lavoro ed a un esistenza dignitosa.

L’Assemblea Permanente di Urbino in occupazione, unitamente ai Comitati Scuola, Genitori, Insegnanti di Pesaro, Fano e Urbino ed al Coordinamento Precari Scuola delle Marche ribadiscono che:
  1. 1) I provvedimenti governativi che dal 2008 stanno colpendo la scuola elementare, la scuola media, la scuola superiore e la formazione universitaria costituiscono una grave violazione al diritto allo studio sancito dalla carta costituzionale agli articoli 3 e 34;

  2. Le leggi finanziarie varate nel triennio 2008-2010 hanno condotto ad un ridimensionamento dei posti e delle ore di insegnamento tale da produrre il licenziamento di massa di migliaia di insegnanti a tempo determinato – condannandoli ad una precarietà infinita – ed un impoverimento dell’offerta formativa complessiva, a fronte, invece, di un incremento di fondi per le scuole paritarie;

  3. Il DDL Gelmini consegna l’università italiana al mercato degli interessi privati e reintroduce un accesso legato al censo tramite la dismissione del diritto allo studio conseguente la sostituzione delle borse di studio con il sistema del prestito d’onore;

  4. I movimenti che cercano di contrastare questo processo di svalorizzazione della formazione pubblica, lungi dall’essere soggetti di destabilizzazione sociale, hanno invece a cuore e rivendicano i valori culturali ed i diritti democratici fondamentali di dignità e libertà dell’insegnamento, dell’apprendimento, della ricerca, del sostegno del reddito per gli studi, della formazione di coscienze critiche e libere, dell’inserimento stabile nel mondo del lavoro, della possibilità di costruirsi un progetto di vita autonomo e sicuro.
Le realtà partecipanti nell’incontro del 10 dicembre ad Urbino:
  • Sottolineano il grande segnale dato dal movimento studentesco universitario italiano ed europeo con le mobilitazioni contro i provvedimenti figli della stessa logica del profitto che ha provocato la crisi economica in atto;

  • Fanno appello alle forze sociali e politiche sinceramente e disinteressatamente impegnate nella difesa della formazione pubblica quale bene comune indisponibile, incedibile, invendibile, immercificabile, ad esprimere la loro solidarietà ai movimenti in lotta;

  • Fanno appello alle istituzioni regionali, provinciali, comunali per la salvaguardia delle scuole e delle università quali presìdi di cultura nel territorio;

  • Si costituiscono in Rete di Solidarietà per le mobilitazioni e le iniziative future a partire dalla conclusione vittoriosa di questa prima fase di lotta ad Urbino.
  • I soggetti partecipanti sostengono oggi in particolare la vertenza riguardante la copertura totale delle borse di studio per tutti gli studenti universitari idonei delle Marche (rivendicazione dell’Assemblea Permanente degli studenti dell’Università di Urbino nei confronti della Giunta Spacca) e si dànno appuntamento a gennaio per un nuovo momento di incontro, riflessione ed organizzazione che dia solidità alla Rete di Solidarietà e che rilanci la mobilitazione del mondo della conoscenza.


    10/12/2010

    Assemblea Permanente di Urbino in occupazione Il Comitato Cittadino per la Difesa dell'Istruzione Pubblica di Urbino
    Il Comitato Genitori e Insegnanti a Difesa della Scuola Pubblica di Pesaro
    Il Comitato Genitori e Insegnanti a Difesa della Scuola Pubblica di Fano Coordinamento Precari Scuola delle Marche

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
E

Italia / Svizzera | Scuola e università | Comunicato stampa | it

Thu 31 Jul, 09:22

browse text browse image

textProfumo marcio di destra nella scuola italiana 19:16 Wed 24 Oct by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

Quanta è forte la tentazione di tornare a brandire bastone e carota in questo paese! Quanti sforzi si stanno facendo per ridurre ad un sottomesso silenzio i milioni di lavoratori del pubblico impiego e del privato, stracciando decenni di diritto del lavoro, di diritti sindacali, di contratti nazionali ed emettendo normative che hanno l'unico scopo di inibire ogni forma di risposta sindacalmente organizzata, di soffocare ogni rivendicazione radicata nelle categorie e nei luoghi di lavoro.

studenti.jpg imageInsieme agli studenti in lotta per un'università di tutti 16:02 Mon 29 Nov by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

