user preferences

Ci sono anche le mani insanguinate dell'Europa sulla strage di Gaza

category mashrek / arabia / irak | imperialismo / guerra | comunicato stampa author Saturday January 03, 2009 21:29author by Federazione dei Comunisti Anarchici - FdCA Report this post to the editors

Comunicato internazionale comunista anarchico

Continueremo ad appoggiare le lotte e gli atti di solidarietÓ nei confronti del popolo palestinese, sostenendo tutte quelle manifestazioni in embrione di auto-determinazione che hanno e che stanno caratterizzando la lotta di interi villaggi della Palestina... [English][Franšais] [Ελληνικά][Castellano] [Nederlands] [العربية]

300_0___20_0_0_0_0_0_27_12_jaffa_4.jpg


Ci sono anche le mani insanguinate dell'Europa sulla strage di Gaza


Centinaia di morti e migliaia di feriti sacrificati sull'altare dell'espansionismo sionista e del fondamentalismo.

In Europa i ministri degli esteri di tutti i paesi dell'Unione parlano di una reazione "esagerata" anche se "legittima" di Israele, ribaltando con un operazione degna dei pi¨ cinici prestigiatori la situazione reale facendo passare l'aggressore Stato di Israele per vittima.

Si continua a far finta di dimenticare che Gaza, una delle regioni pi¨ densamente abitate con circa un milione e mezzo di abitanti, di cui una buona metÓ composta da minori, Ŕ sottoposta da anni ad un embargo totale, compresi medicinali ed ogni bene di prima necessitÓ. Embargo peraltro sostenuto da tutto il "civile" mondo occidentale e imposto da Israele e dall'intero occidente a Gaza in seguito alle elezioni vinte da Hamas grazie ad un sistema elettorale maggioritario con premio. Cosi come si fa finta di dimenticare che Hamas Ŕ stata in passato finanziata da Israele in chiave anti OLP.

E nonostante una tregua di 6 mesi l'embargo non Ŕ stato minimamente alleggerito e nessuno dei potenti occidentali ha nemmeno timidamente suggerito di allentarlo.

Lo Stato di Israele ha ripreso la sua strategia di controllo militare e vitale su Gaza e sulla Cisgiordania. In tutti gli inutili ed ipocriti proclami di volontÓ di pace europei si omette sistematicamente che Israele da 60 anni viola indisturbato innumerevoli risoluzioni dell'ONU e che continua ad occupare militarmente territori, con le colonie israeliane che si allargano giorno per giorno sulla terra dei palestinesi, costruendo muri che segregano villaggi interi, che continua a impedire a milioni di profughi di tornare nella loro terra, a sradicare uliveti e uccidere gli animali dei pastori, a umiliare quotidianamente chi tenta di passare da una parte all'altra dei muri della segregazione per lavorare, curarsi, andare a scuola.

Anzi si fa di pi¨: si nasconde che la tregua Ŕ stata rotta dallo Stato israeliano il 4 novembre di quest' anno, quando il suo esercito ha ucciso un militante di Hamas di 22 anni.

Ma perchÚ, al di la dei falsi ed ipocriti proclami pacifisti, questo appoggio incondizionato ad uno Stato cosý aggressivo e guerrafondaio da parte praticamente di tutte le maggiori potenze occidentali?

Gli USA si sa. Oltre all'importante alleanza strategico-territoriale che Israele rappresenta nell'area mediorientale per l'imperialismo americano, devono fare i conti con la forte lobby pro-Israele d'oltre Oceano, capace di influenzare pesantemente le scelte della politica estera statunitense. E quello che succede oggi sembra un chiaro avvertimento al neopresidente Obama. L'Europa, ritrovando in parte quell'unitÓ d'intenti per le politiche d'oltre confine, si giocherÓ probabilmente la carta della diplomazia attiva, per rafforzare quel ruolo mediterraneo mai abbandonato e per ribadire agli USA che non possono fare da soli nel "mare nostrum".

E poi ci sono gli affari fatti con la vendita delle armi, e si sa che in questo gli Stati sono sempre pronti a nascondere con la scusa del "segreto di Stato" ed ad appoggiare le commesse delle industrie che producono armamenti e sistemi di supporto. Anzi in questo le industrie sono molto bipartisan, non disdegnando di vendere anche agli opposti contendenti, l'importante che abbiano i soldi per comprarle.

