user preferences

New Events

Italia / Svizzera

no event posted in the last week

Costruire unitÓ e solidarietÓ per l'alternativa libertaria

category italia / svizzera | movimento anarchico | editoriale author lunes noviembre 08, 2010 20:36author by 8░ Congresso FdCA - Federazione dei Comunisti Anarchiciauthor email fdca at fdca dot it Report this post to the editors

Documento finale approvato dal VIII Congresso Nazionale della FdCA

featured image

Domenica 31 ottobre e lunedý 1 novembre 2010, la FdCA ha tenuto a Fano il suo 8░ Congresso Nazionale. Dopo un anno di preparazione e di dibattito, la massima istanza decisionale dell'organizzazione si Ŕ riunita per affrontare questioni di strategia politica e di tattica generale su temi quali l'energia e l'ambiente; i movimenti e le lotte sul territorio; le lotte sindacali; la situazione economica internazionale ed italiana.

"Il ruolo dei Comunisti Anarchici Ŕ, ogni giorno, ovunque siamo presenti, continuare a diffondere pratiche politiche e relazionali libertarie, autogestionali e antigerarchiche come metodo, costruire gradualmente idee ed obiettivi alternativi al capitalismo ed agli Stati, come nostra piattaforma, costruire solidarietÓ e progettualitÓ condivisa anche a livello internazionale."

[English] [Ελληνικά] [Castellano] [Nederlands]


8░ Congresso Nazionale della Federazione dei Comunisti Anarchici

Fano, 31 ottobre/1 novembre 2010

Costruire unitÓ e solidarietÓ per l'alternativa libertaria


Il mito neoliberista di uno sviluppo inarrestabile legato alla diffusione del mercato si Ŕ dissipato, lasciando postumi dolorosi di contrazione dei mercati, solo apparentemente risolvibili con l'acutizzarsi della concorrenza e con il dumping sociale internazionale.

Cosý il capitalismo, mentre ridisegna la sua geografia, trova una apparente unitÓ nello scaricare - proprio grazie alla globalizzazione - la sua crisi finanziaria sulle economie reali di interi continenti e dei singoli Stati.

PerchÚ il capitalismo approfitta da sempre delle crisi per rigenerarsi, e ristrutturare a suo vantaggio i rapporti di forza delle classi.

In particolare in tutto l'occidente alla classe lavoratrice viene imposto di pagare il costo di una crisi che non ha creato, di accettare un arretramento delle condizioni di vita e di lavoro, un periodo di transizione di instabilitÓ economica e sociale che modifica in profonditÓ le condizioni di vita, in nome della concorrenzalitÓ con aree geografiche a forte crescita e pi¨ bassi costi sociali.

L'attacco Ŕ all'intera struttura sociale, ai diritti ed alle certezze acquisite dai lavoratori con decenni di lotte in periodi di espansione, un attacco alla presenza stessa di un movimento operaio organizzato.

Con il doppio obiettivo di abbassare i costi, drenando ingenti risorse dal salario diretto, indiretto e differito necessarie all'auto-finanziamento della crisi, e di ricondurre la classe lavoratrice ad uno stato di ulteriore subordinazione agli interessi aziendali e quindi del mercato.

I lavoratori e le lavoratrici vengono messi in concorrenza spietata fra loro per il mantenimento di posti di lavoro sempre pi¨ fragili e meno remunerativi, mentre si cerca di disarticolare ogni risposta collettiva con l'abbattimento della agibilitÓ sindacale e l'espulsione dal tavolo della concertazione di ogni sindacato non collaborativo.

A questo si accompagnano processi di riduzione di spazio di democrazia sostanziali in tutti i paesi europei, favoriti anche dallo svuotamento del ruolo politico di indirizzo degli Stati, meri applicatori delle direttive economiche sopranazionali che consistono in politiche di riduzione della spesa pubblica, essenzialmente dei servizi, a favore di politiche finanziarie e privatistiche di bilancio e di gestione del territorio e delle risorse.

Anche qui si cerca di convincere i lavoratori che agire sulla riduzione dei costi dei servizi pubblici e sulla contrazione della platea di coloro che ne hanno accesso significhi un risparmio individuale invece che un impoverimento collettivo, con la riduzione del salario indiretto e l'aumento del prelievo fiscale. Con il conseguente ridursi degli spazi di partecipazione politica, ridotta a culto di personalitÓ o ricerca di posti di potere.

