user preferences

Il Comune di Roma licenzia 196 lavoratori della Multiservizi

category italia / svizzera | lotte sindacali | altra stampa libertaria author Friday July 17, 2009 21:41author by Unione Sindacale Italiana - USIauthor email alex_950 at yahoo dot it Report this post to the editors

Le forze del dis/ordine cercano di bloccare l'entrata della delegazione operaia organizzata dall'USI in consiglio comunale

La Roma Multiservizi è una aziende della Holding Campidoglio, il cui 51% del capitale è del Comune di Roma, che vive in questo momento con la giunta Alemanno grossi problemi di rivalità tra le varie componenti della maggioranza anche per il controllo dei vari CdA delle aziende comunali e per l'affidamento dei vari servizi a cooperative ed aziende diverse da quelle della precedente gestione veltroniana.

E' proprio in questo difficile momento che attraversa la città di Roma (l'assessore tecnico al Bilancio si è da poco dimesso, sostituito da un uomo di apparato) che sono arrivate 196 lettere di preavviso di licenziamento agli operai della Roma Multiservizi dell'appalto del verde pubblico, per scadenza appalto come prevede il CCNL di categoria; scatenando un vero e proprio casino perchè le informazioni che i lavoratori hanno ricevuto prevedono un aggiudicamento temporaneo per tre mesi a TRATTATIVA PRIVATA... di chi dovrebbe subentrare,

Quindi mettendo a rischio la clausola sociale e le altre garanzie, trattandosi di dipendenti a tempo indeterminato; è un'operazione che ci aspettavamo perchè compatibile con la possibilità di far entrare piano piano negli appalti GLI AMICI DEGLI AMICI (non dimentichiamoci di quanto sta succedendo ai Canili comunali, con la discesa in campo di finte forze animaliste contro i lavoratori e le loro rappresentanze sindacali).

Come Usi, che da tempo difendiamo i lavoratori della Multiservizi e ci battiamo contro ulteriori esternalizzazioni o “strani affidamenti” ieri mattina (dopo che allo sportello del quarticciolo siamo rimasti in riunione per discutere della grave situazione, fino alle 21.30 di sera con una ventina di operai della Mutiservizi, alcuni iscritti da 9 anni all'Usi) avevamo richiesto per fax che una delegazione (di 8-9 operai tra cui i nostri delegati), andasse a parlare in Consiglio comunale per far convocare la commissione consiliare con assessori e dirigenti.

Nel pomeriggio insieme ai lavoratori ci eravamo recati in Campidoglio, la polizia ormai in presidio continuo sulla Piazza per impedire le proteste in consiglio comunale di cittadini e lavoratori, ci ha fatto perdere del tempo, per permettere (con la copertura di Gemma Azuni, che pure aveva proposto una mozione per dare garanzie ai lavoratori) ai soli sindacalisti di CGIL CISL UIL, che fino all'altro giorno agli operai gli rompevano i ... maroni, firmando di tutto e di peggio, di salire in Consiglio senza essere nella delegazione decisa in assemblea dai lavoratori.

La polizia, non rispettando l'impegno preso, ha bloccato la delegazione operaia, approfittando del fatto che la AZUNI una volta che aveva visto passare i dirigenti CGIL-CISL-UIL, si era allontanata dalla scale.

I lavoratori e i compagni dell'USI non hanno gradito questa scorrettezza ed hanno incominciato a far pressione per entrare al grido BUFFONI BUFFONI – VERGOGNA – VERGOGNA – FATE ENTRARE LA DELEGAZIONE DEGLI OPERAI LICENZIATI, ci sono stati spintonamenti da parte della polizia anche per l'arrivo della celere che controllava la piazza; insieme agli operai della multiservizi c'era anche un gruppo di sfrattati di ACTION che stavano protestando per la questione casa (che ottenevano un incontro con Alzetta e il vice capo di Gabinetto...) a dimostrazione dell'importanza dell'unità degli sfruttati.