Ad esempio l'Italia, oltre ad essere uno dei migliori fornitori di armi dell'Iran o del Libano, fornisce da anni armamentario tecnologico per l'esercito israeliano, attraverso le commesse di imprese come la OTO-MELARA, la BERETTA, la BORLETTI, la SELENIA. Ma gli altri compari europei non sono da meno.

Inoltre la Palestina, risulta essere cinicamente un ottimo terreno di sperimentazione delle nuove tecnologie di morte, sempre pi¨ specializzatesi negli scenari di "guerra urbana", a cui tutte le industrie d'armi sono interessate, nessuna esclusa, da quelle statunitensi e israeliane, a quelle inglesi, francesi, tedesche, italiane, ecc. ecc.

E cosý da anni in questa terra martoriata, dove uomini, donne e bambini sembrano non avere pi¨ futuro, schiacciati nella morsa dei giochi di guerra dei potenti, si sperimentano nuovi armamenti, dalle bombe a grappolo, ai proiettili di uranio impoverito; si studia l'efficacia degli UAV ( gli aerei senza pilota), in grado di lanciare micidiali missili teleguidati, si sperimentano i carri armati Achzarit, capaci di resistere alle mine terrestri, si testano i blindati Namer equipaggiati con i motori della statunitense Continental Motors o della tedesca MTU, si verificano l'efficacia di sistemi d'avanguardia come le italianissime protezioni aggiuntive e le torrette telecomandate montate sulle autoblinde Puma, si testano i fantastici sistemi da guerra robotica dell'Alenia, come lo Sky-X, primo sistema al mondo in grado di rifornire in volo un velivolo non pilotato.

Tutto ci˛ sulle spalle di un popolo da sempre utilizzato nelle contese tra Stati e non solo, usato anche cinicamente negli scontri politici tra le fazioni interne ad un medesimo Stato, come nel caso delle vicende politiche israeliane che registrano uno scontro elettorale sia all'interno della compagine governativa, tra il "falco" Kadima, fautore di azioni estreme, come l'evacuazione della striscia proposta dal deputato Yisrael Hasson, e le colombe laburiste, favorevoli a misure pi¨ moderate, che tra Kadima ed i superfalchi di Likud, sempre pi¨ spostati verso posizioni ultra oltranziste.

Certo non Ŕ che ci aspettiamo che gli Stati arabi e/o islamici facciano qualcosa, divisi come sono, o intenti a rafforzare il loro prestigio e la loro influenza nell'area, anche loro sulla pelle del popolo palestinese. Come da tempo fa l'Iran che utilizza la tragedia palestinese, pubblicizzandosi come unico baluardo nei confronti dell'odiato imperialismo americano, per porsi come potenza emergente nell'area.

Ma al di lÓ delle congetture politiche internazionali la situazione della popolazione palestinese appare oggi con poche prospettive di raggiungere una soluzione che rispecchi la possibilitÓ di una vita minimamente dignitosa sia dal punto di vista della sicurezza sociale che della garanzia del rispetto dei diritti minimi di sopravvivenza.

Forse oggi l'unica garanzia che il popolo palestinese possa avere, il pi¨ velocemente possibile, un minimo di respiro e di pace Ŕ che i predoni di ogni grandezza e provenienza, che si accalcano fisicamente o idealmente ai suoi confini o che speculano politicamente all'interno degli stessi, raggiungano un nuovo precario equilibrio.

Le uniche prospettive di reale emancipazione che possiamo intravedere in un futuro prossimo Ŕ che si accrescano e si estendano quelle pratiche di auto-organizzazione portate avanti in molti villaggi palestinesi, sorte dalla solidarietÓ tra i comitati popolari palestinesi e organizzazioni come gli Anarchici Contro il Muro, al cui interno operano internazionalisti provenienti da tutto il mondo e israeliani antisionisti, che costantemente combattono, con pratiche prevalentemente di resistenza pacifica, l'arroganza dei coloni israeliani e dell'esercito che li appoggia. E non Ŕ un caso che Ŕ proprio in questi villaggi che Ŕ stata scelta un'altra strada rispetto al militarismo di Hamas.

