user preferences

Recent articles by FdCA Sez. Nestor Makhno di Fano/Pesaro
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about Italia / Svizzera Scuola e università

L'anno che verrà Aug 30 16 by Lucio Garofalo

Yankee go home! Aug 17 16 by Lucio Garofalo

Che fare? Jul 30 16 by Lucio Garofalo

Search author name words: nestor

La scuola: un diritto e una lotta di tutti

category italia / svizzera | scuola e università | opinione / analisi author Thursday November 06, 2008 17:24author by FdCA Sez. Nestor Makhno di Fano/Pesaro - Federazione dei Comunisti Anarchiciauthor email fdcafano at fdca dot it Report this post to the editors

Comunicato/volantino

L'attacco vergognoso fatto dal governo Berlusconi e dal sistema liberista in genere all'istruzione pubblica con tagli dalla scuola materna fino all'università è un attacco che non tocca solo insegnanti e studenti ma tutta la società.


La scuola: un diritto e una lotta di tutti


L'attacco vergognoso fatto dal governo Berlusconi e dal sistema liberista in genere all'istruzione pubblica con tagli dalla scuola materna fino all'università è un attacco che non tocca solo insegnanti e studenti ma tutta la società.

Lo smembramento e lo sfacelo della scuola è la punta più evidente di un ice-berg che ha messo le sue fondamenta ormai da molto tempo. Le politiche liberiste tendono sempre più a precarizzare non solo il lavoro ma tutta la vita delle persone. Lavori insicuri e mal pagati nel settore privato esistono ormai da diversi anni, adesso tocca al settore pubblico e alla scuola che deve dare a malapena il contentino alle famiglie che si vedono depredate di un diritto quello dell'istruzione per i propri figli e quello del tempo libero per loro.

Fosse per i governanti ormai non ci sprecherebbero neanche due euro per l'istruzione e delegherebbero la vita culturale di bambini e ragazzi alla televisione o a qualche istituto di suore incartapecorite.

Nessuno può dirsi non-coinvolto da questa situazione, c'è chi lavora con la scuola e nella scuola, c'è chi ha figli che dal prossimo anno non avranno più un istruzione adeguata, o donne che prima di fare figli ora che non c'è la sicurezza del tempo pieno e che i nonni devono lavorare anche dopo la pensione per poter campare, passano volentieri dal ginecologo a mettere la spirale o studenti secondari e universitari per cui il futuro non è come prima una favolosa incognita ma un triste destino, o immigrati con la paura di vedere i propri figli emarginati anche fra i banchi di scuola.

Tutti/e abbiamo frequentato più o meno per lungo tempo la scuola e sappiamo quanto sia importante per la crescita culturale ma soprattutto umana delle persone. Ora il sistema, quello delle banche e delle industrie che prendono e restituiscono alla gente povertà e morte, ha deciso che tutti coloro che non fanno parte della schiera degli eletti, dei ricchi, dell'alta borghesia rampante e di coloro che a fine mese non hanno bisogno di controllare il proprio conto in banca, non hanno diritto a nulla di buono ma a:

  • scuole pessime in cui gli insegnati dovranno trasformarsi in poliziotti per questi giovani che i mass-media spacciano come dei delinquenti incalliti;
  • università scarse, poco competitive e formative con personale che lavora a gratis in cui gli studenti non contano nulla se non per pagare tasse e libri e servire da carne da finanziamento;
  • lavoro sempre più insicuro, in balia dei mercati che impazziscono per speculazioni che noi comuni mortali non sapevamo nemmeno esistessero, lavoro mal pagato e alienante, senza soddisfazione e dignità;
  • una vita sociale che si riduce sempre di più alle mura domestiche per la paura e la paranoia indotta dal potere che vuole che le case siano chiuse e le menti pure e che ci mettono di fronte al vicino di casa o all'immigrato con diffidenza se non addirittura con violenza e arroganza razziste.
I politici, i banchieri, i padroni delle guerre e del potere, stanno creando una società frastagliata e divisa, i lavoratori e lavoratrici, gli studenti, i e le precari/e non devono parlarsi, non devono confrontarsi ognuno deve pensare alla propria situazione di merda e risolvere il tutto guardando Ballarò il martedì sera.

