user preferences

Search author name words: T

Per una scuola pubblica di libertÓ e laicitÓ, senza steccati religiosi

category italia / svizzera | scuola e universitÓ | comunicato stampa author Wednesday October 28, 2009 15:39author by Federazione dei Comunisti Anarchici - FdCAauthor email fdca at fdca dot it Report this post to the editors

Comunicato FdCA sulla "ora della religione"

Insospettabili politici di destra hanno lanciato l'idea dell'introduzione dell'ora di religione musulmana all'interno delle scuole pubbliche, facendo sorgere un dibattito fondato sul nulla, tanti e complessi sono i passaggi necessari per giungere ad una situazione come quella di cui gode attualmente l'ora di religione cattolica. Ma se tanti e complessi sono tali passaggi, qual Ŕ allora lo scopo recondito di questa operazione di apparente "liberalizzazione" dell'ora di religione?


Per una scuola pubblica di libertÓ e laicitÓ

Senza steccati religiosi


Insospettabili politici di destra hanno lanciato l'idea dell'introduzione dell'ora di religione musulmana all'interno delle scuole pubbliche, facendo sorgere un dibattito fondato sul nulla, tanti e complessi sono i passaggi necessari per giungere ad una situazione come quella di cui gode attualmente l'ora di religione cattolica.

Ma se tanti e complessi sono tali passaggi (necessitÓ di un'intesa con la confessione islamica, definizione dei contenuti didattici, individuazione e formazione dei docenti, legiferazione parlamentare, ecc.), qual Ŕ allora lo scopo recondito di questa operazione di apparente "liberalizzazione" dell'ora di religione?

In realtÓ si tratta di una manovra che dovrebbe consentire di procedere al rafforzamento della presenza - giÓ solidissima - della chiesa cattolica all'interno della scuola, mano a mano che questa perde la sua natura di istituzione per darsi quella di servizio pubblico e al tempo stesso muta il suo ruolo di luogo di formazione di coscienze libere e laiche per quello di luogo di formazione di identitÓ basate su appartenenze religiose, etniche, territoriali, e cosý via.

In una scuola pubblica che vÓ in questa direzione, la presenza ed il ruolo di presidio della religione cattolica diventa dunque elemento decisivo di processi identitari che facciano piazza pulita della laicitÓ e delle coscienze critiche.

I 136 milioni di euro per le scuole paritarie non bastano pi¨. Occorre rafforzare presenza e ruolo della religione cattolica nella scuola pubblica, e questo per il ministro in carica e per le autoritÓ vaticane significa due cose: procedere nella ridefinizione dello status degli insegnanti di religione cattolica da un lato e dello status dell'insegnamento stesso della religione cattolica (IRC), dall'altro.

Per poter garantire agli insegnanti di religione le stesse condizioni degli altri insegnanti (in buona sostanza il diritto di voto negli scrutini) si apre cosý la facile strada di una modifica dell'intesa Stato-Vaticano del 23 giugno 1990, laddove si recita che il voto dell'insegnante di religione cattolica "se determinante diviene un giudizio motivato", insieme ad una modifica dell'art.309 del Testo Unico n░297/1994 che consente allo Stato di poter liberamente decidere in fatto di valutazione del rendimento in religione cattolica. Percorso affatto impossibile, che porterebbe l'IRC all'equiparazione con le altre discipline, pur tra i mari burrascosi di una verifica di legittimitÓ sul piano costituzionale ed a costo di inibire i diritti degli alunni che non si avvalgono dell'IRC, i quali verrebbero a trovarsi in una condizione di disparitÓ. Va da sÚ che giÓ oggi le attivitÓ alternative per coloro i quali non si avvalgono dell'IRC, non ricevono finanziamenti per retribuire i docenti eventualmente necessari.

