user preferences

Morale in pillola

category italia / svizzera | genero | comunicato stampa author Tuesday April 13, 2010 14:43author by Federazione dei Comunisti Anarchici - FdCAauthor email fdca at fdca dot it Report this post to the editors

Comunicato FdCA sulla pillola abortiva RU486 e la libertà delle donne

Già da tempo però molte Regioni finanziano con bandi pubblici i consultori privati cattolici antiabortisti in aperta violazione della legge 194. Ora, con la crociata contro la RU486 gli antiabortisti arrivano a sostenere l'evidente assurdità che l'aborto chirurgico, abortire quando c'è l'embrione, è meglio che... abortire quando ancora l'embrione non c'è. [English] [Ελληνικά]

mife_1.jpg


Morale in pillola


Elezioni Regionali archiviate, le coalizioni politiche continuano a cercare consensi in Vaticano, offrendo una sponda alla tragica situazione che la Chiesa Cattolica sta attraversando a causa degli scandali dei preti pedofili. E considerata la politica di criminalizzazione degli stranieri o comunque, in casi meno estremi, la riduzione delle politiche dell'accoglienza agli immigrati - da sempre un business cattolico - l'unico asso nella manica ormai logora per strizzare l'occhio al Papa è quello di prendersela con la libertà delle donne.

Per questo, mentre al Nord i leghisti hanno affermato di voler bloccare l'utilizzo ospedaliero della pillola abortiva RU486, nelle altre Regioni, dove il PD governa o governerà con l'UdC, l'imbarazzo regna sovrano.

Eppure la storia della 194, che molti volutamente ignorano, ha dimostrato da tempo che il modo migliore per prevenire l'aborto è la diffusione capillare di cultura della contraccezione, non la persuasione a tenere un figlio non voluto, la minaccia o le promesse di soldi. Già da tempo però molte Regioni finanziano con bandi pubblici i consultori privati cattolici antiabortisti in aperta violazione della legge 194.

Ora, con la crociata contro la RU486 gli antiabortisti arrivano a sostenere l'evidente assurdità che l'aborto chirurgico, abortire quando c'è l'embrione, è meglio che... abortire quando ancora l'embrione non c'è.

Come ormai sanno tutti, infatti, la pillola RU 486 consente l'aborto entro le prime 7 settimane di gestazione, quindi ai primi stadi di divisione cellulare dell'ovocita fecondato.

E stiamo parlando di un farmaco validato, approvato dall'Agenzia Italiana del Farmaco, attualmente in commercio e che le Regioni devono solo acquistare per poter distribuire alle farmacie degli ospedali.

Considerato che l'aborto farmaceutico è meno invasivo di quello chirurgico e la spesa pubblica è minore se non devono intervenire molti operatori e una ospedalizzazione forzata, senza necessità di anestesia e senza rischi di infezioni o postumi da operazione, il manifesto obiettivo di questi tristi figuri è solo quello di poter continuare a rendere più doloroso, umiliante e pericoloso, e comunque sotto controllo all'interno di un iter chirurgico, l'atto in sé dell'aborto, piuttosto che lasciare spazio alla responsabilità di libera scelta delle donne, alleggerendo almeno in parte la pressione sui sempre meno operatori sanitari che resistono alle pressioni che li vorrebbero tutti obiettori.

La Federazione dei Comunisti Anarchici considera fondamento di una società solidale e felice l'autodeterminazione di tutte le donne, pertanto appoggia ogni scelta libera e responsabile, al di la di ogni moralismo bigotto, e sostiene la diffusione e l'utilizzo della RU 486, contro l'ingerenza fondamentalista e l'ipocrisia di chi tenta di usare, come sempre, la libertà delle donne e degli uomini come merce di scambio tra potere politico e potere religioso.