La gente deve avere paura del futuro e del potere, deve sentirsi insicura su tutti i fronti così si avvilisce e accetta tutto.

Ma le lotte di queste settimane nel mondo dell'istruzione in cui insegnati di tutti i gradi, genitori, studenti e dirigenti scolastici si sono parlati e si sono uniti in una battaglia che è una battaglia che deve continuare a stare nelle piazze e non nei salotti dei vari partiti e nelle trasmissioni televisive, queste lotte ci dimostrano che possiamo parlarci e che bisogna crescere.

La lotta per la difesa e il rilancio della scuola pubblica non è solo una lotta sindacale per la difesa di coloro che ci lavorano, ma una lotta civile di classe in cui tutti possiamo ritrovarci e dove finalmente possiamo unire le forze.

Unirci ed essere solidali tra lavoratori, precari, studenti, disoccupati, immigrati, donne per combattere un sistema che ci pone davanti ad un futuro senza futuro, ad uno stato sociale minimo in cui i ricchi privilegiati avranno le loro oasi di eccellenza mentre gli altri si arrangiano guardandosi in cagnesco.

E' ora di unire le voci, è ora di unire le lotte!

Coraggio e solidarietà di classe!


Sezione "Nestor Makhno" di Fano/Pesaro

Federazione dei Comunisti Anarchici

Novembre 2008

Related Link: http://www.myspace.com/fdcafanopesaro
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Italia - terremoto

Inside the Zimbabwean Uprising

La experiencia de Mujeres Libres: 80 años del surgimiento del feminismo anarquista organizado

Con Lucha Y Organización Fortalecemos La Resistencia

Algunas reflexiones en torno al poder y la institucionalidad a 80 años de la Revolución Española

80 aniversari de la insurrecció obrera i popular i de la revolució social

80 anni fa la rivoluzione comunista libertaria in Spagna

De los comités de defensa al análisis de los órganos de poder

The Coup in Turkey: Tyranny against tyranny does not make freedom

Greve, Piquete, Marcha e Ocupação! Educadores e Estudantes unidos pela Educação!

Making sense of the Brexit tide of reaction and the reality of the racist vote

[Colombia] Ante el acuerdo de cese al fuego bilateral y definitivo entre el gobierno colombiano y las FARC-EP

Coyuntura Política en Venezuela: Crisis, Tendencias y el Desafío de la Independencia de Clase

Orlando means fightback

Palestinian workers in Israel: between scylla and charybdis

A Socialist On City Council: A Look At The Career Of Kshama Sawant

Élargir la lutte et généraliser la grève pour gagner

Carta de Fundação OAZ

[Colombia] Documento de Formación: Análisis de Coyuntura 2015-2016

La NATO contro i Curdi: la Battaglia per A'zaz

Feminists in Ireland Say No To Pegida

Posició de Embat sobre el nou govern de la Generalitat i el procés constituent

A 120 años de su natalicio: la pluma rebelde de Manuel Rojas

Anarkismo.net wishes you all a 2016 of solidarity and resistance

Italia / Svizzera | Scuola e università | it

Tue 30 Aug, 12:56

browse text browse image

textItalia: Autorganizziamoci nelle scuole, nelle università, ovunque! 19:34 Sat 10 Oct by Spazio Libero Utopia 0 comments


Crediamo che l’autorganizzazione sia l’unico modo di ottenere un cambiamento

textItalia: rottamazione della scuola pubblica 19:50 Thu 23 Jul by Alternativa Libertaria/FdCA 2 comments

Occorrerà ricostruire scuola per scuola l'unità dei mesi scorsi, ri-alimentare fiducia e fermezza nella consapevolezza che questa legge si potrà rendere inapplicabile solo con un'opposizione istituto per istituto.

textProfumo marcio di destra nella scuola italiana 19:16 Wed 24 Oct by Commissione Sindacale FdCA 0 comments