L'altro passo necessario Ŕ quello della equiparazione dell'IRC alle altre discipline sul piano dello status culturale e scientifico. Pu˛ sembrare un paradosso, dato che - a differenza della altre discipline il cui status ed insegnamento sono liberi - l'IRC Ŕ oggi emanazione delle autoritÓ religiose e da queste posti sotto controllo sia i contenuti didattici che la formazione e conformitÓ dei docenti; eppure in una lettera alle conferenze episcopali del 5 maggio scorso, la Congregazione per l'educazione cattolica, ha rivendicato il carattere scientifico, persino laico, dell'insegnamento della religione cattolica e - al tempo stesso - si Ŕ premurata di avvertire che spetta alla conferenza episcopale emanare norme generali su questa materia ed ai vescovi quello di vigilare.

Non bisogna cadere quindi nella trappola offerta ai media dell'ora di islam, quanto prepararsi per affrontare quello che sarÓ probabilmente l'affondo decisivo dell'integralismo cattolico verso la scuola pubblica, pronto a demolire gli ultimi baluardi di laicitÓ e di libertÓ di insegnamento che si frappongono al ritorno dell'autoritÓ dei chierici in campo di scienza e di cultura. L'ora di islam, se mai si farÓ, sarÓ ben poco prezzo da pagare.

Tutte le forze laiche, libertarie, anticlericali, tutti gli oppositori di ogni integralismo e di ogni steccato religioso, tutti gli irriducibili ad ogni divisione della societÓ fra appartenenze religiose, etniche, di sangue e di terra, sono chiamati perci˛ ancora una volta ad una nuova mobilitazione per la difesa della laicitÓ. Una mobilitazione di carattere culturale, politico e sociale che attraversi le scuole, gli operatori della formazione, l'associazionismo di base e quello sindacale per una campagna di salvaguardia delle basi costitutive della scuola di tutti e di tutte; per un allargamento delle iniziative e delle proposte che favoriscano una societÓ ed una scuola interculturali senza autoritÓ religiose e senza dogmi, fondate sulla solidarietÓ reciproca e sul riconoscimento dell'essere donne e uomini liberi nelle scelte e nella lotta.

Federazione dei Comunisti Anarchici

28 ottobre 2009

Related Link: http://www.fdca.it

This page has not been translated into CatalÓ yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Maĺan workers union)

Front page

Inside the Zimbabwean Uprising

La experiencia de Mujeres Libres: 80 a˝os del surgimiento del feminismo anarquista organizado

Con Lucha Y Organizaciˇn Fortalecemos La Resistencia

Algunas reflexiones en torno al poder y la institucionalidad a 80 a˝os de la Revoluciˇn Espa˝ola

80 aniversari de la insurrecciˇ obrera i popular i de la revoluciˇ social

80 anni fa la rivoluzione comunista libertaria in Spagna

De los comitÚs de defensa al anßlisis de los ˇrganos de poder

The Coup in Turkey: Tyranny against tyranny does not make freedom

Greve, Piquete, Marcha e OcupašŃo! Educadores e Estudantes unidos pela EducašŃo!

Making sense of the Brexit tide of reaction and the reality of the racist vote

[Colombia] Ante el acuerdo de cese al fuego bilateral y definitivo entre el gobierno colombiano y las FARC-EP

Coyuntura PolÝtica en Venezuela: Crisis, Tendencias y el DesafÝo de la Independencia de Clase

Orlando means fightback

Palestinian workers in Israel: between scylla and charybdis

A Socialist On City Council: A Look At The Career Of Kshama Sawant

╔largir la lutte et gÚnÚraliser la grŔve pour gagner

Carta de FundašŃo OAZ

[Colombia] Documento de Formaciˇn: Anßlisis de Coyuntura 2015-2016

La NATO contro i Curdi: la Battaglia per A'zaz

Feminists in Ireland Say No To Pegida

Posiciˇ de Embat sobre el nou govern de la Generalitat i el procÚs constituent

A 120 a˝os de su natalicio: la pluma rebelde de Manuel Rojas

Anarkismo.net wishes you all a 2016 of solidarity and resistance

Migranti e profughi

Italia / Svizzera | Scuola e universitÓ | Comunicato stampa | it

Mon 29 Aug, 04:38

browse text browse image

textItalia: Autorganizziamoci nelle scuole, nelle universitÓ, ovunque! 19:34 Sat 10 Oct by Spazio Libero Utopia 0 comments