Noi come anarchici e libertari di classe continueremo a denunciare il colonialismo sionista, cosý come denunciamo tutti gli imperialismi ed i fondamentalismi oppressori della libertÓ e della dignitÓ dei popoli. Continueremo a denunciare che intere schiere del proletariato mondiale soffrono l'oppressione e la miseria a causa degli scontri inter-imperialisti e dei cinici giochi politici dei potentati oligarchici locali, che divengono a loro volta pedine consapevoli o inconsapevoli nello scacchiere internazionale della contesa imperialista, sporco del sangue del proletariato.

Continueremo ad appoggiare le lotte e gli atti di solidarietÓ nei confronti del popolo palestinese, sostenendo tutte quelle manifestazioni in embrione di auto-determinazione che hanno e che stanno caratterizzando la lotta di interi villaggi della Palestina, convinti che sarÓ solo liberandosi dalla malefica influenza di qualsiasi oligarchia statale o parastatale che i lavoratori e le lavoratrici potranno conquistare terreno verso una vita pi¨ dignitosa.

2 gennaio 2009

Federazione dei Comunisti Anarchici (Italia)
Zabalaza Anarchist Communist Front (Sudafrica)
Common Cause (Ontario, Canada)
Militanti di Anarchists Against the Wall (Israele)
Alternative Libertaire (Francia)
Anarchistische Gruppe Solidaritńt von Unten (Germania)

Related Link: http://www.anarkismo.net
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Maĺan workers union)

Front page

Where to now, Zimbabwe? Beyond the ôgoodö charismatic pastor.

Contre la loi Travail: le bras de fer continue

Announcement of Nationally Coordinated Prisoner Workstoppage for Sept 9, 2016

OpiniŃo da CAB diante a atual conjuntura Brasileira

┐Habemus pacem? Los desafÝos en el trßnsito de La Habana a Colombia

Italia - terremoto

Inside the Zimbabwean Uprising

La experiencia de Mujeres Libres: 80 a˝os del surgimiento del feminismo anarquista organizado

Con Lucha Y Organizaciˇn Fortalecemos La Resistencia

Algunas reflexiones en torno al poder y la institucionalidad a 80 a˝os de la Revoluciˇn Espa˝ola

80 aniversari de la insurrecciˇ obrera i popular i de la revoluciˇ social

80 anni fa la rivoluzione comunista libertaria in Spagna

De los comitÚs de defensa al anßlisis de los ˇrganos de poder

The Coup in Turkey: Tyranny against tyranny does not make freedom

Greve, Piquete, Marcha e OcupašŃo! Educadores e Estudantes unidos pela EducašŃo!

Making sense of the Brexit tide of reaction and the reality of the racist vote

[Colombia] Ante el acuerdo de cese al fuego bilateral y definitivo entre el gobierno colombiano y las FARC-EP

Coyuntura PolÝtica en Venezuela: Crisis, Tendencias y el DesafÝo de la Independencia de Clase

Orlando means fightback

Palestinian workers in Israel: between scylla and charybdis

A Socialist On City Council: A Look At The Career Of Kshama Sawant

╔largir la lutte et gÚnÚraliser la grŔve pour gagner

Carta de FundašŃo OAZ

[Colombia] Documento de Formaciˇn: Anßlisis de Coyuntura 2015-2016

Mashrek / Arabia / Irak | Imperialismo / Guerra | Comunicato stampa | it

Mon 26 Sep, 01:28

browse text browse image

rojava_1.png imageComunicato internazionale socialista-libertario in solidarietÓ con la resistenza curda 14:02 Tue 21 Oct by Anarchist Organisations and Militants 0 comments