Quanta è forte la tentazione di tornare a brandire bastone e carota in questo paese! Quanti sforzi si stanno facendo per ridurre ad un sottomesso silenzio i milioni di lavoratori del pubblico impiego e del privato, stracciando decenni di diritto del lavoro, di diritti sindacali, di contratti nazionali ed emettendo normative che hanno l'unico scopo di inibire ogni forma di risposta sindacalmente organizzata, di soffocare ogni rivendicazione radicata nelle categorie e nei luoghi di lavoro.

fist_pencil.jpg imageUrbino: rete di solidarietà per il diritto allo studio dalla scuola di base all'università 22:29 Sun 12 Dec by donato romito 0 comments

Il 10 dicembre 2010 all’interno del Nuovo Magistero Occupato (Università ‘Carlo Bo’ di Urbino) si sono tenuti gli Stati Generali della Scuola e dell’Università per il diritto allo studio e per il diritto ad un lavoro ed a un esistenza dignitosa.

studenti.jpg imageInsieme agli studenti in lotta per un'università di tutti 16:02 Mon 29 Nov by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

La situazione universitaria in Italia presenta profili di atipicità rispetto ad altri comparti del settore pubblico che sono in grave sofferenza a causa della crisi e delle scelte di questo governo. Sono anni che l'Università vive una emorragia di risorse e di personale, un decennio di riforme ha depotenziato il sistema universitario a favore di logiche liberiste e di precarizzazione del lavoro dei ricercatori e docenti, a discapito della didattica e della ricerca. [English] [Türkçe] [Deutsch]

textSuccesso della manifestazione a Pesaro contro i tagli 00:21 Sat 09 Oct by UNICOBAS scuola (PU) 0 comments

Anche a Pesaro come in altre 90 città italiane oggi si è svolta una manifestazione studentesca contro i tagli alla scuola pubblica.

textPer una scuola pubblica di libertà e laicità, senza steccati religiosi 15:39 Wed 28 Oct by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Insospettabili politici di destra hanno lanciato l'idea dell'introduzione dell'ora di religione musulmana all'interno delle scuole pubbliche, facendo sorgere un dibattito fondato sul nulla, tanti e complessi sono i passaggi necessari per giungere ad una situazione come quella di cui gode attualmente l'ora di religione cattolica. Ma se tanti e complessi sono tali passaggi, qual è allora lo scopo recondito di questa operazione di apparente "liberalizzazione" dell'ora di religione?

libro3elem.jpg imagePrimo giorno di una scuola… che chiude 16:07 Fri 12 Sep by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Il DL. 137 dell'1 settembre 2008, emanato dal consiglio dei ministri del governo Berlusconi e fortemente voluto dalla ministra Gelmini potrebbe molto seriamente mettere fine alla scuola della repubblica, per sostituirla con un mero servizio di accudimento e badantato per bambini/e e con una fucina per (de)formare adolescenti resi ignoranti e flessibili al mercato del lavoro, i cui costi sono da scaricare al più presto sulle spalle delle Regioni. [English]

textL'anno che verrà Aug 30 by Lucio Garofalo 0 comments

È ormai imminente l'avvio del nuovo anno scolastico. La sede in cui dovrò prestare servizio è quella dell'anno scorso: dista pochi chilometri dal luogo in cui attualmente abito ed è un ambiente, tutto sommato, vivibile e pacifico. Almeno per il momento, gli effetti velenosi della "Buona Scuola" non sono stati inoculati. Ecco il punto che mi preme sollevare: la spinosa e famigerata questione della "Buona Scuola", com'è stata ribattezzata la "riforma" renziana della scuola...

textYankee go home! Aug 17 by Lucio Garofalo 0 comments

L'ideologia che ispira la politica del renzismo, che definire "vandalico" sarebbe un eufemismo, è riconducibile ad una propensione ad assecondare i "poteri forti" (in primis, la Confindustria), ma anche gli umori e gli istinti più irrazionali e viscerali delle fasce sociali più retrograde, qualunquiste e rozze della popolazione italiota. Le spinte retrive si possono riassumere in una volontà di azzerare o neutralizzare quelli che sono gli effetti ancora vivi, in termini di progresso e di emancipazione civile e culturale, generati dalle battaglie sociali e dai movimenti politico-sindacali sorti dal biennio 1968/69...

