user preferences

New Events

Irlanda / Gran Bretagna

no event posted in the last week

Documento di strategia politica: Industria

category irlanda / gran bretagna | lotte sindacali | documento politico author Friday April 17, 2009 18:58author by Liberty & Solidarity - L&S Report this post to the editors

Liberty & Solidarity crede in un approccio basato sul delegato di base. Il movimento dei delegati di base del passato aveva un grande potere catalizzatore per il sindacalismo conflittuale. Organizzare i delegati di base e costruire sezioni sindacali conflittuali in generale, aiuta a prefigurare il tipo di sindacalismo conflittuale di base che noi vorremmo anticipasse i futuri consigli dei lavoratori o dei delegati. [English]


Documento di strategia politica:
Industria


Liberty & Solidarity sostiene la costruzione di organismi di base sul posto di lavoro fatti di iscritti militanti.

Sindacalismo industriale

I sindacati sono più forti quando si organizzano lungo tutta la filiera produttiva, dall'estrazione alla manifattura alla distribuzione.
  • Liberty & Solidarity perciò incoraggia e sostiene il sindacalismo industriale. Lo ritiene essenziale per gli organismi di base sul posto di lavoro.
Ci sono due sindacati nell'industria esistenti nel Regno Unito (la National Union of Rail, Maritime and Transport Workers/RMT e Unite-the Union), ed uno in prospettiva (IWW), tutti hanno una certa debolezza strutturale, ma va detto che i primi due vincono con una certa frequenza le vertenze industriali, una cosa rara nel Regno Unito oggi come oggi. RMT in particolare inculca una cultura di coscienza di classe tra i suoi iscritti.
  • Liberty & Solidarity ritiene che i sindacati dovrebbero propugnare la coscienza di classe tra i loro iscritti e cercare di incoraggiare questo processo.
Quella del One Big Union (un solo grande sindacato, ndr) era una concezione diffusa tra i sindacalisti della classe operaia tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX secolo. L'idea era che tutti i lavoratori si sarebbero organizzati in un unico sindacato: un solo grande sindacato.

Quando si costituirono i sindacati della classe operaia, erano inizialmente organizzati sulla base di mestiere. Organizzarono i lavoratori in base alla tipologia lavorativa: tutti quelli che facevano la punta agli spilli in un sindacato, quelli che appiattivano gli spilli in un altro. I capitalisti potevano spesso dividere i sindacalisti di mestiere e di settore lungo queste linee di vertenze separate. Quando le imprese capitalistiche e la burocrazia statale divennero più concentrate e più ampie, alcuni lavoratori si resero conto che anche le strutture del sindacato dovevano adeguarsi in ampiezza. Un simultaneo disincanto derivato dalla percezione della debolezza dei sindacati di mestiere portò molti sindacati ad organizzarsi secondo una linea industriale.

Ci furono iniziative per fare il One Big Union in tutto il mondo. Il più notevole fu il tentativo degli Industrial Workers of the World (IWW, detti anche Wobblies) di organizzare il One Big Union negli Stati Uniti, in Canada, in Australia, e in altri paesi. L'IWW promosse lo sciopero generale quale metodo privilegiato per i lavoratori al fine di conquistare il controllo delle industrie.

Anche se in linea generale non riuscirono i tentativi di organizzare il One Big Union su linee militanti e rivoluzionarie, tuttavia i sindacati che ci riuscirono come l'IWW o la Confederación Nacional del Trabajo (CNT) in Spagna hanno poi avuto una grande influenza sul movimento operaio.

One Big Union

Il Capitale è transnazionale. I telefoni cellulari richiedono dei minerali estatti in Africa centrale, la loro trasformazione in Scandinavia o in estremo oriente, il dettaglio e la fornitura ed il management nel Regno Unito. I pomodori che mangiamo spesso vengono dalla Spagna. Il cibo che mangiamo viene spesso lavorato e confezionato nell'estremo oriente e così via. Questa è l'economia globale.

Se come classe vogliamo controllare la fornitura, la manifattura e la distribuzione dei prodotti, allora abbiamo bisogno di una organizzazione di massa dei lavoratori che operi a livello transnazionale. In settori chiave dell'economia questo aspetto è sempre più importante. Il successo di un'organizzazione popolare sta nella sua capacità di organizzare ed assicurare il controllo del cibo, dell'energia, delle necessità di base e dei beni prodotti.

  • Liberty & Solidarity appoggerà tutti i tentativi di internazionalizzare la tipologia del sindacalismo industriale conflittuale che noi sosteniamo.