Da alcuni anni il movimento curdo sta vivendo un processo che si muove in direzione libertaria. Sebbene non si tratti di un movimento anarchico, questo processo indica che le idee anarchiche di libertÓ ed uguaglianza attraverso la solidarietÓ, attraverso la nostra idea di orizzontalitÓ e di democrazia diretta e radicale ed attraverso la nostra critica radicale contro lo Stato non solo sono forti e valide, ma sono anche necessarie per i movimenti che vogliano operare una rottura con l'ereditÓ autoritaria all'interno della sinistra. E' nostro dovere esprimere la nostra solidarietÓ con la Rojava e con il movimento curdo, poichÚ essi rappresentano una speranza in questa regione e perchÚ si ergono come oppressi in lotta contro i loro oppressori. Le lotte reali non sono mai perfette ma portano con sÚ diversi gradi di potenzialitÓ di realizzazione di una libera societÓ. Nell'esprimere la nostra solidarietÓ al movimento rivoluzionario nella Rojava ribadiamo che il nostro ruolo Ŕ quello di continuare a sviluppare i principi fondamentali delle nostre idee allo scopo di ispirare le rivoluzioni ed i/le rivoluzionar* di tutto il mondo. - Gruppo Editoriale di Anarkismo.net [English]

gaza.jpg imagePalestina, l'ostaggio perenne 00:06 Wed 23 Jul by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Continua la guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas, anche se in tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Dalla scomparsa dei tre coloni da Gush Etzion, (colonia per soli ebrei sotto il controllo totale dello stato di Israele in Cisgiordania), Israele ha posto sotto assedio quattro milioni di palestinesi, bombardando ospedali, scuole, ogni sorta di obiettivi civili, distruggendo e saccheggiando case, rubando, effettuando sequestri, ferendo e uccidendo sia in modo mirato che indiscriminato al di fuori di ogni legislazione internazionale.

pal.jpg imagePalestina: nessuna giustizia, nessuna pace! 14:47 Thu 17 Jul by Alternative Libertaire 0 comments

Da molti giorni l'esercito israeliano bombarda la striscia di Gaza, in seguito al lancio di razzi sul territorio israeliano. Col pretesto di prendersela con i "terroristi", o con "quelli che rifiutano la pace", i bombardamenti colpiscono in realtÓ la popolazione civile, bambini compresi, e servono a scoraggiare con il terrore ogni volontÓ di resistenza. [Franšais]

oabubakralbaghdadi570.jpg imageSulla crisi in Iraq 16:22 Sun 29 Jun by Kurdish Anarchists Forum 0 comments

La crisi in Iraq risale al regime di Saddam Hussein ed Ŕ proseguita con "l'attuale regime democratico" dopo l'invasione del 2003. Non c'era libertÓ, nÚ giustizia sociale; nessuna uguaglianza e pochissime opportunitÓ per coloro che erano indipendenti dai partiti al potere. Oltre alle violenze ed alle discriminazioni contro le donne e la gente comune si Ŕ creata una forbice enorme tra i ricchi ed i poveri, con i ricchi sempre pi¨ ricchi ed i poveri sempre pi¨ poveri. [English]

lcc.jpg imageStati e forze reazionarie: gi¨ le mani dalla rivoluzione siriana 20:30 Wed 11 Sep by Relations Internationales de la CGA 0 comments

Documento politico della Coordination des Groupes Anarchistes (Francia) sulla situazione in Siria. [Franšais]

gaza_2.jpg imageQuanto vale ogni bomba su Gaza? 18:50 Tue 20 Nov by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

Lo Stato di Israele non ha mai smesso la sua strategia di controllo militare e vitale su Gaza e continua ad occupare militarmente territori, proteggendo e favorendo l'espansione delle colonie israeliane che si allargano giorno per giorno sulla terra dei palestinesi. Innalza muri che rinchiudono villaggi interi, che sradica uliveti e uccide gli animali dei pastori imponendo miseria e umiliazione...

textLibano, una finta pace tra una guerra interrotta e una guerra che verrÓ 16:18 Wed 06 Sep by Federazione dei Comunisti Anarchici 1 comments

Eserciti europei stanno per schierarsi nel sud del Libano -con le bandiere dell'ONU, in nome della UE e della NATO- fiduciosi che Tsahal ritiri le truppe e le navi e metta gli aerei negli hangar. Italia, Francia e Spagna mandano 7000 uomini a garantire una ôpaceö nel segno della potenza israeliana.

