user preferences

New Events

Africa meridionale

no event posted in the last week

Analisi del ZACF sulle elezioni nazionali e provinciali del 2009 in Sud Africa

[English]

category africa meridionale | la sinistra | opinione / analisi author Monday May 25, 2009 21:42author by Zabalaza Anarchist Communist Front - ZACFauthor email zacf at zabalaza dot netauthor address Postnet Suite 47, Private Bag X1, Fordsburg, 2033, Sud Africa Report this post to the editors

Il testo che segue contiene un'analisi presentata da un esponente del Zabalaza Anarchist Communist Front (ZACF) al 'Seminario sui risultati elettorali del 2009' organizzato dal Khanya College a Johannesburg, domenica 10 maggio 2009. Il tema del seminario era "Qual'è il significato delle elezioni del 2009 per la classe lavoratrice in Sud Africa?". [English]


Analisi sulle elezioni nazionali e provinciali del 2009 in Sud Africa

Zabalaza Anarchist Communist Front

 

Il testo che segue contiene un'analisi presentata da un esponente del Zabalaza Anarchist Communist Front (ZACF) al 'Seminario sui risultati elettorali del 2009' organizzato dal Khanya College a Johannesburg, domenica 10 maggio 2009. Il tema del seminario era "Qual'è il significato delle elezioni del 2009 per la classe lavoratrice in Sud Africa?".

I relatori parlavano a nome delle seguenti organizzazioni presenti: Bolshevik Study Circles & Che Guevara Film Club, Zabalaza Anarchist Communist Front (ZACF), General Industries Workers Union of South Africa (GIWUSA), Soweto Concerned Residents (S.C.R–A.P.F), NKUZI – Fieldworker of Farmworkers' Programme and Kathorus Concerned Residents (KCR)

Va rilevato che – a causa dei tempi ristretti per la presentazione – quella che segue non è un'analisi completa delle elezioni del 2009, e su cosa possa significare la vittoria dell'ANC e l'amministrazione Zuma per i poveri e per i lavoratori del paese. Questo contributo serve solo a mettere in evidenza alcuni fra i temi che noi riteniamo saranno rilevanti nell'immediato futuro.


Analisi del ZACF sulle elezioni nazionali e provinciali del 2009 in Sud Africa

Maggio 2009

Ne abbiamo sentite di tutti i colori su Zuma. Zuma è un grande, oppure Zuma è terribile. Un eroe oppure un criminale. Un socialista oppure un "moderato". Sembra che le elezioni siano state tutte per Zuma, Zille [1] e forse poche altre personalità di spicco.

Posto che si tratti davvero di un'elezione decisiva, per discutere del suo significato per i poveri ed i lavoratori, dobbiamo discuterne in termini di personalità di spicco. Come è successo non solo sui media: ma è quanto ne pensava le gente comune già anni prima della scadenza elettorale.

Basta guardare al ruolo del Cosatu (2), la più grande organizzazione dei lavoratori nel paese. L'appoggio del Cosatu a Zuma mostra chiaramente le grandi difficoltà ideologiche della sua leadership. Dopo la sua vittoria a Polokwane (3) Zuma ha, di volta in volta, assicurato la classe capitalista internazionale che la politica economica non sarebbe cambiata sotto la sua amministrazione, e che il paese – sotto la direzione di un governo dell'ANC (4) a guida Zuma – avrebbe continuato l'impegno a favore delle politiche neoliberiste del governo precedente. Nonostante i media capitalisti abbiano rappresentato Zuma come un socialista, da cui l'accettazione al buio della sua candidatura da parte del Cosatu e del SACP (5), Zuma è un capitalista neoliberista a tutto tondo. All'indomani della vittoria elettorale dell'ANC e della caduta delle accuse (6) contro Zuma, le quotazioni del Rand si sono rafforzate. Questo mostra come gli sforzi di Zuma per rassicurare i capitalisti globali sul fatto che l'economia non sarebbe cambiata sotto la sua direzione, non sono stati vani; la classe dominante internazionale non vede in Zuma un socialista, ma niente altro che un neoliberista. Il che conferma ancora una volta la bancarotta ideologica dei dirigenti del Cosatu e del SACP; i quali ormai non hanno più un'idea di cosa sia il socialismo e di cosa significhi essere socialisti.

