user preferences

Italia / Svizzera - Evento comunista anarchico
Saturday March 13 2010
11:00 PM

Roma: L'acqua non è una merce!

category italia / svizzera | ambiente | evento comunista anarchico author Friday March 05, 2010 19:49author by FdCA Sezione Luigi Fabbri - Roma - Federazione dei Comunisti Anarchiciauthor email fdcaroma at fdca dot it Report this post to the editors

Incontro-dibattito - sabato 13 Marzo 2010

Incontro-dibattito contro la privatizzazione dell'acqua a Roma, alle ore 18 presso lo Spazio Sociale 100celleAPERTE, Via delle Resede 5, Roma. Intervegono Marco Bersani (Forum Italiano dei Movimenti per l'acqua), Vincenzo Miliucci (Conf. Cobas) e il Coordinamento Romano Acqua Aniene. La Sezione di Roma dell'FdCA sarà presente.

roma130310.jpg


L'acqua non è una merce!

Incontro-dibattito

Sabato 13 Marzo 2010 alle ore 18
presso lo Spazio Sociale 100celleAPERTE
Via delle Resede 5, Roma

Intervegono:

  • Marco Bersani, Forum Italiano dei Movimenti per l'acqua
  • Vincenzo Miliucci - Confederazione Cobas
  • Coordinamento Romano Acqua Aniene
A seguire cena sociale
Reggae e ska con DJ Benny

NO alla privatizzazione dell'acqua!

Organizzano:

Spazio Sociale 100celleAPERTE
www.100celleaperte.org

Laboratorio Sociale la Talpa
www.talpalab.com

L'acqua non è una merce!


Il Comune di Roma, in linea col Decreto Ronchi, approvato dal Governo alla fine dell'anno scorso, si appresta a privatizzare la gestione dell'acqua attraverso la vendita ad imprese private di gran parte del 51% dell'ACEA, quota aziendale di sua attuale proprietà.

L'acqua, bene pubblico primario, elemento basilare per la vita, diviene così una merce qualsiasi; e come ogni merce sarà soggetta alle leggi del mercato capitalista e, cosa più importante, sarà soggetta alle speculazioni economiche tipiche di questo mercato.

Una gestione privata degli acquedotti, ed in generale della rete di distribuzione dell'acqua, comporterà a Roma un inevitabile aumento delle bollette che correrà di pari passo ad un aumento del disservizio.

Perché? È ovvio: il privato per offrire un servizio al pubblico deve tirare fuori degli utili superiori alle spese per mantenere in piedi il funzionamento del servizio stesso, altrimenti non avrebbe nessun interesse a sostituirsi all'ente pubblico. La legge del mercato è sempre la stessa: cercare di ottenere il massimo profitto con il minimo della spesa.

Nei comuni dove da tempo è stata privatizzata l'acqua, tutto ciò, aumento delle bollette e aumento dei disservizi, è già avvenuto e molti sono i comitati di cittadini sorti spontaneamente per spingere i comuni a ritornare alla gestione pubblica. Ad esempio ad Agrigento la distribuzione idrica potabile è gestita dalla società privata GIRGENTI ACQUE SPA; l'acqua arriva per poche ore ogni settimana e le bollette sono tra le più costose d'Italia.

Ad Arezzo è la multinazionale francese Suez a gestire privatamente il servizio e l'acqua costa mediamente al singolo utente 400 euro l'anno, a fronte di investimenti dell'azienda che sono sotto la media nazionale (appunto massimo profitto con minima spesa!).

Ad Aprilia il Consiglio di Stato ha dato ragione al comitato dei cittadini e al movimento dei sindaci che si battono per riprendersi la gestione dell'acqua.

Parigi e altre 30 città francesi hanno appena deciso di ritornare alla gestione pubblica dell'acqua, dopo 25 anni di disastri fatti dai privati.

A Roma, dove la gestione è ancora pubblica, se pur con un risicato 51%, il Sindaco la sta vendendo ai privati. Impediamo questo scempio e spingiamo anzi per il completo controllo pubblico della gestione delle risorse idriche romane!