textChe fare? Jul 30 by Lucio Garofalo 0 comments

Da poche ore sono stati ufficializzati gli esiti della mobilità interprovinciale nella scuola e mi pare che ci sia chi esulta per il trasferimento ottenuto nelle vicinanze di casa propria (avendone tutte le ragioni, ovviamente), attribuendo i meriti al MIUR ed al ministro Giannini, di fatto già santificata. Ciò è un torto, nel senso che è un ragionamento errato e deviante: un diritto non può essere spacciato come un favore elargito arbitrariamente, a discrezione di qualche "santo", per quanto potente esso sia. Insomma, se hai raggiunto finalmente lo scopo della tua vita, la tanto attesa ed agognata stabilità professionale e persino la vicinanza della sede lavorativa, questo risultato non è certo ascrivibile al governo in carica, ma è evidentemente un tuo diritto finalmente riconosciuto e a lungo negato...

textControriforme e conservazione Jul 17 by Lucio Garofalo 0 comments

Una volta ero convinto che la scuola pubblica italiana fosse un ambiente impermeabile e refrattario alle novità (intese qui in un'accezione deteriore), una categoria sociale restia e diffidente rispetto alle "rivoluzioni di destra" imposte dal capitalismo. Mi sbagliavo clamorosamente...

textItalia: libera scuola in libero bonus Mar 06 by Donato Romito 0 comments

Dunque, anche il Governo Renzi ha deciso di dare il proprio contributo allo storico progetto di trasformazione ed accelerazione del sistema pubblico di istruzione in un sistema integrato composto di scuole pubbliche ed ex-scuole private, trasformate in "pubbliche" con lo status di scuole paritarie

more >>

textItalia: Autorganizziamoci nelle scuole, nelle università, ovunque! Oct 10 Genova 0 comments


Crediamo che l’autorganizzazione sia l’unico modo di ottenere un cambiamento

textItalia: rottamazione della scuola pubblica Jul 23 2 comments

Occorrerà ricostruire scuola per scuola l'unità dei mesi scorsi, ri-alimentare fiducia e fermezza nella consapevolezza che questa legge si potrà rendere inapplicabile solo con un'opposizione istituto per istituto.

textProfumo marcio di destra nella scuola italiana Oct 24 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Quanta è forte la tentazione di tornare a brandire bastone e carota in questo paese! Quanti sforzi si stanno facendo per ridurre ad un sottomesso silenzio i milioni di lavoratori del pubblico impiego e del privato, stracciando decenni di diritto del lavoro, di diritti sindacali, di contratti nazionali ed emettendo normative che hanno l'unico scopo di inibire ogni forma di risposta sindacalmente organizzata, di soffocare ogni rivendicazione radicata nelle categorie e nei luoghi di lavoro.

imageUrbino: rete di solidarietà per il diritto allo studio dalla scuola di base all'università Dec 12 FdCA 0 comments

Il 10 dicembre 2010 all’interno del Nuovo Magistero Occupato (Università ‘Carlo Bo’ di Urbino) si sono tenuti gli Stati Generali della Scuola e dell’Università per il diritto allo studio e per il diritto ad un lavoro ed a un esistenza dignitosa.

imageInsieme agli studenti in lotta per un'università di tutti Nov 29 FdCA 0 comments

La situazione universitaria in Italia presenta profili di atipicità rispetto ad altri comparti del settore pubblico che sono in grave sofferenza a causa della crisi e delle scelte di questo governo. Sono anni che l'Università vive una emorragia di risorse e di personale, un decennio di riforme ha depotenziato il sistema universitario a favore di logiche liberiste e di precarizzazione del lavoro dei ricercatori e docenti, a discapito della didattica e della ricerca. [English] [Türkçe] [Deutsch]

more >>
© 2005-2016 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]