Infatti secondo le analisi idealistiche ed individualiste degli alleati dell'ANC, una volta sostituito il presidente uscente Thabo Mbeki col meno autocratico Jacob Zuma, ci dovrebbero essere maggiori opportunità per i dirigenti del Cosatu e del SACP di influenzare il processo decisionale del governo e di poter mettere bocca sulle questioni politiche. Come ha detto Zuma durante il suo discorso inaugurale, si tratta di un "momento di rinnovamento". Per i vincitori del dopo-Polokwane, che ora si stanno mettendo in fila per saccheggiare le casse dello Stato, non è rilevante che gli scopi borghesi e capitalisti dell'ANC risalgano senza dubbio alla sua fondazione del 1912 e da allora non sono mai mutati, fatta eccezione per la sua svolta neoliberista, dato che il neoliberismo è la forma dominante del capitalismo dei giorni nostri. Ed anche questo non è successo a partire dal 1996: il RDP (7) era già pieno di elementi neoliberisti. Ed il passo verso il neoliberismo venne sostenuto dall'intera dirigenza dell'ANC, fra cui spiccava la figura di Zuma.

Perciò, cosa significa che, innanzi tutto, queste elezioni si sono giocate sul terreno delle grandi personalità invece che sul terreno delle scelte politiche e, in secondo luogo, che Jacob Zuma sia emerso come il vincitore?

Il fatto che queste elezioni siano state gestite soprattutto tra le personalità politiche dimostra quanto tenui siano le differenze politiche tra i vari partiti in lizza ed in particolare tra i partiti più grandi. Tutti i partiti in gara rappresentano gli stessi interessi di classe dell'ANC, ed è dunque futile fare campagne sui temi politici quando la politica di un partito è abbastanza simile a quella del suo vicino. Tutti e ciascuno dei partiti maggiori, come pure la maggioranza dei partiti più piccoli ed insignificanti – che ora stanno per scomparire – sostengono il GEAR (8) e le politiche neoliberiste attualmente in corso. Qualcuno, come la DA, vorrebbe privatizzazioni più veloci e così via, ma nessuno si sogna di mettersi contro il capitalismo.

Eppure una grande parte della classe lavoratrice si è fatta prendere da questa idea che Zuma cambierà le cose. Perché lui è più vicino alle gente ed ha i piedi per terra più di Mbeki, la gente vuole pensare che Zuma farà le cose in modo diverso, in un modo che farà la differenza. Ma noi sappiamo che non sono queste le sue intenzioni; e probabilmente non potrebbe anche se volesse.

L'economia globale si trova ora nella sua peggiore crisi dagli anni '30. Milioni di posti di lavoro sono andati perduti in tutto il mondo, fra cui le centinaia di migliaia in Sud Africa, e ci si aspetta ancora moltissimi ridimensionamenti di aziende o riduzioni nelle ore di lavoro e nei stipendi. L'amministrazione Zuma non ha avuto fortuna nell'andare al potere in un periodo in cui, a causa della crisi, sarà molto difficile destreggiarsi. Le banche e le corporazioni stanno cercando di recuperare il denaro perduto o di mantenere i livelli di profitto, il che significa maggiore sfruttamento per i lavoratori. Allo stesso modo gli Stati stanno tagliando la spesa sociale, con conseguente riduzione dell'erogazione dei servizi. La crisi economica renderà difficile per Zuma mantenere le sue promesse – ammesso che volesse veramente farlo – ma gli servirà anche come giustificazione. Alla fine del suo mandato, potrà dire che è stata tutta colpa della crisi economica, che è al di fuori del controllo della sua amministrazione, e che gli ha impedito di raggiungere i suoi obiettivi; e convincerà l'elettorato a dargli un altro voto per la presidenza per riprovarci ancora. Nel frattempo sono i poveri e la classe lavoratrice che stanno pagando per la crisi dei padroni, con forti ricadute sul lavoro e sulle condizioni di vita.

In questo contesto, una delle prime cose che ci si aspetta dall'amministrazione Zuma è che punterà sui mondiali di calcio del 2010 come mai finora. Faranno un sacco di demagogia sui posti di lavoro che si stanno creando e di quanto bene faranno all'economia. I lavoratori saranno impegnati a tempo pieno ed in condizioni rischiose per la sicurezza per assicurare che gli stadi saranno completati nei tempi previsti, e poi? Migliaia di turisti verranno da oltreoceano per vedere giocare i Bafana Bafana (9) ed essere eliminati al primo turno; poi tutti se ne torneranno a casa e tutti i posti di lavoro creati non serviranno più. Il governo nel frattempo avrà speso miliardi di rand per una Coppa del mondo che dura poche settimane, anziché investire nella creazione di lavoro sostenibile e nell'erogazione di servizi sociali. Dobbiamo lavorare per denunciare queste cose e tra l'altro per far sì che vengano stabilizzati i posti di lavoro creati per il 2010, il che comporta la costruzione di un movimento militante nella classe lavoratrice.

