user preferences

New Events

Bolivia / Perù / Ecuador / Cile

no event posted in the last week

Cile ed Haiti dopo il terremoto: così differenti eppure così simili...

category bolivia / perù / ecuador / cile | vari | opinione / analisi author Friday March 05, 2010 17:21author by José Antonio Gutiérrez D. Report this post to the editors

Le conseguenze di questo terremoto sul popolo cileno saranno tremende.Si stima che al presente 2 milioni di persone hanno perso la casa e si trovano completamente sulla strada. Si sta parlando di più del 10% della popolazione, il che rende l'idea dell'immenso compito ricostruttivo che si profila. [Castellano] [English] [Ελληνικά]
460_0___30_0_0_0_0_0_capt_2cc8fb46ab8c4a75ae6d322270367693_aptopix_chile_earthquake_xnp130_1_1.jpg


Cile ed Haiti dopo il terremoto: così differenti eppure così simili...

di José Antonio Gutiérrez D.


I.

Il Cile è stato colpito di nuovo da un terremoto di magnitudo apocalittica, come nei terremoti del 1938, 1960 e 1985. Con la precisione di un orologio svizzero, la parte centrale e meridionale del Cile viene colpita ogni 25 anni da un movimento sismico che getta il paese in uno stato di profondo shock. Il terremoto del 27 febbraio è stato uno dei più forti della storia recente - 8,8 gradi della scala Richter, 9 gradi della scala Mercalli.

L'angoscia di non sapere nulla delle persone care, di non poter comunicare con loro, cresce di giorno in giorno dopo le distruzioni, l'isolamento e la morte o la scomaprsa di un grande numero di persone. L'impotenza è un'ombra che incombe sul cuore. Il conto dei morti è giunto a quota 700 - qualcuno parla di una cifra finale intorno ai 2.000 quando si avrà una visione più completa delle devastazioni. Nulla si sa della sorte di molti abitanti delle province colpite nelle regioni di Maule e di Bío Bío. Quando si stava ancora parlando di circa 300 vittime, abbiamo appreso che lo tsunami a Constitución aveva spazzato via almeno 350 abitanti, raddoppiando così il numero dei morti. Ed ora noi sappiamo che ci sono state altre località colpite dallo tsunami, per cui l'estensione dei danni non è ancora nota.

Le conseguenze di questo terremoto sul popolo cileno saranno tremende. Si stima che al presente 2 milioni di persone hanno perso la casa e si trovano completamente sulla strada. Si sta parlando di più del 10% della popolazione, il che rende l'idea dell'immenso compito ricostruttivo che si profila.

II.

Molto è stato detto sulle differenze tra il Cile ed Haiti - il terremoto nella repubblica dei nostri fratelli caraibici ha prodotto un numero ben più alto di morti (300.000) e danni molto più grandi, sia in termini assoluti che relativi. Si è parlato molto delle ragioni geologiche e sismologiche, della grande profondità dell'epicentro e dell'area in cui è successo, tutti aspetti che certamente hanno avuto un ruolo decisivo. Ma al di là di tutto, ciò a cui dobbiamo guardare è la spiegazione politica, sociale ed economica del perché un terremoto di così grande magnitudo ha avuto sul Cile un impatto più contenuto.

In verità il Cile non può essere paragonato ad Haiti: ha infrastrutture nettamente migliori, un'economia meno dipendente e meno in crisi di quella di Haiti (laddove Haiti costituisce un caso estremo nel contesto dell'America Latina, il Cile ha goduto di 50 anni di regimi dediti allo sviluppo nazionale che hanno lasciato il marchio fino ad oggi) ed una capacità di risposta delle istituzioni nei confronti dei disastri naturali di gran lunga più efficace. In Cile la povertà non raggiunge quei sordidi livelli che si vedono in Haiti, dove la popolazione che vive nei suburbi della capitale sopravvive mangiando biscotti di fango per ingannare la fame. Ovviamente tutto ciò non ha niente a che fare con una sorta di "superiorità" dei cileni, con quella sorta di sciovinisti locali che hanno sputato paragoni tanto sbagliati quanto odiosi (del tipo "i cileni lavorano duramente, si danno da fare molto di più e così via"...), ma ha a che fare principalmente con le differenti storie delle due repubbliche - storie che hanno avuto percorsi divergenti fin dai tenpi coloniali, come pure il fatto che il Cile non è stato mai trasformato in un paese-piantagione o in un paese-maquiladora, né è stato mai occupato o colpito dagli USA. Il Cile è pure un paese con una lunga storia di terremoti, un fatto che gli dà "un vantaggio" rispetto ad Haiti.

III.

Eppure, c'è stato poco dibattito sulle somiglianze tra i due paesi. La somiglianza più evidente è che sono i poveri a soffrire di più dagli effetti. Anche se un terremoto colpisce tutti allo stesso modo, ci sono alcuni che sono meglio attrezzati di altri ad affrontare il sisma e le difficoltà che seguono. Neanche il Cile è sfuggito a questa legge ed i settori maggiormente colpiti sono i quartieri più poveri, quelli con le case fatte di cartongesso. Inoltre, sappiamo da testimoni affidabili che gli aiuti in questi quartieri sono lenti ed insufficienti - queste zone non sono una priorità per nessuno, anche se sono proprio le aree in cui dovrebbero concentrarsi di più gli aiuti, viste le precarie condizioni dei loro abitanti.