Dieci minuti di follia da parte delle forze del dis/ordine, con un paio di contusi tra i lavoratori, poi anche nei piani alti si sono accorti che avevano fatto una gaffe e ci hanno chiesto di far salire anche due rappresentanti delle altre sigle sindacali presenti (cioè noi dell'USI), e l’USI rivendicando la propria scelta di una delegazione di operai quasi licenziati (il 31 luglio è l'ultimo giorno di lavoro...) HA MANDATO SU DUE DEI NOSTRI e come delegati degli operai, poi ne ha fatto salire altri 5.

La situazione purtroppo è molto incasinata per i diversi interessi che si scontrano nelle aziende e tra queste e le cooperative che si vogliono spartire la torta (ricordiamo che mentre i lavoratori del Comune sono rimasti meno di 25.000 quelli delle Aziende comunali e dei vari appalti e affidamenti di servizi sono diventati 35.000 ed in molti con contratti di co.co.pro o a tempo determinato).

Le discussioni in Consiglio hanno spinto verso la scelta (da noi già proposta al presidente della commissione ambiente) di convocare per Lunedì prossimo le commissioni ambiente e personale con l’assessore e il gabinetto del sindaco a largo Loria (l’USI sarà ricevuto a fine mattinata, perché i confederali hanno chiesto incontri separati).

I nostri dall’inizio hanno chiesto la internalizzazione del servizio e l'assorbimento del personale operaio (anche raccogliendo decine e decine di firma), tanto per loro non occorrerebbe un concorso, ma al Comune hanno ammesso che NON SANNO COME SI FA, dato che SONO ABITUATI da SEMPRE ALLE PROCEDURE INVERSE DI ESTERNALIZZAZIONE, eppure c’è ancora il Centro per l'Impiego, ex collocamento, e basterebbe fare una richiesta nominativa con l'elenco di chi lavora nel servizio (che ritorna a gestione diretta del Comune) per l’assunzione a tempo indeterminato e alle stesse condizioni con la riparametrazione di salari e livelli per l’adeguamento del CCNL... del resto in dotazione organica mancano 200 giardinieri, (ma su questa richiesta non sono d’accordo vari politici di maggioranza e neanche CGIL – CISL – UIL; forse per i troppi raccomandati da sistemare/dividere tra partiti e sindacalisti – lo scandalo del San Giovanni insegna!).

L’unico che bisogna ringraziare perchè ha difeso la possibilità di far salire una delegazione operaia è stato Alzetta, infatti “Tarzan” una volta risolta la questione dell’incontro di ACTION con il capo di gabinetto, ha seguito la situazione da noi sottoposta a tutto il consiglio ed ha fatto la spola tra sopra e sotto riuscendo ad ottenere che salissero tutte le rappresentanze sindacali e i lavoratori.

LA LOTTA E LE MOBILITAZIONI CONTINUANO E LUNEDI’ TUTTI/E SAREMO A PIAZZA LORIA PER CONTROLLARE COSA SUCCEDE E CONTINUEREMO A RIPORTARE, COME USI, LE RICHIESTE DECISE DAI LAVORATORI E DALLE LAVORATRICI.

Dai compagni dell’Unione Sindacale Italiana

Related Link: http://www.usiait.it/
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Italia / Svizzera | Lotte sindacali | it

Mon 05 Dec, 19:31

browse text browse image

textItalia, Piacenza: omicidio di un operaio della logistica 22:22 Fri 16 Sep by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

La morte di Abdesselem El Danaf lavoratore della logistica travolto da un tir che ha forzato il presidio, a Montale (PC), davanti ad un magazzino della ditta GLS è una tragedia umana ed un fatto inaudito dal punto di vista sindacale.
Siamo in presenza dell'omicidio di un lavoratore che lottava e esercitava il diritto di sciopero.