Federazione dei Comunisti Anarchici

13 aprile 2010

Related Link: http://www.fdca.it

This page has not been translated into Kreyòl ayisyen yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Italia / Svizzera | Genero | Comunicato stampa | it

Sat 22 Nov, 20:06

browse text browse image

textIn tempo di crisi la violenza contro le donne è prima di tutto economica 00:17 Sat 26 Nov by Commissione di genere FdCA 0 comments

Alla violenza dei singoli, del sistema economico, dello Stato si può e si deve reagire con la solidarietà, con la partecipazione attiva, con il rilancio dell'attività e dell'impegno femminista e il contrasto alle scelte di governo economico, con la valorizzazione reciproca delle competenze e con una sana, reale e costruttiva esplosione di rabbia collettiva e individuale, per riprenderci questa metà del cielo (e della terra) e il diritto per tutte a una vita degna, libera e consapevole.

textLa notte nera di Fano 14:13 Tue 28 Jun by femminismi 1 comments

Quando accade una violenza così grave come lo stupro di una minorenne compiuto da altri minorenni, durante una manifestazione culturale fortemente voluta e sponsorizzata da una amministrazione comunale, e pensata proprio per i giovani, le parole sembrano sfuggire e il senso di: sconfitta, disgusto, depressione, ci invade.

textIl meglio è nemico del bene. E il peggio? 16:15 Sun 09 Aug by Commissione di Etiche e Politiche di Genere FdCA 0 comments

Estate calda. Cosa di meglio di un bel tormentone clericale, per distrarre gli animi da problemi più seri e infiammare le coscienze? Dopo anni di ingerenze clericali, tra gli ultimi paesi in Europa, l'AIFA finalmente ha dato il via libera in Italia alla RU 486 (l'OMS lo ha fatto nel 2003). [English]

textCome tu mi vuoi? 19:10 Mon 26 Nov by FdCA Palermo / FAS 0 comments

La battaglia contro la violenza sulle donne e, più in generale, per un miglioramento della condizione femminile non può essere lasciata allo sforzo delle sole donne. È necessario che tutti, al di là di ogni differenza di genere, si impegnino in un fronte comune per distruggere l'autoritarismo, l'intrinseca violenza della cultura patriarcale e le differenze di classe.

textRoma, 24 novembre: Manifestazione nazionale contro la violenza sulle donne 19:14 Thu 22 Nov by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

La violenza contro le donne non può essere sconfitta da nuove leggi, sempre più inefficaci, né da ronde notturne né da più pattuglie per le strade. Può essere sconfitta solo dalla libertà, da una sempre maggiore autonomia personale, che passa per le battaglie per il reddito, per la parità salariale e per i servizi sociali, dalla solidarietà tra donne e dal percorso di crescita, individuale e collettivo, di donne e uomini capaci di andare oltre i modelli culturali imposti dalla sacra triade chiesa (che propone) mercato (che dispone), stato (che impone). [ English ]

textLe colpe delle donne 15:51 Mon 18 Sep by Commissione di etiche e politiche di genere FdCA 1 comments

Ormai da troppo tempo l'Italia è il teatro osceno di una serie ripetuta di fatti di violenza, dallo stupro all'omicidio ai danni delle donne. Quasi non ci si fa più caso al marito che ha ammazzato di botte la moglie e soprattutto la ex-moglie, o la mette nel cassetto dell'immondizia mezza morta, oppure trucida direttamente tutta la famiglia per fare tabula rasa.

text8 marzo - autodeterminiamo la libertà 16:55 Mon 06 Mar by FdCA Commissione di genere 1 comments

Si sta mettendo a punto un attacco chiaro e determinato alla libertà e all'autodeterminazione delle donne che vivono in questo paese, un attacco mirato su più fronti ma volto ad un unico obiettivo quello di togliere spazio e voce pubblica alle donne.

textLibertà senza se e senza ma... 18:22 Fri 13 Jan by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Dobbiamo riprenderci spazi di libertà e di condivisione, spazi di dibattito per elaborare le nostre strategie per avere tutta la libertà che ci spetta. Dobbiamo lavorare per la cancellazione di leggi liberticide come la Legge 40. Dobbiamo lavorare per mettere in discussione la sorveglianza sanitaria come espressione del potere dello STATO sulla salute dei cittadini che in particolare si esplica in maniera discriminatoria sulla salute riproduttiva delle donne con una mancanza di stanziamenti alla Sanità pubblica e con un difficile accesso a farmaci contraccettivi, come la pillola del giorno dopo, e al farmaco per l’interruzione di gravidanza RU 486.