Inoltre, gran parte delle devastazioni deriva da infrastrutture inadeguate. In un paese che aveva una buona esperienza nell'affrontare i terremoti e che aveva subito il grosso sisma di metà degli anni '80, era sorta una certa consapevolezza della necessità di costruire infrastrutture che potessero reggere all'impatto con un'area tettonicamente attiva come il Cile. Però, alla metà degli anni '90, la Concertación [1], che ha proseguito sul disastroso modello neoliberista ereditato dalla dittatura, ha iniziato a privatizzare e ad esternalizzare i servizi delle aziende pubbliche verso molte multinazionali, le quali non risponderanno mai per i ponti distrutti, per le autostrade e le vie di comunicazione la cui distruzione ha immobilizzato il paese, lasciando migliaia di persone isolate ed abbandonate a metà strada del loro viaggio, lontane da casa. E' il caso di ricordare che molti dei progetti messi in cantiere dal Ministero dei Lavori Pubblici diversi decenni fa sono rimasti intatti, mentre costosissime strade costruite solo alcuni anni fa si sono sbriciolate come biscotti, nonostante gli enormi costi. Posso personalmente confermare le ragioni della fragilità dei lavori stradali: agli inizi del 2003 lavoravo sul passante di Rancagua in Doñihue. Quando il geologo raccomandò di scavare fino a 1.80-2.00 metri in alcune sezioni a causa del terreno instabile, prevalse l'ordine di risparmiare sui costi, per cui si scavò solo fino a 30 centimetri. Sapevamo che quelle strade non sarebbero durate più di 10 anni. Ora il terremoto verrà usato come scusante, ma resta il fatto innegabile che le costruzioni pubbliche restano in piedi, mentre quelle privatizzate crollano.

La stessa cosa accade nell'edilizia. Alla fine degli anni '90, ci fu lo scandalo delle case COPEVA [2], che dopo pochi mesi dalla costruzione iniziarono a riempirsi di crepe, i proprietari dovevano avvolgere i muri esterni con teli plastificati durante l'inverno, molte case furono abbattute poco dopo, e questo dimostra che la politica (anti)sociale della casa in questo paese - e l'edilizia in generale - non è altro che un business per i capitalisti immobiliari. Un affare, inoltre, facilitato da ogni sorta di corruzione e di negligenza imputabili agli stessi governi della Concertación, con alcuni esponenti governativi direttamente coinvolti nel business. Occorre ricordare che allo scandalo COPEVA venne collegato il nome del democristiano ministro degli interni, Pérez Yoma. Oggi vediamo molti edifici moderni, molti progetti edilizi di persone che con grandi sacrifici erano riusciti a realizzare il loro "sogno di possedere una casa" minati nelle fondamenta, con danni strutturali che rendono queste case del tutto inabitabili. Il caso più drammatico è quello dell'edificio di 15 piani che è crollato a Concepción con circa 100 persone dentro. Era un edificio nuovo di zecca, con appartamenti ancora invenduti. E' vero che un sì potente terremoto farà sempre danni e che non ri riesce mai a fare abbastanza per evitare vittime, ma come si può giustificare il fatto che sono state proprio le costruzioni più nuove quelle a soffrire dei danni maggiori?

Come ad Haiti, succederà anche in Cile che nessun capitalista verrà chiamato a rispondere per questi atti criminali. E' perciò necessario che il popolo si mobiliti e chieda giustizia, denunciando come una politica criminale quella fondata sulla privatizzazione dei lavori pubblici, della proprietà e delle strade, come il terremoto stesso ha dimostrato. Ci sono dei funzionari che devono rispondere di questo, e se il popolo non li metterà con le spalle al muro, questi signori non si riterranno mai responsabili.

IV.

Un'altra somiglianza con Haiti è la risposta repressiva e la militarizzazione degli aiuti umanitari. Sebbene entrambi i casi presentino delle ovvie differenze (in Haiti la militarizzazione umanitaria è servita a favorire l'occupazione militare del paese per farne una importante enclave geostrategica per gli USA, all'interno della militarizzazione della regione caraibica e della restaurazione del potere statunitense in America Latina), in entrambi i casi però l'isteria relativa agli "sciacalli" è stata usata per giustificare la presenza delle forze armate per proteggere gli interessi dell'elite.

A Concepción, molte persone non hanno ricevuto aiuti di nessun tipo per un giorno e mezzo. Il che è particolarmente vero per i quartieri proletari dove è arrivato ben poco o niente. In preda alla disperazione, la gente ha semplicemente risposto al più profondo degli istinti umani: sopravvivere! La gente è andata nei supermercati, nelle stazioni di benzina, nelle farmacie a procurarsi le cose necessarie, il cibo per le loro famiglie. Oppure avremmo dovuto aspettarci che la gente giacesse d'inedia, sopraffatta dalla fatica, dalla fame e dalla sete, mentre nei supermercati c'era tutto quel ben di dio? Queste sono persone normali, gente comune, madri, padri, giovani che hanno preso cartoni di latte, riso, qualunque cosa trovassero.