textRisoluzione del Comitato Confederale della CGT contro l'intervento israeliano 22:59 Mon 31 Jul by Confederaciˇn General del Trabajo 0 comments

Lo Stato di Israele bombarda il Libano e i territori palestinesi di Gaza e Cisgiordania. La morte e la miseria - come in tutte le guerre - si abbattono crudelmente sulla popolazione civile, incapace di frenare il fuoco crociato di eserciti e milizie...

rice.jpg imageLa Conferenza di Roma: La solitudine ed il massacro del proletariato in Medio-Oriente 16:17 Fri 28 Jul by Federazione dei Comunisti Anarchici 2 comments

Li chiamano "morti civili", vittime degli effetti collaterali USA in Iraq, vittime dei bombardamenti israeliani in Palestina ed in Libano, scudi inermi immolati dalla guerriglia Hezbollah nel sud del Libano, casuali agnelli sacrificali di Al Qaeda in Iraq, ignari lavoratori prescelti dai kamikaze di Hamas in Israele, vittime della quotidiana repressione baathista in Siria o della quotidiana repressione degli imam in Iran.

textDel nuovo in Libano: l'attacco israeliano 23:34 Thu 27 Jul by Al-Badil al-Chououi al-Taharruri 0 comments

Noi diciamo NO ad Hezbollah in quanto partito reazionario, religioso, filo-iraniano; diciamo NO al progetto di Bush, Blair e Chirac, secondo i quali questi attacchi sproporzionati (attaccare tutto il Libano per liberare alcuni soldati) sarebbero un atto di legittima autodifesa da parte di Israele; diciamo NO al comportamento del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, timido ed ambiguo; diciamo NO al governo libanese incapace, debole, contraddittorio, che passa il tempo a chiedere aiuto, a contabilizzare i danni...

more >>

imageNella riconquista di Mosul, le YPG/J e la Guerriglia devono stare molto attente al piano segreto Aug 05 by Zaher Baher 0 comments

I piani e le cospirazioni tra Turchia, Qatar ed il Governo Regionale Curdo (KRG in Iraq) contro la Rojava non hanno mai fine. Documenti messi a disposizione da Wikileaks di recente riguardano incontri ed accordi tra questi tre soggetti ed un incontro segreto tra Abu Bakr al-Baghdadi e Barzani, il capo del KRG, caso mai ci fossero stati dei dubbi. Basta guadare i link in fondo all'articolo.

textSull'intervento di Putin in Siria Oct 11 by Mazen Kamalmaz 0 comments

Le classi dirigenti del Medio Oriente sono molto agitate in questi giorni, al pari delle loro controparti occidentali ed "internazionali", di fronte alla decisione di Putin di intervenire direttamente in Siria. Infatti, questo Ŕ il modo in cui loro "intendono" e fanno politica: combattere contro i loro contendenti regionali per conquistare l'egemonia regionale, appoggiati da schieramenti internazionali reciprocamente opposti.

textLa spada, simbolo dell'ISIS Sep 13 by Mazen Kamalmaz 0 comments

L'ISIS, insieme all'Islam politico, ha molte somiglianze col Nazismo e con lo Stalinismo. Si tratta di un movimento complesso, al tempo stesso rivoluzionario e reazionario, anticapitalista e ostile alla classe lavoratrice, antimperialista e aspirante imperialista. Al pari del fascismo occupa quello spazio dove le attuali lotte sociali e politiche si arenano, dove le vecchie classi dirigenti non possono pi¨ governare, ma anche dove i movimenti popolari di base non riescono a rovesciare il sistema.

imageKobane: seconda fase, quella della resistenza e della ricostruzione Mar 05 by KAF 1 comments

Dopo 134 giorni di fiera resistenza e di strenua difesa, le donne e gli uomini combattenti di Kobane sono riusciti finalmente a sconfiggere il feroce attacco di ISIS grazie anche al sostegno ricevuto da milioni di persone in tutto il mondo. Non Ŕ solo una sconfitta per l'ISIS e per il suo sogno di instaurare un Califfato Islamico. Ma si tratta anche della vanificazione del sogno dell'alleato dell'ISIS, il governo turco, di far risorgere l'impero ottomano.
L'attacco a Kobane Ŕ stato una guerra per procura portato dall'ISIS in nome dei regimi della regione contro il coraggio del popolo di Kobane e contro l'Autonomia Democratica. [English]

imageIl Kurdistan Ŕ la speranza del Medio Oriente e dell'Asia Centrale Dec 08 by BrunoL 0 comments