textFrancia, Europa: bloccare tutto! 05:36 Mon 27 Jun by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments


Dopo tre mesi di mobilitazione e quindici scioperi, a cui partecipano anche i nostri militanti di Alternative Libertaire e della CGA, il movimento contro la Loi Travail non si indebolisce e le azioni continuano.

textTutto passa dalla lotta 19:02 Mon 13 Jun by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Alternativa Libertaria/FdCA partecipa al presidio genovese del 13 giugno, organizzato dal “Collettivo Noi saremo tutto” in solidarietà con i lavoratori francesi in lotta contro la loi travail.

ilvagenova.jpg imageGenova: lavoratori ILVA in lotta 03:09 Wed 27 Jan by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

A Genova, sono già scesi in piazza e scenderanno anche oggi, i lavoratori dell’ILVA.

textIl Jobs Act figlio delle linee di ristrutturazione dell'industria in Europa 22:01 Thu 05 Mar by Alternativa Libertaria / FdCA 0 comments

I recentissimi decreti applicativi del Jobs Act emanati dal governo italiano si aggiungono ad altre legislazioni anti-operaie approvate all'interno dell'Unione Europea (UE). I contratti individuali a tutele crescenti, la ridefinizione del lavoro subordinato, la flessibilità svincolata dalla contrattazione, la monetizzazione dei licenziamenti e dell'espulsione dal ciclo produttivo hanno lo scopo immediato di portare all'irrilevanza il diritto di coalizione dei lavoratori ed il ruolo dell'organizzazione sindacale dentro le fabbriche.

textGenova: Multinazionali a delinquere. Il caso Ericsson Jabil 19:15 Thu 05 Mar by Coordinamento lavoratori e lavoratrici Genova 0 comments

Le lotte e l'unità dei lavoratori sono rimaste l'unico strumento per difendere i nostri diritti.

textTrento. Solidarietà ai lavoratori della Sapes. No alle intimidazioni contro gli operai. 02:32 Wed 04 Mar by Alternativa Libertaria/FdCA 1 comments

Negli anni recenti, la gestione padronale si è contraddistinta per intimidazioni ai danni di lavoratori, lavoratrici ed esponenti sindacali, svolgendo una vera e propria azione antisindacale sia nei confronti del diritto di assemblea in fabbrica che del diritto di sciopero.

textPer l'unione della classe lavoratrice 17:47 Tue 24 Feb by Coordinamento lavoratori e lavoratrici Genova 0 comments

Un coordinamento per stringere e rafforzare i legami di fratellanza tra i lavoratori, nel quale potranno confluire i tanti lavoratori, la maggioranza, delle piccole aziende, oggi isolati da quelli delle medie e grandi imprese, e i sempre più numerosi disoccupati.

sciop.jpg image12 dicembre: lavoratori, non schiavi 14:12 Mon 08 Dec by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Oggi è in gioco la sopravvivenza della difesa collettiva dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e non solo, di fronte a scelte politiche che tentano di disarmarci per segregarci in un futuro di schiavi, impotenti a reagire alla violenza delle politiche dei padroni. Oggi in piazza dobbiamo esserci in tanti se vogliamo cambiare di segno le politiche autoritarie di una Europa che cerca il suo spazio imperialista attraverso la compressione sociale. [Português]

alfdca.jpg image14 novembre 2014 - scioperare e manifestare 14:12 Tue 11 Nov by Alternativa Libertaria/FdCA 2 comments

Non è la prima volta che succede. Non è la prima volta che il mondo del lavoro sindacalizzato intreccia la sua lotta con le realtà sociali di base che nei territori, da anni, fanno da argine e da rete solidale di conflitto contro la devastazione capitalistica dei luoghi di vita e dell'ambiente. Ma questo 14 novembre cade nel sesto anno di una crisi che non è più solo finanziaria,solo economica ed occupazionale.