La campagna che ha messo in contrapposizione Zuma a Mbeki ha fatto fare dei passi indietro alla militanza all'interno della classe lavoratrice, i giovani – tra gli altri – ingannati dalla pseudo-militanza di personaggi come Julius Malema (10), come molta gente che ha associato la mancanza di servizi a carenze dell'amministrazione Mbeki, hanno fatto la campagna per farlo fuori e per portare Zuma al potere. Persino i movimenti sociali si sono persi nel sostegno al culto di Zuma, che è servito ad espropriare e ad ammansire la militanza di classe tra i lavoratori per trascinare la gente nella battaglia tra le personalità invece che sulle lotte collettive e quotidiane per una vita migliore.

Quando sarà chiaro per tutti che Zuma e la sua amministrazione non sono la soluzione, e che loro nei fatti non sono in grado né vogliono cambiare le cose, speriamo che ci sia una ripresa di militanza di classe tra i lavoratori, e speriamo che sarà genuina coscienza di classe e militanza rivoluzionaria.

Ma intanto quanta gente comune vedrà la propria vita colpita dalle avversità delle politiche economiche neoliberiste e dall'atteggiamento sciovinista della amministrazione Zuma, che nel frattempo si sarà dimostrata incapace di garantire una vita migliore per tutti? Quanti lavoratori intanto perderanno il loro posto di lavoro a causa della crisi economica; quanti altri omosessuali ed immigrati verranno uccisi; e quante altre donne violentate?

Noi sappiamo che Zuma è uno sciovinista, un patriarca neoliberista, e la sua ascesa al potere non porterà niente di buono per le donne, per gli immigrati, per gli omosessuali e per la classe lavoratrice in generale.

Bisogna fare della richieste chiare alla amministrazione Zuma, specialmente alla luce dell'attuale crisi economica. Dobbiamo chiedergli di mettere fine ai ridimensionamenti delle aziende, dobbiamo sostenere organizzazioni sindacali come il Cosatu quando gli faranno le stesse richieste; sebbene noi siamo anche dell'avviso che i sindacati abbiano bisogno di strategie e tattiche molto più conflittuali per sostenere queste richieste.

Occorre continuare a cercare di costruire i movimenti sociali facendo campagne per l'erogazione dei servizi, per tenere il governo sotto controllo e per fare pressione su Zuma perché mantenga le sue promesse. Dobbiamo lavorare per denunciare il carattere omofobico, sessista, antioperaio ed antipopolare della nuova amministrazione.

I movimenti sociali, come l'intera classe lavoratrice, hanno preso una batosta nel credere che un individuo al potere, un leader, potesse cambiare le cose a loro favore. Il culto della personalità, come quello che circonda la figura di Zuma esiste anche all'interno dei movimenti sociali, ed è necessario opporvisi. E' ideologia della classe dominante, degli opportunisti e degli autoritari quella che crede che un singolo leader – o un gruppo di dirigenti – possa migliorare le condizioni della classe lavoratrice e dei poveri. Il culto della personalità e del ceto dirigente viene costruito allo scopo di tenere il popolo lontano dalla gestione diretta delle cose che lo riguardano, lontano dalle lotte collettive e dalla azione diretta di massa. E questo è esattamente ciò che queste elezioni, e tutte le altre elezioni, cercano di fare: tenere il popolo lontano dalla lotta collettiva, persuadendolo che, mettendo una croce su un pezzo di carta ogni 5 anni, votando per un partito o per una personalità, si contribuisce alla vita politica del paese ed al miglioramento di classe.

Noi anarchici abbiamo sempre respinto questa ideologia della classe dominante, perché sappiamo che l'emancipazione della classe operaia non dipende dal voto per gente che governerà in nostro nome, sia a livello nazionale che locale. L'emancipazione del popolo viene dall'autogestione e dalla azione diretta di massa della classe in lotta. Solo la classe lavoratrice può liberare se stessa.

Quasi tutta l'anima militante dei movimenti sociali in Sud Africa ha preso una posizione per il boicottaggio rispetto alle recenti elezioni. Crediamo sia questa la posizione corretta, l'abbiamo fortemente sostenuta e continueremo a farlo in vista delle elezioni locali del 2011.

Il nostro compito è ora soprattutto intervenire contro le politiche antioperaie ed antipopolari che farà l'amministrazione Zuma, spingere per l'azione diretta in contrapposizione all'elettoralismo ed alla collaborazione di classe, sostenere tutte le richieste ed i movimenti progressisti ed impegnarsi decisamente nella costruzione dei movimenti sociali e di un sindacalismo indipendente.