Crediamo che lĺautorganizzazione sia lĺunico modo di ottenere un cambiamento

textItalia: rottamazione della scuola pubblica 19:50 Thu 23 Jul by Alternativa Libertaria/FdCA 2 comments

OccorrerÓ ricostruire scuola per scuola l'unitÓ dei mesi scorsi, ri-alimentare fiducia e fermezza nella consapevolezza che questa legge si potrÓ rendere inapplicabile solo con un'opposizione istituto per istituto.

textProfumo marcio di destra nella scuola italiana 19:16 Wed 24 Oct by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

Quanta Ŕ forte la tentazione di tornare a brandire bastone e carota in questo paese! Quanti sforzi si stanno facendo per ridurre ad un sottomesso silenzio i milioni di lavoratori del pubblico impiego e del privato, stracciando decenni di diritto del lavoro, di diritti sindacali, di contratti nazionali ed emettendo normative che hanno l'unico scopo di inibire ogni forma di risposta sindacalmente organizzata, di soffocare ogni rivendicazione radicata nelle categorie e nei luoghi di lavoro.

fist_pencil.jpg imageUrbino: rete di solidarietÓ per il diritto allo studio dalla scuola di base all'universitÓ 22:29 Sun 12 Dec by donato romito 0 comments

Il 10 dicembre 2010 allĺinterno del Nuovo Magistero Occupato (UniversitÓ ĹCarlo Boĺ di Urbino) si sono tenuti gli Stati Generali della Scuola e dellĺUniversitÓ per il diritto allo studio e per il diritto ad un lavoro ed a un esistenza dignitosa.

studenti.jpg imageInsieme agli studenti in lotta per un'universitÓ di tutti 16:02 Mon 29 Nov by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

La situazione universitaria in Italia presenta profili di atipicitÓ rispetto ad altri comparti del settore pubblico che sono in grave sofferenza a causa della crisi e delle scelte di questo governo. Sono anni che l'UniversitÓ vive una emorragia di risorse e di personale, un decennio di riforme ha depotenziato il sistema universitario a favore di logiche liberiste e di precarizzazione del lavoro dei ricercatori e docenti, a discapito della didattica e della ricerca. [English] [TŘrkše] [Deutsch]

textSuccesso della manifestazione a Pesaro contro i tagli 00:21 Sat 09 Oct by UNICOBAS scuola (PU) 0 comments

Anche a Pesaro come in altre 90 cittÓ italiane oggi si Ŕ svolta una manifestazione studentesca contro i tagli alla scuola pubblica.

libro3elem.jpg imagePrimo giorno di una scuolaů che chiude 16:07 Fri 12 Sep by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Il DL. 137 dell'1 settembre 2008, emanato dal consiglio dei ministri del governo Berlusconi e fortemente voluto dalla ministra Gelmini potrebbe molto seriamente mettere fine alla scuola della repubblica, per sostituirla con un mero servizio di accudimento e badantato per bambini/e e con una fucina per (de)formare adolescenti resi ignoranti e flessibili al mercato del lavoro, i cui costi sono da scaricare al pi¨ presto sulle spalle delle Regioni. [English]

textYankee go home! Aug 17 by Lucio Garofalo 0 comments

L'ideologia che ispira la politica del renzismo, che definire "vandalico" sarebbe un eufemismo, Ŕ riconducibile ad una propensione ad assecondare i "poteri forti" (in primis, la Confindustria), ma anche gli umori e gli istinti pi¨ irrazionali e viscerali delle fasce sociali pi¨ retrograde, qualunquiste e rozze della popolazione italiota. Le spinte retrive si possono riassumere in una volontÓ di azzerare o neutralizzare quelli che sono gli effetti ancora vivi, in termini di progresso e di emancipazione civile e culturale, generati dalle battaglie sociali e dai movimenti politico-sindacali sorti dal biennio 1968/69...

