user preferences

New Events

Italia / Svizzera

no event posted in the last week

Scuola e universitÓ

textProgettifici e dittatori scolastici 23:09 Jul 05 0 comments

textLa Buona Scuola 02:50 Oct 05 0 comments

textLa Buona Scuola 16:04 Sep 09 0 comments

textEducar para la bobada 07:32 Jan 08 0 comments

textAteismo diventa materia scolastica in Irlanda 17:59 Sep 27 0 comments

more >>
Search author name words: nestor

La scuola: un diritto e una lotta di tutti

category italia / svizzera | scuola e universitÓ | opinione / analisi author Thursday November 06, 2008 18:24author by FdCA Sez. Nestor Makhno di Fano/Pesaro - Federazione dei Comunisti Anarchiciauthor email fdcafano at fdca dot it Report this post to the editors

Comunicato/volantino

L'attacco vergognoso fatto dal governo Berlusconi e dal sistema liberista in genere all'istruzione pubblica con tagli dalla scuola materna fino all'universitÓ Ŕ un attacco che non tocca solo insegnanti e studenti ma tutta la societÓ.


La scuola: un diritto e una lotta di tutti


L'attacco vergognoso fatto dal governo Berlusconi e dal sistema liberista in genere all'istruzione pubblica con tagli dalla scuola materna fino all'universitÓ Ŕ un attacco che non tocca solo insegnanti e studenti ma tutta la societÓ.

Lo smembramento e lo sfacelo della scuola Ŕ la punta pi¨ evidente di un ice-berg che ha messo le sue fondamenta ormai da molto tempo. Le politiche liberiste tendono sempre pi¨ a precarizzare non solo il lavoro ma tutta la vita delle persone. Lavori insicuri e mal pagati nel settore privato esistono ormai da diversi anni, adesso tocca al settore pubblico e alla scuola che deve dare a malapena il contentino alle famiglie che si vedono depredate di un diritto quello dell'istruzione per i propri figli e quello del tempo libero per loro.

Fosse per i governanti ormai non ci sprecherebbero neanche due euro per l'istruzione e delegherebbero la vita culturale di bambini e ragazzi alla televisione o a qualche istituto di suore incartapecorite.

Nessuno pu˛ dirsi non-coinvolto da questa situazione, c'Ŕ chi lavora con la scuola e nella scuola, c'Ŕ chi ha figli che dal prossimo anno non avranno pi¨ un istruzione adeguata, o donne che prima di fare figli ora che non c'Ŕ la sicurezza del tempo pieno e che i nonni devono lavorare anche dopo la pensione per poter campare, passano volentieri dal ginecologo a mettere la spirale o studenti secondari e universitari per cui il futuro non Ŕ come prima una favolosa incognita ma un triste destino, o immigrati con la paura di vedere i propri figli emarginati anche fra i banchi di scuola.

Tutti/e abbiamo frequentato pi¨ o meno per lungo tempo la scuola e sappiamo quanto sia importante per la crescita culturale ma soprattutto umana delle persone. Ora il sistema, quello delle banche e delle industrie che prendono e restituiscono alla gente povertÓ e morte, ha deciso che tutti coloro che non fanno parte della schiera degli eletti, dei ricchi, dell'alta borghesia rampante e di coloro che a fine mese non hanno bisogno di controllare il proprio conto in banca, non hanno diritto a nulla di buono ma a:

  • scuole pessime in cui gli insegnati dovranno trasformarsi in poliziotti per questi giovani che i mass-media spacciano come dei delinquenti incalliti;
  • universitÓ scarse, poco competitive e formative con personale che lavora a gratis in cui gli studenti non contano nulla se non per pagare tasse e libri e servire da carne da finanziamento;
  • lavoro sempre pi¨ insicuro, in balia dei mercati che impazziscono per speculazioni che noi comuni mortali non sapevamo nemmeno esistessero, lavoro mal pagato e alienante, senza soddisfazione e dignitÓ;
  • una vita sociale che si riduce sempre di pi¨ alle mura domestiche per la paura e la paranoia indotta dal potere che vuole che le case siano chiuse e le menti pure e che ci mettono di fronte al vicino di casa o all'immigrato con diffidenza se non addirittura con violenza e arroganza razziste.
I politici, i banchieri, i padroni delle guerre e del potere, stanno creando una societÓ frastagliata e divisa, i lavoratori e lavoratrici, gli studenti, i e le precari/e non devono parlarsi, non devono confrontarsi ognuno deve pensare alla propria situazione di merda e risolvere il tutto guardando Ballar˛ il martedý sera.

La gente deve avere paura del futuro e del potere, deve sentirsi insicura su tutti i fronti cosý si avvilisce e accetta tutto.

Ma le lotte di queste settimane nel mondo dell'istruzione in cui insegnati di tutti i gradi, genitori, studenti e dirigenti scolastici si sono parlati e si sono uniti in una battaglia che Ŕ una battaglia che deve continuare a stare nelle piazze e non nei salotti dei vari partiti e nelle trasmissioni televisive, queste lotte ci dimostrano che possiamo parlarci e che bisogna crescere.

La lotta per la difesa e il rilancio della scuola pubblica non Ŕ solo una lotta sindacale per la difesa di coloro che ci lavorano, ma una lotta civile di classe in cui tutti possiamo ritrovarci e dove finalmente possiamo unire le forze.

Unirci ed essere solidali tra lavoratori, precari, studenti, disoccupati, immigrati, donne per combattere un sistema che ci pone davanti ad un futuro senza futuro, ad uno stato sociale minimo in cui i ricchi privilegiati avranno le loro oasi di eccellenza mentre gli altri si arrangiano guardandosi in cagnesco.

E' ora di unire le voci, Ŕ ora di unire le lotte!

Coraggio e solidarietÓ di classe!


Sezione "Nestor Makhno" di Fano/Pesaro

Federazione dei Comunisti Anarchici

Novembre 2008

Related Link: http://www.myspace.com/fdcafanopesaro
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Rojava: Mensaje urgente de un compa˝ero anarquista en Afrin

Front page

[Colombia] Perspectivas sobre la primera vuelta de las elecciones presidenciales de Colombia 2018

Call for Solidarity with our Russian Comrades!

8 reasons anarchists are voting Yes to Repeal the hated 8th

Comunicado de CGT sobre la Nakba, 70 a˝os de dolores para el Pueblo Palestino

[ZAD] Les expulsions ont commencÚ, la zad appelle Ó se mobiliser

Assassinato PolÝtico, Terrorismo de Estado: Marielle Franco, Presente!

La Huelga General del 8 de Marzo, un hito histˇrico

A intervenšŃo federal no Rio de Janeiro e o xadrez da classe dominante

Halklarla Savaşan Devletler Kaybedecek

Σχετικά με τον εμπρησμό

Ciao, Donato!

[Uruguay] Ante el homicidio de un militante sindical: Marcelo Silvera

[Argentina] Terrorista es el Estado: Comunicado ante el Informe Titulado "RAM"

[Catalunya] Continuisme o ruptura. Sobre les eleccions del 21D

Reconnaissance par Trump de JÚrusalem comme capitale d'IsraŰl : de l'huile sur le feu qui brűle la Palestine

Noi comunisti anarchici/libertari nella lotta di classe, nell'Europa del capitale

Luttons contre le harcŔlement et toutes les violences patriarcales !

The Old Man and the Coup

Hands off the anarchist movementá! Solidarity with the FAG and the anarchists in Brazilá!

URGENTE! Contra A CriminalizašŃo, Rodear De Solidariedade Aos Que Lutam!

íSantiago Maldonado Vive!

Catalunya como oportunidad (para el resto del estado)

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 Dĺoctubre Totes I Tots A La Vaga General

ę 2005-2018 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]