more >>

textFermare il caporalato, costruire l'alternativa libertaria nelle campagne Jun 27 by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

I braccianti. Lavoratori e lavoratrice invisibili per la legge e per la società, ma che si sono resi visibili attraverso uno sciopero generale nazionale di 8 ore, occupando le vie di Bari, lo scorso 25 giugno.

textItalia: ammortizzatori sociali e "patto di servizio" Sep 10 by Donato Romito & Maurizio Galici 0 comments

Entrerà in vigore nel 2016 il decreto sugli ammortizzatori sociali che si porta dentro 2 gravi novità: niente Cassa integrazione se l'azienda chiude e introduzione del "patto di servizio", che obbliga il lavoratore ad accettare un lavoro, un piano di formazione o di reinserimento lavorativo se non vuole perdere l'integrazione salariale.

textItalia: la lotta contro la riforma della scuola Jun 17 by Donato Romito 0 comments

Quella dei lavoratori della scuola è una dimostrazione di unità, di coesione e di combattività della categoria che si sta auto-organizzando in ogni scuola per cercare di fermare il progetto autocratico in corso.

imagePer Chi Suona La Crisi Apr 21 by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Il governo Renzi risponde a quella che è una richiesta della classe padronale: ridurre i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici in nome di una sempre maggiore flessibilità del lavoro che vada di pari passo alla flessibilità del mercato.

imageAncora note sul Testo Unico sulla rappresentanza Confindustria CGIL-CISL-UIL 10/01/2014 Jan 29 by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

L'accordo è finalmente il punto di arrivo del percorso intrapreso dai padroni, che ha subito un'accellerazione dal 2009, si è servito come testa di sfondamento dell'accordo separato in FIAT con le successive fasi, fino al sostegno legislativo dello stesso accordo attraverso l'art. 8 sulle deroghe ai contratti e alle leggi in sede aziendale, attualmente in vigore.

more >>

textItalia, Piacenza: omicidio di un operaio della logistica Sep 16 0 comments

La morte di Abdesselem El Danaf lavoratore della logistica travolto da un tir che ha forzato il presidio, a Montale (PC), davanti ad un magazzino della ditta GLS è una tragedia umana ed un fatto inaudito dal punto di vista sindacale.
Siamo in presenza dell'omicidio di un lavoratore che lottava e esercitava il diritto di sciopero.

textFrancia, Europa: bloccare tutto! Jun 27 0 comments


Dopo tre mesi di mobilitazione e quindici scioperi, a cui partecipano anche i nostri militanti di Alternative Libertaire e della CGA, il movimento contro la Loi Travail non si indebolisce e le azioni continuano.

textTutto passa dalla lotta Jun 13 sezione "Nino Malara" Genova 0 comments

Alternativa Libertaria/FdCA partecipa al presidio genovese del 13 giugno, organizzato dal “Collettivo Noi saremo tutto” in solidarietà con i lavoratori francesi in lotta contro la loi travail.

textIl Jobs Act figlio delle linee di ristrutturazione dell'industria in Europa Mar 05 AL/FdCA 0 comments

I recentissimi decreti applicativi del Jobs Act emanati dal governo italiano si aggiungono ad altre legislazioni anti-operaie approvate all'interno dell'Unione Europea (UE). I contratti individuali a tutele crescenti, la ridefinizione del lavoro subordinato, la flessibilità svincolata dalla contrattazione, la monetizzazione dei licenziamenti e dell'espulsione dal ciclo produttivo hanno lo scopo immediato di portare all'irrilevanza il diritto di coalizione dei lavoratori ed il ruolo dell'organizzazione sindacale dentro le fabbriche.

textGenova: Multinazionali a delinquere. Il caso Ericsson Jabil Mar 05 0 comments

Le lotte e l'unità dei lavoratori sono rimaste l'unico strumento per difendere i nostri diritti.

more >>
© 2005-2016 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]