In questi tempi di barbarie messe in atto dallo Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (ISIS), la resistenza di Kobane, terza cittÓ pi¨ importante dei curdi, che si trova al confine tra la Siria (o ci˛ che resta di essa) e la Repubblica di Turchia, rafforza la speranza di una societÓ non-settaria e democratica in Medio Oriente con influenze in Asia Centrale. [Portuguŕs]

more >>

imageComunicato internazionale socialista-libertario in solidarietÓ con la resistenza curda Oct 21 0 comments

Da alcuni anni il movimento curdo sta vivendo un processo che si muove in direzione libertaria. Sebbene non si tratti di un movimento anarchico, questo processo indica che le idee anarchiche di libertÓ ed uguaglianza attraverso la solidarietÓ, attraverso la nostra idea di orizzontalitÓ e di democrazia diretta e radicale ed attraverso la nostra critica radicale contro lo Stato non solo sono forti e valide, ma sono anche necessarie per i movimenti che vogliano operare una rottura con l'ereditÓ autoritaria all'interno della sinistra. E' nostro dovere esprimere la nostra solidarietÓ con la Rojava e con il movimento curdo, poichÚ essi rappresentano una speranza in questa regione e perchÚ si ergono come oppressi in lotta contro i loro oppressori. Le lotte reali non sono mai perfette ma portano con sÚ diversi gradi di potenzialitÓ di realizzazione di una libera societÓ. Nell'esprimere la nostra solidarietÓ al movimento rivoluzionario nella Rojava ribadiamo che il nostro ruolo Ŕ quello di continuare a sviluppare i principi fondamentali delle nostre idee allo scopo di ispirare le rivoluzioni ed i/le rivoluzionar* di tutto il mondo. - Gruppo Editoriale di Anarkismo.net [English]

imagePalestina, l'ostaggio perenne Jul 23 FdCA 0 comments

Continua la guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas, anche se in tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Dalla scomparsa dei tre coloni da Gush Etzion, (colonia per soli ebrei sotto il controllo totale dello stato di Israele in Cisgiordania), Israele ha posto sotto assedio quattro milioni di palestinesi, bombardando ospedali, scuole, ogni sorta di obiettivi civili, distruggendo e saccheggiando case, rubando, effettuando sequestri, ferendo e uccidendo sia in modo mirato che indiscriminato al di fuori di ogni legislazione internazionale.

imagePalestina: nessuna giustizia, nessuna pace! Jul 17 AL 0 comments

Da molti giorni l'esercito israeliano bombarda la striscia di Gaza, in seguito al lancio di razzi sul territorio israeliano. Col pretesto di prendersela con i "terroristi", o con "quelli che rifiutano la pace", i bombardamenti colpiscono in realtÓ la popolazione civile, bambini compresi, e servono a scoraggiare con il terrore ogni volontÓ di resistenza. [Franšais]

imageSulla crisi in Iraq Jun 29 KAF 0 comments

La crisi in Iraq risale al regime di Saddam Hussein ed Ŕ proseguita con "l'attuale regime democratico" dopo l'invasione del 2003. Non c'era libertÓ, nÚ giustizia sociale; nessuna uguaglianza e pochissime opportunitÓ per coloro che erano indipendenti dai partiti al potere. Oltre alle violenze ed alle discriminazioni contro le donne e la gente comune si Ŕ creata una forbice enorme tra i ricchi ed i poveri, con i ricchi sempre pi¨ ricchi ed i poveri sempre pi¨ poveri. [English]

imageStati e forze reazionarie: gi¨ le mani dalla rivoluzione siriana Sep 11 Coordination des Groupes Anarchistes 0 comments

Documento politico della Coordination des Groupes Anarchistes (Francia) sulla situazione in Siria. [Franšais]

more >>
ę 2005-2016 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]