Presto o tardi il popolo vedrà che Zuma li ha ingannati. Mettendo a nudo le contraddizioni tra ciò che Zuma dice di voler fare per la classe lavoratrice e per i poveri e ciò che Zuma dice e fa per la classe dominante, possiamo accelerare questo processo. Occorre lavorare ora per rafforzare i movimenti sociali, i sindacati indipendenti attraverso l'azione diretta allo scopo di fornire un polo di attrazione per i militanti di classe tra i lavoratori, affinché quando la luna di miele con Zuma prima o poi finirà, questi militanti non siano riportati ad un approccio riformista o verso il sostegno ad un partito politico o ancora nel culto della personalità, ma verso una direzione più pericolosa.

Né Zuma, né Zille, né nessun altro può liberare i poveri e la classe lavoratrice. Siamo noi che dobbiamo farlo.

 

ZACF - Zabalaza Anarchist Communist Front - Sud Africa

Traduzione a cura della FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali


Note del traduttore:

1. Helen Zille, leader della Democratic Alliance (DA - Alleanza Democratica, partito centrista) ed oppositrice di Zuma.

2>. Congress of South African Trade Unions. Affiliato alla CIS.

3. Capoluogo della provincia di Limpopo, dove Zuma ha ottenuto la candidatura nel congresso dell'ANC.

4. African National Congress, il partito di Nelson Mandela.

5. South African Communist Party. Il Partito Comunista Sudafricano fa parte della triplice alleanza insieme all'ANC e al Cosatu.

6. Zuma era stato accusato di corruzione e frode, accuse archiviate con sentenza dell'ufficio del procuratore nazionale nell'aprile del 2009.

7. Reconstruction and Development Program, programma di politiche per lo sviluppo sociale ed economico, introdotto dal governo Mandela nel 1994.

8. Growth, Employment and Redistribution, patto concertativo tra governo e sindacati 1996-1998.

9. "I ragazzi", in lingua zulù, ma anche "gli uomini" in lingua xhosa, nomignolo dato alla nazionale di calcio sudafricana.

10. Presidente dei giovani dell'ANC.



Related Link: http://www.zabalaza.net/
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Issue #3 of the Newsletter of the Tokologo African Anarchist Collective

Front page

Elementos da Conjuntura Eleitoral 2014

The experiment of West Kurdistan (Syrian Kurdistan) has proved that people can make changes

[Chile] EL FTEM promueve una serie de “jornadas de debate sindical”

Ukraine: Interview with a Donetsk anarchist

The present confrontation between the Zionist settler colonialist project in Palestine and the indigenous working people

Prisões e mais criminalização marcam o final da Copa do Mundo no Brasil

An Anarchist Response to a Trotskyist Attack: Review of “An Introduction to Marxism and Anarchism” by Alan Woods (2011)

هەڵوێستی سەربەخۆی جەماوەر لە نێوان داعش و &

Contra a Copa e a Repressão: Somente a Luta e Organização!

Nota Pública de soldariedade e denúncia

Üzüntümüz Öfkemizin Tohumudur

Uruguay, ante la represión y el abuso policial

To vote or not to vote: Should it be a question?

Mayday: Building A New Workers Movement

Anarchist and international solidarity against Russian State repression

Argentina: Atentado y Amenazas contra militantes sociales de la FOB en Rosario, Santa Fe

Réponses anarchistes à la crise écologique

50 оттенков коричневого

A verdadeira face da violência!

The Battle for Burgos

Face à l’antisémitisme, pour l’autodéfense

Reflexiones en torno a los libertarios en Chile y la participación electoral

Mandela, the ANC and the 1994 Breakthrough: Anarchist / syndicalist reflections

Melissa Sepúlveda "Uno de los desafíos más importantes es mostrarnos como una alternativa real"

Africa meridionale | La Sinistra | it

Tue 23 Sep, 16:19

browse text browse image

textSolidarietà con il Cosatu e tutti i lavoratori del mondo 21:35 Mon 19 May by Zabalaza Anarchist Communist Front 0 comments

Lo Zabalaza Anarchist Communist Front (ZACF) riconosce che la crisi nello Zimbabwe, i continui attacchi xenofobi e l'aumento dei prezzi dei beni alimentari sono fatti di grande importanza per la classe lavoratrice, sia in Sud Africa che a livello internazionale. La risoluzione di queste crisi congiunte in favore dei poveri e dei lavoratori richiede un'azione diretta di massa e solidarietà. [ English ]

Sorry, no stories matched your search, maybe try again with different settings.

textSolidarietà con il Cosatu e tutti i lavoratori del mondo May 19 ZACF 0 comments

Lo Zabalaza Anarchist Communist Front (ZACF) riconosce che la crisi nello Zimbabwe, i continui attacchi xenofobi e l'aumento dei prezzi dei beni alimentari sono fatti di grande importanza per la classe lavoratrice, sia in Sud Africa che a livello internazionale. La risoluzione di queste crisi congiunte in favore dei poveri e dei lavoratori richiede un'azione diretta di massa e solidarietà. [ English ]

© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]