textChe fare? Jul 30 by Lucio Garofalo 0 comments

Da poche ore sono stati ufficializzati gli esiti della mobilitÓ interprovinciale nella scuola e mi pare che ci sia chi esulta per il trasferimento ottenuto nelle vicinanze di casa propria (avendone tutte le ragioni, ovviamente), attribuendo i meriti al MIUR ed al ministro Giannini, di fatto giÓ santificata. Ci˛ Ŕ un torto, nel senso che Ŕ un ragionamento errato e deviante: un diritto non pu˛ essere spacciato come un favore elargito arbitrariamente, a discrezione di qualche "santo", per quanto potente esso sia. Insomma, se hai raggiunto finalmente lo scopo della tua vita, la tanto attesa ed agognata stabilitÓ professionale e persino la vicinanza della sede lavorativa, questo risultato non Ŕ certo ascrivibile al governo in carica, ma Ŕ evidentemente un tuo diritto finalmente riconosciuto e a lungo negato...

textControriforme e conservazione Jul 17 by Lucio Garofalo 0 comments

Una volta ero convinto che la scuola pubblica italiana fosse un ambiente impermeabile e refrattario alle novitÓ (intese qui in un'accezione deteriore), una categoria sociale restia e diffidente rispetto alle "rivoluzioni di destra" imposte dal capitalismo. Mi sbagliavo clamorosamente...

textItalia: libera scuola in libero bonus Mar 06 by Donato Romito 0 comments

Dunque, anche il Governo Renzi ha deciso di dare il proprio contributo allo storico progetto di trasformazione ed accelerazione del sistema pubblico di istruzione in un sistema integrato composto di scuole pubbliche ed ex-scuole private, trasformate in "pubbliche" con lo status di scuole paritarie

imageNon c'Ŕ peggior scuola della "Buona Scuola" Nov 17 by donato romito 0 comments

Nella "Buona Scuola" del governo Renzi, la formazione diviene un nuovo settore d'investimento suscettibile di produrre profitto sul piano economico per l'investitore (preparazione e formazione funzionale al mercato = disponibilitÓ di spesa per conseguirla) e al tempo stesso laboratorio di sperimentazione dei criteri di differenziazione sociale.

more >>

textItalia: Autorganizziamoci nelle scuole, nelle universitÓ, ovunque! Oct 10 Genova 0 comments


Crediamo che lĺautorganizzazione sia lĺunico modo di ottenere un cambiamento

textItalia: rottamazione della scuola pubblica Jul 23 2 comments

OccorrerÓ ricostruire scuola per scuola l'unitÓ dei mesi scorsi, ri-alimentare fiducia e fermezza nella consapevolezza che questa legge si potrÓ rendere inapplicabile solo con un'opposizione istituto per istituto.

textProfumo marcio di destra nella scuola italiana Oct 24 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Quanta Ŕ forte la tentazione di tornare a brandire bastone e carota in questo paese! Quanti sforzi si stanno facendo per ridurre ad un sottomesso silenzio i milioni di lavoratori del pubblico impiego e del privato, stracciando decenni di diritto del lavoro, di diritti sindacali, di contratti nazionali ed emettendo normative che hanno l'unico scopo di inibire ogni forma di risposta sindacalmente organizzata, di soffocare ogni rivendicazione radicata nelle categorie e nei luoghi di lavoro.

imageUrbino: rete di solidarietÓ per il diritto allo studio dalla scuola di base all'universitÓ Dec 12 FdCA 0 comments

Il 10 dicembre 2010 allĺinterno del Nuovo Magistero Occupato (UniversitÓ ĹCarlo Boĺ di Urbino) si sono tenuti gli Stati Generali della Scuola e dellĺUniversitÓ per il diritto allo studio e per il diritto ad un lavoro ed a un esistenza dignitosa.

imageInsieme agli studenti in lotta per un'universitÓ di tutti Nov 29 FdCA 0 comments

La situazione universitaria in Italia presenta profili di atipicitÓ rispetto ad altri comparti del settore pubblico che sono in grave sofferenza a causa della crisi e delle scelte di questo governo. Sono anni che l'UniversitÓ vive una emorragia di risorse e di personale, un decennio di riforme ha depotenziato il sistema universitario a favore di logiche liberiste e di precarizzazione del lavoro dei ricercatori e docenti, a discapito della didattica e della ricerca. [English] [TŘrkše] [Deutsch]

more >>
ę 2005-2016 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]