user preferences

Italia / Svizzera - Evento comunista anarchico
Sunday March 14 2010

Roma: L'acqua non è una merce!

category italia / svizzera | ambiente | evento comunista anarchico author Friday March 05, 2010 20:49author by FdCA Sezione Luigi Fabbri - Roma - Federazione dei Comunisti Anarchiciauthor email fdcaroma at fdca dot it Report this post to the editors

Incontro-dibattito - sabato 13 Marzo 2010

Incontro-dibattito contro la privatizzazione dell'acqua a Roma, alle ore 18 presso lo Spazio Sociale 100celleAPERTE, Via delle Resede 5, Roma. Intervegono Marco Bersani (Forum Italiano dei Movimenti per l'acqua), Vincenzo Miliucci (Conf. Cobas) e il Coordinamento Romano Acqua Aniene. La Sezione di Roma dell'FdCA sarà presente.
roma130310.jpg


L'acqua non è una merce!

Incontro-dibattito

Sabato 13 Marzo 2010 alle ore 18
presso lo Spazio Sociale 100celleAPERTE
Via delle Resede 5, Roma

Intervegono:

  • Marco Bersani, Forum Italiano dei Movimenti per l'acqua
  • Vincenzo Miliucci - Confederazione Cobas
  • Coordinamento Romano Acqua Aniene
A seguire cena sociale
Reggae e ska con DJ Benny

NO alla privatizzazione dell'acqua!

Organizzano:

Spazio Sociale 100celleAPERTE
www.100celleaperte.org

Laboratorio Sociale la Talpa
www.talpalab.com

L'acqua non è una merce!


Il Comune di Roma, in linea col Decreto Ronchi, approvato dal Governo alla fine dell'anno scorso, si appresta a privatizzare la gestione dell'acqua attraverso la vendita ad imprese private di gran parte del 51% dell'ACEA, quota aziendale di sua attuale proprietà.

L'acqua, bene pubblico primario, elemento basilare per la vita, diviene così una merce qualsiasi; e come ogni merce sarà soggetta alle leggi del mercato capitalista e, cosa più importante, sarà soggetta alle speculazioni economiche tipiche di questo mercato.

Una gestione privata degli acquedotti, ed in generale della rete di distribuzione dell'acqua, comporterà a Roma un inevitabile aumento delle bollette che correrà di pari passo ad un aumento del disservizio.

Perché? È ovvio: il privato per offrire un servizio al pubblico deve tirare fuori degli utili superiori alle spese per mantenere in piedi il funzionamento del servizio stesso, altrimenti non avrebbe nessun interesse a sostituirsi all'ente pubblico. La legge del mercato è sempre la stessa: cercare di ottenere il massimo profitto con il minimo della spesa.

Nei comuni dove da tempo è stata privatizzata l'acqua, tutto ciò, aumento delle bollette e aumento dei disservizi, è già avvenuto e molti sono i comitati di cittadini sorti spontaneamente per spingere i comuni a ritornare alla gestione pubblica. Ad esempio ad Agrigento la distribuzione idrica potabile è gestita dalla società privata GIRGENTI ACQUE SPA; l'acqua arriva per poche ore ogni settimana e le bollette sono tra le più costose d'Italia.

Ad Arezzo è la multinazionale francese Suez a gestire privatamente il servizio e l'acqua costa mediamente al singolo utente 400 euro l'anno, a fronte di investimenti dell'azienda che sono sotto la media nazionale (appunto massimo profitto con minima spesa!).

Ad Aprilia il Consiglio di Stato ha dato ragione al comitato dei cittadini e al movimento dei sindaci che si battono per riprendersi la gestione dell'acqua.

Parigi e altre 30 città francesi hanno appena deciso di ritornare alla gestione pubblica dell'acqua, dopo 25 anni di disastri fatti dai privati.

A Roma, dove la gestione è ancora pubblica, se pur con un risicato 51%, il Sindaco la sta vendendo ai privati. Impediamo questo scempio e spingiamo anzi per il completo controllo pubblico della gestione delle risorse idriche romane!

Non dimentichiamo inoltre che la piovra dell'affarismo privato da decenni sfrutta le nostre falde acquifere attraverso il meccanismo delle concessioni, con cui lo Stato permette ai privati di commercializzare le acque minerali, ricevendone dei proventi ridicoli rispetto alla mole degli affari. Beviamo l'acqua del rubinetto! Perché oltretutto non dobbiamo dimenticare l'enorme spreco e impatto ambientale dovuto all'utilizzo, al trasporto e allo smaltimento annuo di un milione e mezzo di tonnellate di plastica sottoforma di bottiglie. Tutto questo quando, in termini di valori nutrizionali, l'acqua in bottiglia non è meglio di quella del rubinetto, e anzi spesso il sovra sfruttamento delle falde acquifere provoca dei problemi alla qualità e alla sicurezza sanitaria delle acque minerali stesse.

* * * * *


Related Link: http://fdcaroma.blogspot.com/
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
¿Què està passant a Catalunya?

Front page

Hands off the anarchist movement ! Solidarity with the FAG and the anarchists in Brazil !

URGENTE! Contra A Criminalização, Rodear De Solidariedade Aos Que Lutam!

¡Santiago Maldonado Vive!

Catalunya como oportunidad (para el resto del estado)

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 D’octubre Totes I Tots A La Vaga General

¿Què està passant a Catalunya?

Loi travail 2017 : Tout le pouvoir aux patrons !

En Allemagne et ailleurs, la répression ne nous fera pas taire !

El acuerdo en preparacion entre la Union Europea y Libia es un crimen de lesa humanidad

Mourn the Dead, Fight Like Hell for the Living

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]