Sul piano sociale l'impoverimento cosý generato autoalimenta l'insicurezza, che acuisce i processi di divisione e spinge a cercare risposte individuali per la sopravvivenza e porta al degradarsi del territorio e delle relazioni sociali, con l'esclusione di ogni soggetto che non rientra nella logica della produzione e del consumo.

Ma l'unitÓ e la solidarietÓ che scompaiono dai luoghi di lavoro, dai ranghi del sindacato, dalle lotte nel territorio, dalle manifestazioni e dagli scioperi, possono essere recuperate, riattivate e re-immesse in circolo solo con un lavoro capillare in ogni situazione che richieda la presenza, l'intelligenza politica, la capacitÓ di unire e non dividere, di sviluppare solidarietÓ e non competizione, da parte degli attivisti rivoluzionari.

In questo contesto il ruolo dei Comunisti Anarchici Ŕ, ogni giorno, ovunque siamo presenti, continuare a diffondere pratiche politiche e relazionali libertarie, autogestionali e antigerarchiche come metodo, costruire gradualmente idee ed obiettivi alternativi al capitalismo ed agli Stati, come nostra piattaforma, costruire solidarietÓ e progettualitÓ condivisa anche a livello internazionale.

Sostenere quelle parti di sindacato e quelle lotte sociali ancora in grado di sviluppare conflittualitÓ e richiedere redistribuzione delle ricchezze invece di socializzazione delle perdite significa costruire, qui e ora, un'alternativa di classe.

Appoggiare le lotte di difesa dei diritti acquisiti ed il loro allargamento ai soggetti esclusi, allargare i diritti di cittadinanza, combattere le forme di criminalizzazione della povertÓ che sono alla base del razzismo sempre pi¨ diffuso, difendere i beni comuni con la rivendicazione di obiettivi unitari sempre pi¨ avanzati significa costruire qui e ora un'alternativa alla desertificazione e alla mercificazione del territorio.

Costruire reti e coordinamenti capaci di federare quelle organizzazioni ed associazioni che si battono per una medesima prospettiva o che si schierano contro uno stesso pericolo, (sia esso tanto il neofascismo, il razzismo, il patriarcato, l'omofobia quanto l'inquinamento, le privatizzazioni, le guerre dell'imperialismo...), soggetti collettivi capaci di sviluppare obiettivi politici, culturali, economici condivisi per far crescere le lotte sul territorio che ridisegnino una societÓ pi¨ partecipativa e quindi pi¨ giusta, senza ricadere in meccanismi di delega, significa costruire l'alternativa libertaria.

Federazione dei Comunisti Anarchici

Fano 1 novembre 2010

Documento finale approvato dal VIII Congresso Nazionale della FdCA

Related Link: http://www.fdca.it

This page has not been translated into Castellano yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Rojava: Mensaje urgente de un compa˝ero anarquista en Afrin

Front page

[Colombia] Perspectivas sobre la primera vuelta de las elecciones presidenciales de Colombia 2018

Call for Solidarity with our Russian Comrades!

8 reasons anarchists are voting Yes to Repeal the hated 8th

Comunicado de CGT sobre la Nakba, 70 a˝os de dolores para el Pueblo Palestino

[ZAD] Les expulsions ont commencÚ, la zad appelle Ó se mobiliser

Assassinato PolÝtico, Terrorismo de Estado: Marielle Franco, Presente!

La Huelga General del 8 de Marzo, un hito histˇrico

A intervenšŃo federal no Rio de Janeiro e o xadrez da classe dominante

Halklarla Savaşan Devletler Kaybedecek

Σχετικά με τον εμπρησμό

Ciao, Donato!

[Uruguay] Ante el homicidio de un militante sindical: Marcelo Silvera

[Argentina] Terrorista es el Estado: Comunicado ante el Informe Titulado "RAM"

[Catalunya] Continuisme o ruptura. Sobre les eleccions del 21D

Reconnaissance par Trump de JÚrusalem comme capitale d'IsraŰl : de l'huile sur le feu qui brűle la Palestine

Noi comunisti anarchici/libertari nella lotta di classe, nell'Europa del capitale

Luttons contre le harcŔlement et toutes les violences patriarcales !

The Old Man and the Coup

Hands off the anarchist movementá! Solidarity with the FAG and the anarchists in Brazilá!

URGENTE! Contra A CriminalizašŃo, Rodear De Solidariedade Aos Que Lutam!

íSantiago Maldonado Vive!

Catalunya como oportunidad (para el resto del estado)

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 Dĺoctubre Totes I Tots A La Vaga General

ę 2005-2018 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]