Non dimentichiamo inoltre che la piovra dell'affarismo privato da decenni sfrutta le nostre falde acquifere attraverso il meccanismo delle concessioni, con cui lo Stato permette ai privati di commercializzare le acque minerali, ricevendone dei proventi ridicoli rispetto alla mole degli affari. Beviamo l'acqua del rubinetto! Perché oltretutto non dobbiamo dimenticare l'enorme spreco e impatto ambientale dovuto all'utilizzo, al trasporto e allo smaltimento annuo di un milione e mezzo di tonnellate di plastica sottoforma di bottiglie. Tutto questo quando, in termini di valori nutrizionali, l'acqua in bottiglia non è meglio di quella del rubinetto, e anzi spesso il sovra sfruttamento delle falde acquifere provoca dei problemi alla qualità e alla sicurezza sanitaria delle acque minerali stesse.

* * * * *


Related Link: http://fdcaroma.blogspot.com/
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Issue #3 of the Newsletter of the Tokologo African Anarchist Collective

Front page

Elementos da Conjuntura Eleitoral 2014

The experiment of West Kurdistan (Syrian Kurdistan) has proved that people can make changes

[Chile] EL FTEM promueve una serie de “jornadas de debate sindical”

Ukraine: Interview with a Donetsk anarchist

The present confrontation between the Zionist settler colonialist project in Palestine and the indigenous working people

Prisões e mais criminalização marcam o final da Copa do Mundo no Brasil

An Anarchist Response to a Trotskyist Attack: Review of “An Introduction to Marxism and Anarchism” by Alan Woods (2011)

هەڵوێستی سەربەخۆی جەماوەر لە نێوان داعش و &

Contra a Copa e a Repressão: Somente a Luta e Organização!

Nota Pública de soldariedade e denúncia

Üzüntümüz Öfkemizin Tohumudur

Uruguay, ante la represión y el abuso policial

To vote or not to vote: Should it be a question?

Mayday: Building A New Workers Movement

Anarchist and international solidarity against Russian State repression

Argentina: Atentado y Amenazas contra militantes sociales de la FOB en Rosario, Santa Fe

Réponses anarchistes à la crise écologique

50 оттенков коричневого

A verdadeira face da violência!

The Battle for Burgos

Face à l’antisémitisme, pour l’autodéfense

Reflexiones en torno a los libertarios en Chile y la participación electoral

Mandela, the ANC and the 1994 Breakthrough: Anarchist / syndicalist reflections

Melissa Sepúlveda "Uno de los desafíos más importantes es mostrarnos como una alternativa real"

Italia / Svizzera | Ambiente | it

Wed 17 Sep, 21:34

browse text browse image

textLa prode Lanzillotta e i paladini delle privatizzazioni 16:59 Wed 25 Dec by FdCA Sez. Luigi Fabbri di Roma 0 comments

In barba a tutti i referendum anti-privatizzazioni, nella commissione bilancio del Senato è stato votato un emendamento presentato dalla senatrice di Scelta Civica, Lanzillotta, riguardante il decreto “Salva-Roma”.
Questa modifica vincola le risorse per finanziare il bilancio di Roma alla privatizzazione, tranne che dell'ACEA, delle altre aziende pubbliche e alla possibilità di licenziamento per quelle in perdita.

ilva.jpg imageRete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori 05:15 Mon 28 Jan by Lia Didero 0 comments

Una cinquantina di attivisti hanno partecipato all'assemblea delle Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori ospitata nei locali dell'Unicobas di Roma, Si è trattato di un'assemblea in parte di formazione- grazie agli interventi di Gatti sulle nanopatologie, ovvero sulle patologie da particelle ultrasottili, e Aucone, sul rischio sismico, ma in cui la parte centrale, ovviamente, è stato però l'incontro con i tre delegati operai di Taranto, da anni , forse decenni, attivi sul fronte ILVA.

taranto.jpg imageTaranto libera! 15:34 Fri 28 Dec by Tulipanonero 0 comments

Il 15 Dicembre le strade di Taranto sono state protagoniste del Corteo “Taranto Libera” organizzato dal comitato15dicembre che raccoglie cittadini di Taranto e non, uniti per l’occasione.