textLa botte piena e la moglie ubriaca: la lunga campagna elettorale dei vescovi 22:16 Mon 21 Nov by Commissione genere - FdCA 0 comments

Di fronte al solito balletto di politici e di preti, occorre capire che sul corpo delle donne e sulla procreazione passa non solo il volere dei maschi patriarchi, che siano preti o politici o medici o mariti, ma passano milioni di euro, fiumi di soldi che l’amministrazione pubblica getta nelle tasche dei preti che ne fanno una gestione privatistica e confessionale.

textIl cuore non batte a destra, signor ministro 16:00 Tue 15 Nov by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Dopo aver ascoltato le dichiarazioni rilasciate lunedì 14 ad Ancona durante la sua visita dal ministro Storace, ci chiediamo quale senso della logica lo porti a definire l'uso della pillola abortiva RU486 con quella che lui definisce "incentivazione dell'aborto"...

more >>

textInclusione, conciliazione e condivisione. Il pasticcio al femminile di Fornero Mar 27 by Diversamente Occupate 0 comments

Circola in queste ore la relazione di Fornero sulla riforma del mercato del lavoro. E’ solo una relazione, non il testo di legge, ma già smaschera il trucco di quella che doveva essere la rivoluzione che parlava ai giovani e alle donne. A loro, le donne, Fornero dedica un intero paragrafo: Interventi per una maggiore inclusione delle donne nella vita economica. Ergo, la vita economica di questo paese passa per il lavoro, e le donne, ancora una volta, vanno “tutelate”, “incluse”. Vediamo come, secondo Fornero & co.

textIn tempo di crisi la violenza contro le donne è prima di tutto economica Nov 26 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Alla violenza dei singoli, del sistema economico, dello Stato si può e si deve reagire con la solidarietà, con la partecipazione attiva, con il rilancio dell'attività e dell'impegno femminista e il contrasto alle scelte di governo economico, con la valorizzazione reciproca delle competenze e con una sana, reale e costruttiva esplosione di rabbia collettiva e individuale, per riprenderci questa metà del cielo (e della terra) e il diritto per tutte a una vita degna, libera e consapevole.

textLa notte nera di Fano Jun 28 1 comments

Quando accade una violenza così grave come lo stupro di una minorenne compiuto da altri minorenni, durante una manifestazione culturale fortemente voluta e sponsorizzata da una amministrazione comunale, e pensata proprio per i giovani, le parole sembrano sfuggire e il senso di: sconfitta, disgusto, depressione, ci invade.

textIl meglio è nemico del bene. E il peggio? Aug 09 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Estate calda. Cosa di meglio di un bel tormentone clericale, per distrarre gli animi da problemi più seri e infiammare le coscienze? Dopo anni di ingerenze clericali, tra gli ultimi paesi in Europa, l'AIFA finalmente ha dato il via libera in Italia alla RU 486 (l'OMS lo ha fatto nel 2003). [English]

textCome tu mi vuoi? Nov 26 0 comments

La battaglia contro la violenza sulle donne e, più in generale, per un miglioramento della condizione femminile non può essere lasciata allo sforzo delle sole donne. È necessario che tutti, al di là di ogni differenza di genere, si impegnino in un fronte comune per distruggere l'autoritarismo, l'intrinseca violenza della cultura patriarcale e le differenze di classe.

textRoma, 24 novembre: Manifestazione nazionale contro la violenza sulle donne Nov 22 FdCA 0 comments

La violenza contro le donne non può essere sconfitta da nuove leggi, sempre più inefficaci, né da ronde notturne né da più pattuglie per le strade. Può essere sconfitta solo dalla libertà, da una sempre maggiore autonomia personale, che passa per le battaglie per il reddito, per la parità salariale e per i servizi sociali, dalla solidarietà tra donne e dal percorso di crescita, individuale e collettivo, di donne e uomini capaci di andare oltre i modelli culturali imposti dalla sacra triade chiesa (che propone) mercato (che dispone), stato (che impone). [ English ]

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]