"Saccheggiatori!" hanno urlato le autorità, demonizzando la giusta rivendicazione del diritto di vivere, di mangiare, di dissetarsi, di aver cura dei propri figli. Stanno distorcendo le cose al punto di arrivare a dire che non c'era nessun bisogno di "saccheggiare", che la gente stava rubando solo beni di lusso, elettrodomestici, CD e DVD, mentre la verità è un'altra. Alla fine serviva solo che un paio di banche fossero assalite ed è stata isteria assoluta. "Feccia", hanno urlato, per disumanizzare la gente affamata e bisognosa, una parola flessibile sempre pronta all'uso per giustificare l'omicidio politico. Nell'era di Pinochet venivano chiamati "umanoidi": i termini cambiano, ma resta la stessa idea politica repressiva.

La stessa "feccia" di New Orleans e Port-au-Prince compare ora nelle strade di Concepción, e fin da subito, il neo-presidente eletto Sebastián Piñera, insieme ai suoi fidi nei governi locali come la Dott.ssa [Jacqueline] Van Rysselberghe a Concepción, ha ritenuto offensivo come queste persone che avevano perso tutto non avessero nessun rispetto per la proprietà delle catene dei grandi supermercati. E se gli aiuti giungevano lentamente, non c'era invece nessun problema nel mobilitare alcune migliaia di soldati per mantenere la legge marziale a Concepción. E se non c'era acqua per dissetarsi, ce n'era invece tanta per riempire i cannoni ad acqua da usare contro la "feccia" che stava "saccheggiando" attività commerciali "oneste" come Lider (Wal Mart) e Santa Isabel. Il governo ha decretato lo stato d'assedio ed il coprifuoco, dando ascolto alla destra politica, ai grossi imprenditori ed agli uomini d'affari che, mentre sparlano di "solidarietà", non si sognano nemmeno di dare alla gente qualche pacco di riso dei loro supermercati. Cose del genere non si vedevano dal 1987 - ossia, per coloro che hanno la memoria corta, dai tempi della dittatura. Il che dimostra che certe abitudini autoritarie non sono affatto morte, anche dopo due decenni di "democrazia controllata".

Ai bravi cittadini si chiede ora di mettersi in fila, di sopportare la fame e la sete ed il pianto dei loro figli. L'ordine è stato ristabilito nuovamente grazie agli stivaloni. La proprietà privata è ancora una volta salva.

E' nei tempi di crisi che il sistema mostra il suo vero volto. E Concepción, come Port-au-Prince, lo dimostra in tutta la sua crudeltà: la proprietà dei capitalisti è più importante delle vite e del benessere di centinaia di migliaia di persone nell'indigenza. Non è una coincidenza che il capitalismo venga a volte definito "selvaggio".

V.

Ma Haiti ed il Cile son pur tuttavia simili, perché il bisogno fa venire fuori quell'istinto essenziale al mutuo appoggio tale da permettere alle persone di sopravvivere, di andare avanti e di diventare protagonisti di diritto nella storia. Spetta ai settori popolari incoraggiare e sviluppare queste tendenze verso l'organizzazione popolare e verso la solidarietà, affinché possano andare ben al di là del livello della mera sopravvivenza. Così che possano contribuire alla creazione di una nuova società, una società altruista, una società libertaria, che possa disfarsi del pesante fardello dell'individualismo impostoci con la forza dal crudele modello neoliberista impiantato in Cile dalla dittatura e successivamente passato nelle mani della "democrazia controllata".

Fra i tanti messaggi di sostegno che sono giunti da amici e compagni in queste ore tremende, vorrei ricordare quelli arrivati in grande numero dai fratelli e dalle sorelle di Haiti. Anche nella loro sofferenza, sono ancora capaci di trovare il modo per manifestare la loro solidarietà al popolo cileno. Noi sentiamo il loro dolore ed ora essi sentono il nostro.

Un compagno da Grandans (Grand'Anse) mi ha scritto immediatamente sabato: "Caro José Antonio, apprezzo il tuo impegno di solidarietà verso il popoIo haitiano. Oggi sono stato molto turbato dal violento e imponente terremoto in Cile. Spero che la tua famiglia sia salva e stia bene, e che il tuo paese possa riprendersi rapidamente. Noi siamo pronti a dividere quel poco che abbiamo con te, se necessario. Arrivederci, Maxime Roumer".

Messaggi come questo mi rammentano che la solidarietà è la sensibilità delle persone.


José Antonio Gutiérrez D.
1 Marzo 2010

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio relazioni internazionali


Note del traduttore:
1. La "Concertazione dei Partiti per la Democrazia" è la coalizione che ha governato il Cile dalla fine della dittatura nel 1990.
2. Nel 1997, le case costruite dal più grande concessionario del governo, la COPEVA, a Villa Los Puertos, sono crollate dopo una tempesta di pioggia lasciando 1.000 persone senza tetto.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
George Floyd: one death too many in the “land of the free”
© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]