senza_padroni.jpg imageLavorare senza padroni 19:56 Fri 30 Nov by FdCA - Fano/Pesaro 1 comments

La cooperazione nel XXI secolo

nomuos.jpg imageContro il MUOS, per una Sicilia terra di pace 17:04 Fri 05 Oct by Comitato No MUOS di Palermo 2 comments

Gli effetti del MUOS saranno quelli gravissimi di porre la "portaerei" Sicilia come base (e quindi obiettivo) di un eventuale conflitto nucleare e di aumentare l'inquinamento elettromagnetico nel raggio di decine di chilometri, con un seguito inevitabile di malformazioni infantili e tumori per gli abitanti della Sicilia sud-orientale. Inoltre, la realizzazione del MUOS distruggerà l'economia del territorio (agricoltura, allevamenti, turismo, ecc.) e limiterà drasticamente la mobilità dei siciliani pregiudicando l'attività degli scali aerei (Comiso, Fontanarossa, Punta Raisi, Trapani-Birgi) già ampiamente danneggiati dalle servitù militari.

re.jpg imageSolidarietà ai No Tav italiani 20:26 Thu 05 Apr by Rete Europea dei sindacati alternativi e di base 0 comments

Documento proposto da USI - Unione Sindacale Italiana ed approvato al Congresso della Rete europea del sindacalismo alternativo e di base

tav.jpg imageNo TAV! e beni collettivi 23:28 Sat 02 Jul by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Sappiamo tutti che l'opera va iniziata per arricchire la solita casta industriale italiana, col beneplacito e l'appoggio, ovviamente interessato, dell'apparato legislativo ed esecutivo dello Stato e con la scontata violenza delle forze di repressione, naturali diramazioni dell'oligarchia dei poteri economico e politico.

ref0611.jpg imageUna boccata d'ossigeno popolare 15:54 Wed 15 Jun by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

Non abbiamo smesso di lottare prima e durante la campagna referendaria. A maggior ragione non smetteremo ora. A modo nostro, da comunisti anarchici, dal basso, costruendo rapporti di forza alla base, sedimentando coscienza di ciò che ci appartiene e di ciò che vogliamo come lavoratori e come classi popolari. [English]

textE' nato l'Ecolab: laboratorio di analisi ambientali 22:36 Fri 29 Apr by Ecolab 0 comments

L'Ecolab nasce dalle necessità di alcuni coltivatori del Connettivo terra/Terra, associazione che trova in questo centro sociale una delle sedi di contatto e scambio con le realtà cittadine. Necessità che hanno fatto incontrare persone già operanti sul territorio in qualità di tecnici e interessate alle tematiche ecologiche.

acqua.jpg imagePer la difesa del bene comune acqua 16:44 Thu 02 Dec by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

La Federazione dei Comunisti Anarchici appoggia tutte le iniziative in favore della difesa dell'acqua pubblica, così come i suoi militanti hanno partecipato alla campagna referendaria promossa dal "Forum Acqua Bene Comune" che ha raccolto l'adesione di 1.400.000 firme, grazie all'impegno nato dal basso di migliaia di cittadini e cittadine comuni. [English] [Ελληνικά]

more >>

textRischio sismico nelle strutture lavorative e nei territori Jan 28 by Francesco Aucone 0 comments

Testo dell'intervento fatto durante l'Assemblea della Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori tenutasi a Roma il 25 gennaio 2013.

textPaternalismo sismico Nov 16 by GdL Energia e Ambiente FdCA 0 comments

La sentenza relativa al terremoto de L'Aquila del 2009, che ha condannato in primo grado la Commissione Grandi Rischi, ha fatto molto scalpore specialmente nella comunità scientifica nazionale e internazionale. Non siamo, per indole, dalla parte dei magistrati ma riteniamo tuttavia importante fare chiarezza su come tale vicenda sia vissuta a livello mediatico.

textIl ruolo delle attività di perforazione ed estrazione di idrocarburi nella sequenza sismica emiliana Jun 07 by Zat 0 comments