La situazione universitaria in Italia presenta profili di atipicità rispetto ad altri comparti del settore pubblico che sono in grave sofferenza a causa della crisi e delle scelte di questo governo. Sono anni che l'Università vive una emorragia di risorse e di personale, un decennio di riforme ha depotenziato il sistema universitario a favore di logiche liberiste e di precarizzazione del lavoro dei ricercatori e docenti, a discapito della didattica e della ricerca. [English] [Türkçe] [Deutsch]

textSuccesso della manifestazione a Pesaro contro i tagli 00:21 Sat 09 Oct by UNICOBAS scuola (PU) 0 comments

Anche a Pesaro come in altre 90 città italiane oggi si è svolta una manifestazione studentesca contro i tagli alla scuola pubblica.

textPer una scuola pubblica di libertà e laicità, senza steccati religiosi 15:39 Wed 28 Oct by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Insospettabili politici di destra hanno lanciato l'idea dell'introduzione dell'ora di religione musulmana all'interno delle scuole pubbliche, facendo sorgere un dibattito fondato sul nulla, tanti e complessi sono i passaggi necessari per giungere ad una situazione come quella di cui gode attualmente l'ora di religione cattolica. Ma se tanti e complessi sono tali passaggi, qual è allora lo scopo recondito di questa operazione di apparente "liberalizzazione" dell'ora di religione?

libro3elem.jpg imagePrimo giorno di una scuola… che chiude 16:07 Fri 12 Sep by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Il DL. 137 dell'1 settembre 2008, emanato dal consiglio dei ministri del governo Berlusconi e fortemente voluto dalla ministra Gelmini potrebbe molto seriamente mettere fine alla scuola della repubblica, per sostituirla con un mero servizio di accudimento e badantato per bambini/e e con una fucina per (de)formare adolescenti resi ignoranti e flessibili al mercato del lavoro, i cui costi sono da scaricare al più presto sulle spalle delle Regioni. [English]

textLa scuola: un diritto e una lotta di tutti Nov 06 by FdCA Sez. Nestor Makhno di Fano/Pesaro 0 comments

L'attacco vergognoso fatto dal governo Berlusconi e dal sistema liberista in genere all'istruzione pubblica con tagli dalla scuola materna fino all'università è un attacco che non tocca solo insegnanti e studenti ma tutta la società.

textProfumo marcio di destra nella scuola italiana Oct 24 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Quanta è forte la tentazione di tornare a brandire bastone e carota in questo paese! Quanti sforzi si stanno facendo per ridurre ad un sottomesso silenzio i milioni di lavoratori del pubblico impiego e del privato, stracciando decenni di diritto del lavoro, di diritti sindacali, di contratti nazionali ed emettendo normative che hanno l'unico scopo di inibire ogni forma di risposta sindacalmente organizzata, di soffocare ogni rivendicazione radicata nelle categorie e nei luoghi di lavoro.

imageInsieme agli studenti in lotta per un'università di tutti Nov 29 FdCA 0 comments

La situazione universitaria in Italia presenta profili di atipicità rispetto ad altri comparti del settore pubblico che sono in grave sofferenza a causa della crisi e delle scelte di questo governo. Sono anni che l'Università vive una emorragia di risorse e di personale, un decennio di riforme ha depotenziato il sistema universitario a favore di logiche liberiste e di precarizzazione del lavoro dei ricercatori e docenti, a discapito della didattica e della ricerca. [English] [Türkçe] [Deutsch]

textSuccesso della manifestazione a Pesaro contro i tagli Oct 09 Federazione Provinciale di Pesaro e Urbino 0 comments

Anche a Pesaro come in altre 90 città italiane oggi si è svolta una manifestazione studentesca contro i tagli alla scuola pubblica.

textPer una scuola pubblica di libertà e laicità, senza steccati religiosi Oct 28 FdCA 0 comments

Insospettabili politici di destra hanno lanciato l'idea dell'introduzione dell'ora di religione musulmana all'interno delle scuole pubbliche, facendo sorgere un dibattito fondato sul nulla, tanti e complessi sono i passaggi necessari per giungere ad una situazione come quella di cui gode attualmente l'ora di religione cattolica. Ma se tanti e complessi sono tali passaggi, qual è allora lo scopo recondito di questa operazione di apparente "liberalizzazione" dell'ora di religione?

imagePrimo giorno di una scuola… che chiude Sep 12 FdCA 0 comments

Il DL. 137 dell'1 settembre 2008, emanato dal consiglio dei ministri del governo Berlusconi e fortemente voluto dalla ministra Gelmini potrebbe molto seriamente mettere fine alla scuola della repubblica, per sostituirla con un mero servizio di accudimento e badantato per bambini/e e con una fucina per (de)formare adolescenti resi ignoranti e flessibili al mercato del lavoro, i cui costi sono da scaricare al più presto sulle spalle delle Regioni. [English]

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]