Sindacalismo di Base

Liberty & Solidarity crede in un approccio basato sul delegato di base. Il movimento dei delegati di base [shop stewards] del passato aveva un grande potere catalizzatore per il sindacalismo conflittuale. Organizzare i delegati di base e costruire sezioni sindacali conflittuali in generale, aiuta a prefigurare il tipo di sindacalismo conflittuale di base che noi vorremmo anticipasse i futuri consigli dei lavoratori o dei delegati.

Al presente in molti posti di lavoro c'è già una presenza sindacale o una contrattazione collettiva. Ecco perché nei posti di lavoro in Gran Bretagna ha senso utilizzare le preesistenti strutture dei sindacati di mestiere o di categoria per costruire forti sezioni sindacali e per costruire un tipo di sindacalismo di base, strutturato sullo sviluppo del movimento dei delegati di base e sul coinvolgimento degli iscritti militanti nelle strutture della loro sezione sindacale locale, senza curarsi della posizione della burocrazia sindacale ufficiale, per partecipare alle trattative sulla contrattazione collettiva di qualsiasi sindacato.

  • Liberty & Solidarity perciò incoraggia tutti i militanti a diventare delegati di base.
  • Liberty & Solidarity perciò incoraggia tutti i militanti a costruire le proprie sezioni sindacali locali che partecipino ad una eventuale trattativa di contrattazione collettiva.

L'IWW

Ufficialmente l'IWW mantiene come sua missione e ragione d'esistenza quella di un sindacalismo d'industria anti-settario. In pratica comunque si tratta di una organizzazione molto piccola che non ha una forza economica significativa al presente. Mantiene comunque una certa presa tra i sindacalisti e sulla sinistra per le sue posizioni ufficiali e per la sua storia, sta crescendo rapidamente ed è sotto il controllo diretto dei suoi iscritti. Nel Regno Unito ha un atteggiamento pragmatico, dicendosi a favore della doppia tessera sindacale.

Questo tipo di pragmatismo potrebbe portare alla capacità di una significativa forza in proiezione sia dentro che fuori i sindacati.

Mentre l'IWW cerca di incoraggiare i delegati conflittuali, ed il necessario tipo di sindacalismo conflittuale di base, noi riteniamo - come strategia - che l'IWW abbia qualcosa di importante da offrire alla lotta di classe, come alternativa di base di iscritti militanti rispetto ad altre iniziative più politicamente composite o rispetto ad iniziative settarie. Al presente notiamo che l'IWW è aperto ad iniziative del più ampio movimento operaio come la Rete Nazionale dei Delegati di Base (National Shop Stewards Network - NSSN), che a sua volta persegue il tipo di sindacato che noi riteniamo necessario.

  • Liberty & Solidarity perciò incoraggia tutti i militanti ad entrare nell'IWW, e dove possibile a partecipare ad iniziative quali quella della NSSN, che passano attraverso i confini dei singoli sindacati e puntano su un sindacalismo della base.


Traduzione a cura di FdCA-Ufficio relazioni internazionali

Related Link: http://libertyandsolidarity.org
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Issue #3 of the Newsletter of the Tokologo African Anarchist Collective

Irlanda / Gran Bretagna | Lotte sindacali | it

Mon 20 Oct, 21:07

browse text browse image

Sorry, no stories matched your search, maybe try again with different settings.

imageAccordo sindacale in Irlanda: di cosa si tratta e come combatterlo Mar 04 by Mark Hoskins 0 comments

I dirigenti sindacali irlandesi hanno siglato un accordo per un programma di austerity che riguarda i lavoratori del settore pubblico.Il WSM sta contestando questo accordo. In questo articolo dettagli sull'accordo e sulle nostre contestazioni a questo attacco ai lavoratori. [English]

textLa realtà dei sindacati irlandesi dopo l’accordo di Croke Park Aug 03 by Gregor Kerr 0 comments

A metà giugno si è fatta la conta dei voti. Gli organismi dirigenti del sindacato dei Servizi Pubblici dell’Irish Trade Union Congress hanno accettato “l’accordo di Croke Park”. Il “partneriato sociale”, che si pensava morto e sepolto quando nel dicembre 2009 il governo aveva imposto unilateralmente il taglio agli stipendi nel pubblico impiego, sembra essere resuscitata a nuova vita.

imageIrlanda: La linea del fronte è tracciata May 25 by D. Freeman 0 comments

Dobbiamo respingere questo accordo, che è peggiore dello statu quo. E' talmente brutto che addirittura gli esecutivi di alcuni sindacati hanno intimato ai loro delegati al negoziato di non firmare nessun accordo.

Sorry, no press releases matched your search, maybe try again with different settings.
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]