Una delle ipotesi che si è fatta strada sull'origine dei terremoti che stanno interessando l'Emilia Romagna in questo ultimo periodo, attribuirebbe alle attività legate all'estrazione degli idrocarburi, la responsabilità di aver provocato le varie scosse simiche, alcune delle quali, ricordiamolo, hanno avuto una Magnitudo locale superiore a 5. Non che voglia difendere i famelici vampiri delle multinazionali energetiche, ma quando si trattano certi fenomeni bisognerebbe avere un'idea delle grandezze che entrano in gioco.

textSciacalli sismici May 30 by Zat 0 comments

In questo bel paese abbiamo assistito al fatto che anche edifici costruiti in periodi dove le normative antisismiche esistevano (e questo è il caso dei capannoni industriali emiliani), hanno subito danni fino al collasso strutturale, con tutte le conseguenze del caso. E questo perché le norme tecniche vengono spesso ignorate a favore di un plus-guadagno palazzinaro con le complicità di tecnici e amministratori compiacenti e com-guadagnanti, un intero blocco sociale pubblico-privato dedito al guadagno a discapito della sicurezza del costruito e delle vite da esso custodite.

imageDai referendum all'autogestione delle risorse collettive Jun 08 by Consiglio dei Delegati dell'FdCA 0 comments

Di fronte quindi ai due quesiti referendari in difesa della gestione pubblica delle risorse idriche, promossi dal Forum Nazionale in difesa dell'acqua pubblica, ci poniamo il raggiungimento di due obbiettivi. Uno immediato, riguardante l'ottenibile in termini odierni di migliori condizioni di vita per gli sfruttati, ossia il respingimento dell'offensiva capital-liberista, mediante l'appoggio attivo dei nostri e nostre militanti alla campagna referendaria. Ed uno strategico, propagandando, contemporaneamente al lavoro di appoggio referendario dei comitati territoriali, dentro quella parte di popolazione sfruttata a cui apparteniamo, le ragioni e l'irrinunciabilità dell'autogestione.

more >>

textLa prode Lanzillotta e i paladini delle privatizzazioni Dec 25 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

In barba a tutti i referendum anti-privatizzazioni, nella commissione bilancio del Senato è stato votato un emendamento presentato dalla senatrice di Scelta Civica, Lanzillotta, riguardante il decreto “Salva-Roma”.
Questa modifica vincola le risorse per finanziare il bilancio di Roma alla privatizzazione, tranne che dell'ACEA, delle altre aziende pubbliche e alla possibilità di licenziamento per quelle in perdita.

imageLavorare senza padroni Nov 30 1 comments

La cooperazione nel XXI secolo

imageContro il MUOS, per una Sicilia terra di pace Oct 05 2 comments

Gli effetti del MUOS saranno quelli gravissimi di porre la "portaerei" Sicilia come base (e quindi obiettivo) di un eventuale conflitto nucleare e di aumentare l'inquinamento elettromagnetico nel raggio di decine di chilometri, con un seguito inevitabile di malformazioni infantili e tumori per gli abitanti della Sicilia sud-orientale. Inoltre, la realizzazione del MUOS distruggerà l'economia del territorio (agricoltura, allevamenti, turismo, ecc.) e limiterà drasticamente la mobilità dei siciliani pregiudicando l'attività degli scali aerei (Comiso, Fontanarossa, Punta Raisi, Trapani-Birgi) già ampiamente danneggiati dalle servitù militari.

imageSolidarietà ai No Tav italiani Apr 05 0 comments

Documento proposto da USI - Unione Sindacale Italiana ed approvato al Congresso della Rete europea del sindacalismo alternativo e di base

imageNo TAV! e beni collettivi Jul 02 FdCA 0 comments

Sappiamo tutti che l'opera va iniziata per arricchire la solita casta industriale italiana, col beneplacito e l'appoggio, ovviamente interessato, dell'apparato legislativo ed esecutivo dello Stato e con la scontata violenza delle forze di repressione, naturali diramazioni dell'oligarchia dei poteri economico e politico.

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]